La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Amministrare al futuro: IL CONTRIBUTO DEI LEADER POLITICI Sergio Fabbrini School of Government Luiss Guido Carli Roma IV Assemblea Nazionale ANCI Giovane.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Amministrare al futuro: IL CONTRIBUTO DEI LEADER POLITICI Sergio Fabbrini School of Government Luiss Guido Carli Roma IV Assemblea Nazionale ANCI Giovane."— Transcript della presentazione:

1 Amministrare al futuro: IL CONTRIBUTO DEI LEADER POLITICI Sergio Fabbrini School of Government Luiss Guido Carli Roma IV Assemblea Nazionale ANCI Giovane – Roma 21 giugno 2012

2 Indice 1.Introduzione: il principe democratico (il leader) 2.Il leader democratico e i sistemi di governo 3.Perché i leader democratici contano sempre di più? 4.Le esperienze degli Stati Uniti e dellEuropa 5.Come controllare i leader democratici 6.Conclusione: la nuova sfida del potere esecutivo

3 I. Introduzione: il leader democratico 1. Il dibattito sul leader democratico ha accompagnato lo sviluppo della politica liberale 2. Due posizioni constrastanti si sono tradizionalmente imposte: il leader é una necessità vs. il leader é un pericolo 3. Il leader é necessario: (a) per risolvere I problemi (decision-making) e per dare identità ad una comunità politica (identificazione) 4. Il leader é pericoloso: (a) il potere personale é incompatibile con la democrazia perché (b) il potere personale non può essere controllato

4 II. Leader e sistemi di governo 1.La teoria democratica ha oscillato tra i due poli – sin dal primo grande dibattito sulla questione (alla Convenzione di Filadelfia del 1787) tra Hamilton e Madison 2.Lesperienza democratica ha registrato lo sviluppo di diversi sistemi di governo per risolvere il puzzle di riconoscere limportanza del potere esecutivo e allo stesso tempo di controllarlo 3.Governo presidenziale: esecutivo vs legislativo 4.Governo parlamentare: governo vs opposizione 5.Governo semi-presidenziale: soluzione ibrida

5 III. Perché i leader contano sempre I più? 1. Trasformazione della politica domestica: la relazione tra i leader e i partiti é divenuta più favorevole ai primi che ai secondi per le seguenti ragioni: 2. Declino e trasformazione dei partiti politici sia negli Stati Uniti che in Europa (democratizzatione delle procedure di selezione) 3. Ridefinizione delle strutture sociali: da fratture permanenti a fratture contingenti 4. Internazionalizzazione e europeizzazione 5. La rivoluzione dei media: la politica come spettacolo

6 IV. Le esperienze degli USA e dellEuropa 1. Negli USA il presidente é diventato il principale attore del governo separato – per ragioni domestiche e soprattutto internazionali 2. In Europa – il primo ministro e il presidente semi- presidenziale sono divenuti I principali attori del governo fuso – per il ridimensionamento dei partiti politici, per il ruolo crescente esercitato dai media nel processo politico, per gli effetti del processo di integrazione 3. Lesperienza di Silvio Berlusconi: anomalia o trend?

7 V. Come controllare I leader 1.Le istituzioni contano: ogni sistema di governo deve essere fine- tuned per affrontare la sfida dellascesa dei leader (senza negarla) 2.E necessaria una nuova cultura politica della leadership: che ne riconosca limportanza sistemica e ne controlli lazione (rafforzando il legislativo nei governi presidenziali e lopposizione nei governi parlamentari e semi-presidenziali) 3.E necessaria anche una nuova cultura costituzionale, che riconosca i media come un potere costituzionale da regolare: attraverso il pluralismo dei media e la neutralizzazione dei conflitti dinteresse 4.Ma le istituzioni/costituzioni non bastano: importanza delle autonomie della società civile: limitare la logica della politica

8 VI. Conclusione: la nuova sfida del potere esecutivo 1.Il potere esecutivo é necessario e diventa pericoloso solo seun-checked: la crescita del potere esecutivo e dei leader al suo interno é un fatto storico irreversibile 2.E irreversibile perché assolve funzioni sistemiche: la decisione é un bene pubblico e lidentificazione é unesigenza sociale 3.Le democrazie liberali hanno bisogno sia di governi effettivi (capaci di prendere decisioni ed educare I cittadini) che di governi controllabili (sia istituzionalmente che socialmente)


Scaricare ppt "Amministrare al futuro: IL CONTRIBUTO DEI LEADER POLITICI Sergio Fabbrini School of Government Luiss Guido Carli Roma IV Assemblea Nazionale ANCI Giovane."

Presentazioni simili


Annunci Google