La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Veritatis Splendor I presupposti giuridico-costituzionali di un welfare sussidiario PROF.SSA LORENZA VIOLINI Bologna - Marzo 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Veritatis Splendor I presupposti giuridico-costituzionali di un welfare sussidiario PROF.SSA LORENZA VIOLINI Bologna - Marzo 2012."— Transcript della presentazione:

1

2 Istituto Veritatis Splendor I presupposti giuridico-costituzionali di un welfare sussidiario PROF.SSA LORENZA VIOLINI Bologna - Marzo 2012

3 Indice 1. Presupposti costituzionali: la sussidiarietà 2. Una amministrazione della conoscenza 3. Presupposti costituzionali di un nuovo welfare: nuovi parametri sulle competenze sostanziali 4. I modelli di attuazione della sussidiarietà

4 1. PRESUPPOSTO SUSSIDIARIETA COME PRINCIPIO COSTITUZIONALE (COSTITUENTE)

5 DEFINIZIONI Il principio di sussidiarietà Il principio di sussidiarietà In senso verticale In senso verticale In senso orizzontale In senso orizzontale

6 Il cammino della sussidiarietà: DAL CONCETTO AL PRINICPIO Origini storico-filosofiche Origini storico-filosofiche La sussidiarietà latente (assemblea costituente e dettato normativo cost.) La sussidiarietà latente (assemblea costituente e dettato normativo cost.) Art. 2 cost. Art. 2 cost. La famiglia La famiglia Il regionalismo Il regionalismo

7 Il principio di sussidiarietà nel contesto dellordinamento europeo: un esempio di evoluzione da... a.....

8 DA LEuropa degli Stati (TRATTATO DI ROMA - 25 MARZO 1957) Landesblindheit con Regioni solo in Germania e in Italia (regioni a statuto speciale)

9 La fortuna del modello regionale dal 1970 in poi : Regionalizzazione in Italia : REGIONALIZZAZIONE IN BELGIO : SPAGNA E PORTOGALLO ENTRANO NELLA CEE CON LE LORO REGIONI (madera e azzorre in portogallo) RIFORMA FEDERALE IN BELGLIO AUSTRIA ENTRA NELLA CEE DEVOLUTION IN UK Regionalizzazione in Francia : verso una Italia federale (fallimento)

10 Il progetto europeo in corso avrebbe dovuto riconciliare quello che a molti appariva inconciliabile: lemergere dellEuropa unita e la fedeltà alla nostra nazione; la necessità di un potere europeo e limperativo vitale di conservare le nostre nazioni come luogo di radicamento Il progetto europeo in corso avrebbe dovuto riconciliare quello che a molti appariva inconciliabile: lemergere dellEuropa unita e la fedeltà alla nostra nazione; la necessità di un potere europeo e limperativo vitale di conservare le nostre nazioni come luogo di radicamento (Jacques Delors)

11 A…….. SUSSIDIARIETA E DEMOCRAZIA Un modello alternativo alla sovranità

12 La sussidiarietà in Europa Art. 1 (ex Art. A) MT Con il presente Trattato, le Alte Parti Contraenti istituiscono tra loro un'Unione europea, in appresso denominata «Unione».Con il presente Trattato, le Alte Parti Contraenti istituiscono tra loro un'Unione europea, in appresso denominata «Unione». Questo Trattato segna una nuova tappa nel processo di creazione di unUnione più stretta tra i popoli europei, nella quale le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini Questo Trattato segna una nuova tappa nel processo di creazione di unUnione più stretta tra i popoli europei, nella quale le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini

13 SUSSIDIARIETA ED ESERCIZIO DELLE COMPETENZE 2. presupposto: verso una amministrazione della conoscenza

14 Il principio ART.5 (ex art. 3B) La Comunità agisce nei limiti delle competenze che le sono attribuite e degli obiettivi che le sono assegnati dal presente Trattato. Negli ambiti che non appartengono alla sua competenza esclusiva, la Comunità interviene, in ottemperanza al principio di sussidiarietà, solo se e nella misura in cui gli obiettivi dellazione da intraprendere non possono essere raggiunti in modo sufficiente dagli Stati membri e possono quindi, a causa delle dimensioni e degli effetti dellintervento in questione, essere affrontati in modo più soddisfacente con unazione congiunta a livello della Comunità.

