La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Storia contemporanea La guerra fredda 1949-1956 (seconda parte)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Storia contemporanea La guerra fredda 1949-1956 (seconda parte)"— Transcript della presentazione:

1 Storia contemporanea La guerra fredda (seconda parte)

2 Ungheria Nagy diviene primo ministro ma la decisione del 30 ottobre annunciata il 1 novembre 1956 di lasciare il patto di Varsavia modificava la natura della rivolta ungherese 3-4 novembre: invasione delle truppe del patto di Varsavia ( la successiva condanna a morte di Nagy nel 1958 ) CONSEGUENZE: –ripercussioni nel partiti comunisti occidentali –Europa un continente stabilizzato, nessuno era intenzionato a modificare la realtà dei due blocchi La guerra fredda in Europa era veramente conclusa. Per il sistema internazionale la rivolta ungherese era solo una scossa interna al sistema sovietico. Il conflitto bipolare era sempre più Coesistena compatitiva

3 La politica americana 1953: Presidenza Eisenhower (rep) e Forest Dulles(segretario si stato): relativo dualismo tra il pragmatismo del primo e il dottrinarismo duttile del secondo Dulles: Life (19 maggio 1952) preannucia Roll back cacciare indietro VS debolezza di Truman ma in realtà anche quando si crea loccasione la stabilità dei rapporti di forza raggiunti in Europa congela le cose allo stadio di speranza elettorale NEW LOOK: (Gennaio 1954): dottrina massive retaliation rappresaglia massiccia ad ogni aggressione sovietica, ma appunto ci doveva essere laggressione poi poco credibile in una situazione di equilibrio del terrore ---first strike capability il modo migliore per prevenire laggressione è quello di basarsi in primo luogo su una capacità di risposta immediata e massiccia contro ogni gesto ostile compiuto dai sovietici.

4 –cristallizzazione Europa: ombrello nucleare americano –accerchiamento politico militare dellURSS (Mediterraneo- Medio Oriente ed Asia sud-orientale): riorganizzazione della basi militari : riorganizzazione della basi militari (chiara contraddizione rispetto alla rappresaglia massiccia) relazioni Usa-Spagnasettembre 1953: ripristino relazioni Usa-Spagna ( vs 1946 ONU) Trattato di alleanzaagosto 1954: Trattato di alleanza Grecia-Jugoslavia- Turchia (che sarebbe stato vanificato nel suo portato politico dalla riabilitazione di Tito del 55) MEDOMEDO: creazione di un sistema difensivo comune in Medio Oriente SEATOSEATO settembre 1954 Trattato di mutua difesa (ST.U.- GR-Fr-Australia-Nuova Zelanda, filippine Thailandia e Pakistan) Vietnam del sud Dai programmi allazione

5

6 La 1 GM: la prima vera crisi dei progetti colonialisti, ma solo dopo la 2 GM si innesca il processo di dissolvimento degli imperi coloniali CAUSE: –Volontà di emancipazione delle colonie –Indebolimento delle potenze coloniali –Posizione anticolonialista USA/URSS –Il sostegno dellONU CONDOTTA DELLE VECCHIE POTENZE: –Gran Bretagna: atteggiamento realistico e duttile –Francia e Olanda: dopo un primo impatto sanguinoso –Spagna e Belgio USA/URSS –Portogallo fa caso a se Terzo Mondo sulla scena internazionale Alfred Sauvy

7 Il processo di decolonizzazione e la nascita di nuovi attori politici indipendenti Fasi: –Immediato dopoguerra –Anni Sessanta Effetti: –Ampliamento palcoscenico dei soggetti internazionali: Speranze residue potenze coloniali Ambizioni superpotenze Speranze nuovi governi –Modifica gli equilibri numerici interni allOnu

8 Terzo Mondo sulla scena internazionale Alfred Sauvy Conferenza BandungConferenza Bandung in Indonesia: aprile 1955 –29 paesi asiatici e africani: Nehru (INDIA) Sukarno (INDONESIA) Chou En Lai (CINA) e Nasser (EGITTO) Neutralismo (anche se al suo interno vi erano tutte le tendenze) Condanna del colonialismo Onu1960: Onu condanna il colonialismo –16 nuovi membri Onu Conferenza di Belgrado1961: Conferenza di Belgrado –Movimento non allineati si configurava come un neutralismo attivo Latteggiamento dei non allineati verso le due superpotenze mantenne un certo grado di costante ambiguità legato alla richiesta di aiuti economici che solo USA ed URSS potevano fornire Terzo mondo e terzo stato Alfred Sauvy, LObservateur

