La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A. 2001-02 1 Energia e potenza nei circuiti elettrici Nel circuito in figura la batteria B è connessa con.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A. 2001-02 1 Energia e potenza nei circuiti elettrici Nel circuito in figura la batteria B è connessa con."— Transcript della presentazione:

1 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Energia e potenza nei circuiti elettrici Nel circuito in figura la batteria B è connessa con fili di resistenza trascurabile ad un dispositivo conduttore non specificato. La batteria mantiene una d.d.p. ai suoi estremi. Ai terminali a b del dispositivo cè la d.d.p. pari a V = V a – V b. Lungo il circuito scorre la corrente i (stazionaria) nel verso indicato, che trasporta la carica dq = i dt. Lenergia associata alla carica dq, dovuta alla diminuzione del potenziale nel dispositivo, è pari, per il principio di conservazione dellenergia, al lavoro dU fatto dalla forza elettrica per portare la carica dq dal punto a al punto b attraverso il circuito: dU = V dq = i V dt La potenza è quindi data da: P = V I e si misura in watt = volt x ampère Nel caso di circuiti composti da conduttori con resistenza costante R, la potenza (energia per unità di tempo) assorbita (e dissipata) nella resistenza R è data dalla equazione precedente P = i V R in cui la d.d.p. V R è sostituita tenendo conto della legge di Ohm V R = R i da cui si ottiene La potenza dissipata nei conduttori compare sotto forma di energia termica (effetto Joule o riscaldamento ohmico: la resistenza si riscalda).

2 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Generatori di f.e.m. Per far passare una carica attraverso una resistenza occorre stabilire una d.d.p. tra le sue estremità. Per mantenere il flusso di cariche (=corrente) costante occorre mantenere costante la d.d.p. Un dispositivo in grado di mantenere costante la d.d.p. si chiama generatore di forza elettromotrice (f.e.m.). Il termine forza elettromotrice ha origini storiche. Si noti tuttavia che esso ha le dimensioni di un potenziale non di una forza. Simbolo: Un generatore di f.e.m. è un dispositivo come nella figura in alto in grado di mantenere una d.d.p. V a - V b > 0 costantemente. Al suo interno un campo elettrico E sposta le particelle cariche responsabili della formazione della d.d.p. Un esempio di generatore di f.e.m. è una pila. F n = forza non conservativa q E = energia fornita dalla sorgente per portare la carica q dal punto b (polo negativo) al punto a (polo positivo) E = forza elettromotrice della sorgente (energia per unità di carica) Unità di misura nel sistema SI: volt (V)

3 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Per una sorgente di fem collegata ad un circuito resistivo (resistenza R, simbolo ), il lavoro eseguito dalla sorgente sulla carica dq per spostarla dal polo negativo al polo positivo nel tempo dt (cioè lenergia potenziale fornita alla carica dq) è dU = E dq = E i dt mentre la potenza assorbita nella resistenza R e trasformata in energia termica vale R I 2. Per il principio di conservazione dellenergia, si ha: E = R i La potenza fornita dal generatore E I è assorbita e convertita in calore nella resistenza R come R I 2. Questo significa anche che la variazione di potenziale lungo il circuito (percorso chiuso) è zero: E - R i = 0 Questa legge è nota come seconda legge di Kirchhoff (legge delle maglie), e stabilisce che la somma algebrica delle d.d.p. rilevate su un circuito chiuso in un giro completo (maglia) è nulla. Si noti che si sarebbe giunti allo stesso risultato partendo da un punto (ad es. a) in cui il potenziale è V a, e percorrendo il circuito in un certo verso. Occorre però stabilire delle convenzioni. Convenzionalmente, E è positiva se ha lo stesso verso della corrente (il generatore fornisce energia elettrica al circuito), mentre E è negativa se ha verso opposto a quello della corrente (il generatore assorbe energia elettrica dal circuito). Analogamente, se si passa attraverso una resistenza nel verso della corrente, la variazione di potenziale è – i R, mentre se si passa nel verso opposto è + i R. Percorrendolo il circuito in figura in senso orario, si ha: V a + E – i R = V a Lo stesso risultato si sarebbe ottenuto percorrendo il circuito in senso antiorario. Legge delle maglie di Kirchhoff Per una sorgente non collegata al circuito cioè la f.e.m. E è la differenza di potenziale tra i poli della sorgente a circuito aperto. Un generatore che eroga corrente (circuito chiuso) è sede di una corrente di intensità uguale a quella del circuito esterno. La corrente convenzionalmente fluisce dal polo (+) al polo (-) nel circuito esterno e dal polo (-) al polo (+) allinterno del generatore.

