La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SISTEMI DEMOCRATICI E SISTEMI TOTALITARI 1914-1945-1989.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SISTEMI DEMOCRATICI E SISTEMI TOTALITARI 1914-1945-1989."— Transcript della presentazione:

1 SISTEMI DEMOCRATICI E SISTEMI TOTALITARI

2 Il tempo e lo spazio Lo schema che intendo seguire è duplice –a) cronologico : nel senso che divide il 900 in tre grandi partizioni scandite da due grandi fratture. Le partizioni sono: –dagli ultimi decenni del secolo allepoca dei nazionalismi e dellimperialismo ( I e D ); –la crisi postbellica e la duplice risposta totalitaria e democratica ( ); –il bipolarismo : un nuovo confronto globale fra sistema democratico e sistema totalitario ( in pratica allAfghanistan).

3 Il tempo e lo spazio –b) geografico: pur nella consapevolezza della globalità della questione limito le osservazioni più specifiche al sistema europeo per due motivi: –primo: la posizione centrale dellEuropa in una buona metà del secolo; –secondo : la costante presenza di una lettura europea e occidentale della storia, fatto sbagliato in sé ma importante per laltrettanto costante presenza del vecchio continente fra i protagonisti del confronto fra sistemi politici antitetici.

4 Due fratture e due interpretazioni Le due grandi fratture sono la 1GM e la 2GM che hanno rappresentato delle cesure epocali nella storia del 900 La prima interpretazione è quella secondo la quale tra 1 e 2 GM esiste una continuità che pone al centro la questione tedesca (e quindi lEuropa fintanto che questa è rimasta nella sua posizione storica tradizionale): una fase che può essere definita attraverso i titoli di due volumi. –Il primo di A.Hillgruber, La distruzione dellEuropa. La Germania e lepoca delle due guerre mondiali ( ) (il cui titolo principale segna, peraltro la fine delleurocentrismo sottolineando proprio la centralità tedesca –Il secondo di D.Ellwood, LEuropa ricostruita. Politica ed economia tra Stati Uniti e Europa occidentale , che nel titolo ci indica già la diversa conformazione del sistema di confronto tra superpotenze, cioè tra un sistema democratico ed uno totalitario.

5 Due fratture e due interpretazioni La seconda interpretazione che vi propongo è quella secondo la quale larco di tempo che va dal 1914 al 1991 rappresenta un ciclo storico compiuto. –Questa lettura prende quindi in considerazione larco di tempo che inizia con lo scoppio della 1GM e termina con il collasso dellURSS. –La definizione che ci offre E.Hobsbawn è quella di secolo breve (in contrapposizione con il cosiddetto secolo lungo: una ricostruzione spinta verso la valenza positiva della rivoluzione bolscevica (che in effetti va contestualizzata alla fase storica in cui essa avviene) ma non coglie in pieno lespressione del totalitarismo nel regime sovietico degli anni trenta Nelle fratture e nelle due interpretazioni prende corpo, negli anni dal secondo dopoguerra in avanti e nel contesto della guerra fredda, lo scontro fra due modelli di organizzazione politica e sociale: il regime comunista e la democrazia occidentale.

6 LEuropa Solo per motivi di semplicità, prendiamo a riferimento lEuropa sottolineando come questo approccio dovrebbe seguire un contesto più ampio sforzandosi di comprendere la storia non solo dal punto di vista europeo oppure eurocentrico. Ciò è ancora più vero quando mettiamo in gioco i fatti successivi al secondo conflitto mondiale quando il vecchio continente perde definitivamente il suo ruolo centrale a favore di un sistema bipolare incentrato su due superpotenze extraeuropee, sovranazionali, che creano un sistema incentrato sul controllo diretto e indiretto di aree geograficamente distanti dai propri confini. Ciò implica una visione completamente differente dei problemi specifici delle varie aree, ma non modifica sostanzialmente quanto abbiamo detto sullo snodo rappresentato dal confronto tra sistemi politici nel corso del 900

7 Una periodizzazione Qualcosa in più dobbiamo dire per quanto riguarda le periodizzazioni e, in particolare, quella iniziale. A ben ragionare non possiamo prendere a riferimento una data iniziale che non tenga presente, i 40 anni precedenti della vicenda europea che (per il ruolo centrale del vecchio continente) è poi mondiale: è una fase che possiamo definire come quella delle Democrazie e degli Imperi autoritari e va dal 1871 al La fase successiva alla frattura della 1GM va dal 1918 al 1939 e la si può suddividere in due sottoperiodi ; –il primo dal 1918 al : una sorta di crisi e interludio, –il secondo dal al 1939: il confronto fra democrazia e totalitarismo. La terza fase (senso di distruzione e fine eurocentrismo) va dal 1945 al 1989 ed è quella del confronto globale fra sistemi