15 DAL CONCETTO AL PRINCIPIO DAL PRINICIPIO ALLA SUA DIFFICILE ATTUAZIONE Ancora sul 2.presupposto

16 Il Protocollo sulla sussidiarietà (e sulla proporzionalità) allegato al Trattato di Amsterdam(1997) Al fine di rendere più chiara lapplicazione della sussidiarietà il Protocollo si occupa di definire i parametri oggettivi che le istituzioni europee devono rispettare per la applicazione puntuale del principio, indicando una serie di criteri guida utili alla verifica del controllo di tale principio Al fine di rendere più chiara lapplicazione della sussidiarietà il Protocollo si occupa di definire i parametri oggettivi che le istituzioni europee devono rispettare per la applicazione puntuale del principio, indicando una serie di criteri guida utili alla verifica del controllo di tale principio

17 SUSSIDIARIETA ED ORGANISMI EUROPEI Dal Protocollo sulla appplicazione del principio di sussidiarietà e proporzionalità ( allegato al Trattato di Amsterdam ). Prima di dare avvio alla procedura per lemanazione di un atto comunitario occorre dimostrare che il problema presenta aspetti transnazionali che non possono essere disciplinati in maniera soddisfacente mediante lazione degli Stati membri. il problema presenta aspetti transnazionali che non possono essere disciplinati in maniera soddisfacente mediante lazione degli Stati membri. lazione di uno stato membro da solo è in conflitto con le prescrizioni del Trattato o pregiudica in modo rilevante gli interessi degli stati membri lazione di uno stato membro da solo è in conflitto con le prescrizioni del Trattato o pregiudica in modo rilevante gli interessi degli stati membri lazione a livello comunitario produce effetti vantaggiosi. lazione a livello comunitario produce effetti vantaggiosi.

18 IN PARTICOLARE LA COMMISSIONE DEVE : Effettuare ampie consultazioni e se necessario pubblicare i documenti delle consultazioni Effettuare ampie consultazioni e se necessario pubblicare i documenti delle consultazioni Motivare le sue proposte con riferimento al principio di sussidiarietà Motivare le sue proposte con riferimento al principio di sussidiarietà Ricordare che il finanziamento totale o parziale di azioni comunitarie con fondi del bilancio comunitario richiede una spiegazione Ricordare che il finanziamento totale o parziale di azioni comunitarie con fondi del bilancio comunitario richiede una spiegazione Far si che gli oneri, siano essi finanziari e amministrativi, che ricadono sulla Comunità, sui governi nazionali, sugli enti locali, sugli operatori economici, sui cittadini, siano minimi e commisurati allobiettivo da perseguire. Far si che gli oneri, siano essi finanziari e amministrativi, che ricadono sulla Comunità, sui governi nazionali, sugli enti locali, sugli operatori economici, sui cittadini, siano minimi e commisurati allobiettivo da perseguire. fare annualmente una relazione al Parlamento e al Consiglio sui casi e modi con i quali sono stati applicati il principio di sussidiarietà e quello di proporzionalità fare annualmente una relazione al Parlamento e al Consiglio sui casi e modi con i quali sono stati applicati il principio di sussidiarietà e quello di proporzionalità

19 Sussidiarietà (art. I-11 co.3) In virtù del principio di sussidiarietà, nei settori che non sono di sua competenza esclusiva, l'Unione interviene soltanto se e nella misura in cui gli obiettivi dell'azione prevista non possono essere sufficientemente raggiunti dagli Stati membri, né a livello centrale né a livello regionale e locale, ma possono, a motivo della portata o degli effetti dell'azione in questione, essere meglio raggiunti a livello di Unione.

20 Ruolo dei Parlamenti nazionali Devono essere informati Devono essere informati Possono inviare pareri motivati sulla conformità degli atti normativi con il principio di sussidiarietà Possono inviare pareri motivati sulla conformità degli atti normativi con il principio di sussidiarietà

21 Sussidiarietà e democrazia Cè una sorta di circolo virtuoso (ma non interamente tratteggiato) tra principio di sussidiarietà – ruolo dei Parlamenti nazionali (luogo principale di attuazione del principio democratico – tentativo di colmare il deficit democratico Cè una sorta di circolo virtuoso (ma non interamente tratteggiato) tra principio di sussidiarietà – ruolo dei Parlamenti nazionali (luogo principale di attuazione del principio democratico – tentativo di colmare il deficit democratico La democrazia in Europa si afferma anche per altre vie (tipicamente: la giurisdizione) La democrazia in Europa si afferma anche per altre vie (tipicamente: la giurisdizione)

22 PROTOCOLLO SULLA APPLICAZIONE DELLA SUSSIDIARIETA Ciascuna istituzione vigila in modo continuo sul rispetto dei principi di sussidiarietà Prima di proporre un atto legislativo europeo, la Commissione effettua ampie consultazioni. Tali consultazioni devono tener conto, se del caso, della dimensione regionale e locale delle azioni previste. In Italia la nuova legge sui rapporti con le istituzioni europee (l ) ha adottato uno schema analogo e complementare.

23 PROTOCOLLO SULLA APPLICAZIONE DELLA SUSSIDIARIETA Ogni proposta legislativa europea deve contenere elementi circostanziati circa: Ogni proposta legislativa europea deve contenere elementi circostanziati circa: limpatto finanziario limpatto finanziario le conseguenze, quando si tratta di una legge quadro europea, sulla regolamentazione che sarà attuata dagli Stati membri, ivi compresa, se del caso, la legislazione regionale. Le ragioni che hanno portato a concludere che un obiettivo dell'Unione può essere conseguito meglio a livello di quest'ultima sono confortate da indicatori qualitativi e, ove possibile, quantitativi.

