La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’analisi bivariata L’analisi bivariata serve a studiare la relazione fra coppie di variabili. Le sue funzioni sono: 1.Stabilire se date due variabili.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’analisi bivariata L’analisi bivariata serve a studiare la relazione fra coppie di variabili. Le sue funzioni sono: 1.Stabilire se date due variabili."— Transcript della presentazione:

1 L’analisi bivariata L’analisi bivariata serve a studiare la relazione fra coppie di variabili. Le sue funzioni sono: 1.Stabilire se date due variabili (x e y) esiste tra loro una relazione di indipendenza o di associazione; 2.In caso di associazione, quantificare (ove possibile) il grado di associazione tra coppie di variabili mediante coefficienti. Cosa bisogna tenere a mente quando si effettua un’analisi bivariata: 1.L’analisi bivariata studia relazioni statistiche e quindi probabilistiche; 2.Distinzione tra variabili indipendenti e variabili dipendenti; 3.Le tecniche di analisi bivariata variano in base al tipo di variabili considerate. 1Metodologia della ricerca sociale

2 L’analisi bivariata: tipi di variabili e di relazioni Variabile dipendente NominaleOrdinaleCardinale Variabile indipendente Nominale Associazione Analisi della varianza Ordinale Cograduazione Cardinale Correlazione / Regressione 2Metodologia della ricerca sociale

3 L’analisi bivariata L’analisi bivariata ha dunque, nella maggior parte dei casi, come prodotto principale una tavola di contingenza (o tabella a doppia entrata, o incrocio). Rispetto alla distribuzione di frequenza la tavola di contingenza tiene contemporaneamente conto di due variabili: una posta in colonna, l’altra in riga. Oltre alle frequenze assolute, possiamo riportare nella tabella anche (oppure soltanto) le frequenze relative (le percentuali). Variabile B Totale Modalità AModalità B Variabile A Modalità A Modalità B Totale 3Metodologia della ricerca sociale

4 L’analisi bivariata Le frequenze possono essere relativizzate al totale di riga o di colonna, o al totale complessivo. Bisogna essere consapevoli che percentualizzazioni differenti danno informazioni differenti. Il tipo di percentualizzazione: Si sceglie la percentuale di colonna quando si vuole analizzare l’influenza che la variabile posta in colonna ha sulla variabile posta in riga; Si sceglie la percentuale di riga quando si vuole analizzare l’influenza che la variabile posta in riga ha sulla variabile posta in colonna. I totali, di riga e di colonna, costituiscono le frequenze marginali e corrispondono alle frequenze delle variabili prese singolarmente (cioè alle loro distribuzioni monovariate). 4Metodologia della ricerca sociale

5 Esempi: quali informazioni si ottengono cambiando la percentualizzazione? Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico Privato Totale Quale quota di occupati nel privato è donna? Percentuale di riga Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico 61,538,5100,0 Privato 36,463,6100,0 Totale 51,049,0100,0 5Metodologia della ricerca sociale

6 Esempi: quali informazioni si ottengono cambiando la percentualizzazione? Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico Privato Totale Quale quota di donne è occupata nel settore privato? Percentuale di colonna Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico 70,145,658,1 Privato 29,954,441,9 Totale 100,0 6Metodologia della ricerca sociale

7 Esempi: quali informazioni si ottengono cambiando la percentualizzazione? Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico Privato Totale Quale quota del campione è donna e occupata nel settore privato? Percentuale sul totale Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico 35,722,458,1 Privato 15,226,741,9 Totale 51,049,0100,0 7Metodologia della ricerca sociale

8 Misurare l’associazione tra due variabili Le statistiche bivariate: quali indici possono essere utilizzati in base al tipo delle due variabili? I programmi di analisi dei dati offrono la possibilità di calcolare diversi indici in grado di informarci sulla significatività della relazione, la misura dell’associazione, il livello di cograduazione o correlazione tra due variabili, ma è il ricercatore a scegliere l’indice più adatto: - al tipo di variabili; - alle sue esigenze conoscitive. 8Metodologia della ricerca sociale