9 Tra Europa e Mediterraneo EUROPAEUROPA: rafforzava il suo percorso verso lintegrazione con le trattative che avrebbero portato alla firma dei Trattati di Roma nel 1957 (CEE-EURATOM) –9 maggio 1950: la dichiarazione di Schuman, –il trattato istitutivo della CECA (18 aprile 1951) Avvio di una cooperazione internazionale del tutto inedita tra i 6 stati membri –La battaglia della CED: Piano Pleven (24 0ttobre 1950) –La battaglia dei federalisti per la Comunità politica –Progetto di Comunità Politica del marzo 1953 –Caduta del trattato della CED (30 agosto 1954) La soluzione diplomatica: UEO (il Consiglio dellUnione dellEuropa Occidentale) –La Conferenza di Messina (3 giugno 1955) e la nascita del Comitato Intergovernativo con Presidente Paul-Henri SpaaK Conferenza di Venezia (29 maggio 1956) Rapporto finale alla Conferenza di Venezia e le proposte di Euratom e CEE I trattati di Roma I trattati di Roma (25 marzo 1957): EURATOM e CEE –Trattato quadro: trinomio istituzioni-procedure-obiettivi Parte normativa: Unione Doganale Il concetto di funzionalismo –Le istituzioni: Fino al 1967, anno della Fusione degli Esecutivi La Commissione: CEE: 9 membri - CECA: 5 membri Il Consiglio: CEE - CECA Istituzioni comuni (come lorgano consultivo, il Comitato Economico e Sociale): LAssemblea Parlamentare La Corte di Giustizia Linvenzione comunitaria Jean Monnet ( ) consulente economico e uomo politico francese, dedicò la sua vita alla causa dell'integrazione europea. Fu lui l'ispiratore del «piano Schuman». Tra il 1952 e il 1955 fu il primo presidente dell'organo esecutivo della Comunità, l'Alta Autorità

10 1956: un anno importante CRISI DI SUEZCRISI DI SUEZ Sconfitta di Francia e Gran Bretagna EGITTO (1922): –1952: abbattuta la monarchia ad opera dei colonnelli –Stabilizzazione della Repubblica (1953) sotto Nasser che aveva avviato una politica ostile ad ogni residuo di colonialismo nel medio Oriente –1954: accordo con gli inglesi per evacuazione delle truppe da canale (1936) Cerca di inserirsi diplomaticamente nella contrapposizione dei blocchi per ottenere il finanziamento della diga di Assuan: –Oriente: firma un accordo con Cecoslovacchia (COTONE vs ARMAMENTI) –Americani: avvia delle trattative che però non portano ad alcun risultato concreto (reciproca diffidenza, clima antiamericano, proposta americana di non accettare altri aiuti per lo stesso progetto dai sovietici) Non rappresentando i sovietici una risposta finanziaria a breve termine: 26 luglio 1956 –La nazionalizzazione della Compagnia del Canale di Suez –Passaggio della navigazione del canale allEgitto (Israele 1948)

11 1 Novembre 1956 : –Risoluzione Onu –Risoluzione Onu: CESSATE IL FUOCO (URSS aveva minacciato di intervenire//ST.U. non appoggiarono lintervento) Cessate il fuoco Ritiro belligeranti Blocco operazioni militari Israele: garanzia di navigazione porto di ElatCONSEGUENZE Isolamento di: –FRANCIA –GRAN BRETAGNA Colpa di aver fornito un diversivo allop centrata sugli avvenimenti del blocco orientale Strano voto allAssemblea Generale dellONU Conseguenze del conflitto

12 il SISTEMA SOVIETICO dopo il 1956 Progressiva normalizzazione Lo scontro con la CINA (1967 la rottura): MAO-TITO//CHRUSCEV – ENVER HOXHA (A, 1961) Lo scontro nel PCUS sulla destalinizzazione CHRUSCEV perde la maggioranza del Presidium (Molotov, Malenkov e Kaganovic) Ma mantiene il controllo nel CC grazie allappoggio dei Militari Così recupera libertà di manovra contro gli ortodossi spostandosi sulle posizioni più revisionistiche e destra –Riforme interne –Rilancio del Comecon miglioramento delleconomia 1958 –La collaborazione multilaterale sostituisce la pratica degli accordi bilaterali 1959 XXII congresso del PCUSXXII congresso del PCUS 1961 –Rilancio della politica riformista –Condanna dello stalinismo (salma di Stalin-riabilitazioni di molti personaggi coinvolti nelle purghe-si allentavano anche le maglie della censura 1962: si acuisce il risentimento dei dogmatici. Il carattere imprevedibile di Chruscev come lapparente sconfitta durante la crisi cubana fa si che cada in decadenza : estromesso dalla direzione Mondo molto frastagliato Mondo molto frastagliato vs campo imperialista che si presentava molto più unitario Ideologicamente omogeneo e politicamente orientato verso obiettivi comuni

