La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La via della bellezza FA0141-20 1.Cenni generali a proposito del tema della bellezza 2. Alcuni cenni di approfondimento a proposito della musica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La via della bellezza FA0141-20 1.Cenni generali a proposito del tema della bellezza 2. Alcuni cenni di approfondimento a proposito della musica."— Transcript della presentazione:

1 La via della bellezza FA Cenni generali a proposito del tema della bellezza 2. Alcuni cenni di approfondimento a proposito della musica

2 La via della bellezza FA Cenni generali a proposito del tema della bellezza

3 FA Bellezza è quella speciale grazia per cui una persona, una cosa, unazione desta ammirazione, suscita incanto, affascina, procura piacere. […] Davanti alla bellezza noi restiamo estatici. La bellezza si guarda, si fissa, si contempla, si ascolta silenziosamente. La bellezza prende tutto il nostro essere. Un bel sole sulloceano, il panorama delle Alpi, la Cappella Sistina, lo spettacolo di un bel film o di unopera musicale… ci prendono talmente che vorremmo che non finissero mai. Nella bellezza cè qualcosa di prodigioso, straordinario, sublime, soprannaturale che non può provenire dalla materia. Per questo motivo filosofi, teologi e poeti hanno visto nella bellezza una perfezione divina (B. Mondin, Il problema di Dio, p. 188).

4 FA La riflessione sulla bellezza come testimonianza dellesistenza di Dio può sembrare – ed è – molto fragile da un punto di vista rigorosamente razionale, ma non è priva di efficacia per chi riconosca la bellezza della natura: i cieli narrano la gloria di Dio non solo per la regolarità dei loro movimenti, ma anche per la loro bellezza. […] Non pretendo certo che questo sia un argomento dimostrativo; ma mi domando se molti di noi non siano stati indotti a pensare a Dio dalla contemplazione della bellezza della natura (S. Vanni Rovighi, Il problema teologico come filosofia)

5 FA Cf. PLATONE (Simposio 211a-b) lanima … allora per subitanea visione, qualche cosa stupendamente bella, nella sua oggettiva natura, essa contemplerà. Era questa bellezza, ragione prima e meta ultima di tutti i precedenti esercizi faticosi. Sempre bella è; non diviene, non perisce; non saccresce, non diminuisce. Non in un senso è bella in un altro senso, brutta, così che ad alcuni appare bella e ad altri brutta. […] Questa bellezza, da sé, con sé, per sé, nella pura soggettività sua, in unico aspetto per leternità. Invece le altre cose belle, tutte di quella sola bellezza, per misterioso modo hanno partecipazione. Ma le cose belle nascono e periscono; la bellezza nulla soffre; per nulla più grande o più piccola diventa. Quando da queste bellezze partecipate e terrene procedendo per tramite ascendente, si comincia a scorgere quella bellezza suprema, ecco si tocca allora il momento consumante di suprema letizia

6 FA Cf. AGOSTINO (Commento al Vangelo di Giovanni, 9, 9) Mediante lamore noi diventiamo belli. Che fa un uomo storpio con un volto sfigurato se ama una bella donna? Che fa una donna brutta, storpia, nera se ama un uomo bello? Può forse diventare bella in forza della virtù dellamore? Aspetterà di diventare bello? Ma aspettando diventerà ancora più brutto e più vecchio di prima. Non cè via duscita, non puoi dargli nessun consiglio. Ma la nostra anima, fratello, è deforme per via della sua trasgressione: amando Dio diventa bella. Che amore è questo, che abbellisce lamante. Ma Dio è sempre bello, mai deforme, mai mutevole. Egli, il bello, ci ha amati per primo, e in che condizioni ci ha amato? Nella condizione di essere brutti e deformi. Ma non per lasciarci brutti, bensì per mutarci e renderci, da brutti, belli. Ma come diventiamo belli? Riamando colui che è eternamente bello. Quanto più cresce in te lamore, tanto più cresce la bellezza. Perché lamore stesso è la bellezza dellanima

