La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di scienza delle finanze Il sistema tributario: unintroduzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di scienza delle finanze Il sistema tributario: unintroduzione."— Transcript della presentazione:

1 Corso di scienza delle finanze Il sistema tributario: unintroduzione

2 Caratteristiche desiderabili di un sistema tributario Efficienza: non interferire con lallocazione delle risorse Semplicità amministrativa: semplice e poco costoso da amministrare Flessibilità: reagire facilmente al mutamento delle condizioni economiche Trasparenza politica: contribuenti consapevoli delle imposte pagate e in grado di valutare se il sistema riflette le loro preferenze Equità: garantire che il trattamento relativo dei diversi contribuenti sia equo

3 Efficienza economica Le imposte indirette fanno cambiare i prezzi relativi i segnali di prezzo sono distorti e lallocazione delle risorse alterata Ampiezza con cui il sistema tributario disincentiva lofferta di lavoro o il risparmio Effetti sul comportamentoindividuale: più sottili scelta tra lavorare o curare i figli; scelta fra impieghi del risparmio Dati i livelli attuali delle aliquote i contribuenti possono dedicare il loro tempo al tentativo di ridurre le imposte pagate piuttosto che al miglioramento della propria attività

4 Efficienza economica II Effetti finanziari: sostanzialmente non è diverso se un datore di lavoro provvede ad auna polizza finanziaria per i dipendenti oppure concede loro un aumento a tal fine dal punto di vista fiscale è invece differente Sostanzialmente impiegare personalmente il proprio risparmio per integrare la pensione pubblica o aderire ad un fondo pensione non è diverso, ma il trattamento fiscale fa la differenza Effetti finanziari con effetti reali: poiché i dividendi, i guadagni in conto capitale e gli interessi sono tassati diversamente il sistema tributario influenza la struttura finanziaria delle società (finanziare gli investimenti a debito o con nuove azioni) conseguenze reali: unimpresa fortemente indebitata è meno disposta ad intraprendere progetti rischiosi.

5 Efficienza economica III Effetti di equilibrio generale: unimposta sugli interessi riducelofferta di risparmio nel lungo periodo si riduce lo stock di capitale si riduce la produttività del lavoro si riducono i salari Effetti annuncio e capitalizzazione: annuncio sul trattamento fiscale di un bene patrimoniale ha effetto immediato sul suo valore imposta sulla casa (il prezzo può diminuire)

6 Efficienza economica IV Imposte distorsive e Imposte neutrali: gli individui reagiscono alle imposte, visto che si riduce il loro benessere Imposta neutrale (non distorsiva): se il contribuente colpito non può modificare il suo debito dimposta è il caso dellimposta in somma fissa (ex. Imposta capitaria, che tutti devono pagare indipendentemente dal loro reddito e dalla loro ricchezza) tale imposte provocano solo effetti di reddito ma non modificano le scelte allocative degli individui Imposte distorsive: ex. Imposte sui beni di consumo, per evitarle gli individui riducono il consumo del bene tassato Imposte distorsive: ex: imposta sul reddito, per ridurre il carico tributario riduco il tempo di lavoro

7 Efficienza economica V Imposte correttive: in caso di fallimenti del mercato lallocazione delle risorse non è efficiente- uso il sistema tributario in modo positivo per migliorare lefficienza allocativa imposte Pigouviane per correggere le esternalità ambientali (procurano gettito e migliorano lefficienza)

8 Costi amministrativi Lamministrazione finanziaria ha costi elevati Costi diretti: il costo di funzionamento degli uffici Costi indiretti: il tempo per compilare i moduli, mantenere la contabilità, onorari dei fiscalisti La complessità della normativa tributaria aumenta i costi amministrativi (700 tra deduzioni e detrazioni…)

9 Flessibilità Le variazioni del ciclo economico rendono necessarie modifiche delle aliquote dimposta (politiche fiscali…) Stabilizzazione automatica: in recessione è desiderabile ridurre le entrate tributarie per stimolare leconomia Con prezzi stabili unimposta progressiva sul reddito consente una stabilizzazione automatica: il reddito si riduce aliquota media (gettito /reddito nazionale) si riduce a sua volta (i contribuenti pagano meno imposte. In fase espansiva accade il contrario Stagflazione: con linflazione aumenta laliquota media (variazione pro-ciclica) viene meno la stabilizzazione automatica

10 Responsabilità politica Lo stato non dovrebbe approfittare della disinformazione dei contribuenti Imposte trasparenti: per le quali risulta chiaro lonere del pagamento (chi è svantaggiato e chi è avvantaggiato) Spesso si ricorre ad aumenti delle imposte sulle vendite (IVA) perché lonere per il contribuente è meno chiaro rispetto allimposta sul reddito… Le imposte dovrebbero essere modificate solo per effetto di nuove leggi….invece: con inflazione una struttura progressiva delle aliquote produce una crescita del gettito in termini reali

