La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Termodinamica 5 9 maggio 2011 Calore Calorimetro Capacità termica, calore specifico Termostato Trasmissione del calore Conduzione Convezione Evaporazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Termodinamica 5 9 maggio 2011 Calore Calorimetro Capacità termica, calore specifico Termostato Trasmissione del calore Conduzione Convezione Evaporazione."— Transcript della presentazione:

1 Termodinamica 5 9 maggio 2011 Calore Calorimetro Capacità termica, calore specifico Termostato Trasmissione del calore Conduzione Convezione Evaporazione Irraggiamento Calore scambiato in trasformazioni di gas ideale

2 Calore Come abbiamo visto in precedenza, quando due corpi hanno la stessa temperatura, si constata sperimentalmente che essi mantengono questa temperatura, cioè essa non varia nel tempo 2

3 Calore Consideriamo due sistemi che si trovino ciascuno in uno stato di equilibrio, ciascuno con una propria temperatura, e mettiamoli in interazione fra loro Supponiamo inoltre che i sistemi non abbiano interazione meccanica o chimica, ad esempio separandoli con una parete immobile di materiale opportuno 3

4 Calore Si osserva sperimentalmente che: –i due sistemi cambiano il proprio stato ed evolvono spontaneamente verso un nuovo stato di equilibrio con un valore di temperatura comune –Questa temperatura finale è generalmente intermedia tra le due iniziali (eccetto che per fenomeni che coinvolgono passaggi di stato) Si interpreta questo fatto come dovuto allo scambio di qualcosa tra i due sistemi, cui viene dato il nome di calore 4

5 Scambio di calore Diciamo che il calore è assorbito da un corpo se la sua temperatura aumenta o se, in un sistema a due fasi, si ha un aumento della fase liquida (p.e.) a spese di quella solida Diciamo che è ceduto se la temperatura del corpo diminuisce o si ha un aumento della fase solida a spese di quella liquida 5

6 Calore Convenzionalmente, al calore ceduto da un sistema viene assegnato valore negativo Al calore assorbito da un sistema viene assegnato valore positivo Q>0 Q<0 6

7 Verso spontaneo dello scambio di calore Sperimentalmente si osserva che il calore fluisce spontaneamente sempre dal corpo a temperatura maggiore a quello a temperatura minore Vedremo più avanti che questo fatto sarà elevato al rango di una legge naturale fondamentale Q 7

8 Quantità di calore Per parlare di quantità di calore dobbiamo stabilire come misurare il calore Procediamo nel modo consueto: scegliamo un campione e confrontiamo con questo tutte le quantità di calore Ammettiamo che un grammo dacqua quando si scalda o si raffredda di un grado, nelle stesse condizioni di pressione, assorba o ceda una ben determinata quantità di calore che prenderemo come unità di misura per il calore 8

9 Caloria Come unità si è scelta la quantità di calore necessaria a innalzare la temperatura di un grammo dacqua da 14.5° a 15.5°, che prende il nome di caloria (cal) Si usa anche ununità mille volte più grande, la grande caloria o chilocaloria (kcal) In definitiva la misura del calore si riconduce a misure di massa e temperatura Questa unità è usata principalmente in chimica Come vedremo, in fisica si usa unaltra unità 9

10 Cambiamenti di stato (o fase) Passaggi tra fase solida, liquida e gassosa La fusione e la solidificazione avvengono a temperatura costante (purché la pressione sia mantenuta costante) I passaggi di stato di alcune sostanze vengono usati come punti di riferimento nelle scale termometriche 10

11 Cambiamenti di fase Levaporazione di un liquido avviene a qualunque temperatura e la pressione del vapore cresce con la temperatura Quando la pressione del vapore uguaglia la pressione esterna si ha lebollizione, che avviene a temperatura fissa (però funzione della pressione esterna) 11