9 Misurare l’associazione tra due variabili Le statistiche bivariate: il test del Chi-quadrato Il test del chi-quadrato (Х 2 ) è un test di “verifica” delle ipotesi che dà conto della significatività della relazione fra due variabili categoriali (non ci dice nulla sulla forza della relazione). Il test rientra nella famiglia dei test delle ipotesi, cioè permette di confrontare un set di dati osservati con il corrispettivo set di dati attesi in base ad un’ipotesi teorica e di stimare la validità di questa ipotesi. Si tratta di falsificare l’ipotesi nulla (H 0 ), ovvero di assenza di relazione statistica fra due variabili. Se l’ipotesi di assenza di relazione viene respinta, automaticamente viene accettata l’ipotesi di ricerca (H 1 ) che sostiene l’esistenza della relazione. Il suo calcolo si basa sul confronto tra: Frequenze osservate: il numero dei casi effettivamente osservati; Frequenze attese: la frequenza teorica che si dovrebbe attendere sulla base dei totali marginali, se tra le due variabili considerate non esistesse alcuna relazione. 9Metodologia della ricerca sociale

10 Le statistiche bivariate: il test del Chi-quadrato Il test del chi-quadrato Х 2 si basa sulla differenza tra frequenze osservate e frequenze attese: è dato dalla somma dei quadrati di queste differenze rapportati alle frequenze attese. Se la frequenza osservata è “molto” diversa rispetto alla frequenza che avremmo in caso di mancanza di relazione, allora c’è un associazione tra le due variabili. Il valore del chi-quadrato è tanto maggiore quanto maggiore è la distanza fra la tabella delle frequenze osservate e la tabella delle frequenze attese. È zero nel caso di indipendenza perfetta. Logica e test del Chi-quadrato 10Metodologia della ricerca sociale

11 Le statistiche bivariate: il test del Chi-quadrato Logica e test del Chi-quadrato Come si stabilisce se il chi quadrato Х 2 indica una relazione significativa? Si confronta il valore calcolato sulla tabella con quello di una distribuzione teorica. La tavola di distribuzione del chi-quadrato ci dice se un certo valore del chi quadrato è sufficientemente piccolo da poter essere attribuito ad errori casuali (ovvero ad una distribuzione casuale delle unità nelle celle della tabella) o se esiste una qualche relazione fra le due variabili e a che livello di probabilità tale relazione è significativa. Il controllo sulle tavole di distribuzione è necessario in quanto, a determinati livelli di probabilità, anche valori del chi-quadrato lontani dallo zero potrebbero rendere compatibile il risultato con l’ipotesi nulla H 0 di indipendenza fra le variabili. 11Metodologia della ricerca sociale

12 Le statistiche bivariate: il test del Chi-quadrato Come si effettua il controllo del valore ottenuto con quello della tavola di distribuzione? 1.Bisogna innanzitutto calcolare i gradi di libertà di una tabella: g.d.l. = (n. di righe – 1) * (n. di colonne -1) 2. Va individuato il livello di probabilità cui riferirsi; 3. Si confrontano valori calcolati con quelli della tavola di distribuzione del chi-quadrato. Convenzionalmente si respinge l’ipotesi nulla di indipendenza ( H 0 ) se p ≤ 0,05, cioè se il valore del chi-quadrato Х 2 è così grande da avere solo il 5% di probabilità di essere dovuto al caso (cioè ad errori casuali) ed il 95% di essere invece addebitabile ad una relazione fra le variabili. 12Metodologia della ricerca sociale In una tabella composta da due variabili ciascuna con quattro modalità: g.d.l. = (4 - 1) * (4 - 1) = 9 In una tabella composta da due variabili ciascuna con due modalità: g.d.l.=(2-1)*(2-1)=1

