La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Risorgimento al Femminile Maria Mazzini Drago Anita Garibaldi La Contessa di Castiglione IL Brigantaggio & le Brigantesse Liceo Classico M.T. Cicerone.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Risorgimento al Femminile Maria Mazzini Drago Anita Garibaldi La Contessa di Castiglione IL Brigantaggio & le Brigantesse Liceo Classico M.T. Cicerone."— Transcript della presentazione:

1 Risorgimento al Femminile Maria Mazzini Drago Anita Garibaldi La Contessa di Castiglione IL Brigantaggio & le Brigantesse Liceo Classico M.T. Cicerone Frascati Mogli, madri, amanti

2 Maria Mazzini Drago … trasmetterà il pensiero democratico e civile, giorno dopo giorno, al suo amato figlio. Donna dietro le quinte

3 … Fu esponente di una religiosità più aperta, espressione dei destini dellumanità tutta …

4 Esempio puro di coerenza, le sue parole lasciano lastrazione del pensiero e diventano azioni, fatti concreti.

5 Anita Garibaldi

6 … era una donna alta, col volto ovale, i grandi occhi neri e i seni prosperosi. Era bella. Dalle Memorie di G.Garibaldi

7 Restammo entrambi estasiati e silenziosi, guardandoci reciprocamente, come due persone che non si vedono per la prima volta, e che cercano nei lineamenti luna dellaltra qualche cosa che agevoli una reminescenza. La salutai finalmente, e le dissi: TU DEVI ESSER MIA dalle Memorie di G. Garibaldi Anita con gli occhi di Garibaldi

8 … con lei avevo stretto un nodo, sancito una sentenza, che la sola morte poteva infrangere! Dalle Memorie di G.Garibaldi

9 Io, conobbi il gran male che feci, il dì, in cui sperando ancora di rivederla in vita, io stringevo il polso dun cadavere: e piangevo il pianto della disperazione! Io, errai grandemente ed errai da solo!

10 Al santuario Venduto de miei padri avranno stanza Le tue reliquie e daltra donna amata Madre ad entrambi, adornerai lavello! Da Anita di G.Garibaldi

11 La Contessa di Castiglione

12 Lei non era bella, di più bellissima. Alta, braccia sottili e le mani che sembravano scolpite nel marmo rosa, gli occhi pervinca, il naso minuto e i denti di perla. dal libro di R.Gervaso

13 …a renderla ancora più bella e desiderabile lo sguardo, altero, indagatore e allo stesso tempo sfuggente, ma anche intrigante. Molto sicura di se, consapevole del suo fascino, Virginia era una donna molto ambiziosa.

14 A corte e alle feste la simpatia di Napoleone III aumentò sempre più … la Contessa diventò la sua amante preferita.

15 Un uomo per definire il brigantaggio E intorno a noi il timore e la complicità di un popolo. Quel popolo che disprezzato da regi funzionari ed infidi piemontesi sentiva forte sulla pelle che a noi era negato ogni diritto, anche la dignità di uomini. E chi poteva vendicarli se non noi, accomunati dallo stesso destino? Cafoni anche noi, non più disposti a chinare il capo. Calpestati, come l'erba dagli zoccoli dei cavalli, calpestati ci vendicammo. Molti, molti si illusero di poterci usare per le rivoluzioni. Le loro rivoluzioni. Ma libertà non è cambiare padrone. Non è parola vana ed astratta. È dire senza timore, È MIO, e sentire forte il possesso di qualcosa, a cominciare dall'anima. È vivere di ciò che si ama. Vento forte ed impetuoso, in ogni generazione rinasce. Così è stato, e così sempre sarà... C.Crocco