11 Equità Equità orizzontale: individui identici sotto tutti gli aspetti devono essere trattati allo stesso modo dal sistema tributario non sono ammesse discriminazioni tra individui (art.3 della Costituzione) In pratica il sistema tributario discrimina tra individui con gusti diversi: ex. Imposte elevate sui superalcolici la diversità di gusti è una caratteristica economica rilevante, di cui il sistema tributario può tener conto Ma allora quali caratteristiche individuali sono rilevanti per poter discriminare o no tramite le imposte? Due individui non sono mai identici….il principio perde di rilevanza

12 Equità Cosa significa uguaglianza di trattamento: un uomo e una donna con lo stesso reddito devono essere trattati nello stesso modo dalla sicurezza sociale deve essere uguale il valore atteso dei benefici o il beneficio annuale? Se tutti, indipendentemente dal sesso, ricevono lo stesso beneficio annuale le donne ottengono di più perché vivono di più…il valore atteso dei benefici è più elevato

13 Equità Equità verticale: individui in grado di pagare imposte maggiori devono contribuire maggiormente in pratica: 1)chi, in linea di principio, deve pagare unaliquota più elevata? 2) Norme coerenti con tale principio 3) Chi deve pagare di più, quanto di più deve pagare? Tre criteri (punto1): maggiore capacità contributiva, maggior benessere, beneficio maggiore dal settore pubblico

14 Equità Reddito come base imponibile: è considerato buon indicatore di capacità contributiva chi ha maggiori redditi dovrebbe pagare imposte più alte. Ma quanto più alte? Chi ha più reddito dovrebbe tradurre in imposte una quota più alta del suo reddito imposta progressiva Tuttavia i più ricchi potrebbero pagare di più in termini assoluti ma pagare una quota inferiore del loro reddito (imposta regressiva)

15 Equità Il consumo come base imponibile: è più giusto tassare gli individui in base al loro contributo alla società (il reddito) o in base a quanto sottraggono alla collettività (il consumo) Poiché Y = C+S, C = Y – S, la questione riguarda la tassazione del risparmio bisogna tassare i rendimenti del risparmio (interessi, dividendi…)?

16 Equità Il reddito nellarco vitale come base imponibile Il contrasto tra consumo e reddito come base imponibile non è così netto La vera questione potrebbe riguardare lunità temporale appropriata come base per limposizione Tale base sarebbe il reddito percepito durante tutto larco della vita (non il reddito annuale)= Valori attuali percepiti dallindividuo Individuo che vive due periodi: VA Y= Y*= w°+w/(1+r) VA consumo = c°+ c/(1+r) Prendere il reddito nel ciclo vitale equivale al consumo

17 Equità Due individui con lo stesso reddito o consumo nel ciclo vitale dovrebbero pagare la stessa imposta (lo stesso VA dellimposta), indipendentemente dalla struttura del reddito o del consumo nellarco della vita Implicazione: i redditi da interesse dovrebbero essere esentati Ma su quale base?

18 Equità Principio del beneficio: ciascuno dovrebbe contribuire al finanziamento dello Stato in proporzione al beneficio che trae dai servizi pubblici Le imposte sarebbero quindi il prezzo pagato per i servizi pubblici Pedaggio per luso di un ponte, imposta sulla benzina per costruire strade.. Criterio poco attraente: come determinare il beneficio ricevuto dai singoli individui (tutti godiamo del beneficio della difesa nazionale ma in quale proporzione?) – Può essere distorsivo: disincentiva il ricorso al servizio

19 Ricorso alla funzione di benessere sociale Utilitarismo: limposta dovrebbe uguagliare lutilità marginale del reddito (se vogliamo massimizzare lutilità totale) base per imposta progressiva (utilità marginale decrescente del reddito) Se il reddito deriva dal lavoro (e dallimpegno sul lavoro) limposta disincentiva il lavoro si riduce il reddito si riduce il gettito Lanalisi tradizionale non considerava che il reddito lordo poteva ridursi come reazione allimposta Attualmente si considerano le reazioni dei contribuenti ( i loro incentivi) confrontare la perdita di utilità per aumento aliquota con il guadagno delle maggiori entrate Il rapporto variaz.utilità/ variaz. Gettito = per tutti i contribuenti Se un gruppo ha offerta di lavoro molto elastica allora lincremento di aliquota da luogo a un gettito molto basso inopportuno tassare pesantemente tale gruppo


Scaricare ppt "Corso di scienza delle finanze Il sistema tributario: unintroduzione."

Presentazioni simili


Annunci Google