13 I gradi di libertà I gradi di libertà sono il numero di valori “liberi di variare”: in una distribuzione di frequenza con k modalità i gradi di libertà sono sempre K-1 (ad esempio per la variabile genere, una volta definito che i maschi sono il 40% e che il totale è 100% le femmine non possono che essere il 60%, per cui c’è un solo grado di libertà dato da 2-1=1; per la variabile età (codificata da 1 a 100 anni e oltre) dobbiamo definire le quote per tutte le altre età perché un valore sia vincolato: i gradi di libertà sono 100-1=99); in una tavola di contingenza il numero di valori liberi di variare è dato da (n. di righe – 1) * (n. di colonne -1) cioè dal prodotto dei g.d.l. delle due distribuzioni : 13Metodologia della ricerca sociale 1 gdl Y Tot ab X a b Tot gdl Y Tot ab X a 25?40 b ??30 c ?? Tot Una volta definito il contenuto di una sola cella tutte le altre sono vincolate. Serve definire il contenuto di due celle perché tutte le altre siano vincolate. Y Tot ab

14 I gradi di libertà: esempi 14Metodologia della ricerca sociale 4 gdl Y Tot abc X a 15??40 b ???30 c ??? Tot g.d.l.= (3-1)*(3-1)= 4 Serve definire il contenuto di quattro celle perché tutte le altre siano vincolate. Y Tot abc 1510? 40 98? 30 ??? Y Tot abc […] 6 gdl Y Tot abcd X a 5???21 b ????47 c ????32 Tot g.d.l.= (3-1)*(4-1)= 2*3= 6 Serve definire il contenuto di sei celle perché tutte le altre siano vincolate. Y Tot abcd 5311? ?47 ???? Y Tot abcd […]

15 Le statistiche bivariate: il test del Chi-quadrato 1.tanto più alti sono i gradi di libertà della tabella (cioè tanto più numerose sono le modalità delle variabili considerate) tanto più alto dovrà risultare il Х 2 per avere un livello di probabilità accettabile; 2. tanto più alto è il livello di probabilità desiderato (e dunque tanto più piccolo è il rischio di errore che si è disposti ad assumere) tanto più elevato dovrà risultare il Х 2 per permettere il rifiuto di H 0. 15Metodologia della ricerca sociale

16 Come si calcola il Chi-quadrato 16Metodologia della ricerca sociale Genere Totale FemminileMaschile Settore occupazionale Pubblico Privato Totale Genere FemminileMaschile Settore di occupazione Pubblico75*77/14065*77/140 Privato75*63/14065*63/140 Genere FemminileMaschile Settore di occupazione Pubblico41,2535,75 Privato33,7529,25 1. Il calcolo delle frequenze attese (f e ) sulla base dei marginali e del totale: Χ 2 = [(56-41,25) 2 /41,25]+[(21-35,75) 2 /35,75]+[(19-33,75) 2 /33,75]+[(44-29,25) 2 /29,25] Χ 2 =5,27 + 6,08 + 6,45 + 7,44 2. Applicazione della formula: Χ 2 =25,24

17 17Metodologia della ricerca sociale Come si controlla la significatività del Chi-quadrato 3. Confronto del valore di X 2 ottenuto dal calcolo con quello del tabulato: Χ 2 = 25,24 g.d.l.= (2-1)*(2-1)=1*1= 1 Il valore del Х 2 ottenuto è maggiore a tutti quelli riportati in tabella per un solo grado di libertà ( 25,24>7,88 ), quindi possiamo affermare che la relazione è significativa con un livello di probabilità superiore allo 0,005.

18 Esempi: Relazione tra due variabili categoriali: il Chi-quadrato. 18Metodologia della ricerca sociale 1. Assenza di relazione significativa Chi quadrato0,131Sig.0,717 Tabella 2x2 Genere Totale MaschileFemminile Tipo di contratto Part time Full time Totale Genere Totale MaschileFemminile Tipo di contratto Part time 47,550,749,2 Full time 52,549,350,8 Totale 100,0

19 Esempi: Relazione tra due variabili categoriali: il Chi-quadrato. Genere Totale MaschileFemminile Tipo di contratto Part time Full time Totale Metodologia della ricerca sociale 2. Presenza di una relazione significativa Chi quadrato25.244Sig.0,000 Tabella 2x2 Genere Totale MaschileFemminile Tipo di contratto Part time 74,732,355,0 Full time 25,367,745,0 Totale 100,0

