La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Un sistema per la Pianificazione e la Gestione delle Risorse Idriche Applicazione pilota ai bacini del Ticino e dellAdda - TwoLe Fondazione CARIPLO - Progetto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Un sistema per la Pianificazione e la Gestione delle Risorse Idriche Applicazione pilota ai bacini del Ticino e dellAdda - TwoLe Fondazione CARIPLO - Progetto."— Transcript della presentazione:

1 Un sistema per la Pianificazione e la Gestione delle Risorse Idriche Applicazione pilota ai bacini del Ticino e dellAdda - TwoLe Fondazione CARIPLO - Progetto TwoLe Un sistema per la Pianificazione e la Gestione delle Risorse Idriche Sottoprogetto TwoLe/A Gestione - Applicazione pilota al Verbano e al Ticino sublacuale Sottoprogetto TwoLe/B Pianificazione - Applicazione pilota al Lario e allAdda sublacuale Sottoprogetto TwoLe/C Negoziazione nella Pianificazione delle Risorse Idriche

2 Un sistema per la Pianificazione e la Gestione delle Risorse Idriche Applicazione pilota ai bacini del Ticino e dellAdda - TwoLe Progetto TwoLe Un sistema per la Pianificazione e la Gestione delle Risorse Idriche Sottoprogetto TwoLe/B Applicazione pilota al Lario e allAdda sublacuale Incontro finale Introduzione Rodolfo Soncini-Sessa Professore di Gestione delle risorse naturali Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano

3 TwoLe 3 TwoLe/B Riunione davvio Obiettivo di TwoLe Realizzare un sistema informatico (TwoLe) per il supporto allo sviluppo di Piani di Bacino come richiesto dalla WFD. I piani devono essere sviluppati secondo il paradigma IWRM: Pianificazione Integrata e Partecipata Obiettivo di TwoLe/B: Sperimentare TwoLe sul bacino del Lario e dellAdda

4 TwoLe 4 TwoLe/B Riunione davvio La procedura adottata: PIP Decisione politica 2. Concettualizzazione 3. Progetto delle alternative 4. Stima degli effetti 6. Comparazione delle alternative 1. Definizione del sistema e degli obiettivi 5. Valutazione delle alternative Portatori di interesse Consenso ? mitigazione / compensazione no si alternative di compromesso

5 TwoLe 5 TwoLe/B Riunione davvio La procedura PIP 1. Definizione del sistema e degli obiettivi Portatori di interesse Comprensione del Sistema Identificazione dei Portatori dinteresse Definizione del sistema nel tempo e nello spazio Analisi istituzionale e legale Individuazione degli obiettivi

6 TwoLe 6 TwoLe/B Riunione davvio Caso studio: qualche dato bacino imbrifero Lario: circa 3500 km 2 bacino Adda sublacuale: circa 3000 km 2 Adda da Olginate a Po: circa 130 Km 6 Province (MI, LC, CO, BG, CR, LO) 5 comprensori irrigui

7 TwoLe 7 TwoLe/B Riunione davvio Caso studio: i Portatori di interesse Persone contattate: 256 Partecipanti coinvolti: 45 (17%) Ruolo: istituzionale, ONG (associazioni ambientaliste, di categoria) Scala: regionale (Regione, Provincia, Comune) Identificazione: diretta, snow ball Questionari aperti Facilitazione Brainstorming Interviste strutturate Mappe concettuali Sopralluogo (interviste aperte) Card sorting (validazione) Incontri pubbliciXXXXX Incontri bilateraliXXXX Comunicazione webXXX Strumenti del coinvolgimento attivo: Soggetti coinvolti: Consorzio dellAdda Comune di Como Province e ARPA di Como e Lecco Riserva Naturale Pian di Spagna Consorzio del Lario e dei Laghi Minori Coordinamento Turistico Lago di Como Ente Navigazione Laghi Associazione Rive Lariane Fondazione Museo della Barca Lariana Comune e Provincia di Lodi Consorzi irrigui (Media pianura berg., Muzza, CiC, Vacchelli)

