La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Transizione e consolidamento democratico Sociologia delle Relazioni Internazionali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Transizione e consolidamento democratico Sociologia delle Relazioni Internazionali."— Transcript della presentazione:

1 Transizione e consolidamento democratico Sociologia delle Relazioni Internazionali

2 “Il metodo democratico consiste in una configurazione istituzionale tesa al conseguimento di decisioni politiche, nella quale gli individui acquisiscono il potere di decidere attraverso una lotta competitiva per il voto popolare.” (Schumpeter J. A., Capitalismo, socialismo e democrazia)

3 Transizione alla democrazia Huntington, S.P., La terza ondata. I processi di democratizzazione alla fine del XX secolo. Linz J.J., Stepan A., Transizione e consolidamento democratico. Linz J.J., Stepan A., L'Europa post-comunista Grilli di Cortona P., Come gli Stati diventano democratici. Morlino L., Democrazia e democratizzazioni.

4 Huntington: le 3 ondate I ondata di democratizzazione (lunga) I ondata di riflusso II ondata di democratizzazione (corta) II ondata di riflusso III ondata di democratizzazione

5 La 1° ondata La prima ondata trova le sue radici nella rivoluzione americana e in quella francese, sebbene le istituzioni democratiche emergeranno solo nel XIX secolo. Durante la prima ondata di riflusso, si assiste al ritorno dell'autoritarismo e l'introduzione di nuove forme di totalitarismo.

6 La 2° ondata  La seconda ondata di democratizzazione inizia sulla scia della fine del secondo conflitto mondiale, e coinvolge:  Europa Occidentale  alcuni paesi del Sud America (vedi Argentina, Colombia, Venezuela e Perù).  Avvio del processo di decolonizzazione dell'Africa  La seconda ondata di reflusso coinvolge: Sud America (Perù, Cile, Bolivia, Argentina) Asia (Pakistan, Corea, Indonesia, Filippine) Mediterraneo (Grecia e Turchia) Africa (Nigeria).

7 La 3° ondata La terza ondata inizia con la fine della dittatura portoghese (aprile 1974) La caduta del regime militare greco (1974) La morte del dittatore spagnolo Francisco Franco (1975) Il Sud America e l'Asia Europa orientale

8 Huntington Un sistema politico può essere definito democratico quando: 1.le posizioni più importanti del decision making vengono ricoperte grazie ad elezioni regolari corrette e periodiche; 2.tutta la popolazione adulta detiene il diritto di voto.

9 Huntington 1.Legame tra Stato-Nazione e democratizzazione 2.Democratizzazione e sviluppo socio-economico

10 Linz e Stepan: i sistemi politici Democratico Totalitario Autoritario Post–totalitario Sultanistico.

11 Totalitarismo Eliminazione di ogni pluralismo (politico, economico e sociale) Un' ideologia-guida unificatrice Una mobilitazione intensa e ampia Una leadership che governa, spesso in modo carismatico, senza limiti definiti e con un alto livello di imprevedibilità

12 Autoritarismo  Pluralismo politico limitato  La classe politica non rende conto del proprio operato  Non si basa su un'ideologia guida articolata, ma è caratterizzato da mentalità specifiche  Non esiste una mobilitazione politica capillare e su vasta scala  Il potere è esercitato da un leader, o a volte un piccolo gruppo, entro limiti mal definiti sul piano formale, ma in effetti piuttosto prevedibili

13 Sultanismo  “il patrimonialismo, ed in casi estremi, il sultanismo tendono a nascere quando il tipo di dominazione tradizionale sviluppa un apparato amministrativo ed una forza militare che sono strumenti meramente personali in mano al capo […]. Nei casi in cui la dominazione opera principalmente sulla base della discrezionalità […] verrà chiamato sultanismo” (Max Weber)

14 Linz e Stepan: le 5 arene 1.Una società civile libera ed attiva. 2. Una società politica relativamente autonoma e considerata favorevolmente. 3. Il rispetto per le leggi, ovvero il rule of law che assicuri ai cittadini garanzie legali per le libertà e una vita associativa indipendente. 4. Una burocrazia statale che possa essere impiegata dal nuovo governo democratico. 5. Una società economica istituzionalizzata e dotata di istituzioni e regolamentazioni che le consentano di svolgere il ruolo di intermediaria tra lo stato ed il mercato.

15 Altre variabili della transizione Gli attori interni (ossia i soggetti che iniziano e controllano la transizione) Il contesto internazionale.

16 Regimi autoritari (Linz) 1.Regimi autoritari burocratico-militare (America latina) 2.Regimi a statalismo organico (corporativismo e stato organico) 3.Regini autoritari di mobilitazione nelle società post- democratiche (fascismo e franchismo) 4.Regimi autoritari di mobilitazione dopo l’indipendenza (post colonialismo) 5.Regimi di dominio personale (nuovi stati africani) 6.Regimi autoritari post-totalitari (ex paesi comunisti)

17 Misurare la democrazia

18 Il dilemma del torturatore (Huntington) Perdonare e dimenticare Perseguire e punire Nessuna delle due opzioni The National Commission for Truth and Reconciliation (Chile, 1991) Truth and Reconciliation Commission (South Africa, 1995)


Scaricare ppt "Transizione e consolidamento democratico Sociologia delle Relazioni Internazionali."

Presentazioni simili


Annunci Google