16 La banda del brigante Agostino Sacchitiello di Bisaccia, uno dei più fidati luogotenenti di C. Crocco

17 Settembre 1863, un bersagliere mostra il cadavere del brigante Nicola Napolitano dopo la fucilazione e le sevizie

18 Fucilazione di Vincenzo Petruzziello

19 Né mercante, negoziante o trafficante, né maestro darte alcuna vissi con la professione del brigante Berardino Viola

20 Le Brigantesse

21 Un atto d amore esprime solidarietà, quindi è politico, anche se non necessariamente ideologico Edoardo Vitale Mogli, madri, amanti

22 Reginalda Rosa Cariello Maria Capitanio

23 Maria Lucinella

24 Michelina Di Cesare

25

26 Maria Mazzini Drago Federica Di Ruscio Anita Garibaldi Daria DEcclesiis La Contessa Di Castiglione Francesca Del Vescovo Il Brigantaggio Eleonora Cimarelli Le Brigantesse Silvia Ippolito Presentazione multimediale di Anna Muratore

27 Hayez pittore patriottico Iconografia risorgimentale

28 Nacque in una famiglia di condizioni modeste. Il padre Giovanni era di origini francesi; La madre, Chiara Torcella, di Murano. Il piccolo Francesco, ultimo di cinque figli, venne affidato ad una sorella della madre che aveva sposato Giovanni Binasco, armatore e mercante d'arte proprietario di una discreta collezione di dipinti.francesiMuranoarmatore Già da piccolo mostrò una predisposizione per il disegno e lo zio lo affidò ad un restauratore affinché ne imparasse il mestiere. In seguito divenne allievo del pittore Francesco Magiotto presso il quale rimase per tre anni. Frequentò il primo corso di nudo nel 1803 e nel 1806 venne ammesso ai corsi di pittura della Nuova Accademia di Belle Arti dove fu allievo di Teodoro Matteini.Francesco Magiotto Teodoro Matteini Nel 1809 vinse un concorso indetto dall'Accademia di Venezia per l'alunnato presso l'Accademia di San Luca a Roma e si trasferì nella capitale dove divenne allievo di Canova che ne fu la guida e il protettore negli anni romani.1809Accademia di San LucaRomaCanova Nel 1814 lasciò Roma in seguito ad un'aggressione, pare per vicende sentimentali, e si trasferì a Napoli dove gli venne commissionato da Gioacchino Murat il dipinto Ulisse alla corte di Alcinoo.1814NapoliGioacchino Murat Nel 1822 viene chiamato ad insegnare all'Accademia di Belle Arti di Brera, come aiuto di Luigi Sabatelli. Insegnò all'Accademia, come aggiunto, fino al 1850, quando, alla morte di Sabatelli, ne assunse la cattedra che tenne fino al 1879.Accademia di Belle Arti di BreraLuigi Sabatelli Si spense a Milano il 21 dicembre 1882 alletà di 91 anni.Milano

29 1840 – 1841 Francesco Hayez

30 Anche in questaltro dipinto di Hayez la figura femminile si offre allo spettatore come una possibile metafora della patria offesa. Quello della malinconia in realtà,è un tema classico nella storia dellarte, almeno a partire dal Cinquecento. Tuttavia in questo caso esso si carica di un timbro specifico. Nella tristezza della donna – la modella è con ogni probabilità la stessa del dipinto La meditazione – va letta, dunque, la sofferenza danimo di chi anela a una liberta al momento inibita e repressa.

31 1851 Francesco Hayez

32 Questo dipinto, come la precedente versione del 1850, segna una svolta del periodo pittorico di Francesco Hayez. Proiettandolo sui condizionamenti idologici seguiti ai moti risorgimentali avvenuti a Milano nel Hayez fa trasparire tutta la "malinconia" della coscienza contemporanea trasformata in meditazione. In quest'opera, al contrario della precedente, cade anche il velo del celato travestimento religioso per rivelare appieno il motivo patriottico del dolore dell'Italia risorgimentale. Il messaggio politico è forte e chiaro la finta Bibbia con la dicitura "Storia dItalia" e la croce del martirio risorgimentale con la scritta in rosso fuoco: " marzo /1848". La storica data delle Cinque giornate di Milano, sono un segno inequivocabile delle idee che Hayez ha fatto sue e che vuole trasmettere. Cinque giornate di Milano Lei, bellissima, perlacea, ma anche calda ed emozionale in quel suo sguardo fiero e deciso, incarna il cromatismo suggestivo dei chiaroscuri del dipinto.