7 La via della bellezza FA … la bellezza salverà il mondo … (F. Dostoevskij) … la bellezza è il nome più proprio di Dio … (S. Weil) BELLO (pluralità semantica): … - manifestazione del bene; - manifestazione del vero; - simmetria; - perfezione sensibile; - perfezione espressiva … (M. Ferraris, Bello, in Abbagnano – Fornero, Dizionario di filosofia) Tommaso dAquino …splendor formae A. Rosmini (Callologia): il pulchrum è uno specifico trascendentale dellessere J. Maritain: il pulchrum è lo splendore di tutti i trascendentali riuniti

8 In Tommaso dAquino FA ST I, q. 5, art. 4 pulchrum et bonum in subiecto sunt idem, sed ratione differunt - le due proprietà ineriscono entrambe alla forma; - il bene riguarda la facoltà appetitiva, e ha carattere di fine; il bello riguarda invece la facoltà conoscitiva: belle sono dette quelle cose che destano piacere, ammirazione, meraviglia. Esse piacciono perché sono proporzionate, e godono di molteplicità armonica, unità e ricca semplicità. - nel bene si acquieta lappetito; al bello ineriscono la vista e ludito, sensi che sono a servizio della ragione; - il bello aggiunge dunque al bene una relazione con la facoltà conoscitiva, e costituisce la chiarezza (claritas) con cui lunità, la verità e la bontà di una res suscitano ammirazione. Il pulchrum rientra così nel numero dei trascendentali, pur come un aspetto del bonum da cui, noeticamente, si distingue. Ulteriori riferimenti nella Summa Theologiae: I-IIae, q. 49, art. 2 e 4; q. 50, art. 1; q. 52, art. 2; q. 54, art. 1; II-IIae, q. 103, art. 1; q. 141, art. 2; q. 142, art. 2 e 4; q. 145, art. 2; q. 153, art. 2

9 La via della bellezza FA Nella misura in cui la bellezza esprime una perfezione pura è predicabile di Dio Se ogni perfezione appartiene allessere perfetto, Dio possiederà la bellezza nella sua plenitudine. È in lui che si riassumono e si trovano in pienezza le due grandi forme della bellezza in ogni suo genere: il BELLO (splendore della forma) e il SUBLIME (perfezione dello stile). TOMMASO (Commento ai nomi divini, IV): Dio è bello in se stesso e non sotto un particolare aspetto … è bello sempre e uniformemente, escludendo qualsiasi difetto di bellezza, a partire dalla mutabilità che è il primo difetto Il volto di Dio oltre che amabilissimo, perché sommamente buono, è anche incantevole ed ammirevole perché prodigiosamente bello. La sua bellezza non può essere paragonata a quella di un vestito, di un quadro, di un fiore, di una fanciulla, di un atleta, del cielo stellato ecc. È una bellezza infinitamente più avvincente, fulgida, radiosa, ricca, articolata, complessa. Essa supera infinitamente tutte le bellezze che noi conosciamo (B. Mondin, Il problema di Dio, p. 188)

10 La via della bellezza FA Proprio perché Ipsa Pulchritudo Subsistens, Dio è il principio della bellezza della natura, ed è pulcrifico, ossia rende belle le cose, partecipando loro la sua luce e il suo fulgore. - Le sue elargizioni sono pulcrifiche [istae traditiones sunt pulchrificae], ossia donano bellezza alle cose (Tommaso dAquino, Commento ai nomi divini, IV). - a) La bruttezza in assoluto non esiste; b) la bellezza ha dei gradi; c) Dio, come totalità e pienezza dessere, è Bellezza senza limiti. - Dio è oceano infinito di bellezza, dove lo stupore si fa ammirazione, ebbrezza, indicibile gioia (Giovanni Paolo II, Lettera agli artisti, n. 16). - La bellezza è cifra del mistero e richiamo al trascendente. È invito a gustare la vita e a sognare il futuro. Per questo la bellezza delle cose create non può appagare, e suscita quellarcana nostalgia di Dio che un innamorato del bello come santAgostino ha saputo interpretare con accenti ineguagliabili «Tardi ti ho amato, bellezza tanto antica e tanto nuova, tardi ti ho amato» (Conf. X, 27) (ibid.)

