La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Convegno Nazionale: La riforma degli ordinamenti didattici in Ingegeneria delle Telecomunicazioni secondo il D.M. 270/2004 Gruppo Nazionale Telecomunicazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Convegno Nazionale: La riforma degli ordinamenti didattici in Ingegeneria delle Telecomunicazioni secondo il D.M. 270/2004 Gruppo Nazionale Telecomunicazioni."— Transcript della presentazione:

1 Convegno Nazionale: La riforma degli ordinamenti didattici in Ingegeneria delle Telecomunicazioni secondo il D.M. 270/2004 Gruppo Nazionale Telecomunicazioni e Teoria dellInformazione Parma, 8-9 Ottobre 2007

2 Andamento temporale delle immatricolazioni nelle diverse classi di corsi di Laurea in Ingegneria Ulteriori parametri di valutazione: iscrizioni al secondo anno, laureati in corso Attività di orientamento legate alle Telecomunicazioni: il caso di Trento Possibili azioni future Indice

3 Immatricolazioni facoltà di Ingegneria ( ) Dato nazionale complessivo relativo a tutte le classi di corsi di Laurea (fonte: Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria)

4 Trend percentuale delle immatricolazioni ( ) Dato nazionale complessivo relativo a tutte le classi di corsi di Laurea NOTA: questa curva è una sorta di derivata della curva mostrata nella slide precedente (vedi formula):

5 Trend percentuale delle immatricolazioni ( ) Dato aggregato per classe di laurea ed area geografica: Nelle slide successive verranno mostrati grafici contenenti dati aggregati per classe di laurea: Classe 4: Scienze dellArchitettura ed Ingegneria Edile; Classe 4S: Corso quinquennale a ciclo unico in Ingegneria Edile – Architettura (laurea europea) Classe 8: Ingegneria Civile ed Ambientale; Classe 9: Ingegneria dellInformazione (comprendente: Lauree in Ingegneria delle Telecomunicazioni, Ingegneria Elettronica ed Ingegneria Informatica); Classe 10: Ingegneria Industriale e per macro-aree geografiche del Paese (Nord, Centro, Sud, Isole).

6 Dati per classe di laurea ed area geografica (NORD) Trend percentuale immatricolazioni

7 Dati per classe di laurea ed area geografica (CENTRO) Trend percentuale immatricolazioni

8 Dati per classe di laurea ed area geografica (SUD) Trend percentuale immatricolazioni

9 Dati per classe di laurea ed area geografica (ISOLE) Trend percentuale immatricolazioni

10 Commento ai dati Nel periodo compreso tra il 2000 ed il 2002 (corrispondente al boom speculativo della new economy), il trend di crescita delle immatricolazioni nelle lauree di classe 9 (Informazione) è stato molto forte, specie al Nord e nelle Isole Negli anni successivi si è registrato un calo del trend di immatricolazione, generalizzato per tutte le classi di laurea (tranne le lauree di classe 4S che hanno avuto un forte picco di iscrizioni nel biennio al Sud) Le lauree di classe 9 sembrano attestarsi in questi ultimi anni accademici su un trend costantemente negativo (più accentuato al Centro e nelle Isole)

11 Ulteriori parametri di valutazione I parametri significativi per unanalisi del problema non sono solo le immatricolazioni ma comprendono altre variabili che concorrono a definire lindice di prestazione degli Atenei, ed in particolare: Il numero di iscrizioni al secondo anno di corso Il numero di laureati in corso (o al più un anno fuori corso) NB. i dati seguenti si riferiscono alla sola sede di Trento, non avendo a disposizione dati nazionali

12 Confronto tra immatricolati ed iscritti al secondo anno Si confrontano gli immatricolati al primo anno con gli iscritti al secondo nellA.A. successivo

13 Iscritti e Laureati per A.A. Il n. di laureati non è correlato con il n. di immatricolati Nota: Per il 2003/04 sono conteggiati solamente i laureati in corso Rif.: Università degli Studi di Trento Immatricolati Laureati di quella classe ad oggi

14 Laureati in corso e fuori corso Rif.: Università degli Studi di Trento Laureati entro un anno fuoricorso Laureati oltre un anno fuoricorso

15 Trend delle iscrizioni alla Laurea Specialistica in Ing. delle TLC Andamento costante delle iscrizioni, con una piccola flessione nel 2005/06 Rif.: Università degli Studi di Trento

16 Commento rispetto a questi ulteriori dati Statisticamente troppo pochi dati per poter trarre conclusioni sicure (dati nazionali?) La percentuale di studenti bravi (laureati in corso) sembra costante a circa il 23% Il numero di abbandoni e molto basso, con un unico picco nellanno con maggiori iscrizioni Il di studenti che si laureano entro 1-2 anni fuoricorso sembra quasi costante nonostante le notevoli variazioni nel numero di iscritti Circa il 95% dei laureati si iscrive alla specialistica (trend circa costante)

17 Situazione locale (Trento) e azioni intraprese Fino al 2005 andamento della sede di Trento in linea con quello nazionale Picco negativo di Immatricolazioni nel

18 Analisi del problema TREND ISCRIZIONI IN CONTROTENDENZA RISPETTO A PROSPETTIVE DI MERCATO

19 Analisi del problema QUALI SONO ALLORA LE CAUSE? Non percezione della qualificazione professionale offerta dal settore? Scarse possibilità di esercitare la libera professione? Prospettive di carriera/stipendio troppo basse? Disinformazione? (cosè un Ing. TLC?) Poca interdisciplinarietà? (siamo troppo settoriali?) Bacino di utenza troppo limitato?

