La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MARIO FRACCARO 27 maggio 20101 LA RIFORMA NELLA SCUOLA SECONDARIA PROBLEMI E PROSPETTIVE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MARIO FRACCARO 27 maggio 20101 LA RIFORMA NELLA SCUOLA SECONDARIA PROBLEMI E PROSPETTIVE."— Transcript della presentazione:

1 MARIO FRACCARO 27 maggio LA RIFORMA NELLA SCUOLA SECONDARIA PROBLEMI E PROSPETTIVE

2 MARIO FRACCARO 27 maggio Quali i cambiamenti avvenuti in Europa e nel mondo occidentale? NELLERA MODERNA - Scomparsa della famiglia patriarcale - Spostamento della popolazione in aree urbane - Aumento della complessità sociale - Diversificazione delle pratiche culturali - Relativismo valoriale

3 MARIO FRACCARO 27 maggio

4 4 LA SOCIETA LIQUIDA E la societ à del transitorio, dei legami fragili e mutevoli, dell inquietudine, dell esasperata ricerca del piacere, del liberismo selvaggio, dell individualismo, della tragica crisi dei valori … L unico imperativo è l instabilit à e la precariet à : è una societ à che sfugge, in continuo cambiamento, liquida … (Z. Baumann Vita liquida 2005)

5 MARIO FRACCARO 27 maggio

6 6 6

7 7 7

8 8 Si dovrebbero insegnare i principi di strategia che permettano di affrontare i rischi, l'inatteso e l'incerto, e di modificarne l'evoluzione grazie alle informazioni acquisite nel corso dell'azione. Bisogna apprendere a navigare in un oceano d'incertezze attraverso arcipelaghi di certezza. Fonte: E. Morin, La testa ben fatta, 2000

9 MARIO FRACCARO 27 maggio Società Scuola Ambienti più ricchi di stimoli culturali ma più contraddittori Varietà di esperienze formative Informazioni sempre più numerose ed eterogenee Pluralità delle esperienze formative Società e scuola Dare senso alla varietà delle esperienze Formare saldamente sul piano cognitivo e culturale Promuovere la capacità di cogliere gli aspetti essenziali dei problemi Far acquisire strumenti di pensiero per selezionare le informazioni

10 MARIO FRACCARO 27 maggio Insegnare Insegnare in una cultura ridondante di segni contradditori è la sfida pi ù imponente che oggi si presenti

11 MARIO FRACCARO 27 maggio COSA CI DIVIDE DALLEUROPA La nostra scuola, nella comparazione europea, sta affondando (cfr. PISA 2006). Quattro sono le aree che ci dividono dallEuropa: La dimensione dellinsuccesso formativo ; Il grado di priorità accordato allo sviluppo di competenze operative ; Le modalità certificative dei percorsi di apprendimento; Il rapporto tra formazione iniziale e lifelong learning Il nostro sistema scolastico è in grande difficoltà perché manca: La consapevolezza che i percorsi di base comuni per tutti devono essere essenziali ( competenze fondamentali); La capacità di flessibilizzare i percorsi formativi, per motivare curiosità ed interesse ad apprendere; La cultura della personalizzazione e dei piani di studio opzionali ( per garantire il vero successo formativo) Fonte:ISFOL, Rapporto sulla formazione e sullistruzione,2002

12 MARIO FRACCARO 27 maggio INDAGINE OCSE/PISA 2006 Studenti di 15 anni in 40 Paesi sviluppati LETTURAMATEMATICASCIENZEPROB. SOLV. 1. Finlandia 1. Corea 2. Corea 2. Giappone2. Finlandia 3. Canada3. Olanda3. Corea3. Giappone ………………… 25. Italia26. Italia23. Italia26. Italia 26. Grecia 27. Slovacchia 28. Turchia 29. Messico 27. Grecia 28. Turchia 29. Messico 24. Lettonia 25. Lussemburgo 26. Grecia 27. Danimarca 28. Portogallo 29. Turchia e Messico 27. Grecia 28. Turchia 29. Messico

13 MARIO FRACCARO 27 maggio I risultati del test INVALSI SCUOLA SUPERIORE – PRIMO ANNO

14 MARIO FRACCARO 27 maggio Il lavoro cambia, le tecnologie evolvono, le forme di occupazione future includeranno più intelligenze e dovrà essere necessario, oltre alle abilità di base, padroneggiare nuove competenze trasversali Esse sono tali se forniscono le basi per un apprendimento che dura tutta la vita, consentendo di aggiornare costantemente conoscenze ed abilità in modo da far fronte ai continui sviluppi e trasformazioni Fonte:Memorandum sullistruzione e formazione permanente,UE,2000

