La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Struttura atomica Un atomo è formato da: nucleo centrale + elettroni (e - ) disposti su orbite che a loro volta costituiscono dei gusci attorno al nucleo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Struttura atomica Un atomo è formato da: nucleo centrale + elettroni (e - ) disposti su orbite che a loro volta costituiscono dei gusci attorno al nucleo."— Transcript della presentazione:

1 Struttura atomica Un atomo è formato da: nucleo centrale + elettroni (e - ) disposti su orbite che a loro volta costituiscono dei gusci attorno al nucleo Le caratteristiche elettriche dei materiali (conduttori, semiconduttori, isolanti) dipendono dalle caratteristiche degli e - più esterni (valenza) caratteristiche delle - : massa = 9,11· kg carica = 1,6· C

2 Struttura dei materiali conduttori Atomo di rame (Cu, numero atomico=29) il 29 o e - si colloca da solo sul quarto guscio e risente meno fortemente degli altri dellattrazione del nucleo allinterno di un filo di rame le - di valenza risultalibero di muoversi nel materiale;

3 Struttura dei materiali conduttori sono gli e - liberi che conferiscono al rame la sua proprietà di conduttore elettrico! il rame possiede al suo interno un elevato numero di e - (uno per ogni atomo) liberi di muoversi allinterno del materiale stesso. Tali elettroni, per effetto dellagitazione termica, si muovono continuamente e in modo caotico allinterno del materiale:

4 Corrente elettrica CORRENTE ELETTRICA = movimento ordinato di cariche elettriche in un materiale può stabilirsi una corrente elettrica solo se vi sono a disposizione delle cariche libere di muoversi ( conduttore) il movimento delle cariche deve essere ordinato ovvero direzionale moto caotico = NO corrente moto direzionale = corrente ricapitolando: in un conduttore si stabilisce una corrente elettrica quando al suo interno vi è un flusso ordinato di cariche, esattamente come avviene in un tubo idraulico al cui interno scorre dellacqua

5 Intensità di corrente elettrica si consideri un corpo conduttore, ad es. un filo di rame di sezione A, percorso da corrente: INTENSITA DI CORRENTE ELETTRICA = rapporto tra la quantità di carica dQ che attraversa la sezione A in un intervallo di tempo infinitesimo dt e lintervallo di tempo stesso A lunità di misura della I è lampere (A) la corrente elettrica può essere: CONTINUA = corrente costante nel tempo variabile nel tempo (ALTERNATA,…)

6 Generatori elettrici è evidente che in un conduttore non può stabilirsi una corrente se non si provvede ad agire su di esso dallesterno con un mezzo adeguato i dispositivi elettrici che sono in grado di costringere le cariche a muoversi con ordine, costituendo un flusso direzionale (ovvero una corrente) si chiamano GENERATORI ELETTRICI un generatore elettrico serve per fornire alle cariche elettriche lenergia necessaria affinché esse possano mantenersi in movimento e dare luogo a una corrente un generatore elettrico è pertanto un generatore di energia elettrica o meglio, un dispositivo in grado di trasformare in energia elettrica altre forme di energia

7 Generatori elettrici un generatore elettrico possiede due estremi detti morsetti o poli: il funzionamento del generatore si basa sul fatto che le sue cariche interne di segno opposto vengono accumulate sui morsetti (es. gli e - vengono accumulati sul morsetto negativo) se ad un certo momento i morsetti del generatore vengono collegati mediante un conduttore, esiste un percorso attraverso il quale le cariche elettriche possono tornare al morsetto dal quale sono state sottratte, restituendo lenergia che il generatore stesso aveva fornito loro per spostarle al suo interno:

8 Generatori elettrici un generatore elettrico può dunque essere caratterizzato in funzione della differenza di potenziale (ddp) presente tra i suoi morsetti: la ddp esistente tra i morsetti aperti di un generatore (funzionamento a vuoto) prende anche il nome di forza elettromotrice (fem) lunità di misura della ddp è il Volt [V] più in generale la ddp prende anche il nome di tensione si definisce ddp lenergia per unità di carica che il generatore fornisce alle sue cariche interne per accumularle sui suoi morsetti; tale energia rimane in forma potenziale finché le cariche rimangono accumulate sui poli e potrà essere spesa, ovvero trasformata in unaltra forma di energia, non appena le cariche potranno muoversi (= generare corrente) in un circuito esterno al generatore

9 Tensione elettrica il concetto di ddp non è peculiare del generatore ma può essere esteso a qualsiasi dispositivo elettrico avente 2 morsetti e in questo caso viene detta più propriamente detta caduta di tensione: verso convenzionale della I: dal + al - A B V AB + - I

10 Resistenza elettrica le cariche elettriche in moto ordinato allinterno di un conduttore sono soggette, durante il loro movimento ad una specie di attrito interno da parte del materiale: gli e -, durante il loro movimento, urtano ripetutamente gli atomi, perdendo la loro energia e riscaldando il materiale per mantenere il passaggio di corrente è quindi necessario continuare a fornire energia agli e - mediante il generatore in altre parole, il materiale manifesta una certa resistenza al passaggio della corrente

11 Legge di Ohm se ad un conduttore viene applicata una ddp V, in esso fluisce una corrente I direttamente proporzionale alla tensione applicata: V=R·I il coefficiente di proporzionalità R prende il nome di resistenza elettrica lunità di misura della resistenza è lOhm


Scaricare ppt "Struttura atomica Un atomo è formato da: nucleo centrale + elettroni (e - ) disposti su orbite che a loro volta costituiscono dei gusci attorno al nucleo."

Presentazioni simili


Annunci Google