La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PORTAVOCE NEL CIRCUITO COMUNICATIVO PUBBLICO. I pilastri della legge 150/2000 1.Ufficio stampa 2.Portavoce 3.URP.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PORTAVOCE NEL CIRCUITO COMUNICATIVO PUBBLICO. I pilastri della legge 150/2000 1.Ufficio stampa 2.Portavoce 3.URP."— Transcript della presentazione:

1 IL PORTAVOCE NEL CIRCUITO COMUNICATIVO PUBBLICO

2 I pilastri della legge 150/ Ufficio stampa 2.Portavoce 3.URP

3 Il portavoce È una persona incaricata di riferire i punti di vista e le opinioni altrui, o di esporre al pubblico, specialmente ai mass – media, il pensiero, e loperato di un organo o di unautorità responsabile. In base ad un rapporto fiduciario, spiega e sostiene le scelte dellorgano politico di vertice. È un mediatore, consigliere e sostituto.

4 Il portavoce ieri… Ha assunto nel tempo le diverse connotazioni di araldo, delegato, messaggero, nunzio a seconda del contesto e dellepoca storica. Era considerato un portaborse, un consigliere, un giornalista fazioso o un collaboratore di fiducia. Prima del 2000 erano pochissimi i professionisti che in Italia ricoprivano questo incarico ma in altri Paesi vanta una lunga tradizione. Compare negli atti parlamentari nel 1995.

5 Il portavoce oggi… Si impone sempre di più: nei ministeri, nei partiti, nelle organizzazioni internazionali, nelle associazioni non governative e del volontariato, nelle regioni e nei comuni. È un giornalista o un comunicatore, è legato allente da un contratto di collaborazione o è un dipendente pubblico. Sonouomini politici in proprio: contano moltissimo, parlano per conto del leader e spesso sono gli autori di interviste e di discorsi. Può rappresentare una posizione importante nellorganigramma di una formazione politica Negli ultimi anni ha acquisito un ruolo di maggior rilievo in funzione della personalizzazione della politica e della crescente attenzione dei media più sui leader che sui partiti.

6 C.U.S. e Portavoce È il responsabile delle strategie e delle strutture di comunicazione Mantiene i rapporti con i giornalisti e coordina le attività di informazione che amministratori e uffici indirizzano al sistema dei media È un giornalista iscritto allOrdine: comunica e trasmette in modo corretto, coerente,completo. Ha codici da rispettare Il contratto non coincide con la durata dellamministrazione che lo designa Non può esercitare attività nei settori radiotelevisivo, del giornalismo, della stampa e delle relazioni pubbliche Ha compiti di diretta collaborazione ai fini dei rapporti di carattere politico- istituzionale con gli organi di informazione Cura delle iniziative e delle scelte politiche Non ha lobbligo di essere iscritto allalbo. È un tecnico della comunicazione con competenze psicologiche, massmediologiche, politiche, amministrative Non ha codici da rispettare Il suo incarico cessa al termine del mandato dellorgano di vertice Non può esercitare attività nei settori radiotelevisivo, del giornalismo, della stampa e delle relazioni pubbliche

7 I difetti della legge 150/2000 legati alla figura del portavoce Non vengono precisati compiti e funzioni che differenziano il ruolo di portavoce da quello di capo ufficio stampa. Non indica un percorso formativo per la figura del portavoce. Non indica quali requisiti deve possedere. Non pone limiti di età. Non indica incompatibilità. Non ha codici da osservare (mentre laddetto stampa rispondono alla legge sullOrdinamento della professione di giornalista e alla Carta dei doveri). Permette che il portavoce, iscritto allOrdine dei Giornalisti, copra pure lincarico di capo ufficio stampa. Non prevede una disciplina contrattuale definita. Non prevede nessun tipo di monitoraggio nei confronti delloperato degli enti pubblici. Non prevede sanzioni nei confronti degli enti che non si adeguano alla normativa.

8 Il problema portavoce In alcune realtà esiste in assenza dellufficio stampa o lo prevarica, esercitando una funzione gerarchica che di fatto rende lufficio stampa subalterno. In molti ministeri il portavoce ricopre anche il ruolo di C.U.S. Unificando le figure si va a contrastare quel principio che vuole che il giornalista sia lunico responsabile della corretta informazione. Allufficio stampa spetta la comunicazione imparziale, al servizio dellente nel suo complesso. Il portavoce si pone come organo di parte, di fiducia del politico, di cui deve fare linteresse comunicandone la volontà e limmagine positiva.