15 MARIO FRACCARO 27 maggio I RIFERIMENTI EUROPEI LUE ha invitato gli Stati membri ( Risoluzione del 18 dicembre 2006) a sviluppare strategie per assicurare che: Listruzione e la formazione offrano a tutti i giovani gli strumenti per sviluppare le competenze chiave in grado di prepararli alla vita adulta; Gli adulti siano in grado di sviluppare ed aggiornare le loro competenze chiave in tutto il corso della vita In tale contesto la LEGGE 296/06 stabilisce che lelevamento dellobbligo intende favorire il pieno sviluppo della persona nella costruzione di sé ed offrire strumenti per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica

16 MARIO FRACCARO 27 maggio ASPETTI CARATTERIZZANTI DEL NUOVO OBBLIGO (Decreto 22 agosto 2007) Competenze chiave Assi culturali Equivalenza formativa di tutti i percorsi Rispetto delle identità che caratterizzano i curricoli dei diversi ordini ed indirizzi Non terminalità

17 MARIO FRACCARO 27 maggio IL NUOVO SCENARIO LE COMPETENZE CHIAVE INDICATE NELLA RISOLUZIONE E NEL DECRETO SULLASSOLVIMENTO DELLOBBLIGO SCOLASTICO SONO: Competenze civiche e valoriali Competenze culturali

18 MARIO FRACCARO 27 maggio DEFINIZIONE DI COMPETENZA Comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali sociali e / o metodologiche in situazioni di lavoro e di studio e nello sviluppo professionale e /o personale. Le competenze sono descritte in termini di responsabilità ed autonomia (Quadro Europeo delle Qualifiche). FONTE: Raccomandazione del Consiglio Europeo del 23 Aprile 2008

19 MARIO FRACCARO 27 maggio COMPETENZE CHIAVE Combinazione di conoscenze, abilità ed attitudini adeguate al contesto Tutti ne hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personale, la cittadinanza attiva, linclusione sociale e loccupazione

20 MARIO FRACCARO 27 maggio COMPETENZE CHIAVE CULTURALI AL TERMINE DEL BIENNIO COMUNICAZIONE NELLA LINGUA MADRE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZE MATEMATICHE COMPETENZE SCIENTIFICHE COMPETENZE DIGITALI E INFORMATICHE COMPETENZE STORICO SOCIALI

21 MARIO FRACCARO 27 maggio CONOSCENZA VS COMPETENZA La differenza sta nel fatto che, in un dato contesto, chi haCOMPETENZE ADEGUATE è in grado di cavarsela anche senza una conoscenza specifica del problema Occorre acquisire un METODO che consente di affrontare una data situazione Lo studente non è tenuto a SAPERE TUTTO, ma a SAPERE COME SAPERE tutto ciò che GLI SERVE (IMPARARE AD IMPARARE)

22 MARIO FRACCARO 27 maggio UN ESEMPIO

23 MARIO FRACCARO 27 maggio COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Imparare ad imparare Imparare ad imparare: organizzare il proprio apprendimento Progettare Progettare: elaborare e realizzare progetti per le attività di vita e di lavoro Comunicare Comunicare: comprendere messaggi e rappresentare eventi Collaborare e partecipare Collaborare e partecipare: interagire, gestire il conflitto, riconoscere i diritti degli altri

24 MARIO FRACCARO 27 maggio COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Agire in modo autonomo e responsabile Agire in modo autonomo e responsabile: far valere i propri diritti rispettando quelli altrui Risolvere problemi Risolvere problemi: affrontare situazioni problematiche proponendo soluzioni Acquisire ed interpretare linformazione Acquisire ed interpretare linformazione in modo critico Individuare collegamenti e relazioni Individuare collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi

25 MARIO FRACCARO 27 maggio I SAPERI PER LASSOLVIMENTO DELLOBBLIGO DI ISTRUZIONE SONO RIFERITI A 4 ASSI CULTURALI ASSE DEI LINGUAGGI ASSE SCIENTIFICO/TECNO LOGICO ASSE MATEMATICO ASSE STORICO/SOCIALE ESSI costituiscono il tessuto per la costruzione di percorsi di apprendimento orientati ad acquisire le COMPETENZE CHIAVE per preparare i giovani alla vita e accrescere saperi e competenze in un processo di apprendimento permanente