24 UNO SGUARDO DI DIRITTO COMPARATO DallEuropa agli stati: la fortuna della sussidiarietà: DallEuropa agli stati: la fortuna della sussidiarietà: Germania Germania Spagna Spagna Francia Francia Italia (Stato nazionale – Regioni) Italia (Stato nazionale – Regioni)

25 3. PRESUPPOSTI COSTITUZIONALI RIFORMA DEL TITOLO V, PARTE II DELLA COSTITUZIONE E RIFORMA DEL SISTEMA DI WELFARE: dal centralismo monopolista, universale e unificante a un welfare regionale potenzialmente differenziato.

26 Gli antefatti: sussidiarietà e processo Bassanini (Terzo regionalismo) L. nr. 59/1997 indica la sussidiarietà come principio L. nr. 59/1997 indica la sussidiarietà come principio a) il principio di sussidiarietà, con l'attribuzione della generalità dei compiti e delle funzioni amministrative ai comuni, alle province e alle comunità montane, secondo le rispettive dimensioni territoriali, associative e organizzative, con l'esclusione delle sole funzioni incompatibili con le dimensioni medesime, …….attribuendo le responsabilità pubbliche anche al fine di favorire l'assolvimento di funzioni e di compiti di rilevanza sociale da parte delle famiglie, associazioni e comunità, alla autorità territorialmente e funzionalmente più vicina ai cittadini interessati a) il principio di sussidiarietà, con l'attribuzione della generalità dei compiti e delle funzioni amministrative ai comuni, alle province e alle comunità montane, secondo le rispettive dimensioni territoriali, associative e organizzative, con l'esclusione delle sole funzioni incompatibili con le dimensioni medesime, …….attribuendo le responsabilità pubbliche anche al fine di favorire l'assolvimento di funzioni e di compiti di rilevanza sociale da parte delle famiglie, associazioni e comunità, alla autorità territorialmente e funzionalmente più vicina ai cittadini interessati

27 Riforma costituzionale e sua attuazione Artt. 117 – 118 –119 Artt. 117 – 118 –119 Competenze legislative: si tende ad evacuare le competenze esclusive delle regioni (o meglio residuali) Competenze legislative: si tende ad evacuare le competenze esclusive delle regioni (o meglio residuali) Un esempio virtuoso è quello dellassistenza sociale, in cui la Corte difende le Regioni (v. anche casi sullimmigrazione) Un esempio virtuoso è quello dellassistenza sociale, in cui la Corte difende le Regioni (v. anche casi sullimmigrazione)

28 Un regime differenziato di competenze - Sanità - Sanità - Istruzione - Lavoro - Previdenza - Assistenza sociale

29 Le funzioni regionali e locali Una retrospettiva sulla legge Bassanini e i decreti attuativi statali e regionali

30 MATERIE ANALIZZATE D. LGS. 112/1998 Area Territoriale Territorio e urbanistica Protezione della fauna e della flora Parchi e riserve naturali Inquinamenti Gestione dei rifiuti Risorse idriche e difesa del suolo Opere pubbliche Viabilità Trasporti Protezione Area Sociale Tutela della salute Servizi sociali Istruzione scolastica e Formazione professionale Beni e attività culturali Spettacolo Sport Area Economica Artigianato Industria Sportello unico Energia Miniere e risorse geotermiche Fiere Turismo Polizia Amministrativa Polizia amministrativa

31 MODELLI DI DECENTRAMENTO 1)PREDEFINITO: lo Stato individua il livello di allocazione di tutte le funzioni amministrative lo Stato individua il livello di allocazione di tutte le funzioni amministrative 2) RESIDUALE: lo Stato si limita ad individuare un numero di funzioni a lui riservate; la Regione individua e alloca le rimanenti funzioni lo Stato si limita ad individuare un numero di funzioni a lui riservate; la Regione individua e alloca le rimanenti funzioni 3)REDISTRIBUTIVO: la Regione definisce un ulteriore grado di allocazione delle funzioni, operando un generale riordino della materia la Regione definisce un ulteriore grado di allocazione delle funzioni, operando un generale riordino della materia Dall iniziativa politica regionale Dalla pressione a decentrare dello stato

32 MODELLI VS MATERIE 2°. Modello residuale 10 PARCHI E RISERVE NATURALI INQUINAMENTO ACUSTICO EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA INQUINAMENTO ATMOSFERICO FORMAZIONE PROFESSIONALE GESTIONE DEI RIFIUTI SPETTACOLO ARTIGIANATO URBANISTICA TURISMO 1°. Modello predefinito 9 SPORTELLO UNICO PROTEZIONE CIVILE ENERGIA VIABILITA TRASPORTI POLIZIA AMMINISTRATIVA CATASTO PROTEZIONE FAUNA E FLORA ISTRUZIONE SCOLASTICA Ibridi 4 RISORSE IDRICHE E DIFESA DEL SUOLO OPERE PUBBLICHE TUTELA DELLA SALUTE INDUSTRIA Non classificati 2 BENI E ATTIVITA CULTURALI SPORT