20 Esempi: Relazione tra due variabili categoriali: il Chi-quadrato. 20Metodologia della ricerca sociale 1. Assenza di relazione significativa Chi quadrato0,299Sig.0,861 Genere Totale FemminileMaschile Settore economico di occupazione Primario Secondario32 64 Terziario Totale Genere Totale FemminileMaschile Settore economico di occupazione Primario34,133,633,8 Secondario24,221,923,0 Terziario41,744,543,2 Totale100,0 Tabella 2x3

21 Esempi: Relazione tra due variabili categoriali: il Chi-quadrato. 21Metodologia della ricerca sociale 2. Presenza di una relazione significativa Chi quadrato41.699Sig.0,000 Genere Totale FemminileMaschile Settore economico di occupazione Primario Secondario Terziario Totale Genere Totale FemminileMaschile Settore economico di occupazione Primario59,120,839,1 Secondario22,725,023,9 Terziario18,254,237,0 Totale100,0 Tabella 2x3

22 Le misure di associazione 22Metodologia della ricerca sociale Il chi-quadrato ci informa circa la significatività della relazione tra due variabili, ma non ci dice nulla circa la sua intensità (o forza). Perché non è possibile utilizzare il Х 2 come misura della forza di una relazione? Semplicemente perché i valori del Х 2 sono direttamente proporzionali alla numerosità campionaria: tanto più numerosi sono i casi (più alte le frequenze osservate e attese) tanto più alto sarà il valore dell’indice. Per avere informazioni circa l’intensità della relazione tra due variabili è dunque necessario utilizzare misure di associazione. Le principali misure di associazione si basano però sul Х 2, che appare sempre al numeratore o al denominatore.

23 Le misure di associazione: il Phi 23Metodologia della ricerca sociale Tale indice però non è normalizzato, ossia non ha un campo di variazione compreso tra 0 e 1: il suo minimo teorico (che indica l’assoluta indipendenza delle variabili) è 0, ma il suo massimo varia a seconda delle dimensioni della tabella. Questo rende difficile sia la sua interpretazione che il raffronto con indici diversi (provenienti da altre popolazioni diversamente numerose). Dato che il Х 2 non può essere utilizzato come misura di associazione perché dipende dalla numerosità del campione la soluzione più semplice è quella di rapportarlo al numero di casi: la radice quadrata di questo rapporto è detta Phi: Ф.

24 Le misure di associazione: la V di Cramèr e il C di Pearson 24Metodologia della ricerca sociale La misura V proposta da Cramèr rapporta il valore del Х 2 al suo massimo teorico, ( k - 1)* N, dove k è il minore fra il numero di righe e di colonne: L’indice assume valori compresi fra 0 (indipendenza) e 1 (relazione perfetta). La misura C di Pearson, detta anche coefficiente di contingenza, rapporta il valore del Х 2 alla somma tra se stesso e il numero di casi: Questo indice non permette una piena confrontabilità fra valori ottenuti con variabili diverse in quanto il limite superiore varia a seconda delle dimensioni della tabella.

25 Le misure di associazione asimmetriche 25Metodologia della ricerca sociale Goodman e Kruskal hanno proposto diverse misure di associazione tra variabili nominali basate sul criterio della riduzione proporzionale dell’errore. I calcoli sono complessi, dunque non studieremo le formule, ma in breve: l’associazione è calcolata come la proporzione di riduzione degli errori di previsione nel prevedere il valore di Y (la variabile dipendente) conoscendo X (la variabile indipendente). L’idea è che, se in molti casi conoscere X permette di prevedere Y, le due variabili sono associate; se invece la conoscenza di X non fa diminuire gli errori nel prevedere Y, le due variabili non sono associate. Naturalmente queste misure assumono un valore diverso a seconda di quale variabile viene scelta come dipendente, per questo sono dette misure di associazione asimmetriche. Le misure più note sono la λ (lambda) e la τ (tau) di Goodman e Kruskal, e si leggono come la quota di errore che la conoscenza della variabile indipendente ci evita di commettere nella previsione della variabile dipendente.

