La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Richiami di Fisica CLIMATOLOGIA Prof. Carlo Bisci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Richiami di Fisica CLIMATOLOGIA Prof. Carlo Bisci."— Transcript della presentazione:

1 Richiami di Fisica CLIMATOLOGIA Prof. Carlo Bisci

2 Per individuare le condizioni nelle quali si trova un corpo omogeneo è necessario conoscere i valori di tre variabili: PRESSIONE (P) VOLUME (V) TEMPERATURA (T) Linsieme dei valori assunti simultaneamente da queste tre grandezze individua univocamente lo STATO INTERNO del corpo. Quando varia il valore di alcune di queste grandezze, si dice che il corpo sta subendo una TRASFORMAZIONE o un PROCESSO, per cui si passa da una terna iniziale di valori ad una terna finale. Se al termine della trasformazione lo stato finale del corpo coincide con lo stato iniziale, cioè tutte le variabili P,V e T hanno ripreso il loro valore iniziale, si dice che il corpo ha percorso una TRASFORMAZIONE CICLICA o CICLO, ma ciò non significa che durante tutto il processo le tre variabili si siano mantenute costanti.

3 A seconda che un corpo possa o meno ripercorrere la trasformazione in senso inverso senza che lambiente esterno si alteri, le trasformazioni fisiche possono essere REVERSIBILI o IRREVERSIBILI. Le trasformazioni reali, ed in particolare quelle meteorologiche, sono tutte IRREVERSIBILI, in quanto in esse è sempre presente attrito e propagazione o dissipazione di calore. Le trasformazioni più importanti sono: Trasformazione ISOTERMA : a temperatura costante; Trasformazione ISOBARA : a pressione costante; Trasformazione ISOCORA : a volume costante; Trasformazione ADIABATICA : senza scambi di calore tra il corpo considerato e lambiente esterno;

4 Per i gas, quale è laria, le tre variabili che individuano lo stato non sono indipendenti, ma una volta conosciute due di esse la terza è univocamente determinata. La legge fondamentale che dobbiamo ricordare prende il nome di legge di stato o equazione fondamentale dei gas perfetti, che sostanzialmente afferma che in una trasformazione qualsiasi il prodotto pressione per volume è direttamente proporzionale alla temperatura attraverso una costante definita costante specifica dei gas, cioè: se si passa da P 0, V 0, 0°C a P, V, T si ha P*V = * P 0 *V 0 *T dove * P 0 *V 0 = R = COSTANTE SPECIFICA DEI GAS e quindi P*V = R*T

5 Analizzando semplicemente questa equazione, possiamo facilmente notare che: 1. A temperatura costante, ad ogni aumento di pressione corrisponde una diminuzione proporzionale del volume, e quindi un aumento proporzionale di densità; 2. A pressione costante, ad ogni aumento di temperatura corrisponde un aumento di volume, e quindi una diminuzione di densità.

6 Si definisce CALORE SPECIFICO di un corpo la quantità di calore misurata in calorie che occorre fornire ad 1 grammo di questo corpo per far aumentare la sua temperatura di 1° centigrado, precisamente da 14,5 °C a 15,5 °C. Praticamente è un indice della capacità dei corpi di assorbire calore, fenomeno che qualitativamente si manifesta con un aumento della sua temperatura. Per riferimento, si assume pari a 1 caloria il calore specifico dellacqua. Ad esempio, il calore specifico medio di una roccia è circa 0.2; per far salire la temperatura di 1 g di roccia di 1 °C si dovrà quindi fornire una quantità di calore cinque volte minore rispetto a quella necessaria per lacqua. Si comprende da questo semplice esempio come in natura esistano delle notevoli differenze di temperature tra corpi investiti dalla stessa quantità di calore.

7 In natura, la trasmissione del calore può avvenire in diversi modi: per irraggiamento per conduzione o conducibilità calorica per convezione

8 L IRRAGGIAMENTO è una azione di trasmissione del calore che avviene a distanza, senza il contatto fisico tra i corpi. I corpi emettono REM di diversa intensità e lunghezza donda, a seconda della loro temperatura.

9 Spettro della REM

10 Interazioni REM / materia La REM, incontrando la materia, può essere: TRASMESSA (corpo trasparente) RIFLESSA (corpo chiaro) ASSORBITA (corpo scuro) Per la legge della conservazione dellenergia: I = T + R + A

11 La radiazione che il suolo (fortemente assorbente) riceve dal sole aumenta rapidamente la sua temperatura (basso calore specifico); viceversa, a parità di irraggiamento, lacqua (poco assorbente) aumenta molto più lentamente di temperatura (alto calore specifico) Più fredda di giorno Più calda di giorno

12 La CONDUZIONE è una trasmissione di calore che avviene allinterno del corpo ed avviene quando un corpo più caldo si trova a contatto con un corpo meno caldo, e tale trasmissione avviene sempre dal corpo più caldo a quello più freddo. La conduzione dipende dalla conducibilità termica dei corpi. Il suolo, essendo un cattivo conduttore, non trasmette calore per conduzione in profondità. Il riscaldamento investe quindi un limitato strato della superficie. Lacqua riscaldata, al contrario, avendo una maggiore conducibilità termica trasmetterà il calore allacqua circostante, per cui la temperatura risulterà molto più omogeneamente distribuita in profondità.