12 Cambiamenti di fase Sono accompagnati da scambio di calore e si osserva che, per unità di massa, si tratta di quantità ben definite, dette calori latenti, indicate con Il calore richiesto per il cambiamento di fase di una massa m di sostanza è dato da 12

13 Calorimetro È lo strumento che serve a misurare il calore Si basa sul principio che per un processo puramente termico, il calore si conserva Puramente termico significa che non vi sono trasformazioni chimiche o meccaniche Tipi di calorimetro –A riscaldamento o di Regnault –Isotermo o di Bunsen 13

14 Calorimetro di Regnault È costituito da: –un recipiente termicamente isolante contenente acqua –un termometro per misurare la temperatura dellacqua –un mescolatore per uniformare velocemente la temperatura dellacqua Nel calorimetro viene immerso un corpo con temperatura nota diversa da quella dellacqua Lo scambio termico tra lacqua e il corpo porta ad un cambiamento della temperatura dellacqua da cui si può risalire al calore ceduto dal corpo E` anche usato per misurare la capacita` termica 14

15 Calorimetro di Bunsen È costituito da: –un recipiente termicamente isolante, contenente acqua e ghiaccio in equilibrio a 0°C (apparecchio isotermo ) –una provetta circondata da un bulbo di vetro contenente acqua e ghiaccio –un capillare graduato contenente mercurio per misurare il volume dellacqua nel bulbo Nel recipiente viene introdotto il corpo da studiare, con temperatura diversa Lo scambio di calore tra corpo e calorimetro fa aumentare o diminuire la quantità dacqua rispetto a quella del ghiaccio presenti nel bulbo Da questa quantità si risale al calore scambiato tra corpo e calorimetro 15

16 Calorimetro di Bunsen Se d e` il diametro del capillare e l e` la variazione di lunghezza del mercurio nel capillare, la variazione di volume nel bulbo e` Se la lunghezza e` diminuita, significa che ghiaccio si e` sciolto e quindi il calorimetro ha assorbito calore dal corpo in esame, viceversa se la lunghezza fosse aumentata La relazione tra variazione di volume e massa m di ghiaccio sciolto e` 16

17 Calorimetro di Bunsen La massa e` dunque e il calore scambiato 17

18 Natura del calore Il fatto che il calore si conservi (nei processi puramente termici) è un elemento a favore della teoria, ora abbandonata, secondo cui il calore è una sostanza, come una specie di fluido (senza peso) che può trasferirsi da un corpo allaltro rimanendo costante in quantità Vedremo più avanti qual è linterpretazione moderna del calore 18

19 Capacità termica Supponiamo di variare la temperatura di un corpo; per quanto abbiamo visto, a quel corpo viene ceduto o tolto calore La capacità termica è il rapporto tra il calore scambiato Q e la corrispondente variazione di temperatura t: 19

20 Calore specifico Se il corpo è omogeneo, possiamo definire il calore specifico come la capacità termica dellunità di massa: Il calore specifico dipende dalla temperatura Dalla definizione di caloria, segue che lacqua tra 14.5° e 15.5° ha calore specifico pari a 1 Lunità di misura è cal/g/°C 20

21 Calore molare Il calore molare è la capacità termica di una mole di sostanza; detta M la massa molare: 21

22 Calore specifico/molare Per i solidi ed i liquidi, il calore molare si determina usualmente a pressione costante; esso perciò si chiama calore molare a pressione costante, C p Si può invece mantenere costante il volume del corpo e si misura così il calore molare a volume costante, C v Il rapporto delle due grandezze si indica con: Considerazioni analoghe valgono per il calore specifico 22

23 Calore specifico/molare La distinzione tra C p e C v ha grande importanza nel caso dei gas In generale, C p e C v variano con la temperatura e la pressione in modo non semplice Fa eccezione il gas ideale, per cui si trova sperimentalmente che il calore molare è costante su ampi intervalli Considerazioni analoghe valgono per il calore specifico 23

