La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE CERTIFICAZIONI: COMPETENZE E STANDARD PER UNA DIMENSIONE EUROPEA DELLA FORMAZIONE Formazione a distanza Introduzione. Levoluzione della Fad e ciò che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE CERTIFICAZIONI: COMPETENZE E STANDARD PER UNA DIMENSIONE EUROPEA DELLA FORMAZIONE Formazione a distanza Introduzione. Levoluzione della Fad e ciò che."— Transcript della presentazione:

1 LE CERTIFICAZIONI: COMPETENZE E STANDARD PER UNA DIMENSIONE EUROPEA DELLA FORMAZIONE Formazione a distanza Introduzione. Levoluzione della Fad e ciò che si vede della sfera di cristallo Materiali didattici: dallesperienza didattica alla realizzazione tecnica Piattaforme di erogazione: analisi, requisiti, valutazioni, sogni Esperienze: Fadol e Maestra Torino, 5 marzo 2004

2 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Approcci FAD 6os: Behaviourist Pavlov/Skinner/Thorndike 80s Multimedia Technology Transfer of rules/facts/ procedures 90s Hypertext Technology 70s-80s: Cognitivist Novak, Ausubel, Gowin Growth of abilities & Knowledge 90s-00s: Constructivist Norman, Jonassen Change of personal attititudes & models New Millenium: Collaborative Technology OKI ALF A behaviourist view of learning is a subset of cognitive views. It focuses on the development of behaviours through the administration of positive reinforcement [rewards] and negative reinforcement [withholding rewards] and punishment. It is associated with the subdivision of learning tasks into small, logically sequenced components which may be separately mastered. e.g. Skinner (Voluntary Behavior), Pavlov, Gagne (Reflexive Behavior) Cognitivist views of learning are derived from the study of cognition – the way the mind functions in learning. Cognitivist understandings include: developmental views which see learners developing sophisticated understandings in definable stages e.g. Piaget, Vygotsky; understandings that learners have different ways of conceptualising knowledge objects e.g. Marton; the notion of preferred learning styles among learners- A constructivist view of learning sees learning as building upon the individual's initial understandings, skills and propensities by incorporating new information and skills. Learning occurs where the information and experiences available are meaningful to the individual. The understandings and skills developed are specific to the individual. e.g. Bruner- ?

3 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze …correva lanno…. Fase1Fase 2Fase 3 Modelli cognitiv i (*) Comportamentismo Rinforzo positivo, condizionamento del comportamento animale Cognitivismo Processi interni, fattori cognitivi che influenzano il raggiungimento obiettivi - Istruzione come eventi esterni che interagiscono con lapprendimento interno assistendolo allacquisizione di capacità Costruttivismo Impegno attivo a ostruire la conoscenza piuttosto che riversmento discente – docente, sapere come costruzione personale, apprendimento attivo, apprendimento collaborativo TecnicaMezzi adatti a gestire la presentazione della materia e dil rinforzo necessario (CAI, didattica interattiva) Ipertesti, scelta del processo esterno, sistemi per lo sviluppo e gestione di eventi formativi orientato allintegrazione e utilizzazione coordinata di conoscenze esistenti Sistemi collaborativi in rete, internet Generazioni FAD Prima generazione corrispondenza Seconda generazione multimedialità Terza generazione reti (*)

4 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Evoluzione dei sistemi di tecnologie didattiche Fase sperimentale CBI Sistemi basati Su modello, attativi, autogenerativi Sistemi Procedurali Fissi, monolitici Primi sistemi ITS: modelli di conoscenza, interazioni adattative Modelli evoluti ITS: Basati sulle ricerche cognitive, procedure basati su ruoli e obbiettivi Sistemi di authoring, modelli preconfezionati, commercializzazione Sistemi di authoring, di II generazione, specializzati Derivato da Computer based instruction, Gibbons & Fairweather, in Training & Retaining, 2000 – Tobias & Fletcher Derivato da Computer based instruction, Gibbons & Fairweather, in Training & Retaining, 2000 – Tobias & Fletcher Mf->mini->ws>pc Semantic gap Learnong objects, Sequencing, commercializzazione Adattamento a Internet Convergenza Separazione tra Controllo e contenuto