11 Teologia della bellezza FA Interessante il fatto che per Tommaso la bellezza ha un legame particolare con la II persona della Trinità, il Figlio, che è larte del Padre: la bellezza presenta una certa somiglianza con le proprietà del Figlio. Per la bellezza, infatti, si richiedono tre carattteristiche: in primo luogo lintegrità o perfezione, poiché le cose non integre in quanto tali sono deformi; in secondo luogo si richiede la debita proporzione o armonia; da ultimo si richiede lo splendore (ST I, q. 39, art. 8) GESÚ CRISTO - Tu sei il più bello tra i figli delluomo (Salmo 45, 3) - Facendosi uomo il Figlio di Dio ha introdotto nella storia dellumanità tutta la ricchezza evangelica della verità e del bene, e con esse ha svelato anche una nuova dimensione della bellezza: il messaggio evangelico ne è colmo fino allorlo (Giovanni Paolo II, Lettera agli artisti, n. 15) - in croce: non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, né splendore per trovare in lui diletto…. Ha assunto su di sé e così salvato …ogni bruttezza. FA G

12 La via della bellezza FA Alcuni cenni di approfondimento a proposito della musica …si può dire qualcosa di particolare per quanto riguarda la musica?...

13 FA Poco prima di morire il grande violoncellista, compositore e direttore dorchestra Pablo Casals affermò che lumanità non conosce ancora ciò che effettivamente ha a disposizione col possedere il dono della musica. - Engels era solito tenersi lontano dalle cattedrali e dalludire in esse il suono dellorgano, per non lasciarsi commuovere dalla voluttuosità e dallincantesimo della musica. - Mahler, al contrario, parlando della sua musica, scriveva ad Alma: voglio portarti in queste regioni nelle quali intravediamo leternità ed il divino, e aggiungeva che tutte le sue opere erano anticipazioni della vita futura. - Frossard affermava che quanto più bella è una musica, più spazio crea; sembra aprire porte ben al di là delle stelle. - [La musica e la sua bellezza] collocando luomo in una relazione di presenza con la realtà in uno stato di pienezza, fa sorgere nel suo intimo la convinzione di essere nella verità, di trovarsi nel luogo che gli corrisponde, di vivere unesistenza piena di significato. Commosso per la presenza della bellezza, luomo […] si lascia penetrare dalla sensazione secondo la quale la chiave di volta della sua vita non viene data da ciò che egli possiede, ma da qualcosa di trascendente, che, nel superarlo infinitamente, gli si fa oltremodo intimo (A. López Quintás).

14 FA Dio non ha voluto che vivessimo in un mondo di silenzio e così, per poter percepire e ricevere i suoni, abbiamo un organo incredibilmente sofisticato: lorecchio. Con lorecchio luomo diventa destinatario delle informazioni che gli arrivano dal mondo esterno e diventa egli stesso artefice di comunicazioni dello stesso tipo, che vanno dai rumori elementari alle parole, al linguaggio, ai suoni e alle loro così varie e raffinate organizzazioni musicali (M.T. Henderson) - Il suono fatto musica lascia emergere i moti del cuore e ne diventa espressione. La musica come arte dei suoni è proprio quella che si sente, e che agisce sui nostri sentimenti, avendo – per sua natura – la capacità di captarli e di comunicarli: la musica essenzialmente agisce sul sentimento col sentimento. - La musica è dunque un modo di esprimersi pienamente intelligente, in nessun modo irrazionale, tuttavia nemmeno razionalista, ma integralmente personale, perché fa vibrare tutto lessere umano. La stessa pratica della ripetizione, linsistenza sullo stesso, è il modo umano per approfondire il senso delle realtà piene di senso. Esperienza di vertice ed esperienza di estasi, dunque: la musica evidenzia la logica che sottostà al processo creativo, come rivelatrice di modi elevati di unità, e indicazione di pienezza. Cf. a) ritmo – melodia – armonia – polifonia e orchestra - … b) il legame tra musica e religione [es. arte cultuale e musica per la liturgia]