8 I^ fase Non prendere in considerazione questo periodo significa: –a) pensare che il totalitarismo nasca come prodotto della IGM (in parte è vero ma vedremo poi quali le linee di continuità con la fase precedente) e della crisi economica postbellica –b) non valutare appieno la frattura epocale della 1GM che mette in moto forze e spinte presenti in modo sommerso già nei primi anni del secolo, e che allindomani del conflitto non erano più riconducibili nella linea dellanteguerra –c) non valutare come nazionalismi, antisemitismo, autoritarismo esistessero già nella fase precedente

9 II^ fase I tratti centrali della storia politica europea nel periodo compreso fra i due conflitti sono tre di cui due ci riguardano direttamente: –levoluzione dellesperienza dellURSS; –levoluzione dei paesi che rimasero fedeli alle istituzioni democratiche –lesplosione del totalitarismo e dellautoritarismo. il generale acuirsi delle tensioni interne dovute alla difficoltà della riconversione economica spinsero ad un aumento della conflittualità sociale che sfociò in una evoluzione dei sistemi politici profondamente differenziata. –alcuni riuscirono a mantenere le istituzioni della democrazia parlamentare (F, GB, B, NL, TCH) –altri imboccarono la strada del variegato mondo dei governi totalitari: I, D, i governi autoritari della penisola balcanica e dellEuropa orientale, più tardi e dopo la guerra civile (36-39), la Spagna.

10 II^ fase E molto interessante seguire le diverse evoluzioni dei sistemi politici perché attraverso un esame comparato emergono –le risposte istituzionali –la saldezza nazionale –il radicamento di istituti e prassi politiche –la saldezza del sistema economico e dei rapporti sociali. Non dobbiamo inoltre fare lerrore di considerare uguali il fascismo e il nazismo e non dobbiamo confondere regimi autoritari e regimi totalitari –pur appartenendo entrambi ad una generale categoria di regime non democratico, fra essi esistono profonde differenze.

11 II^ fase: unEuropa squilibrata Dopo 1GM assistiamo ad una crisi del modello politico ed economico liberale che investe anche i regimi democratici Questi ultimi, riuscendo a mantenere le strutture istituzionali e limpianto socio-economico dello stato, avviarono una risposta alla crisi attraverso un ampliamento dei poteri discrezionali dellesecutivo –In questi stati le tentazioni totalitarie (quasi assenti in GB ma presenti in F con una destra organizzata) non trovarono ampi spazi specie in virtù del forte radicamento della tradizione liberale e quindi dellevoluzione e durata dello Stato.

12 II^ fase: unEuropa squilibrata Non così in D e I dove, per essere giunti allunità più tardi e seguendo liniziativa militare e statale delle monarchie prussiana e sabauda, si scontava la debolezza della borghesia nazionale e la scarsa partecipazione dei ceti popolari al processo unitario ed alla vita politica post-unitaria –Il regime liberale italiano non rispose alla crisi politica postbellica se non ripercorrendo strade antiche, la Repubblica di Weimar nel 1919 si dimostrò incapace di operare nei termini di limitare il peso della casta militare e degli apparati custodi della tradizione autoritaria. –Emerge lidea di un modello politico di tipo nuovo onnicomprensivo

13 II^ fase: le Democrazie occidentali Una lettura geopolitica del confronto fra sistemi può aiutare: F e GB fra le due guerre attraversano un periodo che limita le aspirazioni a rimanere - al di là della forma - grandi potenze mondiali –le loro economie imperiali non erano più in grado di sostenere il ruolo che avevano ricoperto prima del conflitto –cessano di avere un esclusivo ruolo propulsivo nello scenario internazionale, che viene dominato dalle iniziative prese da paesi come USA, URSS, D, I, Giappone –ridimensionamento del potere mondiale con laffermazione del potere produttivo e finanziario degli USA e dellimperialismo del Giappone –le classi dirigenti si chiudono, in conseguenza della pressione esterna, in un conservatorismo che riuscì a contenere sia le spinte da sinistra sia quelle provenienti da destra in termini autoritari o totalitari.

14 II^ fase: le Democrazie occidentali Il permanere di sistemi democratici e liberali in questi due stati ebbe tuttavia un grande significato storico perché in unepoca che vide laffermarsi e il consolidarsi di regimi autoritari o totalitari, andarono sempre più a rappresentare laltra faccia della medaglia. GB e F attraversarono crisi di stabilità ma il rafforzamento dellesecutivo lasciò salve le essenziali garanzie costituzionali e le prerogative del Parlamento, con una conciliazione fra democrazia e autorità che segnalava come il sistema democratico non fosse debole in tempo di crisi (riemerge il problema della nazione) Superarono la prova grazie al radicamento della tradizione democratica, alla stabilità della struttura di una società caratterizzata da una forte presenza di ceti medi, e ai margini di manovra consentita dal possesso degli imperi.