26 MARIO FRACCARO 27 maggio Per la costruzione del curricolo ASSI CULTURALI Asse dei linguaggi Asse matematico Asse scientifico- tecnologico Asse storico- sociale DISCIPLINE Lingua italiana Lingua latina Lingua straniera Disegno e storia dellarte Scienze motorie Matematica Fisica Informatica Storia Geografia / Geografia economica Scienze sociale Filosofia Economia Politica Economia Aziendale Scienze delle finanze Diritto Religione Scienze (della terra, della materia) Biologia (chimica) Elettronica/elettrotecnica Meccanica Sistemi di automazione Controlli di automazione Meccanica applicata Tecnica produzione Esercitazioni pratiche COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Imparare ad imparare - Progettare - Comunicare: comprendere e rappresentare - Collaborare e partecipare - Agire in modo autonomo e responsabile Risolvere problemi - Individuare collegamenti e relazioni - Acquisire ed interpretare linformazione CONOSCENZE / ABILITA COMPETENZE 1 ° BIENNIO

27 MARIO FRACCARO 27 maggio LE IDEE CHIAVE DELLA RIFORMA STOP ALLA FRAMMENTAZIONE MENO ORE E PIU APPROFONDIMENTO QUALITA E MODERNIZZAZIONE

28 MARIO FRACCARO 27 maggio COME CAMBIANO I LICEI COME ERANO COME SARANNO 396 indirizzi sperimentali e 51 progetti assistiti dal Miur 6 Licei Liceo classico Liceo scientifico Liceo linguistico Liceo artistico (6 nuovi indirizzi): o Arti figurative o Architettura e ambiente o Audiovisivo e multimedia o Design o Grafica o Scenografia Liceo musicale e coreutico Liceo delle scienze umane

29 MARIO FRACCARO 27 maggio COME CAMBIANO GLI ISTITUTI TECNICI COME ERANO COME SARANNO 10 settori e 39 indirizzi 2 settori e 11 indirizzi Settore economico (2 indirizzi): o Amministrativo, finanza e marketing; o Turismo. Settore tecnologico (9 indirizzi): o Meccanica, meccatronica ed energia o Trasporti e logistica o Elettronica ed elettrotecnica o Informatica e telecomunicazioni o Grafica e comunicazione o Chimica, materiali e biotecnologie o Sistema moda o Agraria e agroindustria o Costruzioni, ambiente e territorio

30 MARIO FRACCARO 27 maggio COME CAMBIANO GLI ISTITUTI PROFESSIONALI COME ERANO COME SARANNO 5 settori e 27 indirizzi 2 settori e 6 indirizzi Settore dei servizi (4 indirizzi): o Servizi per lagricoltura e lo sviluppo rurale o Servizi socio-sanitari o Servizi per lenogastronomia e lospitalità alberghiera o Servizi commerciali Settore industria e artigianato (2 indirizzi): o Produzioni artigianali e industriali o Servizi per la manutenzione e lassistenza tecnica

31 MARIO FRACCARO 27 maggio E VERAMENTE UNA RIFORMA EPOCALE ?

32 MARIO FRACCARO 27 maggio MODESTO RESTYLING PARI DIGNITA DEI 3 PERCORSI PROBLEMA DEI PROFESSIONALI COME MIGLIORARE GLI ESITI FORMATIVI DEGLI STUDENTI? LA RIFORMA CONIUGA ESIGENZE DI CAMBIAMENTO CON LA CRISI ECONOMICA, NON SI INVESTE MA SI TAGLIA

33 MARIO FRACCARO 27 maggio SITUAZIONE ATTUALE DELLA DIDATTICA OCCORRONO:IMPEGNO FORTE,PROGETTUALITA SERIA,INVESTIMENTI E RIVALUTAZIONE DEL RUOLO DEI DOCENTI

34 MARIO FRACCARO 27 maggio Imparare a vivere da cittadini e non da sudditi Scuola di Barbiana


Scaricare ppt "MARIO FRACCARO 27 maggio 20101 LA RIFORMA NELLA SCUOLA SECONDARIA PROBLEMI E PROSPETTIVE."

Presentazioni simili


Annunci Google