26 Esempi: Relazione tra due variabili categoriali: il Chi-quadrato, il Phi e la V. 26Metodologia della ricerca sociale 1. Assenza di relazione significativa Chi quadrato0,299Sig.0,861 Phi 0,033 V di Cramer 0,033 Genere Totale FemminileMaschile Settore economico di occupazione Primario Secondario32 64 Terziario Totale Genere Totale FemminileMaschile Settore economico di occupazione Primario34,133,633,8 Secondario24,221,923,0 Terziario41,744,543,2 Totale100,0 Tabella 2x3

27 Esempi: Relazione tra due variabili categoriali: il Chi-quadrato, il Phi e la V. 27Metodologia della ricerca sociale 2. Presenza di una relazione significativa Genere Totale FemminileMaschile Settore economico di occupazione Primario Secondario Terziario Totale Genere Totale FemminileMaschile Settore economico di occupazione Primario59,120,839,1 Secondario22,725,023,9 Terziario18,254,237,0 Totale100,0 Tabella 2x3 Chi quadrato41.699Sig.0,000 Phi V di Cramer 0.426

28 La scarsa fortuna delle misure di associazione 28Metodologia della ricerca sociale Perché nonostante l’ampio utilizzo di variabili nominali nella ricerca sociale nei rapporti di ricerca si incontrano raramente misure di associazione? a)Perché quasi tutte le misure di associazione, come si è visto, sono insoddisfacenti dal punto di vista della confrontabilità. b)Perché tutte le misure di associazione presentano dei problemi nella loro interpretazione (mentre la lettura della tabella è semplice e diretta). c)Perché quando si ha a che fare con variabili nominali può avere poco senso calcolare un’unica misura di associazione, dato che le modalità delle variabili godono di una piena autonomia semantica. Spesso una buona lettura della tavola di contingenza e delle differenze tra percentuali dice molto di più di uno o più indici di associazione. Come vedremo a breve in alcuni casi è inoltre possibile avvalersi di un’altra serie di strumenti legati all’interpretazione della relazione tra variabili in termini di rapporti di probabilità (odds).

29 Un caso particolare: la tabella 2x2 29Metodologia della ricerca sociale Il caso in cui si abbia a che fare con due variabili dicotomiche è del tutto particolare: Le misure Φ e V coincidono; Queste due misure coincidono anche con il coefficiente di correlazione r di Pearson (vedi oltre) calcolato assegnando i valori 0 e 1 alle due modalità di ciascuna variabile; sostanzialmente questa particolarità è dovuta al fatto che le tavole 2x2 hanno un solo grado di libertà. Y 01 X 0 ab 1 cd Le misure di associazione nella tabella 2x2 si basano sul prodotto incrociato : Cross product = (ad - cb) Perché? Perché se la relazione è forte i casi si addensano su una delle due diagonali, e se questo accade la differenza tra il prodotto di a per d e quello di b per c sarà elevata.

30 La tabella 2x2: il Q di Yule 30 Metodologia della ricerca sociale Y 01 X 0 ab 1 cd Il Q di Yule è una misura di associazione per tavole 2x2, rapporta il prodotto incrociato alla somma dei prodotti ad e cb: Q= (ad - cb)/(ad + cb) può variare fra -1 e +1; assume il valore 0 in assenza di relazione. Associazione Mancanza di associazione Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico Privato Totale Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico Privato Totale Q=[(75*56)-(32*23)]/[(75*56)+(32*23)] Q= 0.65 Q=[(34*36)-(28*42)]/[(34*36)+(28*42)] Q= 0.02

31 La tabella 2x2: dalle proporzioni agli odds 31Metodologia della ricerca sociale Y Totale 01 X 0 abT x0 1 cdT x1 Totale T y0 T y1 T p = T x0 /T w = T x0 /T x1 Una proporzione p è un rapporto fra la parte e il tutto. Un odds w (rapporto di probabilità) è il rapporto fra la frequenza di una categoria e quella della categoria alternativa (nel caso di variabili dicotomiche). E’ pari a 1 quando le due modalità della variabile hanno lo stesso peso. Il passaggio dall’odds alla proporzione e quello contrario sono molto semplici, infatti: w = p /(1-p) e p = w/(1+w).