24 Misura della capacita` termica con il calorimetro di Regnault Supponiamo di introdurre un corpo di capacità termica incognita C x e temperatura T 2 nel calorimetro ad acqua ad una temperatura T 1 Dopo un certo tempo il corpo e il calorimetro si porteranno in equilibrio termico ad una temperatura T eq. Il calore ceduto dal corpo è Mentre il calore acquistato dal calorimetro è 24

25 Misura della capacita` termica con il calorimetro di Regnault Ove in C ca si è distinto il contributo dellacqua C a, da quello del calorimetro vuoto (pareti, agitatore, termometro) C c Per il principio della conservazione del calore le due espressioni devono essere uguali E risolvendo rispetto a C x 25

26 Misura della capacita` termica con il calorimetro di Regnault E quindi possibile determinare la capacità termica di un corpo misurando le tre temperature T eq, T 1, T 2, una volta nota la capacità termica del calorimetro Tale capacità può essere determinata sperimentalmente in via preliminare con procedimento analogo a quello esposto per il corpo, sostituendo a questo una opportuna quantità dacqua (sostanza di cui e` noto il calore specifico) 26

27 Termostato È anche detto sorgente o serbatoio di calore Come abbiamo visto, due sistemi messi a contatto e interagenti solo termicamente, si scambiano calore e variano entrambi (eccetto nei cambiamenti di stato) la loro temperatura, fino a raggiungere un valore comune Vi sono casi in cui un sistema non varia apprezzabilmente la propria temperatura 27

28 Termostato Idealmente un termostato è un sistema che pur interagendo termicamente non varia affatto la propria temperatura È quindi un concetto limite Serbatoio caldo Serbatoio freddo Serbatoio intermedio 28

29 Trasmissione del calore Il calore si trasferisce da un corpo ad un altro in quattro modi: –conduzione –convezione –evaporazione –irraggiamento 29

30 Conduzione È la trasmissione di calore mediante una catena ininterrotta di mezzi materiali È importante nei corpi solidi, ma generalmente non nei liquidi per linnescarsi della convezione Macroscopicamente non si osserva nessun movimento che accompagni questo passaggio Si tratta di un movimento microscopico a livello molecolare Il calore fluisce sempre da punti a temperatura maggiore verso quelli a temperatura minore 30

31 Conduzione Con misure calorimetriche si può indagare come la quantità di calore che fluisce tra due corpi di temperature rispettivamente T 1 < T 2 collegati da un conduttore di calore di forma convenientemente semplice, dipenda dalla differenza di temperatura, dalla forma del conduttore e dallarea di contatto tra questo e i corpi 31

32 Conduzione Un caso particolarmente semplice è quello di una sbarra omogenea di lunghezza l e sezione costante A uguale allarea di contatto con i corpi In condizioni stazionarie la quantità di calore che passa nel tempo t è k è la conducibilità termica, una costante che dipende dal materiale di cui è fatta la sbarra ed è funzione della temperatura Il rapporto è la caduta media di temperatura lungo la sbarra T2T2 T1T1 Q 32

33 Conduzione Generalizziamo questa legge per geometrie piu` complesse: per una lunghezza infinitesima dl, cui corrisponde una differenza infinitesima di temperatura dT, si trova la legge di Fourier: Ove è il gradiente di temperatura: se è costante si riottiene lequazione precedente Il segno meno sta a significare che il calore fluisce nel verso in cui la temperatura diminuisce cioè in verso opposto al gradiente di temperatura 33

34 sostanzaTemp (K)k (J/m/s/K) argento rame stagno aria acqua ghiaccio diamante vetro sughero Conducibilità termica di alcune sostanze 34

35 Convezione È trasferimento di calore dovuto a movimenti macroscopici di materia Si verifica naturalmente nei fluidi per le variazioni locali di densità conseguenti a differenze di temperatura La teoria matematica è estremamente complessa 35

