La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prima apparizione Il 13 Maggio 1917 i bambini avevano portato le pecore alla Cova d'Iria, stavano giocando quando nel cielo senza nuvole apparve un bagliore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prima apparizione Il 13 Maggio 1917 i bambini avevano portato le pecore alla Cova d'Iria, stavano giocando quando nel cielo senza nuvole apparve un bagliore."— Transcript della presentazione:

1

2 Prima apparizione Il 13 Maggio 1917 i bambini avevano portato le pecore alla Cova d'Iria, stavano giocando quando nel cielo senza nuvole apparve un bagliore come un lampo(…) sopra un piccolo leccio videro "una Signora vestita di bianco più splendente del sole, che emanava una luce chiara ed intensa." La bella Signora disse: "Non abbiate paura(…)." Lucia domandò: "Da dove venite?" "Vengo dal Cielo" rispose la Signora. Lucia: "Che cosa desiderate?" "Sono venuta a chiedervi che veniate qui, sei mesi di seguito. Poi vi dirò chi sono e che cosa voglio." Lucia: "Venite dal Cielo...e io andrò in Cielo?" "Si andrai". "E giacinta?" "Anche" "E Francesco?" "Anche lui, ma dovrà recitare molti rosari". Lucia dice di essersi ricordata di due ragazze che erano morte da poco tempo: "Maria Das Neves è già in cielo?" (si trattava di una loro amica morta all'età di 16 anni) "Si, è là" "E Amelia?" (un'altra loro amica morta all'età di 18 anni) "Resterà in Purgatorio fino alla fine del mondo" (…) La visione si dileguò dicendo: "Recitate il rosario tutti i giorni per ottenere la pace per il mondo e la fine della guerra." E scomparve.

3 Seconda apparizione Il 13 Giugno 1917, accompagnati da una cinquantina di persone i bambini stavano recitando il rosario, quando ci fu di nuovo il lampo, e subito dopo la Signora sull'elce come a Maggio. (…) Lucia domandò la guarigione di un malato, la Madonna rispose: "Che si converta, e guarirà entro l’anno!" "Vorrei chiederle di portarci in cielo", disse Lucia. "Sì, Giacinta e Francesco li porterò tra poco, tu però devi rimanere quaggiù più a lungo. Gesù vuole servirsi di te per farmi conoscere ed amare. Egli vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato; a chi la praticherà prometto la salvezza; (…)". (…) Quindi aprì le mani (…) Davanti al palmo della mano destra della Signora c'era un cuore circondato di spine che lo trafiggevano. Capirono che era il Cuore Immacolato di Maria oltraggiato dai peccati degli uomini, e Lei quindi chiedeva riparazione.

4 Terza apparizione Il 13 Luglio 1917 recitavano il rosario con la folla, videro il solito riflesso di luce e poi la Signora sull'elce. Lucia chiese: “(…) Vorrei chiederle di dirci chi è e di fare un miracolo perché credano tutti che Lei ci appare". Ad ulteriori richieste di grazie l’apparizione rispose che non avrebbe guarito lo storpio né lo avrebbe liberato dalla povertà, ma che egli recitasse piuttosto il Rosario tutti i giorni con la famiglia, che il malato non avesse fretta. Le altre persone avrebbero ottenuto le grazie desiderate durante l’anno prossimo, ma bisognava che recitassero ilRosario. Coloro che avevano assistito avevano potuto osservare questa volta una nuvoletta bianca che era scesa sul leccio, accompagnata da un accentuato abbassamento della luce solare. La Madre del Signore in quel giorno affidò ai bambini anche un segreto composto di tre parti. (…) aprì di nuovo le mani e il riflesso di luce sembrò penetrare la terra, i bambini ebbero la visione dell'inferno, Spiega Lucia: "Dicendo queste ultime parole, la Signora aprì di nuovo le mani, come nei due mesi precedenti. Sembrò che il riflesso penetrasse la terra e vedemmo come un mare di fuoco. Immersi in quel fuoco i demoni e le anime, come se fossero braci trasparenti e nere, o bronzee, in forma umana, che fluttuavano nell’incendio, trasportate dalle fiamme che uscivano da loro stesse, insieme a nuvole di fumo che cadevano da ogni parte uguali al cadere delle scintille nei grandi incendi, senza peso né equilibrio, tra grida e gemiti di dolore e disperazione che suscitavano orrore e facevano tremare di paura. I demoni si distinguevano per le forme orribili e schifose di animali spaventosi e sconosciuti, ma trasparenti come neri carboni roventi". Spaventati alzarono gli occhi alla Signora che disse: "Avete visto l'inferno, dove cadono le anime dei poveri peccatori. Per salvarle Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Mio Cuore Immacolato (…).