20 Azioni intraprese A fronte di un trend fortemente negativo nella sede di Trento una delle attività fortemente potenziata nellA.A. 2005/06 nel tentativo di far meglio conoscere Ingegneria delle Telecomunicazioni sul territorio è stata: lattività di orientamento.

21 Attività di Orientamento Iniziative dellAteneo di Trento: Giornate Porte Aperte Orienta Estate Seminari tematici Iniziative del CAD Informazione: Orientamento nelle Scuole Superiori Presentazione del corso di studio in ingegneria delle telecomunicazioni (a partire dalla.a. 2005/2006) Laboratorio attivo ingegneria delle telecomunicazioni (Proposta formativa nuova intrapresa per la prima volta nella.a. 2006/2007)

22 Laboratorio Attivo sulle TLC Obiettivi creare degli spazi che permettano di esplorare in maniera interattiva i vari aspetti delle telecomunicazioni; aumentare la consapevolezza dello sviluppo conoscitivo e professionale allinterno del percorso universitario: tipo di studio affrontato a Ingegneria TLC riflessioni su alcuni contenuti base riflessione sullutilizzo delle tecnologie

23 Laboratorio Attivo Metodologia orientamento di carattere informativo (per fare comprendere cosa sono le TLC, quali tematiche affrontano, ecc.) orientamento di carattere formativo approfondimento degli aspetti caratterizzanti gli studi in ingegneria delle telecomunicazioni e guida al riconoscimento di capacità e risorse che si possono investire in questo campo (creatività e progettualità del singolo) prima fase di preparazione in aula e seconda fase un percorso nel laboratorio attivo

24 Laboratorio Attivo Prima fase in aula preparazione degli studenti sulle tecnologie che sperimenteranno (interazione tra docenti della scuola superiore e docenti universitari di telecomunicazioni); esercitazioni per far confrontare gli studenti con semplici problemi sui temi selezionati; attività propedeutiche alle tematiche che si affronteranno nel laboratorio.

25 Laboratorio Attivo Seconda fase in laboratorio discussioni guidate cosè linformazione? come viene scambiata? esperienze di laboratorio guidate (sperimentazione con strumenti HW o SW) interfaccia grafica gestuale reti di sensori

26 Risultati preliminari Sede di Trento: inversione del trend nel A.A. 2006/07 +24,69%

27 2006/072007/08 Immatricolazioni al 60^ giorno di apertura 7273 Risultati preliminari Lo scorso anno questo nuovo tipo di Orientamento è stato condotto allIstituto Tecnico Industriale G. Marconi di Rovereto (Trento) in tre classi 5 e 2006/072007/08 Numero iscrizioni914 E dunque forse possibile correlare laumento degli sforzi in attività peculiari di orientamento ad uninversione del trend delle immatricolazioni.

28 Internazionalizzazione A fronte di un bacino di utenza sempre più limitato, una possibilità è rivolgersi allestero Sperimentazione fatta sulla laurea specialistica in ingegneria delle telecomunicazioni Occorre convertire didattica in lingua inglese Occorre prevedere borse o sussidi (almeno abitazioni a prezzo agevolato) Occorre avere una organizzazione efficiente per la gestione delle application, dei visti, della prima accoglienza

29 Internazionalizzazione Primo anno di applicazione: 75 application ricevute 20 curricula selezionati e pre-immatricolati Ad oggi risultano 5 studenti effettivamente iscritti (analogo a informatica, che al secondo anno di applicazione è passata a 25 immatricolati) Problemi PROBLEMA PRINCIPALE: NORME SULLA IMMIGRAZIONE Resistenza da parte degli studenti italiani Resistenza da parte di (alcuni) docenti Pubblicizzare le iniziative (fiere internaz. formazione)

30 Altre azioni possibili Analisi accurata del fenomeno Questionari nelle scuole superiori e nei vari stadi della formazione universitaria Raffinare le statistiche, ulteriori parametri Possibili attività da intraprendere: Rafforzare orientamento nelle scuole superiori Azioni a livello nazionale Utilizzare meglio i media Apertura multi-settoriale/multi-disciplinare (a Trento si va verso elettronica e telecom) Chiarezza denominazione, offerta, prospettive Internazionalizzazione (anche lauree triennali?) Percorsi di eccellenza


Scaricare ppt "Convegno Nazionale: La riforma degli ordinamenti didattici in Ingegeneria delle Telecomunicazioni secondo il D.M. 270/2004 Gruppo Nazionale Telecomunicazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google