15 FA Lincontro con la bellezza può diventare il colpo del dardo che ferisce lanima e in questo modo le apre gli occhi, tanto che ora lanima, a partire dallesperienza, ha dei criteri di giudizio ed è anche in grado di valutare correttamente gli argomenti. Resta per me unesperienza indimenticabile il concerto di Bach diretto da Leonard Bernstein a Monaco di Baviera, dopo la precoce scomparsa di Karl Richter. Ero seduto accanto al Vescovo evangelico Hanselmann. Quando lultima nota di una delle grandi Thomas- Kantor-Kantaten si spense trionfalmente, volgemmo lo sguardo spontaneamente luno allaltro e, altrettanto spontaneamente, ci dicemmo «Chi ha ascoltato questo, sa che la fede è vera». In quella musica era percepibile una forza talmente straordinaria di Realtà presente da rendersi conto, non più attraverso deduzioni, bensì attraverso lurto del cuore, che ciò non poteva avere origine dal nulla, ma poteva nascere solo grazie alla forza della Verità che si attualizza nellispirazione del compositore (Messaggio del Cardinale Joseph Ratzinger al Meeting per lamicizia tra i popoli di Rimini del 2002, dedicato alla via pulchritudinis)

16 FA Friederick Wilhelm NIETZSCHE - La musica esprime laffettività della sua filosofia, la mia vera natura, la mia storia segreta - Ha espresso nei suoi suoni il suo grido verso lInfinito Rimasto solo, levo le mie mani. A te, presso cui mi rifugio, / Cui dal profondo del mio cuore /Altari ho consacrato /Affinché ognora / La voce sua mi torni a chiamare. Su questi altari splende la parola / Profondamente incisa: «Al dio ignoto»: / Suo son io – e soffro le catene / Che mi traggono a terra nella lotta / E, pur fuggendo, / A servirlo mi sforzan tuttavia. Conoscerti io voglio – te, lIgnoto, / Che a fondo mi penetri nellanima, / Come tempesta squassi la mia vita, / Inafferrabile eppure a me affine! / Conoscerti io voglio, anche servirti (Nietzsche, 1864)

17 FA Paul CLAUDEL Durante una celebrazione dei Vespri in Notre Dame, a Parigi, cui partecipava per solo motivo di rappresentanza, in quanto diplomatico, verso la fine, al sentire intonare il Magnificat, si sentì toccato da unemozione speciale: era immerso in un regno di luce e bellezza che costituisce la verità piena delluomo. In modo inatteso si trovava «dentro» la Chiesa, non in una istituzione rigida e lontana, ma in una realtà in cui si producono queste fiammate di bellezza e di senso. La conversione si era realizzata. In seguito ci sarà anche il cambio lento e doloroso degli schemi mentali e delle abitudini di vita. Un lavoro che richiedeva tempo e sforzo, ma che ora risultava possibile perché il gran salto era fatto. E questa trasformazione era avvenuta con unesperienza musicale.

18 FA Gabriel MARCEL - Parla della musica in termini di immersione. Limportanza della musica, per il filosofo francese, sta proprio nella sua capacità di immergerci in un mondo di valori, di chiamarci ad unattività creatrice, di aprirci ad unesperienza estatica. - Per Marcel la musicalità, e particolarmente il campo della polifonia, è una presenza: il realizzarsi di questa presenza è frutto di un incontro, un incontro che crea unità: Quel tale quartetto di Mozart o Beethoven, quel lied di Schubert o Schumann hanno contribuito a creare una comunione umana autentica in modo più stabile di tutti i discorsi e di tutte le teorie degli ideologi, perché sono in se stessi la testimonianza di una comunione. - Marcel stesso testimoniò che fu proprio il vivere esperienze musicali molto profonde che lo aprì alla convinzione che luomo è bisognoso e tutta la sua vita creatrice consiste nel collaborare con un ordine di realtà che gli offre continue possibilità di movimento. Questa umile apertura di spirito costituisce la disposizione adeguata per addentrarsi nella vita di fede, che implica unadesione personale attiva: Devo indicare qui limportanza eccezionale di J.S. Bach. Le Passioni e le Cantate: in fondo la vita cristiana mi è giunta per mezzo di questo.