13 Competizione Gara per la supremazia nucleare: 1949: atomica Urss 1953: Bomba H Urss 1952: atomica britannica 1960: Francia 1964: Cina 1960: India, Pakistan, Israele Competizione per la supremazia nei vettori missilistici: Missili balistici intercontinentali (Icbm) Missili per satelliti nello spazio 1957: Sputnik sovietico 1961: uomo nello spazio (Gagarin) 1969: sbarco sulla luna (Usa)

14 il SISTEMA AMERICANO dopo il 1956 –Contoverso e dinamico dialogo coi sovietici abbandono della rappresaglia massiccia, già sfumata nel , a favore di una risposta graduale –Permanere di un forte apparato militare per la difesa dellOccidente –Competizione spaziale (Programma Apollo) Kohn Fitzgerald Kennedy 1961(elezioni 60 vs Nixon): Kohn Fitzgerald Kennedy

15 Crisi di Cuba Riforma agraria Nazionalizzazione delle raffinerie di zucchero anche di Proprietà STATI UNITI Nazionalizzazione delle raffinerie di petrolio RISPOSTA AMERICANA (Eisenhower): blocco delle esportazioni delle zucchero cubano in tutto il continente AIUTI SOVIETICI: Acquisto dello zucchero Aiuto tecnico e finanziario Gennaio 1961: rottura relazioni diplomatiche Usa-Cuba SVOLTA nei rapporti ST.U. - AM. LAT nel 2° dopoguerra essi riconobbero subito Cuba vittoria del 1959 Dopo la vittoria del 1959 della guerriglia castrista contro Batista 1953 fallito assalto alla Caserma Moncada Aministia 55 lincontro in Messico M 26 luglio col Che 1956 nuovo fallimento di uno sbarco a Cuba

16 Crisi di Cuba 17 aprile 1961 – Baia dei Porci (gruppo di esuli castristi in esecuzione di un piano ordito dalla CIA si risolse in un vero fallimento BRUTTO COLPO per lAMMINISTRAZIONE KENNEDY 1 maggio 1961 – Repubblica socialista di Cuba Kennedy rispponde rilanciando il piano per un ALIANZA PARA EL PROGRESO (agosto 1961:aiuti allo sviluppo in AM. Latina tranne Cuba-isolamento) Agosto 1962 – installazioni missili sovietici a media gittata a Cuba 16 ottobre: inizio crisi 22 ottobre: –discorso Kennedy alla nazione –Ricorso allOnu di A. Stevenson –Lettera di Kennedy a Chruscev ottobre: lettere di Chruscev a Kennedy (cuba vs missili jupiter in Turchia Italia senza sentire ONU) 28 ottobre: rientro crisi

17 Distensione e nuovi equilibri regionali Europa: –1957: Mec –1959: Efta –1960: Francia fuori dalla Nato –1961 Piano Fouchet –1966: Ostpolitik (Willy Brandt) Asia e America Latina: –Crescita Giappone (10% annuo) Leadership commerciale in Asia –1965: Molti Vietnam Brasile Uruguay Argentina –1973: Cile

18 Distensione e nuovi equilibri regionali URSS:URSS: doveva far fronte a questioni economiche interne: –Importazione di grano dai paesi occidentali –Rinnovamento del proprio apparato industriale –Necessità della riduzione delle spese militari STATI UNITI:STATI UNITI: –Tagliare le spese militare per finanziarie i progetti di Welfare State di Kennedy –Concorrenza dellEuropa e del Giappone e la necessità di uno sbocco nel mercato socialista La linea rossa

19 I negoziati militari ed economici 1963: Limited Test Ban Treaty (MOSCA) impediva gli esperimenti atomici nellatmosfera BREZNEV- JOHNSON 1968: Non Proliferation Treaty (NO: Fr-Cina) BREZNEV_NIXON 1972: Salt I (Visita di Nixon a Mosca-1973 visita di B. a Washinton) 1974: Salt II 1975: Conferenza di Helsinki cooperazione e sicurezza in Europa


Scaricare ppt "Storia contemporanea La guerra fredda 1949-1956 (seconda parte)"

Presentazioni simili


Annunci Google