9 Rischi Finalizzazione politica dei messaggi istituzionali. Divisione delle attività: la comunicazione a più forte amplificazione politica e di maggior impatto sullopinione pubblica viene attribuita al portavoce,mentre la comunicazione di servizioall U.S. Il portavoce guida lU.S. stampa come se questo fosse una struttura al servizio del vertice politico e non al servizio dellamministrazione e del cittadino, così facendo verrebbero veicolate sui media solo notizie studiate per assicurare la massima visibilità dellente e del vertice politico. Perdita della qualità dellinformazione, della corretta informazione, dellobiettività. Alterazione del rapporto amministrazione – cittadino

10 Il messaggio Le fonti più diffuse di notizie sono i comunicati stampa diramati dalle agenzie governative e dai ministeri. Il giornalista cerca di presentare la notizia nella maniera più obiettiva possibile. Quando però questa rielaborazione viene fatta allinterno di un ufficio stampa, la notizia viene edulcorata, trasmettendo quasi sempre limmagine vincente dellazienda o dellente. Le notizie possono essere manipolate ancor prima di raggiungere le redazioni giornalistiche. Le emittenti le manipolano ulteriormente al solo scopo di costringere il pubblico a pensare, sentire e reagire in una certa maniera.

11 Leffetto Agenda AGENDA SETTING: espressione inglese, traducibile con mettere allordine del giorno, che indica un effetto dei mass media sul pubblico. Lipotesi è che il pubblico presti attenzione agli eventi della realtà esterna o li trascuri a seconda dellattenzione dedicata dai mezzi dinformazione ai fatti stessi: la gente includerebbe o escluderebbe dalle proprie conoscenze ciò che i media includono o escludono dai propri palinsesti.

12 Media e Politica La diffusione dei media ha fatto sì che nei sistemi politici contemporanei non si può più governare: CONTRO il sistema dellinformazione SENZA il sistema dellinformazione. = Si tende a governare ATTRAVERSO il sistema dellinformazione. I media possono essere capaci di condizionare lagenda politica.

13 Agenda Building Lagenda building è un modello di costruzione dellagenda pubblica che mette in relazione tra loro: Sistema politico Sistema dei media Opinione pubblica È il contributo dei media alla selezione dei temi che i politici sono chiamati ad affrontare

14 Comunicatori e Giornalisti Il rapporto di dipendenza tra sistema dei media e sistema della politica non è mai prodotto dai soli media, ma è un prodotto congiuntodi un processo interattivo che coinvolge comunicatori politici e giornalisti.

15 Selezione e presentazione della notizia Lessenza del processo produttivo dei media è la raccolta, la selezione, la gerarchizzazione degli eventi. Fondamentali sono le FONTI. Il PORTAVOCE si pone come fonte di informazione, partecipe del processo di negoziazione delle notizie. Autorevolezza, produttività, attendibilità, credibilità e continuità nella produzione di informazioni lo collocano nella gerarchia delle fonti primarie. Il portavoce può definire la situazione in ambito mediatico, per questo è necessario che il portavoce non sia uno spin doctor.

16 IL PORTAVOCEgatekeeper Il portavoce come fonte fornisce dati in qualche modo già selezionati formattati ed opportuni Seleziona quotidianamente le notizie da dare e quelle da non dare Ha la facoltà di graduare il flusso delle notizie e determinare la loro priorità Sa distinguere e filtrare informazioni utili al lavoro del soggetto/istituzione

17 Manipolare linformazione Il portavoce così come lo spin doctor dà una particolare interpretazione di fatti o eventi. Il portavoce NON comunica tutto: In alcuni casi la notizia potrebbe ferire limmagine del soggetto istituzionale al cui fianco si lavora e tradirne il rapporto fiduciario, o danneggiarne lintegrità anche per quanto riguarda la vita privata = vengono comunicate le notizie comode oscurando quelle negative

18 Chi è lo spin doctor? È un dottore del raggiro. Un manipolatore di opinioni. Un consulente politico esperto di comunicazioni che può scrivere discorsi essere manager di elezioni, portavoce di partiti, ed esperto di sondaggi. Tira fuori il meglio da qualsiasi situazione in cui sia implicato il suo committente, fornendo ai giornalisti e ai media una versione aggiustata di un evento-notizia. In Italia non esistono dei veri e propri spin doctors, in loro vece ci sono Portavoce. Ad accomunare le due figure è lo scopo: portare avanti un messaggio positivo

19 Funzioni chiave del portavoce Le competenze linguistico comunicative si esplicano nelle tre funzioni: parlare scrivere ascoltare – comprendere

20 Attività del portavoce Conferenze stampa Audit istituzionali Interviste Comunicati Documentazione selettiva Coordinamento con lufficio stampa

21 Il portavoce di domani… Definire un percorso formativo, ruolo e competenze Creazione di un Albo speciale Messa in aspettativa dallAlbo ( per chi, iscritto allOrdine, volesse ricoprire il ruolo di portavoce) Creazione di vincoli di incompatibilità Previsione di un inquadramento contrattuale unico e condiviso


Scaricare ppt "IL PORTAVOCE NEL CIRCUITO COMUNICATIVO PUBBLICO. I pilastri della legge 150/2000 1.Ufficio stampa 2.Portavoce 3.URP."

Presentazioni simili


Annunci Google