33 Francesco Hayez

34 Il bacio è un olio su tela di 112 × 88 cm, realizzato da Francesco Hayez nel 1859 e conservato a Milano nella Pinacoteca di Brera.olio su telaFrancesco Hayez1859MilanoPinacoteca di Brera Oltre questo dipinto, l'artista realizzò tre repliche con lo stesso soggetto, delle quali due versioni sono in collezioni private ed un'altra, in cui il vestito della donna è bianco, fu realizzata nel 1861 per la famiglia Mylius ed è stata venduta all'asta il 12 novembre 2008 da Sotheby's a Londra.1861Sotheby'sLondra Descrizione In questo quadro l'autore riunisce le principali caratteristiche del romanticismo storico italiano, ovvero un'assoluta attenzione verso i concetti di naturalezza e sentimento puro (l'amore individuale), ma soprattutto verso gli ideali risorgimentali (l'amore per la patria). Ciò che colpisce immediatamente l'osservatore è l'enorme sensualità che scaturisce dall'abbraccio dei due amanti. Per la prima volta viene espresso in un quadro un bacio passionale e carico di emotività. romanticismo Questo legame è tanto forte che riesce ad annullare ogni contrasto, come quello del freddo celeste della veste della donna e del colore caldo dell'abito dell'uomo (il quale ha le gambe posizionate in modo tale da assecondare la sensuale inclinazione del corpo femminile). L'uomo mentre bacia la sua amata, appoggia la gamba sul gradino: Hayez comunica, con questo particolare, l'impressione che egli se ne stia andando, e dà più enfasi al bacio.gamba

35 La scelta dell'artista di celare i volti dei giovani conferisce importanza all'azione e le ombre che si possono scorgere dietro al muro, nella parte sinistra del quadro, indicano un eventuale pericolo. È però da non dimenticare il reale significato storico dell'opera, infatti Hayez attraverso i colori (bianco della veste, il rosso della calzamaglia, il verde del cappello e del risvolto del mantello e infine, l'azzurro dell'abito della donna) vuole rappresentare l'alleanza avvenuta tra l'Italia e la Francia (accordi di Plombierès). Bisogna ricordare che questo quadro venne presentato all'Esposizione di Brera del 1859, a soli tre mesi dall'ingresso di Vittorio Emanuele II e Napoleone III a Milano.accordi di Plombierès L'intera scena, a giudicare dagli abiti e dall'architettura, si svolge in un'ambientazione medioevale, ma in realtà è del tutto immersa nel presente a causa del significato e del soggetto iconografico (il bacio) del tutto nuovo. Inoltre quest'opera esprime, non solo il concetto sentimentale, ma crea all'interno dell'opera un vero e proprio spazio intimo di coinvolgimento emotivo dell'osservatore; la presenza di mistero legata alla figura in penombra dell'androne non appare primaria alla visione globale, in quanto l'osservatore viene catturato dall'intensità degli amanti che sono posizionati sull'asse di simmetria. Riassumendo, Hayez con quest'opera vuole trasmettere il senso di amore, di desiderio e il senso di irrequietezza popolare per quello che poi sarà il Regno d'Italia. amoreRegno d'Italia

36 Grazie


Scaricare ppt "Risorgimento al Femminile Maria Mazzini Drago Anita Garibaldi La Contessa di Castiglione IL Brigantaggio & le Brigantesse Liceo Classico M.T. Cicerone."

Presentazioni simili


Annunci Google