5 Quarta apparizione Il giorno 13 agosto, in cui avrebbe dovuto svolgersi la quarta apparizione, i ragazzi non poterono andare questa volta all’appuntamento perché il sindaco del paese, convinto anticlericale, li aveva messi in carcere per due giorni e minacciati di torture e di morte ma essi non cedettero, erano pronti ad offrire la loro vita per non tradire le promesse fatte alla Madonna. Nulla valse a far rivelare il segreto confidato loro dalla Madre di Gesù e nulla poterono le minacce. Alla solita ora, alla Cova da Iria, si era radunata moltissima gente. Si udì un tuono, al quale seguì un lampo, e i presenti notarono una piccola nuvola bianca librarsi qualche minuto sull'elce. Si osservarono anche fenomeni di colorazione, di diversi colori del volto delle persone, degli abiti, delle piante, del suolo. La Madonna era certamente venuta, ma non aveva trovato i veggenti. Dopo il loro rilascio, la domenica successiva, il giorno 19, i bambini ebbero una inaspettata sorpresa: a Valinhos, la Madonna apparve loro mentre pascolano il gregge. (…)Poi con un aspetto più triste disse: "Pregate, pregate molto e fate sacrifici per i peccatori. Badate che molte anime vanno all'inferno perché non vi è nessuno che preghi per loro".

6 Quinta apparizione Per la quinta apparizione alla Cova da Iria era radunata una grande folla il cui numero fu calcolato tra le 15 e le 20 mila persone, o forse più. È il 13 settembre e sono quasi le 12. Improvvisamente il Sole inizia a velarsi e un globo di luce giunge da oriente ad occidente. Maria prende a parlare ai veggenti: "Continuate a recitare il Rosario per ottenere la fine della guerra. In ottobre verrà anche il Signore, la Madonna addolorata, la Madonna del Carmine, San Giuseppe col bambino Gesù, per benedire il mondo. Dio è contento dei vostri sacrifici, ma non vuole che dormiate con la corda (il cilicio legato ai fianchi). Portatela soltanto il giorno" Lucia: "Mi hanno pregato di chiederLe molte cose: la guarigione di alcuni malati, di un sordomuto..." "Si, qualcuno lo guarirò, altri no. In ottobre farò il miracolo, affinché tutti credano". Durante questo colloquio, a tutti i presenti, era stato permesso dalla Madonna di poter vedere una parte di cielo colorarsi di giallo oro e un nembo bianco attorniare il leccio avvolgendo nel suo alone anche i veggenti. Tutti poterono assistere, al momento della fine della visione, all'ascendere del globo luminoso verso il cielo e videro una pioggia infinita di petali bianchi che prima di toccare terra scomparivano.