5 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Enti di studio LTSC Learning Technology Standards Committee CEN Comité Européen de Normalisation ISSS International Society for the System Sciences WS-LT Learning Technologies Workshop L O M Metadata Dublin core ppt/ElearnStd1Overview.ppt

6 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Anatomia di un sistema di e-learning I Sistema di formazione a distanza Materiali didattici Piattaforme tecnologiche Risorse Umane Organizzazione Aziendale Struttura Del corso LMS Colloquio Con la piattaforma Visualizzazione del corso ppt/ElearnStd1Overview.ppt ppt/fadTutoring.ppt

7 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Anatomia di un sistema di e-learning II Sistema di formazione a distanza LO Materiali didattici Piattaforme tecnologiche Risorse Umane Organizzazione Aziendale contenutiprocesso strutturazione LO (rlo, sco) SCA AAAAAA Corso/modulo LMS Qualità (tecnica/didattica) Colloquio Con la piattaforma Cosa comunicare Come comunicarlo Visualizzazione del corso

8 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Evoluzioni (?) Considerazione di importanza Materiali didattici Piattaforme tecnologiche Risorse Umane Organizzazione Aziendale

9 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Gli standard: SCORM reference model docs/elearningstd2004.doc

10 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze SCORM: concetto base

11 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze SCORM: evoluzione docs/ADL-SCORM/SCORM_2004_Overview.pdf Content Aggregation Model (CAM): Meta-data + Binding Content Aggregation Model (CAM): Meta-data + Binding Adds: Content Packaging & Content Organization Content Aggregation Model (CAM): Meta-data + Binding Adds: Content Packaging & Content Organization Updated/Fixed Run-Time Environment (RTE): API + Data Model Run-Time Environment (RTE): API + Data Model Updated/Fixed Run-Time Environment (RTE): API + Data Model Updated/Fixed Sequencing & Navigation (SN): Rules and Behaviors (new) SCORM Version 1.1 January 2001 SCORM Version 1.2 October 2001 SCORM 2004 January 2004 CAM 1.3 RTE 1.3 SN 1.3 SCORM Evolution

12 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze …simple sequencing… …simple sequencing….

13 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze SCORM: bookshelf docs/ADL-SCORM/SCORM_2004_Overview.pdf

14 LE CERTIFICAZIONI: COMPETENZE E STANDARD PER UNA DIMENSIONE EUROPEA DELLA FORMAZIONE materiali didattici - approfondimenti -

15 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Sviluppo dei materiali didattici coordinamento Gruppo didattica Gruppo Sviluppo tecnologico Raccolta e analisi dei materiali Elenco dei LO necessari Metadata didattici Chiamate di Run Time Sequencing and navigation Metadata tecnici XML binding dei metadati Struttura generale: content aggregation Inserimento API e chiamate di run time Inserimento sequencing Creazione htmlbase packagingdelivering docs/didamatica.doc Numero e struttura dei LO ppt/TeamDeveloperScorm.ppt

16 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze p … non è facile….

17 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze MD: metadata in manifest

18 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze MD: metadata (IEEE LOM 1.0) fronDublinCoretoSC0RM.ppt ppt/fromDublinCoretoSC0RM.ppt

19 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Run Time Environment LMS utente Materiale didattico standard Cosa comunicare (DATA MODEL) Come comunicarlo (API) ppt/ElearnStd6RunTime.ppt

20 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Run Time Environment LMS Materiale didattico standard Nome utenteStato LezioneRisult. Test…… Nome utenteStato LezioneRisult. Test…… String 128 chr Valori: Percentuale fruiz. Finita Già iniziata Segnalibro Valori: Percentuale fruiz. Finita Già iniziata Segnalibro Intero max 100 API DATA MODEL ppt/ElearnStd6RunTime.ppt