19 FA Manuel GARCÍA MORENTE [A] - Il filosofo spagnolo era intento a riflettere sulle questioni ultime della vita, chiedendosi come potessero armonizzarsi la libertà umana e lesistenza di un Dio Trascendente. Nella sua vita, in una sera parigina (tra il 29 e il 30 aprile 1937), avvenne un fatto straordinario (El hecho extraordinario) di carattere religioso che operò in lui una trasformazione intellettuale e spirituale molto profonda, e in questa trasformazione fu fondamentale la musica. - Visse unesperienza spirituale profondissima: proprio mentre si interrogava sul silenzio di Dio e sul contrasto tra la sua indifferenza e la sua presunta provvidenza: accende la radio per distrarsi, senza alcuna finalità concreta, e ascolta frammenti di una sinfonia di Cesar Frank, La pavana per una bambina defunta di Maurice Ravel e Linfanzia di Gesù di Hector Berlioz. Questultima opera lo sommerse in uno stato di «deliziosa pace» e suscitò nella sua immaginazione una visione intensa delle scene fondamentali della vita di Gesù, il Dio incarnato, un essere bisognoso come noi e nel contempo benevolente. Questa immagine concreta di un Dio umiliato, che vela la sua divinità per rendersi accessibile, che ama e soffre per gli altri in silenzio, non risvegliò nellanimo di Morente alcuna avversione, produsse invece confidenza e amore…

20 FA Manuel GARCÍA MORENTE [B] - … Collegando il silenzio di Gesù con il «silenzio» di Dio rispetto agli uomini che lo supplicano, intuì che lapparente indifferenza divina risponde ad un profondo rispetto per la libertà umana. […] Morente, nel darsi conto, con la sua immaginazione, della relazione di presenza intensa del Dio che si compromette per amore nel condividere il destino delluomo, esclamò spontaneamente: «Questo è Dio, questo è il vero Dio, Dio vivo: questa è la Provvidenza viva». Questa vicinanza impressionante con lEssere Supremo rese possibile per Morente lincontro, linterrelazione personale, la preghiera. - Se non si può dire che questa esperienza musicale abbia determinato in toto la trasformazione spirituale e lapertura a Dio di García Morente, essa certamente contribuì in modo assai intenso a creare uno spazio adeguato per il darsi di tale conversione. Interessante quanto afferma a proposito J. Marías, altro filosofo spagnolo recentemente scomparso: lesperienza musicale significò per lui un superamento di ciò che gli sembrava prima un limite insuperabile, ossia lapertura della sua filosofia a una verità più ampia e più profonda.

21 FA Emil M. CIORAN [A] - È difficile concludere con sicurezza se è un pagano o uno gnostico, un rivoluzionario, un impostore, o un cercatore di Dio travestito da bestemmiatore (G. Mucci). - Cioran [autore della …Summa atheologica], mentre presenta pagine della più cupa disperazione, esprime anche, in diversi casi, lansia di bellezza e di assoluto, mantenendo per questo sempre aperto il suo discorso su Dio. - Particolarmente lanalisi dei Quaderni (scritti dal 1957 al 1972), in cui egli lascia trasparire la sua intimità religiosa, mostra che Cioran non riesce a rassegnarsi allindifferenza, cioè a quella sua verità ultima delluomo che è la vastità del Nulla. Dio, bestemmiato e amato, rinnegato e sempre presente nella sua mente, gli si riaffaccia attraverso le suggestioni e lesperienza della grande musica. - Cioran, fin da giovane avvezzo alle emozioni musicali, aveva definito la musica come una sorta di esperienza mistica, come la radice di tutte le arti: soltanto il paradiso o il mare potrebbero farmi rinunciare alla musica.