7 Sesta e ultima apparizione Il 13 Ottobre 1917 i bambini erano circondati da una folla di persone sotto una pioggia torrenziale (…). Poi Lucia disse: "Vorrei chiederle molte grazie, le esaudirete?". "Alcune sì, altre no. E' necessario che chiedano perdono per i loro peccati, che non offendano più (…) A questo punto accadde il segno promesso, Lucia gridò di guardare il sole, la pioggia cessa improvvisamente ed appare un insolito sole lucente ma non abbagliante. Il sole comincia a girare su se stesso proiettando in ogni direzione fasci di luce di ogni colore che accendono e colorano le nubi, il cielo, gli alberi, la folla. Si ferma per alcuni momenti poi riprende, si ferma ancora e poi ricomincia come prima. Ad un tratto sembra che si stacchi dal cielo per precipitare sulla folla che assisteva terrorizzata, cadeva in ginocchio, invocava misericordia. Intanto i bambini videro accanto al sole la Madonna vestita di bianco col manto azzurro, S. Giuseppe col Bambino che benedicevano il mondo. Poi dopo questa visione videro il Signore che benediceva il mondo, con accanto la Madonna Addolorata. Svanita questa visione videro la Madonna del Carmelo. Terminato il miracolo la gente si accorse di avere gli abiti completamente asciutti. Una copia fotostatica di una pagina della rivista Ilustração Portuguesa del 29 ottobre 1917 ritraente la folla che osserva il 'miracolo del sole'.

8

9 Notizie sui veggenti Francesco (Francisco) Marto nacque l’11 giugno 1908 e sua sorella Giacinta (Jacinta) il 10 marzo I Marto, erano devoti credenti, vivevano in maniera molto modesta del loro lavoro dei campi ed erano molto rispettati da tutti poiché erano una coppia estremamente unita, umile, leale e virtuosa. La piccola Giacinta aveva un carattere dolce e mite. Suo fratello Francesco, di due anni più grande, aveva lo stesso carattere di suo padre: umile e dolce. I due bambini morirono molto piccoli come aveva predetto la Santa Vergine in una delle sue apparizioni.

10 Lucia dos Santos nacque il 22 marzo 1907 ad Aljustrel, una frazione della città di Fatima. I coniugi dos Santos vivevano del lavoro della terra e abitavano in una modesta casa.

11 Diversi anni dopo, il 10 dicembre 1925, quando Lucia era già entrata nell'ordine delle Dorotee, ricevette l'apparizione della Madonna e del bambino Gesù nella sua cella. La Madonna le mostrò il Suo Cuore coronato di spine e le disse: "Guarda figlia mia, il mio Cuore coronato di spine, che gli uomini ingrati ad ogni momento mi infiggono con bestemmie e ingratitudini. Tu, almeno, cerca di consolarmi e assicura a tutti coloro che: per 5 mesi consecutivi, nel primo sabato del mese si - confesseranno con l'intenzione di riparare le offese al Cuore Immacolato; - riceveranno la Santa Comunione con la stessa intenzione, - reciteranno il Rosario, almeno una terza parte con la stessa intenzione; - e mi faranno compagnia per un quarto d'ora meditando i 15 misteri del Rosario con lo scopo di offrirmi riparazione; Io prometto di assisterli nell'ora della morte con tutte le grazie necessarie per la salvezza delle loro anime".

12 L’ episodio dell’attentato al papa viene spesso messo in relazione con il Terzo Segreto di Fatima, Lo stesso Wojtyla riconosceva un miracoloso intervento di Maria nell’averlo salvato: fu la mano della Madre Celeste a deviare l’orribile corsa del proiettile sparato da distanza ravvicinata dal killer professionista Ali Ağca. La pallottola, per volere del Papa, fu incastonata, nella corona di una statua della Vergine a Fatima. E, altra mistica coincidenza, l’attentato è avvenuto proprio nel giorno dell’anniversario della prima apparizione della Madonna ai tre pastorelli: il 13 maggio.


Scaricare ppt "Prima apparizione Il 13 Maggio 1917 i bambini avevano portato le pecore alla Cova d'Iria, stavano giocando quando nel cielo senza nuvole apparve un bagliore."

Presentazioni simili


Annunci Google