21 LE CERTIFICAZIONI: COMPETENZE E STANDARD PER UNA DIMENSIONE EUROPEA DELLA FORMAZIONE Piattaforme di formazione - approfondimenti -

22 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze LMS: compiti Corsisti Docenti tutor Docenti tutor Materiali didattici Materiali didattici Dati

23 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze lfLMS: caratteristiche Learner –Communication –Productivity –Student Involvment Support –Administration –Course Delivery –Curriculum design

24 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze API Adapter SCORM API Delivery Service Tracking Service Sequencing Service Content Management Service Learner Profiles Service Testing/ Assessment Service Course Administration Service Local Content Repository Remote Content Repositories SCORM Content Packages Browser (Presentation) Generalized Learning Management System Model Selection Launch SCORM Tracking Data SCORM Content (SCOs & Assets)

25 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Vendor supporting standard

26 LE CERTIFICAZIONI: COMPETENZE E STANDARD PER UNA DIMENSIONE EUROPEA DELLA FORMAZIONE Fadol e Maestra Due esperienze di FAD

27 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze fadol COSA E un servizio di formazione continua e a distanza che poggia su uninfrastruttura telematica esclusiva Ministero del Lavoro/Unione Europea Agenzie per limpiego Centri di formazione di tutte le Regioni italiane: operatori della FP Ministero del Lavoro/Unione Europea Agenzie per limpiego Centri di formazione di tutte le Regioni italiane: operatori della FP CHI 1200 postazioni remote Tre livelli organizzativi: struttura operativa centrale struttura operativa regionale struttura operativa locale 1200 postazioni remote Tre livelli organizzativi: struttura operativa centrale struttura operativa regionale struttura operativa locale COME PERCHE Per sperimentare e mettere a regime il primo sistema nazionale di formazione continua dei formatori

28 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Fadol: diffusione centri Piemonte

29 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Fadol: il percorso 1° Esplorazione 2° Stampa report 3° Percorso formativo personalizzato 6° Rilascio certificazione di Fruizione 5° Fruizione e Assistenza On-Line 4° Contratto Formativo Il processo può ricominciare

30 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Fadol: modularità Courseware 1Courseware 2Courseware 3Courseware 4 Courseware 5 Courseware 6Courseware 7Courseware 8Courseware 9Courseware 10 Courseware 11 Courseware 12 Courseware 13 Courseware 14 Courseware 15 Courseware 16 Courseware 17 Courseware 18 Courseware 19 Courseware 20 Courseware 21 Courseware 22 Courseware 23 Courseware 24 Courseware 25 Verifica del Fabbisogno Formativo Modulo Introduttivo Courseware 9 Courseware 9 Courseware 17 Courseware 17 Orientamento Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Courseware 9 Modulo Introduttivo Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Courseware 17 Modulo Introduttivo Modulo 1 Modulo 4 Modulo 5 Modulo Introduttivo Modulo 4 Modulo 1 Modulo 2

31 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Maestra: il passato LMS SCORM 1.2 compliant Skinnable Educational Linux / apache / php / mysql 5044 utenti / 13 enti / 334 corsi

32 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Maestra: il presente Maestra 2.x: –Site embedded Maestra 3.x: –Nuovo codice / interfaccia db, stessa esperienza didattica –SCORM 2004 compliant –Open Source -> maes3 Collaborazioni!!! –Tecniche: sourceforge.net/projects/maes3 –Didattiche: »Tutoring »Sviluppo di materiali didattici

33 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Maestra: il futuro (?) Architettura: –Lms SCORM & OS –Lcms Gestione delle competenze –Repository IMS compliant Collegamento a reti di repositories

34 introduzione Mat. Did. Piattaforme Esperienze Collaborazioni –Tecniche: –Didattiche:


Scaricare ppt "LE CERTIFICAZIONI: COMPETENZE E STANDARD PER UNA DIMENSIONE EUROPEA DELLA FORMAZIONE Formazione a distanza Introduzione. Levoluzione della Fad e ciò che."

Presentazioni simili


Annunci Google