32 La tabella 2x2: dalle proporzioni agli odds 32Metodologia della ricerca sociale Y Totale 01 X 0 abT x0 1 cdT x1 Totale T y0 T y1 T Le percentuali di riga e di colonna non sono che proporzioni condizionate: a/(a+c)= a/T y0 b/(b+a)= b/T x0 ecc… Le proporzioni condizionate e i rapporti di probabilità condizionati non sono che proporzioni e odds calcolati per la variabile X entro una sola delle modalità della variabile Y o viceversa. Uomini occupati nel pubblico: a/(a+c) 75/(75+32)=0,701=70.1% Uomini occupati nel privato: c/(a+c) 32/(75+32)=0,299=29.9% Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico Privato Totale

33 I rapporti di probabilità (odds) condizionati. Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico Privato Totale Metodologia della ricerca sociale Rapporto tra uomini e donne occupati nel pubblico: a/b75/47=1.59(per ogni donna occupata nel pubblico ci sono 1,59 uomini) Rapporto tra uomini e donne occupati nel privato: c/d32/56=0,57(per ogni donna occupata nel privato ci sono 0,57 uomini) I rapporti di probabilità condizionati (odds condizionati) permettono di analizzare quanto le due variabili sono in relazione. Per poter calcolare gli odds basta che una sola delle due variabili sia dicotomica, ma potranno essere calcolati solo per la variabile dicotomica entro le modalità dell’altra. Ad esempio se il rapporto tra uomini e donne occupati nel pubblico fosse uguale a quello nel privato non avremmo ragione di ritenere che ci sia relazione tra il genere e il settore di occupazione, nella tabella invece:

34 Il confronto tra rapporti di probabilità condizionati: l’ odds ratio 34Metodologia della ricerca sociale Rapporto tra donne e uomini nel pubblico: a/b75/47=1,59 Rapporto tra donne e uomini nel privato: c/d32/56=0,57 I rapporto tra i rapporti di probabilità condizionati (odds ratio) permette di formalizzare il confronto tra odds: odds ratio = (a/b)/(c/d) = ad/bc= 1,59/0,57 = 2,78 Come si legge questo valore? Posto pari a uno il rapporto tra donne e uomini occupati nel privato, lo stesso rapporto nel settore pubblico è quasi triplo (2,78 volte superiore). Il rapporto tra gli odds o rapporto di associazione può assumere valori compresi tra 0 e più infinito, e il valore 1 indica l’assenza di relazione (i due rapporti sono uguali). Per poter calcolare l’odds ratio entrambe le variabili devono essere dicotomiche. Genere Totale MaschileFemminile Settore di occupazione Pubblico Privato Totale

35 Le misure di cograduazione 35Metodologia della ricerca sociale Nel caso in cui entrambe le variabili incluse nell’analisi siano variabili ordinali, è possibile utilizzare non solo misure di associazione, ma anche misure di cograduazione. Non solo cioè è possibile analizzare la significatività statistica e la forza della relazione, ma anche la sua forma (o segno). Anzianità di servizio Totale BassaMediaAlta Reddito da lavoro Basso Medio Alto Totale Cioè è possibile chiedersi: 1.Esiste una relazione tra anzianità di servizio e reddito da lavoro? 2.Quanto è forte la relazione tra anzianità di sevizio e reddito da lavoro? ma anche: 3.Il reddito da lavoro cresce o decresce al crescere dell’anzianità di servizio? Anzianità di servizio Totale BassaMediaAlta Reddito da lavoro Basso Medio Alto Totale Relazione direttaRelazione inversa