36 Evaporazione Levaporazione alla superficie di un liquido, e il fenomeno inverso, la condensazione, sono facilmente spiegabili in teoria cinetica Alcune molecole prossime alla superficie possono avere sufficiente energia cinetica per vincere le intense forze attrattive esercitate dalle altre molecole del liquido Queste molecole vanno cosi a formare il vapore nello spazio sovrastante il liquido Se questo spazio e` limitato, il vapore gradualmente lo riempie, diventando via via piu` denso Contemporaneamente una parte delle molecole del vapore, muovendosi casualmente, ritorna verso la superficie e rientra nel liquido 36

37 Evaporazione Il numero di molecole che rientrano nellunita` di tempo e` proporzionale alla densita` del vapore Quando la densita` raggiunge un certo valore si stabilisce una condizione di equilibrio, in cui il numero di molecole che rientrano e` uguale, in media, a quello delle molecole che sfuggono dal liquido Si crea cioe` un equilibrio cinetico Un vapore in equilibrio cinetico con il suo liquido si dice saturo Se il vapore non puo` accumularsi sopra il liquido, il vapore rimane insaturo, lequilibrio non viene raggiunto e il liquido continua a evaporare Questo meccanismo e` tra i piu` efficaci per scambiare calore rapidamente 37

38 Evaporazione Consideriamo un recipiente chiuso contenente liquido e vapore a temperatura costante, in equilibrio La densita` e la pressione del vapore assumono un valore che dipende solo dalla temperatura, cioe` allequilibrio, la pressione puo` assumere un solo valore Supponiamo infatti di aumentare la pressione del vapore diminuendone il volume: la densita` aumenta e lequilibrio e` momentaneamente distrutto, perche il numero di molecole che entrano nel liquido nellunita` di tempo e` maggiore di quello che ne escono Si verifica cosi una rapida condensazione che ripristina la densita` e la pressione, cioe` lo stato di equilibrio, originari Questo spiega perche le isoterme dei gas reali, nella zona di condensazione, sono segmenti orizzontali 38

39 Evaporazione Cambiare la pressione del vapore, pero`, si puo`, cambiandone la temperatura Se riscaldiamo il sistema liquido-vapore, lenergia cinetica media delle molecole del liquido aumenta e questo porta ad un numero maggiore di molecole che sfuggono dal liquido nellunita` di tempo Aumentano di conseguenza la densita` e la pressione del vapore 39

40 Irraggiamento È il processo per cui lenergia termica si propaga attraverso lo spazio vuoto o attraverso corpi trasparenti senza essere assorbita Lenergia termica raggiante –si può far riflettere e rifrangere –come la luce ha natura di onda e.m. –si propaga nel vuoto alla velocità della luce Quando incide su un corpo, una parte può attraversarlo senza essere assorbita, una parte viene assorbita e convertita in moto molecolare, cioè in calore 40

41 Scambi di calore Dalla definizione di calore specifico possiamo, reciprocamente, esprimere il calore scambiato in una trasformazione a pressione costante o a volume costante: per una variazione di temperatura infinitesima e per una variazione finita: Ove m=nM è la massa del corpo in esame, t 1 e t 2 le temperature iniziale e finale e c(t) è il calore specifico appropriato al tipo di trasformazione 41

42 Calore scambiato in una TQ isocora per il gas ideale Il calore specifico appropriato è c v Il calore scambiato è: Per una mole: A B p V 42

43 Calore scambiato in una TQ isobara per il gas ideale Il calore specifico appropriato è c p Il calore scambiato è: Per una mole: AB p V 43

44 Calore scambiato in una TQ isoterma per il gas ideale Dobbiamo aspettare di introdurre il 1° principio A B p V 44

45 Calore scambiato in una TQ adiabatica Banalmente abbiamo Vale in generale, non solo per il gas ideale 45


Scaricare ppt "Termodinamica 5 9 maggio 2011 Calore Calorimetro Capacità termica, calore specifico Termostato Trasmissione del calore Conduzione Convezione Evaporazione."

Presentazioni simili


Annunci Google