La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le quaestiones perpetuae. Iudicia populi - Quaestiones perp. Carattere inquisitorio: il magistrato cita laccusato a comparire ad una certa data dinanzi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le quaestiones perpetuae. Iudicia populi - Quaestiones perp. Carattere inquisitorio: il magistrato cita laccusato a comparire ad una certa data dinanzi."— Transcript della presentazione:

1 Le quaestiones perpetuae

2 Iudicia populi - Quaestiones perp. Carattere inquisitorio: il magistrato cita laccusato a comparire ad una certa data dinanzi ad unassemblea informale del popolo specificando imputazione e pena proposta; Istruzione del processo: - quaestores; - tribuni della plebe; - duumviri perduellionis (perduellio flagrante); Limputato fornisce garanti (vades) per evitare la detenzione preventiva; Carattere accusatorio: attivabile da qualsiasi cittadino; Composizione: - consoli/ pretore presidente; - collegio di giurati; Postulatio: richiesta al magistrato della legittimazione ad accusare; divinatio per scelta accusatore in caso di pluralità; Nominis delatio: presentazione formale dellaccusa e giuramento di non promuovere laccusa solo per recare danno allaccusato;

3 Anquisitio (fase istruttoria) –3 adunanze per audizione: –Accusa; –Difesa; –Testimoni; - Il magistrato formula laccusa e propone la condanna al popolo; Trinundinum; Quarta accusatio: richiesta finale del magistrato; Sentenza del popolo. Nominis receptio: accettazione dellaccusa da parte del magistrato; Costituzione della giuria; Dibattito: - orationes dellaccusatore; - orationes dellaccusato; - testimoni; Ampliatio: rinnovazione del dibattito; Comperendinatio: divisione obbligatoria del dibattimento in due fasi; Sentenza della giuria (pena predeterminata dalla lex istitutiva).

4 Quaestiones extraordinariae: 186 a.C.: repressione dei Baccanali; 184, 180, 152 a.C.: processi di veneficio; 138 a.C.: procedura per avvenimenti nella Sila; 132 a.C.: persecuzione seguaci di Tiberio Gracco.

5 Quaestiones perpetuae: 171 a.C. L. Canuleio: pena del simplum; 149 a.C. lex Calpurnia: tribunale stabile per casi di concussione, presidenza al praetor peregrinus; giuria di senatori; a.C. lex Acilia repetundarum: in duplum; presidenza al praetor de repetundis; giuria di cavalieri; 106 a.C. lex Servilia Coepionis: trasferimento parziale ai senatori delle giurie; 104 a.C. lex Servilia Glauciae: giuria de repetundis ai cavalieri; 91 a.C. lex Livia: giuria di senatori e cavalieri; 81 a.C. lex Cornelia iudiciaria: giurie di senatori;

6 70 a.C. lex Aurelia iudiciaria: giurie 1/3 senatori, 1/3 cavalieri, 1/3 tribuni aerari 44 a.C. lex Iulia: giurie a senatori e cavalieri


Scaricare ppt "Le quaestiones perpetuae. Iudicia populi - Quaestiones perp. Carattere inquisitorio: il magistrato cita laccusato a comparire ad una certa data dinanzi."

Presentazioni simili


Annunci Google