36 Le misure di cograduazione: il Gamma 36Metodologia della ricerca sociale Le misure di cograduazione si basano sul confronto fra i valori assunti dalle variabili X ed Y su tutte le possibili coppie di casi, gli esiti possibili di questo confronto sono tre: 1.i casi sono concordanti (P) : i valori di X e Y sul caso A sono entrambi maggiori (o entrambi minori) di quelli delle stesse variabili sul caso B; 2.i casi sono discordanti (Q) : un caso A ha un valore maggiore di X e uno minore di Y rispetto ad un caso B; 3.i casi sono appaiati : presentano lo stesso valore su X e/o su Y. Il coefficiente più noto è il gamma di Goodman e Kruskal (1954) Se la maggior parte delle coppie è concordante o discordante si è in presenza di una cograduazione. Se γ è uguale a +1 c’è una perfetta relazione positiva, se è uguale a -1 la relazione è negativa. Quando γ è uguale a 0 c’è assenza di relazione (lo stesso numero di coppie discordanti e concordanti).

37 Le misure di cograduazione: i Tau 37Metodologia della ricerca sociale Kendall per ovviare a questi limiti ha proposto altre due misure: a)il Tau-b (o tau q), più utilizzata per le tabelle quadrate; b)il Tau-c (o tau r), più utilizzata per le tabelle rettangolari. Dove: P sono le coppie concordanti, Q le coppie discordanti, P x è il numero massimo di coppie calcolato in base ai marginali della variabile X, P y il numero massimo di coppie calcolato in base ai marginali della variabile Y, N il numero dei casi e m in numero minore tra quello delle modalità in riga e quello delle modalità in colonna. I coefficienti di Kendall, come il gamma, sono ambedue bidirezionali. Il coefficiente gamma presenta però delle criticità:  tende a sovrastimare la forza di un’associazione (perché non considera le coppie appaiate);  risente del numero delle modalità delle due variabili (aumenta all’aumentare della sensibilità di una delle classificazione delle variabili categoriali ordinate).

38 Le coppie 38Metodologia della ricerca sociale X Totale ABC Y A abca+b+c B defd+e+f C ghig+h+i Totale a+d+gb+e+hc+f+iN Coppie concordanti P = a*(e+f+h+i) + b*(f+i) + d*(h+i) + e*i Coppie discordanti Q = c*(e+d+h+g) + b*(d+g) + f*(h+g) +e*g Coppie massime (X) P x = (a+d+g)*(b+e+h) + (a+d+g)*(c+f+i) + (b+e+h)*(c+f+i) Coppie massime (Y) P y = (a+b+c)*(d+e+f) + (a+b+c)*(g+h+i) + (d+e+f)*(g+h+i)

39 Le coppie concordanti 39Metodologia della ricerca sociale X ABC Y A abc B def C ghi P = a*(e+f+h+i) + b*(f+i) + d*(h+i) + e*i X ABC Y A abc B def C ghi X ABC Y A abc B def C ghi X ABC Y A abc B def C ghi

40 Le coppie discordanti 40Metodologia della ricerca sociale X ABC Y A abc B def C ghi Q = c*(e+d+h+g) + b*(d+g) + f*(h+g) + e*g X ABC Y A abc B def C ghi X ABC Y A abc B def C ghi X ABC Y A abc B def C ghi

41 Le coppie, il Gamma e il Tau-b: un esempio 41Metodologia della ricerca sociale X Totale ABC Y A B C Totale Coppie concordanti P = 12*( ) + 4*(8+11) + 6*(7+11) + 9*11= 703 Coppie discordanti Q = 1*( ) + 4*(6+2) + 8*(7+2) +9*2= 146 Coppie massime (X) P x = 20* * *20= 1200 Coppie massime (Y) P y = 17* * *20= 1191 Gamma= ( )/( ) = 0,656 Tau b= ( )/√(1200*1191) = 0,466

42 Le coppie, il Gamma e il Tau-c: un esempio 42Metodologia della ricerca sociale X Totale AB Y A B 6814 C Totale Coppie concordanti P = a*(d+f)+c*f P = 12*(8+11)+6*11= 294 Coppie discordanti Q = b*(c+e)+d*e Q = 1(6+2)+8*2= 24 Gamma= (294-24)/(294+24) = 0,849 Tau c= (294-24)*[2*2/(40 2 *(2-1))] = 0,675 X Totale AB Y A aba+b B cdc+d C efe+f Totale a+c+eb+d+fN