4 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Generatori di f.e.m. reali ed ideali In un generatore di f.e.m. ideale non si ha resistenza interna che ostacoli il moto dei portatori di carica da un polo allaltro, per cui la d.d.p. ai capi del generatore è esattamente uguale alla f.e.m. In un generatore di f.e.m. reale vi è sempre una resistenza al moto delle cariche, per cui, se nel circuito non circola corrente, la d.d.p. ai capi del generatore è esattamente uguale alla f.e.m., ma se nel circuito circola corrente la d.d.p. ai capi del generatore è diversa (minore) dalla f.e.m. Un generatore di f.e.m. reale può essere schematizzato utilizzando una resistenza r posta in serie al generatore stesso. Un generatore di f.e.m. reale è tanto migliore quanto più piccola è la resistenza interna r. Nel circuito in figura, poiché la variazione di potenziale lungo il circuito (chiuso) è uguale a zero, si ha: La d.d.p. fra i poli del generatore, quando eroga corrente, è minore della sua f.e.m.

5 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Resistenze in serie Attraverso tre o più resistenze in serie circola la stessa corrente i. La d.d.p. ai capi delle tre resistenze, V ab, è pari alla tensione erogata dal generatore. Le resistenze possono essere sostituite da una resistenza equivalente R eq attraverso cui scorre la medesima corrente i ed ai capi della quale cè la medesima d.d.p. V ab. Applicando la legge delle maglie ai due circuiti a sinistra, si ha: E – i R 1 – i R 2 – i R 3 = 0 E – i R eq = 0 Da cui si ottiene: E quindi Un altro esempio (più complicato, con due batterie) è quello a destra, dove nella tabella sottostante cè la ricostruzione dellandamento del potenziale lungo il circuito.

6 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Legge dei nodi di Kirchhoff Nei circuiti con più maglie sono presenti dei punti in cui si intersecano più rami del circuito, detti nodi. Nel circuito in figura, i nodi sono b e d, mentre a e c non sono nodi. Nel nodo b si intersecano il ramo bad, il ramo bd ed il ramo dcb, ed analogamente succede nel nodo d. Ogni ramo è attraversato da una corrente che in linea di principio è diversa da quella circolante negli altri. Per risolvere il circuito, ossia calcolare le correnti circolanti nei vari rami, occorre innanzitutto dare un nome ed un verso di percorrenza (arbitrario) alle correnti, ad esempio i 1, i 2 e i 3 come indicato. Se, poi, il calcolo del valore della corrente i j darà un risultato negativo, vorrà semplicemente dire che il verso di percorrenza inizialmente scelto per la corrente i j era opposto a quello reale. Nellesempio in figura, nel nodo d entrano le correnti i 1 e i 3 ed esce la corrente i 2. Dal momento che la corrente è un moto di cariche e che la carica totale si deve conservare, si deve avere i 1 + i 3 = i 2 Tale legge è nota con il nome di prima legge di Kirchoff (legge dei nodi), e stabilisce che la somma delle correnti entranti in un nodo deve essere uguale alla somma delle correnti che escono dal nodo stesso (o, in modo equivalente, che la somma algebrica delle correnti deve essere nulla).