8 TwoLe 8 TwoLe/B Riunione davvio i settori dinteresse esondazioni monte turismo monte ambiente monte pesca monte navigazione monte idroelettrico monte idroelettrico valle esondazioni valle navigazione valle turismo valle pesca valle ambiente valle irrigazione

9 TwoLe 9 TwoLe/B Riunione davvio Trovare un modo di gestire il lago che raccolga consensi maggiori di quello attuale e migliori la qualità ambientale. Obiettivo del problema

10 TwoLe 10 TwoLe/B Riunione davvio La procedura PIP 2. Concettualizzazione 1. Definizione del sistema e degli obiettivi Portatori di interesse Identificazione delle possibili azioni (misure)

11 TwoLe 11 TwoLe/B Riunione davvio I possibili interventi e le forzanti Afflusso Brembo Serio paratie argini Oglio dmv concessioni pac fascia passaggi pesci depurazione regolazione gestione integrata uso delle cave rinaturalizzazione metodo irriguo strutturalistrutturali Classificazione: normativenormative gestionaligestionali forzantiforzanti Cosa possiamo decidere?

12 TwoLe 12 TwoLe/B Riunione davvio La procedura PIP 2. Concettualizzazione 1. Definizione del sistema e degli obiettivi Portatori di interesse Identificazione delle possibili azioni (misure) Identificazione dei criteri e degli indicatori

13 TwoLe 13 TwoLe/B Riunione davvio Lario e Adda: interessi e indicatori MONTE Ambiente (9) Navigazione (4) Turismo (5) Strutture di sponda (2) Esondazioni (33) VALLE Ambiente (8+65 per tronco) Turismo (4) Prod. elettrica (14) Esondazioni (3) Irrigazione (25) All. ittiogenici (2) Numero totale indicatori: per tronco di Adda Valutazione e negoziazione

14 TwoLe 14 TwoLe/B Riunione davvio Costruzione degli indicatori: un esempio di monte

15 TwoLe 15 TwoLe/B Riunione davvio Costruzione degli indicatori: un esempio di valle [%]

16 TwoLe 16 TwoLe/B Riunione davvio Fascia di normalità turistica del Lario

17 TwoLe 17 TwoLe/B Riunione davvio Il Lario a Malgrate ( )

18 TwoLe 18 TwoLe/B Riunione davvio La procedura PIP 2. Concettualizzazione 1. Definizione del sistema e degli obiettivi Portatori di interesse Identificazione delle possibili azioni (misure) Identificazione dei criteri e degli indicatori Identificazione del modello

19 TwoLe 19 TwoLe/B Riunione davvio I modelli dei componenti Afflusso Erogazione Riparto delle derivazioni Sistema irriguo Per decidere occorre descrivere (simulare): Propagazione lungo lasta (apporti concentrati e distribuiti) Colture ecosistema

20 TwoLe 20 TwoLe/B Riunione davvio Le caratteristiche dei modelli in funzione del loro uso progettovalutazioneanalisi Progettazione delle alternative Numero di esecuzioni Tempo di esecuzione per giorno: sec Modelli empirici parsimoniosi Valutazione delle alternative Numero di esecuzioni 200 Tempo di esecuzione per giorno:1 sec Modelli meccanicistici concentrati Analisi di dettaglio di alcune alternative Numero di esecuzioni 50 Tempo di esecuzione per giorno: 1 ora Modelli meccanicistici distribuiti Tutti simulano il lungo periodo

21 TwoLe 21 TwoLe/B Riunione davvio Il modello mentale del sistema Schema

22 TwoLe 22 TwoLe/B Riunione davvio Il modello del sistema L. di Olginate Serbatoi alpini e afflusso Schema

23 TwoLe 23 TwoLe/B Riunione davvio Serbatoi alpini e afflusso a t+1 Anni Ne parleremo nel pomeriggio

24 TwoLe 24 TwoLe/B Riunione davvio

25 TwoLe 25 TwoLe/B Riunione davvio Il modello del sistema L. di Olginate lago Schema

26 TwoLe 26 TwoLe/B Riunione davvio fascia Lerogazione Modello del lago: livello rilascio stst r t+1 utut Erogazione vs decisione di rilascio regime libero s min s max minimo rilascio massimo rilascio DMV