15 Concetto e realtà dello stato totalitario Quali sono state alcune delle caratteristiche che distinguevano i regimi fascisti in costituzione rispetto ai precedenti regimi autoritari. Sinteticamente: –I regimi bonapartista e quello bismarkiano realizzano forme di reazione basate sul monopolio dellautorità da parte di un particolare blocco politico che controllava lo stato, le forze armate (altro parametro decisivo nella storia del900), lamministrazione –si trattava di un dominio che - comunque - non escludeva lesistenza nella società di altri gruppi o correnti contrarie –i fascismi compiono un salto tipologico importante: producono uno stato in cui ogni forma di opposizione o differenziazione pubblica (non clandestina) era esclusa e messa fuori legge o semplicemente annullata. il monopolio del potere non si sviluppa più attraverso solo lo stato, ma per mezzo di un più intimo rapporto fra listituzione e il partito unico

16 Caratteristiche del regime totalitario Missione rigeneratrice Ricostruzione dellunità organica della nazione Organizzazione ed utilizzo di forze paramilitari Consolidamento della forma di monopolio politico Gerarchizzazione della società. Miti ideologici e simbolismi (il capo, la nazione, il popolo, lo stato) I miti sono tuttavia insufficienti alla centralizzazione della società che si cerca di ottenere attraverso –un aggancio al grande capitale –alla burocrazia ed alle FF.AA. –la conquista dei tradizionali mezzi di gestione politica degli interessi e dei privilegi. Da qui laltro presupposto: lindebolimento del movimento operaio.

17 Caratteristiche del regime totalitario La costruzione dello stato totalitario non si ha allatto della conquista del potere. La presa del potere significa solo limpadronirsi del potere con la collaborazione di altre forze conservatrici. Da qui parte una dinamica che porta alleliminazione degli elementi semplicemente fiancheggiatori per la conquista del monopolio politico. Lo stato totalitario è quindi uno stato in cui esiste una volontà unificata e riconosciuta e in cui il concetto e la realtà di una opposizione sono esclusi e considerati un attentato allo stato stesso. Due elementi, nella loro dinamica correlata, accompagnano la sua stabilizzazione: –allargare la base di consenso con giganteschi apparati di propaganda –utilizzare a fini terroristici lapparato poliziesco.

18 Caratteristiche del regime totalitario Approfondiremo più avanti come lItalia fascista non può definirsi un regime totalitario ma un regime reazionario di massa ovvero un regime autoritario ovvero una dittatura moderna –Per il nazismo il principio della totalità derivò dalla razza e lo Stato era il mezzo di realizzazione (unità interna e espansione) –Nel fascismo il principio di totalità si realizza invece nello Stato non mezzo bensì fine La cultura diviene cultura di regime, esaltazione del potere dominante, mentre alle arti viene demandato il compito di rispecchiare la grandezza e la sacralità del regime, del partito unico, del capo.

19 III ^ fase Allorigine del secondo conflitto mondiale si trovano quindi processi complessi di origine politica ed economica (tra cui certamente, per I e D, la crisi di autorità e di direzione politica dei partiti conservatori agenti nellambito del sistema liberale e parlamentare) Tra questi rientrano le tensioni successive alla crisi del 1929 che si sommarono alle questioni irrisolte di Versailles. Vi è un nesso diretto fra totalitarismo e guerra –sia nel senso di continuità fra il primo e secondo conflitto –sia come derivazione dei nodi irrisolti dalla 1GM –sia come inevitabile approdo dei contenuti stessi dei regimi sorti fra le due guerre

20 III ^ fase Il periodo successivo è quello della contrapposizione bi-polare che riprenderemo trattando la guerra fredda ( ) Anche qui possiamo seguire alcune linee di continuità che ci conducono a porre in essere un confronto fra regimi democratici e regimi totalitari. Levoluzione della vicenda internazionale ha tuttavia, in questa fase, un peso imprescindibile –se nella prima fase i germi della democrazia e del totalitarismo risiedevano nella società di fine secolo e liberale allinterno di spazi politici ristretti ma ampi se allarghiamo il quadro alla cultura e alle diverse fasi dellindustrializzazione e del confronto internazionale; –se nella seconda assistiamo al progressivo svelamento del confronto dei due modelli in cui lo stato nazionale era ancora al centro di qualunque rapporto; –nella terza possiamo dire che questo confronto si trasforma in senso ideologico assumendo caratteristiche sovranazionali ben più marcate che in precedenza.


Scaricare ppt "SISTEMI DEMOCRATICI E SISTEMI TOTALITARI 1914-1945-1989."

Presentazioni simili


Annunci Google