33 PROCESSI TOP DOWN v. SUSSIDIARIETÀ Un compiuto modello di governo sussidiario si realizza ove la Regione attua forme di decentramento di natura redistributiva, (da decentramento e sussidiarieta verticale) che implica un rovesciamento della logica della progettazione normativa

34 … segue E UNA DECISIONE POLITICA e non la mera attuazione di decisioni prese altrove (logica delle Bassanini, che sono imperniate su processi top down) E UNA DECISIONE POLITICA e non la mera attuazione di decisioni prese altrove (logica delle Bassanini, che sono imperniate su processi top down) Si fonda sulla conoscenza della realtà (PROBLEMA DEI DATI CONOSCITIVI) Si fonda sulla conoscenza della realtà (PROBLEMA DEI DATI CONOSCITIVI) (Da raccogliere tramite istruttorie ad hoc, tavoli, clausole da inserire nelle leggi che finanziano enti privati, Osservatori) IMPLICA UN RUOLO COSTITUENTE DELLE REGIONI. IMPLICA UN RUOLO COSTITUENTE DELLE REGIONI.

35 4. I modelli di attuazione della sussidiarietà SECONDA PARTE

36 RIPRESA DI CONCETTI Filosofico Filosofico Religioso Religioso Socio-economico Socio-economico Giuridico: Giuridico: Europa (top down – solo verticale) Europa (top down – solo verticale) Italia (prima Bassanini e poi Costituzione) Italia (prima Bassanini e poi Costituzione) Regioni Regioni

37 Sussidiarietà e innovazione FARE DI NECESSITA VIRTU FARE DI NECESSITA VIRTU Per carenze organizzative Per carenze organizzative Per ristrettezze finanziarie Per ristrettezze finanziarie Basta esternalizzare? Basta esternalizzare?

38 …….(segue) SUSSIDIARIETA E INNOVAZIONE Ripensare a come si può impostare in modo nuovo il rapporto con gli amministrati valorizzando le loro capacita di progettazione Ripensare a come si può impostare in modo nuovo il rapporto con gli amministrati valorizzando le loro capacita di progettazione TENENDO CONTO CHE SUSSIDIARIETA NON E SOLO UN LIMITE NEGATIVO MA COMPORTA LASSOLVIMENTO DI DOVERI DI SOLIDARIETA TENENDO CONTO CHE SUSSIDIARIETA NON E SOLO UN LIMITE NEGATIVO MA COMPORTA LASSOLVIMENTO DI DOVERI DI SOLIDARIETA Rerum novarum e Quadragesimo anno Rerum novarum e Quadragesimo anno Noi ci muoviamo tra queste due coordinate Noi ci muoviamo tra queste due coordinate

39 Qualche esempio: Sussidiarietà e statuti Sussidiarietà e statuti Statuti regionali: un ordine che ha al centro la persona Statuti regionali: un ordine che ha al centro la persona Statuti comunali: interventi pubblici nel settore economico solo se questo non ostacola iniziative private già esistenti Statuti comunali: interventi pubblici nel settore economico solo se questo non ostacola iniziative private già esistenti

40 Sussidiarieta Come limite negativo funziona e potrebbe anche funzionare meglio se ci fossero più dati sui bisogni e sulle risposte già in atto a tali bisogni Come limite negativo funziona e potrebbe anche funzionare meglio se ci fossero più dati sui bisogni e sulle risposte già in atto a tali bisogni Importanza dellattività conoscitiva (sent. Corte Cost. 282/2002): è forse la più importante conseguenza sul piano dellorganizzazione. Importanza dellattività conoscitiva (sent. Corte Cost. 282/2002): è forse la più importante conseguenza sul piano dellorganizzazione. Poi vi sono i meccanismi di partecipazione al procedimento che possono anchessi strumenti conoscitivi (es. responsabile del procedimento – conferenza di servizi – istruttorie sul campo prima di decidere se attivare dei servizi pubblici) Poi vi sono i meccanismi di partecipazione al procedimento che possono anchessi strumenti conoscitivi (es. responsabile del procedimento – conferenza di servizi – istruttorie sul campo prima di decidere se attivare dei servizi pubblici)

41 Subsidium? Vi sono leggi statali e regionali che tentano nuove forme di sussidi, meno intrusivi rispetto alla libera iniziativa privata. Vi sono leggi statali e regionali che tentano nuove forme di sussidi, meno intrusivi rispetto alla libera iniziativa privata. Legge statale sullinfanzia Legge statale sullinfanzia Legge statale sui servizi sociali Legge statale sui servizi sociali Leggi regionali sui buoni scuola Leggi regionali sui buoni scuola Legge regionale sugli oratori Legge regionale sugli oratori Legge regionale sulla famiglia Legge regionale sulla famiglia

42 Qualche esempio oltre le norme Convenzioni: si vede se è standard o se è stata configurata per dare un sussidio a quanto fa già la società civile e se è pensata per innovare sui servizi classici Convenzioni: si vede se è standard o se è stata configurata per dare un sussidio a quanto fa già la società civile e se è pensata per innovare sui servizi classici Bandi di gara: come si garantisce la continuita del servizio senza mortificare lentrata di nuovi soggetti nel mercato dei servizi? Bandi di gara: come si garantisce la continuita del servizio senza mortificare lentrata di nuovi soggetti nel mercato dei servizi?

