La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Francesca Micci in collaborazione con: Elisa Bellumori,Egzona Osmani,Sara Pietrelli Presentazione di Vitozza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Francesca Micci in collaborazione con: Elisa Bellumori,Egzona Osmani,Sara Pietrelli Presentazione di Vitozza."— Transcript della presentazione:

1 Francesca Micci in collaborazione con: Elisa Bellumori,Egzona Osmani,Sara Pietrelli Presentazione di Vitozza

2 Vitozza L'antica città di Vitozza sorse in epoca medievale, quasi sicuramente alla fine dell'XI secolo, attorno al castello edificato dalla famiglia Aldobrandeschi. La struttura castellana venne costruita nel cuore di un insediamento rupestre che risultava abitato, molto probabilmente, già in epoca etrusco-romana.

3 Storia del paese Vitozza in epoca medievale presentava un castello notevolmente fortificato. Comprende oltre duecento grotte, che erano adibite ad abitazioni fin dall'epoca medievale, alcune delle quali erano ancora popolate nel Settecento quando i Lorena effettuarono il censimento degli abitanti della zona. Nella prima metà del Duecento il centro passò temporaneamente prima sotto il controllo di Orvieto e poi della famiglia Baschi, che nella parte orientale della provincia di Grosseto possedeva numerosi beni.

4 Le grotte Le grotte adibite ad usi abitativi si estendono lungo i sentieri che attraversano il bosco che domina l'alta valle del fiume Lente, risalendola fino alla sua sorgente; alcune risultano piuttosto ravvicinate tra loro, mentre altre tendono ad essere più isolate. In base alla loro tipologia, le grotte possono essere infatti classificate in quattro diverse tipologie di riferimento. Giungendo da San Quirico, si incontrano per un lungo tratto del sentiero tre varianti diverse di grotte. Un primo gruppo è caratterizzato da grotte con aperture rettangolari che spesso sono disposte su più livelli collegati tra loro da scalette e passaggi, con le abitazioni collocate ai livelli superiori e i ricoveri degli animali a quelli inferiori. Un secondo gruppo di grotte presenta piante rettangolari con strutture destinate ad ospitare gli animali. Un terzo gruppo di grotte era adibita ad usi misti: esse si caratterizzano per un'apertura ad arco, una pianta culminante con un settore a forma circolare e maggiori rifiniture. La parte a forma circolare, ad uso animale, era munita di mangiatoia; gli altri ambienti erano probabilmente adibiti ad abitazione.


Scaricare ppt "Francesca Micci in collaborazione con: Elisa Bellumori,Egzona Osmani,Sara Pietrelli Presentazione di Vitozza."

Presentazioni simili


Annunci Google