13 La CONVEZIONE, infine, si attiva quando un fluido si muove entrando a contatto con una sostanza a temperatura diversa, con la quale scambia calore e si mescola, tendendo bilanciare le temperature. I moti convettivi sono originati dalla diminuzione di densità delle masse più calde, che tenderanno quindi a salire e viceversa ( correnti convettive ). Ovviamente, dato che la convezione implica un movimento relativamente rapido di materia, questa può interessare solamente fluidi (liquidi e gas). In conseguenza della convezione, quindi, le masse daria e di acqua tenderanno ad avere una distribuzione delle temperature più omogenea rispetto alla terra solida

14 Se introduciamo acqua in un recipiente contenente aria secca, possiamo notare come lacqua in parte inizi ad evaporare e si formi vapore acqueo. La pressione parziale del vapore acqueo contenuto nellaria si chiama TENSIONE Dl VAPORE. Se manteniamo la temperatura costante, il processo di evaporazione continuerà fino a quando verrà raggiunto uno stato di equilibrio, per cui se evapora una quantità x di acqua cè una eguale quantità x di vapore acqueo che torna allo stato liquido. In questo momento il processo ha raggiunto la tensione di vapore massima relativa alla temperatura T, e laria si dice satura di vapor acqueo. Questa pressione si definisce TENSIONE Dl VAPOR SATURO. Allaumentare della temperatura, anche la tensione di vapor saturo aumenta, con un andamento non lineare ma esponenziale. Per lequazione di stato dei gas perfetti, la quantità di vapore che un prefissato volume è direttamente proporzionale alla tensione di vapore, per cui più è alta la temperatura più grande la quantità di vapor acqueo che laria può contenere.

15 Sollevamento adiabatico Una massa d'aria riscaldata tende ad espandersi per la sua maggiore energia cinetica. Espandendosi, diminuisce la densità, per cui comincia a sollevarsi (principio di Archimede) ed a raffreddarsi (minor calore per unità di volume). Salendo, incontra masse d'aria a pressione inferiore, per cui continua ad espandersi senza scambiare calore con le masse circostanti (processo adiabatico). Questa espansione/salita termina solo quando l'aria che risale raggiunge la temperatura e la pressione di quella circostante.

16 L UMIDITA RELATIVA, si esprime in valori percentuali ed è uguale al rapporto tra la tensione di vapore effettiva (e) e la tensione di vapore massima (E) moltiplicato per 100, cioè: U r = ( e / E ) * 100 Nella messaggistica meteorologica solitamente non viene fornita lumidità relativa, ma una grandezza ad essa collegata, ovvero la temperatura del punto di rugiada (o di brina se inferiore a 0°C), ovvero la temperatura a cui e = E.

17 Lacqua in natura può esistere allo stato SOLIDO (sotto forma di ghiaccio di varie forme e dimensioni), LIQUIDO (sotto forma di gocce di varia forma e natura e di massa compatta) e GASSOSO (sotto forma di vapor acqueo, cioè di gas incolore e trasparente). Si può passare, sotto determinate condizioni fisiche, da uno stato allaltro attraverso vari fenomeni e trasformazioni. Si definiscono: CONDENSAZIONE : passaggio dallo stato gassoso allo stato liquido; EVAPORAZIONE : passaggio dallo stato liquido allo stato gassoso; SOLIDIFICAZIONE : passaggio dallo stato liquido allo stato solido; FUSIONE : passaggio dallo stato solido allo stato liquido; SUBLIMAZIONE : passaggio dallo stato solido allo stato gassoso o viceversa

18 Per passare a stati a maggiore libertà, l'acqua assorbe energia ( calore latente ) che cede quando torna a stati a minore libertà. Stati dell'acqua

19 Se la temperatura scende al di sotto del punto di rugiada, per lequazione di stato dei gas perfetti deve necessariamente avvenire una diminuzione della tensione di vapor saturo, ma dato che la tensione di vapore della massa daria non può essere mai superiore alla tensione di vapor saturo, una certa parte di vapore dovrà necessariamente condensare. Ogni processo meteorologico nei quali il vapore contenuto in una massa daria condensa, come formazione di nubi, nebbie, foschie, brina, rugiada, sono determinati da un abbassamento di temperatura. Tale abbassamento di temperatura può essere dovuto a: Espansione dellaria; Mescolanza con aria più fredda; Perdita di calore per irraggiamento; Contatto con una superficie fredda.

20 Forza di Coriolis


Scaricare ppt "Richiami di Fisica CLIMATOLOGIA Prof. Carlo Bisci."

Presentazioni simili


Annunci Google