43 Prime conclusioni La sussidiarietà comporta una forte sensibilita per i dati di fatto prima che per le definzioni giuridiche. La sussidiarietà comporta una forte sensibilita per i dati di fatto prima che per le definzioni giuridiche. Va osservata. Va osservata.

44 I modelli amministrativi per un welfare sussidiario

45 Il principio di sussidiarietà è una regola teorica Il principio di sussidiarietà è una regola teorica Il principio di sussidiarietà stabilisce una regola di priorità per individuare il livello istituzionale o di aggregazione al quale assegnare le competenze Il principio di sussidiarietà stabilisce una regola di priorità per individuare il livello istituzionale o di aggregazione al quale assegnare le competenze La regola è quella della prossimità: non intervenga lapparato pubblico quando può intervenire la società, non intervenga il livello superiore quando può intervenire il livello inferiore La regola è quella della prossimità: non intervenga lapparato pubblico quando può intervenire la società, non intervenga il livello superiore quando può intervenire il livello inferiore

46 Una ulteriore premessa Sul principio di sussidiarietà è stato detto tutto Sul principio di sussidiarietà è stato detto tutto La questione oggi è quella dellattuazione del principio di sussidiarietà La questione oggi è quella dellattuazione del principio di sussidiarietà Domanda: come si fa a dare attuazione al principio di sussidiarietà in un contesto dove lente pubblico già risponde a determinati bisogni? Domanda: come si fa a dare attuazione al principio di sussidiarietà in un contesto dove lente pubblico già risponde a determinati bisogni?

47 Occorre stabilire un principio in base al quale la società civile (famiglia, associazionismo, cooperativismo, imprenditorialità) ha diritto ha riappropriarsi delle funzioni pubbliche (regolare la restituzione) Occorre stabilire un principio in base al quale la società civile (famiglia, associazionismo, cooperativismo, imprenditorialità) ha diritto ha riappropriarsi delle funzioni pubbliche (regolare la restituzione) Il percorso di riappropriazione delle funzioni da parte della società civile discende dalla concreta contrattazione tra le parti Il percorso di riappropriazione delle funzioni da parte della società civile discende dalla concreta contrattazione tra le parti

48 Idem…… Come si valuta lattuazione del principio di sussidiarietà? Come si valuta lattuazione del principio di sussidiarietà? Leconomicità complessiva è data da efficienza ed efficacia Leconomicità complessiva è data da efficienza ed efficacia Qui il principio più rilevante è quello di efficacia Qui il principio più rilevante è quello di efficacia Lefficacia di unazione è più importante della sua efficienza Lefficacia di unazione è più importante della sua efficienza

49 Il ruolo dellente pubblico Gli Enti pubblici sono chiamati a: Gli Enti pubblici sono chiamati a: riconoscere, sostenere, incentivare, favorire le iniziative espresse dalla società civile riconoscere, sostenere, incentivare, favorire le iniziative espresse dalla società civile permettere lo sviluppo delliniziativa privata nei campi che risultano presidiati dallEnte pubblico, ma nei quali è ipotizzabile un ridimensionamento della presenza pubblica permettere lo sviluppo delliniziativa privata nei campi che risultano presidiati dallEnte pubblico, ma nei quali è ipotizzabile un ridimensionamento della presenza pubblica

50 A volte gli Enti pubblici travisano il principio di sussidiarietà e lo intendono come la delega alla società civile di funzioni che: A volte gli Enti pubblici travisano il principio di sussidiarietà e lo intendono come la delega alla società civile di funzioni che: si rendono conto di non saper svolgere efficacemente si rendono conto di non saper svolgere efficacemente non riescono a svolgere per mancanza di risorse non riescono a svolgere per mancanza di risorse

51 I quattro modelli di sussidiarietà orizzontale 1. Pura esternalizzazione (outsourcing) 2. Sussidiarietà per progetti 3. Valorizzazione delle iniziative di privati 4. Redistribuzione di risorse senza apparato istituzionale

52 1. Esternalizzazione Tradizionalmente gli Enti pubblici hanno inteso la sussidiarietà orizzontale come criterio per regolare i rapporti tra pubblici poteri e autonomia privata (esternalizzazione) Tradizionalmente gli Enti pubblici hanno inteso la sussidiarietà orizzontale come criterio per regolare i rapporti tra pubblici poteri e autonomia privata (esternalizzazione) Lesternalizzione dei compiti pubblici viene motivata come: Lesternalizzione dei compiti pubblici viene motivata come: metodo per garantire lespletamento dei servizi in maniera più efficace, più efficiente e rispondente ai criteri di economicità metodo per garantire lespletamento dei servizi in maniera più efficace, più efficiente e rispondente ai criteri di economicità metodo per migliorare la qualità dei servizi erogati metodo per migliorare la qualità dei servizi erogati