43 Esempi: Cograduazione tra due variabili ordinali: il Tau-b e il gamma. 43Metodologia della ricerca sociale 1.Assenza di cograduazione Tabella 3x3 Anzianità di servizio Totale BassaMediaAlta Tenore di vita Basso ,6%30,8%28,6%29,4% Medio ,3%33,3%39,3%35,3% Alto ,1%35,9%32,1%35,3% Totale ,0%

44 Esempi: Cograduazione tra due variabili ordinali: il Tau-b e il gamma. 44Metodologia della ricerca sociale 2. Cograduazione Tabella 3x3 Anzianità di servizio Totale BassaMediaAlta Reddito da lavoro Basso ,6%15,4%0,0%29,4% Medio ,6%66,7%14,3%39,2% Alto ,9%17,9%85,7%31,4% Totale ,0%

45 Esempi: Cograduazione tra due variabili ordinali: il Tau-b e il gamma. 45Metodologia della ricerca sociale 3. Contrograduazione Tabella 3x3 Anzianità di servizio Totale BassaMediaAlta Soddisfazione lavorativa Bassa ,4%33,3%53,6%31,4% Media ,6%66,7%25,0%42,2% Alta ,0%0,0%21,4%26,5% Totale ,0%

46 Esempi: Cograduazione tra due variabili ordinali: il Tau-c e il gamma. 46Metodologia della ricerca sociale 1.Assenza di cograduazione Tabella 4x3 Titolo di studio Totale Nessuno / L. Elementare L. MediaDiploma Laurea o superiore Tenore di vita Basso ,2%31,6%31,3%25,9%29,4% Medio ,7%26,3%34,4%37,0%35,3% Alto ,2%42,1%34,4%37,0%35,3% Totale ,0%

47 Esempi: Cograduazione tra due variabili ordinali: il Tau-c e il gamma. 47Metodologia della ricerca sociale 2. Cograduazione Tabella 4x3 Titolo di studio Totale Nessuno / L. Elementare L. MediaDiploma Laurea o superiore Reddito da lavoro Basso ,0%26,3%9,4%14,8%29,4% Medio ,7%57,9%68,8%11,1%39,2% Alto ,3%15,8%21,9%74,1%31,4% Totale ,0%

48 Esempi: Cograduazione tra due variabili ordinali: il Tau-c e il gamma. 48Metodologia della ricerca sociale 3. Contrograduazione Tabella 4x3 Titolo di studio Totale Nessuno / L. Elementare L. MediaDiploma Laurea o superiore Soddisfazione lavorativa Bassa ,2%5,3%15,6%92,6%31,4% Media ,7%84,2%71,9%0,0%42,2% Alta ,2%10,5%12,5%7,4%26,5% Totale ,0%

49 Altre misure di cograduazione 49Metodologia della ricerca sociale D di Somer, un coefficiente uni-direzionale. Rispetto al gamma, al denominatore troviamo le coppie appaiate, ovvero le coppie formate da casi che hanno lo stesso valore sulla variabile in colonna, considerata dipendente. Il coefficiente D indica la prevalenza di coppie concordanti (cograduate) e discordanti (contrograduate) nell’insieme delle coppie non legate sulla variabile indipendente. Nel caso di variabili ordinali con un elevato numero di modalità (es. graduatorie o valori derivanti da un termometro dei sentimenti) la misura di cograduazione più utilizzata è il ρ (rho) di Spearman : Dove d è la differenza tra i punteggi di un caso sulle due variabili messe in relazione (ad esempio tra le sue posizioni in due diverse graduatorie), e N è la numerosità della popolazione.


Scaricare ppt "L’analisi bivariata L’analisi bivariata serve a studiare la relazione fra coppie di variabili. Le sue funzioni sono: 1.Stabilire se date due variabili."

Presentazioni simili


Annunci Google