22 FA Emil M. CIORAN [B] - Nella sua opera non si trova un discorso filosofico e sistematico sulla musica (come, peraltro, su vari temi); egli non si interessa dello studio dei fondamenti della creazione artistica, tuttavia è la musica a dargli la possibilità di instaurare un dialogo con linvisibile che per altra via gli sfugge. - Per Cioran solo la musica è in grado di offrire risposte definitive. Essa, che trasmette un brivido interiore di Dio e proviene da chissà quale oltre-orizzonte, è per lui lemanazione finale delluniverso come Dio è lemanazione ultima della musica. La musica viene così ad assumere quasi un potere teologico, una funzione salvatrice, di grazia. - Scrive a proposito del tema dellesistenza di Dio: Dopo un oratorio, una cantata o una Passione, Dio deve esistere. Altrimenti, tutta lopera del Cantor non sarebbe che unillusione lacerante. Pensare che tanti teologi e filosofi hanno sprecato notti e giorni a cercare prove dellesistenza di Dio, dimenticando la sola. - Cioran, il grande nichilista, ha dunque espresso intimi pensieri e confidenze nelle quali la musica, soprattutto quella del suo compagno più fedele negli anni, Bach, gli ha aperto uno spiraglio verso lAssoluto: la Johannespassion gli dà un «appagamento al limite dellestasi, la certezza e lemozione della suprema realtà». Il Magnificat lo commuove fino alle lacrime «È impossibile che ciò che vi si esprime abbia solo una realtà soggettiva. Lanima deve essere della stessa essenza dellassoluto». LArte della fuga gli detta questo pensiero: «Quando ascolto Bach, credo» (G. Mucci)

23 FA La musica offre – per via extrateoretica – quasi una nuova e specifica dimensione veritativa, non diversamente esperibile. Ne può essere testimonianza quella sorta di inveramento che viene in qualche modo a realizzarsi attraverso la musica nel suo rapporto con la parola (testo), soprattutto se parola ispirata. Un esempio: Bach nella sua grande Messa in si minore, utilizzando il testo del Vangelo di Luca et in terra pax hominibus bonae voluntatis crea un ambito di pace evangelica in cui è possibile immergersi: non solo trasmette lidea di pace ma efficacemente fa vivere il tipo di pace che Gesù offre a chi accoglie positivamente il suo messaggio di amore. Lo studioso spagnolo López Quintás fa notare a proposito che la musica ci fa trascendere il piano delle sensazioni superficiali e delle relazioni poco o per nulla creative, verso regioni superiori in cui sgorga il vero senso dellesistenza. Nella Passione secondo Matteo, di Johann Sebastian Bach, il centurione, vedendo ciò che avviene durante la morte di Gesù, esclama: «Veramente questi era il Figlio di Dio». La frase la conosciamo bene, fin da piccoli. Sembra che non sia possibile estrarle ancora qualcosa in più. Eppure Bach ce la presenta come una rivelazione che si apre in forma di arco fino a riempire lorizzonte per cadere serenamente sulla tonica iniziale. Così ce la fa sentire il grande Karl Richter, con il suo Coro Bach di Monaco, e si fissa «marcata a fuoco» nel nostro intimo. È tutta una confessione di fede che si dispiega davanti a noi. FA G

24 FA Il colpo del dardo, lurto del cuore e la marcatura a fuoco nellintimo che la musica è in grado di suscitare sono certamente un momento prezioso di verità, e così di rapporto con la Verità. Alluomo, capax Dei, anche la musica può dire Dio. Dio lo si dice con la parola, con limmagine, con il silenzio. Dio lo si coinvolge nelle parole umane, che diventano magiche, o se ne annuncia lineffabile presenza mediante oracoli e profezie. «Dire Dio» diventa limpegno più significativo dellumano esistere, poiché è anche «dire il proprio io» trovando il fine della vita. Nei suoi confronti discorsi e immagini sono totalmente inadeguati e nel contempo ne sono icona. Lavventura di «dire Dio» ripropone il diario dellintera umanità, le cui pagine sono vergate con incertezza o con sicurezza, con tumulto o con serenità, con tripudio o con angoscia, con disperazione o con beatitudine (C. Chenis).

25 FA Sazia questa sete di bellezza che il mondo sente: manda grandi artisti, ma plasma con essi grandi anime che, col loro splendore, avviino gli uomini verso il più bello tra i figli degli uomini: Gesù (C. Lubich)


Scaricare ppt "La via della bellezza FA0141-20 1.Cenni generali a proposito del tema della bellezza 2. Alcuni cenni di approfondimento a proposito della musica."

Presentazioni simili


Annunci Google