53 Pura esternalizzazione Dal punto di vista dellente pubblico la stipula della convenzione avviene nellottica dellaffidamento di una commessa Dal punto di vista dellente pubblico la stipula della convenzione avviene nellottica dellaffidamento di una commessa La programmazione e le leve strategiche sia del progetto sia del soggetto convenzionato sono mantenute in capo allEnte pubblico La programmazione e le leve strategiche sia del progetto sia del soggetto convenzionato sono mantenute in capo allEnte pubblico Lesecuzione del servizio è affidata ai privati Lesecuzione del servizio è affidata ai privati La convenzione con lEnte pubblico legittima lesistenza del soggetto privato convenzionato La convenzione con lEnte pubblico legittima lesistenza del soggetto privato convenzionato Lattività svolta in convenzione con lEnte pubblico esaurisce lorizzonte operativo e strategico del soggetto convenzionato Lattività svolta in convenzione con lEnte pubblico esaurisce lorizzonte operativo e strategico del soggetto convenzionato

54 Esempi di pura esternalizzazione La maggior parte delle cooperative sociali agisce in una pura logica di carattere contrattuale La maggior parte delle cooperative sociali agisce in una pura logica di carattere contrattuale I servizi che si impegnano a svolgere per conto dellEnte pubblico sono di natura standardizzata I servizi che si impegnano a svolgere per conto dellEnte pubblico sono di natura standardizzata Lassegnazione del servizio alla singola cooperativa sociale avviene per lo più attraverso procedure di appalto o trattative private (tipo B) con contenuto contrattuale standardizzato Lassegnazione del servizio alla singola cooperativa sociale avviene per lo più attraverso procedure di appalto o trattative private (tipo B) con contenuto contrattuale standardizzato Esempi: Esempi: Coop. Soc. che svolgono la fornitura di servizi scolastici (scuolabus, pre-scuola, mensa, doposcuola) Coop. Soc. che svolgono la fornitura di servizi scolastici (scuolabus, pre-scuola, mensa, doposcuola) Coop. soc. che svolgono servizi di assistenza domiciliare integrata (ADI) Coop. soc. che svolgono servizi di assistenza domiciliare integrata (ADI)

55 2. Sussidiarietà per progetti Dal punto di vista dellEnte pubblico la stipula della convenzione avviene dopo lespletamento di una gara (o la ricezione di proposte sollecitate), nella quale lEnte pubblico fissa gli obiettivi di fondo e assegna le risorse senza coinvolgersi nella programmazione Dal punto di vista dellEnte pubblico la stipula della convenzione avviene dopo lespletamento di una gara (o la ricezione di proposte sollecitate), nella quale lEnte pubblico fissa gli obiettivi di fondo e assegna le risorse senza coinvolgersi nella programmazione La gara ha il senso di incentivare la libera iniziativa dei privati, nel rispetto degli obiettivi di fondo. LEnte pubblico si riserva di scegliere tra i progetti La gara ha il senso di incentivare la libera iniziativa dei privati, nel rispetto degli obiettivi di fondo. LEnte pubblico si riserva di scegliere tra i progetti La programmazione e lesecuzione sono affidate al soggetto privato che partecipa alla gara La programmazione e lesecuzione sono affidate al soggetto privato che partecipa alla gara

56 Le leve strategiche dellintervento pubblico restano in mano al soggetto pubblico che decide gli stanziamenti e seleziona i progetti in base ai suoi criteri. Lallocazione delle risorse tra le diverse funzioni è compito dellEnte pubblico Le leve strategiche dellintervento pubblico restano in mano al soggetto pubblico che decide gli stanziamenti e seleziona i progetti in base ai suoi criteri. Lallocazione delle risorse tra le diverse funzioni è compito dellEnte pubblico Le leve strategiche relative alla sopravvivenza dellente convenzionato rimangono in mano al privato: mentre non è nella sua disponibilità decidere se il progetto sarà svolto o no Le leve strategiche relative alla sopravvivenza dellente convenzionato rimangono in mano al privato: mentre non è nella sua disponibilità decidere se il progetto sarà svolto o no Lesistenza del soggetto convenzionato è indipendente dalliniziativa dellEnte pubblico che si limita a decretare lattuazione o meno del progetto Lesistenza del soggetto convenzionato è indipendente dalliniziativa dellEnte pubblico che si limita a decretare lattuazione o meno del progetto Le iniziative del privato sociale non ricoprono solo segmenti di attività di pertinenza dellEnte pubblico, ma si indirizzano anche verso aree di bisogno scoperte o modalità di intervento di carattere innovativo Le iniziative del privato sociale non ricoprono solo segmenti di attività di pertinenza dellEnte pubblico, ma si indirizzano anche verso aree di bisogno scoperte o modalità di intervento di carattere innovativo