7 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Nel caso di tre o più resistenze collegate in parallelo, le resistenze sono sottoposte alla stessa d.d.p. o f.e.m., e si vengono ad individuare tre maglie e quattro nodi. Come nel caso delle resistenze in serie, le resistenze possono essere sostituite da una resistenza equivalente R eq alla quale il generatore eroga la stessa corrente che erogava al gruppo di resistenze ed ai capi della quale cè la medesima d.d.p. V ab. Per quanto visto precedentemente, si può scrivere: Inoltre, nei nodi a e b valgono le leggi dei nodi, per cui i = i 1 + i 2 + i 3 e risolvendo le espressioni precedenti sostituendo al posto di i 1 i 2 i 3 i loro valori, si ottiene: Il che fornisce lequazione Che può essere generalizzata, nel caso di più resistenze, come: Resistenze in parallelo

8 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Amperometri e voltmetri Lo strumento utilizzato per misurare la corrente è detto amperometro. Il metodo più comune per effettuare una misura di corrente è quello di interrompere il filo ed inserire lamperometro A in serie in modo che la corrente da misurare passi attraverso lo strumento. Si consideri il circuito a due resistenze R 1 e R 2 in figura, e si supponga per semplicità r=0 (resistenza interna del generatore nulla). Senza amperometro la corrente circolante nel circuito vale i, mentre tenendo conto dellamperometro e della sua resistenza interna r A, la corrente diventa i. Esse sono date da: Siccome lo strumento dovrebbe perturbare il meno possibile il circuito per fornire un valore i il più possibile vicino ad i, si vede che deve essere r A << R 1 e R 2 (in un buon amperometro la resistenza interna dellamperometro deve essere trascurabile rispetto a quelle del circuito). Lo strumento utilizzato per misurare la tensione è detto voltmetro. Il metodo più comune per effettuare una misura di tensione è quello di porre il voltmetro in parallelo rispetto allelemento del circuito di cui si vuole conoscere la tensione. Considerando lo stesso circuito a due resistenze R 1 e R 2 in figura, e supponendo sempre r=0, senza voltmetro la caduta di tensione su R 1 vale V 1, mentre con il voltmetro la caduta di tensione su R 1 (e sul voltmetro che ha resistenza interna R V ) vale V 1. Esse sono date da: Senza amperometro la corrente circolante nel circuito vale i, mentre tenendo conto dellamperometro e della sua resistenza interna r A, la corrente diventa i. Esse sono date da: dove R 1V è il parallelo tra R 1 e R V ; si ha che V 1 e V 1 sono tanto più simili quanto più R V >> R 1 : in un buon voltmetro la resistenza interna deve essere molto più grande di quella del circuito.

9 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Nel circuito C è inizialmente scarico. Lequazione del circuito (legge di Kirchhoff generalizzata) è: e integrando cioè La corrente i(t) si ottiene mediante derivata: dove Si noti che per t = 5 C si ha q = Q e i = I Da cui si ha dove e è la costante di tempo capacitiva del circuito (s), e dove le condizioni iniziali sono Circuiti RC – carica di un condensatore

10 Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Circuiti RC – scarica di un condensatore Nel caso della scarica del condensatore, C è inizialmente carico (per t = 0 q=Q) e allaccensione del tasto T si scarica sulla resistenza R. Lequazione del circuito può essere scritta (legge Kirchhoff) come: Da cui si ottiene cioè Per quanto riguarda la corrente, essa vale: cioè dove Anche in questo caso si può notare come, per t = 5t C, si abbia q = Q e i = I Nel circuito RC, lenergia dissipata nella resistenza R durante la scarica del condensatore e quella fornita dal generatore ed accumulata nel campo E del condensatore valgono rispettivamente: cioè E tale uguaglianza dimostra che lenergia accumulata nel condensatore sotto forma di campo elettrico si è dissipata sotto forma di calore nella resistenza per effetto Joule.


Scaricare ppt "Lezione n. 7Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A. 2001-02 1 Energia e potenza nei circuiti elettrici Nel circuito in figura la batteria B è connessa con."

Presentazioni simili


Annunci Google