57 Esempi di sussidiarietà per progetti: le cooperative sociali Un numero più limitato di coop. sociali agisce in una logica progettuale con elementi propositivi e di innovazione delle caratteristiche del servizio Un numero più limitato di coop. sociali agisce in una logica progettuale con elementi propositivi e di innovazione delle caratteristiche del servizio I servizi che si impegnano a svolgere per conto dellEnte pubblico hanno parzialmente natura innovativa I servizi che si impegnano a svolgere per conto dellEnte pubblico hanno parzialmente natura innovativa Lassegnazione del servizio alla singola cooperativa sociale avviene per lo più attraverso procedure di appalto che recepiscono contenuti progettuali proposti dal soggetto privato Lassegnazione del servizio alla singola cooperativa sociale avviene per lo più attraverso procedure di appalto che recepiscono contenuti progettuali proposti dal soggetto privato Si riscontra questo approccio in interventi di alcune cooperative sociali sul fronte della tossicodipendenza, del disagio giovanile, ma anche dei servizi scolastici e della disabilità Si riscontra questo approccio in interventi di alcune cooperative sociali sul fronte della tossicodipendenza, del disagio giovanile, ma anche dei servizi scolastici e della disabilità

58 Esempi di stimolo normativo allo sviluppo della sussidiarietà per progetti L.R. 23/99 Politiche regionali per la famiglia L.R. 23/99 Politiche regionali per la famiglia La legge emanata dalla Regione Lombardia nel dicembre del 1999 riconosce la famiglia come un soggetto sociale politicamente rilevante, realizzando una politica organica ed integrata a sostegno di tale soggetto. In particolare: La legge emanata dalla Regione Lombardia nel dicembre del 1999 riconosce la famiglia come un soggetto sociale politicamente rilevante, realizzando una politica organica ed integrata a sostegno di tale soggetto. In particolare: esprime una cultura chiaramente orientata alla famiglia e al privato sociale, che fa leva su un'idea di sussidiarietà nella sua accezione orizzontale, in quanto lo scopo è quello di mettere in grado la famiglia di provvedere direttamente e autonomamente alle sue funzioni educative e di cura; esprime una cultura chiaramente orientata alla famiglia e al privato sociale, che fa leva su un'idea di sussidiarietà nella sua accezione orizzontale, in quanto lo scopo è quello di mettere in grado la famiglia di provvedere direttamente e autonomamente alle sue funzioni educative e di cura; la legge non si limita ad enunciazioni di principio, ma mostra, anche attraverso il piano operativo, una chiara volontà di predisporre strumenti e risorse volte a favorire la riorganizzazione dei servizi, valorizzando l'iniziativa e la sperimentazione da parte dei soggetti non istituzionali e promuovendo la solidarietà tra le famiglie; la legge non si limita ad enunciazioni di principio, ma mostra, anche attraverso il piano operativo, una chiara volontà di predisporre strumenti e risorse volte a favorire la riorganizzazione dei servizi, valorizzando l'iniziativa e la sperimentazione da parte dei soggetti non istituzionali e promuovendo la solidarietà tra le famiglie; nella riorganizzazione dei servizi la legge intende sostenere una pluralità di attori e promuove la creazione di servizi in rete, caratterizzati da maggiore flessibilità e aderenza alle situazioni reali attraverso la sinergia di interventi, di risorse, di competenze pubbliche e private, e assegnando uno spazio notevole alle associazioni familiari, quali attori del servizio pubblico; nella riorganizzazione dei servizi la legge intende sostenere una pluralità di attori e promuove la creazione di servizi in rete, caratterizzati da maggiore flessibilità e aderenza alle situazioni reali attraverso la sinergia di interventi, di risorse, di competenze pubbliche e private, e assegnando uno spazio notevole alle associazioni familiari, quali attori del servizio pubblico; mentre consente la riduzione dei costi di intermediazione e trasferimento nella gestione di alcuni servizi, la legge stanzia risorse considerevoli per la realizzazione degli obiettivi e traccia con precisione il percorso della valutazione dell'impatto del provvedimento legislativo. mentre consente la riduzione dei costi di intermediazione e trasferimento nella gestione di alcuni servizi, la legge stanzia risorse considerevoli per la realizzazione degli obiettivi e traccia con precisione il percorso della valutazione dell'impatto del provvedimento legislativo.

59 3. Valorizzazione delle iniziative di privati Dal punto di vista dellEnte pubblico la stipula della convenzione avviene nellottica della valorizzazione di iniziative dei privati che si impongono per la loro efficacia Dal punto di vista dellEnte pubblico la stipula della convenzione avviene nellottica della valorizzazione di iniziative dei privati che si impongono per la loro efficacia Le leve strategiche, la programmazione e lesecuzione sono affidate al soggetto privato proponente Le leve strategiche, la programmazione e lesecuzione sono affidate al soggetto privato proponente Lesistenza del soggetto convenzionato e il contenuto dellattività riconosciuta sono indipendenti dalliniziativa dellEnte pubblico che attraverso la convenzione o altro strumento ne riconosce limponente valore sociale e si limita a finanziarlo Lesistenza del soggetto convenzionato e il contenuto dellattività riconosciuta sono indipendenti dalliniziativa dellEnte pubblico che attraverso la convenzione o altro strumento ne riconosce limponente valore sociale e si limita a finanziarlo Il riconoscimento dellente meritorio o della categoria di enti meritori e la conseguente assegnazione di contributi ha luogo attraverso procedure ad hoc (singolo ente meritorio), o in applicazione di disposizioni normative (categorie di enti) Il riconoscimento dellente meritorio o della categoria di enti meritori e la conseguente assegnazione di contributi ha luogo attraverso procedure ad hoc (singolo ente meritorio), o in applicazione di disposizioni normative (categorie di enti)

60 4. Redistribuzione di risorse senza apparato istituzionale Dal punto di vista dellEnte pubblico lutilizzo di buoni servizio e voucher consente il passaggio dalla posizione di soggetti responsabili dellerogazione dei servizi (ancorché esternalizzati) a soggetti regolatori dei servizi stessi Dal punto di vista dellEnte pubblico lutilizzo di buoni servizio e voucher consente il passaggio dalla posizione di soggetti responsabili dellerogazione dei servizi (ancorché esternalizzati) a soggetti regolatori dei servizi stessi LEnte pubblico riconosce e promuove lauto-organizzazione delle formazioni sociali, favorendo la libertà di scelta dellutente LEnte pubblico riconosce e promuove lauto-organizzazione delle formazioni sociali, favorendo la libertà di scelta dellutente Buoni e voucher costituiscono una possibile risposta nella direzione di una maggiore autonomia del privato sociale dalle pubbliche amministrazioni, chiamato a diventare diretto applicatore della sussidiarietà orizzontale Buoni e voucher costituiscono una possibile risposta nella direzione di una maggiore autonomia del privato sociale dalle pubbliche amministrazioni, chiamato a diventare diretto applicatore della sussidiarietà orizzontale Favorisce il passaggio dal welfare state alla welfare society Favorisce il passaggio dal welfare state alla welfare society

61 Buoni servizio e Voucher Buono servizio Buono servizio Prevede un finanziamento diretto dellutente allo scopo di accrescere la sua capacità di acquisto Prevede un finanziamento diretto dellutente allo scopo di accrescere la sua capacità di acquisto Non introduce controlli pubblici sui soggetti erogatori del servizio Non introduce controlli pubblici sui soggetti erogatori del servizio Voucher Prevede un finanziamento allerogatore di servizi commisurato ai volumi di servizio richiesti dagli utenti Impone la necessità di accreditare (preselezionare) i soggetti erogatori in base a standard qualitativi fissati e verificati dallente pubblico

62 GLI INDICATORI DI UN WELFARE SUSSIDIARIO 1. quale libertà di scelta è lasciata allutente; 2. quale valorizzazione dei privati non profit è stata compiuta dallEnte locale agente ed attraverso quali forme; 3. chi sopporta gli oneri finanziari dei servizi offerti; 4. quali forme organizzative sono state scelte per la gestione dei servizi; 5. per quali motivazioni è stata decisa lesternalizzazione del servizio verso soggetti non profit; 6. quali controlli sullefficacia delle politiche e dei servizi esternalizzati sono stati posti in essere

63 Decalogo della sussidiarietà perché Pubblico e Privato ridefiniscano il proprio ruolo Fase conoscitiva: 1. Sviluppo di strumenti conoscitivi per identificare i bisogni sociali 2. Sviluppo di strumenti conoscitivi per identificare le risposte agli stessi già fornite dalla società civile 3.Identificazione delle politiche degli enti normatori sulla base dei primi due fattori identificati (politica della non sostituzione; creazione di reti di soggetti; formazione come stimolo alla creatività sociale; diffusione di best practices;…) 4. Progettazione di atti normativi di supporto o stimolo allattività della società civile volta alla semplificazione amministrativa

64 Fase attuativa: 5. Programmmazione di interventi pubblici botton up nella forma deicall for papers 6. Valorizzazione degli enti più vicini ai cittadini 7. Strumenti convenzionali di relazione pubbblico-privato non standardizzati nellindicazione dei servizi da fonire 8. Pluralismo nella fornitura di servizi 9. Finanziamento di formazioni sociali o enti del profit e del non profit già esistenti Fase di controllo: 10. Controlli sulla qualità dei servizi ex ante (accreditamento) ed ex post (rendicontazione e consumer satisfaction)

65 I termini del confronto: regolazione, responsabilità, imprenditività, sviluppo


Scaricare ppt "Istituto Veritatis Splendor I presupposti giuridico-costituzionali di un welfare sussidiario PROF.SSA LORENZA VIOLINI Bologna - Marzo 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google