27 TwoLe 27 TwoLe/B Riunione davvio Il modello del sistema L. di Olginate Fiume Adda Schema

28 TwoLe 28 TwoLe/B Riunione davvio Topologia Esistono poche sezioni con serie di misure lunghe, complete e affidabili Ci sono pochissime sezioni con affidabili scale delle portate Uniche serie affidabili sono le portate imboccate nei vari canali

29 TwoLe 29 TwoLe/B Riunione davvio Stima risorgenze: bilancio dellasta Adda-Serio (Pasinetti) Martesana Muzza Brembo Roggia Vailata Canale Retorto Roggia Rivoltana Canale Vacchelli Centrale Semenza Centrale Bertini Centrale Esterle Centrale Trezza Centrale Crespi Centrale Vaprio Centrale d'Adda Centrale Rusca Lodi Cornate d'Adda Pte Briolo DMV3 DMV4 s a DMV1 DMV2 Rilascio t - deriv t = Spino t – Ris t – Brembo t +ΔV t La variazione di volume invasato nellasta è nulla quando non variano il rilascio e le derivazioni in due giorni consecutivi La portata residua a Spino

30 TwoLe 30 TwoLe/B Riunione davvio m 3 /s35 m 3 /s 1 gen – 30 apr 16 nov – 31 dic 16 giu – 31 lug 8 m 3 /s

31 TwoLe 31 TwoLe/B Riunione davvio Il bilancio lungo lasta Apporto distribuito dalla falda Adda-Serio (Pasinetti) Martesana Muzza Brembo Roggia Vailata Canale Retorto Roggia Rivoltana Canale Vacchelli Centrale Semenza Centrale Bertini Centrale Esterle Centrale Trezza Centrale Crespi Centrale Vaprio Centrale d'Adda Centrale Rusca Lodi Cornate d'Adda Pte Briolo DMV3 DMV4 s a DMV1 DMV2 La distribuzione spaziale del contributo è supposta uniforme lungo lasta a partire da Vaprio

32 TwoLe 32 TwoLe/B Riunione davvio Lapporto di risorgenze e Brembo 16 giu31 lug 1 gen 16 nov 30 apr 31 dic Spino Vaprio distanza giorno apporto [m 3 /s] 1.7 m 3 /s km 0.4 m 3 /s km km

33 TwoLe 33 TwoLe/B Riunione davvio Il modello del sistema L. di Olginate Riparto Schema

34 TwoLe 34 TwoLe/B Riunione davvio Lo scopo della regola di riparto Portate giornaliere rilasciate Progetto Alternativa AS = Adda-Serio (Pasinetti) Ma = Martesana Va = Vailata Re = Retorto Ri = Rivoltana Mu = Muzza Va = Vacchelli AS Va Mu ADDA Ma Ri Re Va Matrice dei parametri, periodici con T = 366 REGOLA DI RIPARTO

35 TwoLe 35 TwoLe/B Riunione davvio Restituisce: La portata derivabile da ciascun canale La portata residua in Adda CASO 1 Soddisfazione Totale CASO 2 Riparto del deficit Il riparto

36 TwoLe 36 TwoLe/B Riunione davvio Ambiente fluviale Ne parleremo nel pomeriggio

37 TwoLe 37 TwoLe/B Riunione davvio Il modello del sistema L. di Olginate Comprensori irrigui Schema

38 TwoLe 38 TwoLe/B Riunione davvio

39 TwoLe CANALE PRINCIPALE sistema di drenaggio suolo-pianta-atmosfera acquifero multistrato perdite da canale Fiume ADDA irrigazione Pioggia ET run off risalita capillare ricarica alimentazione o drenaggio riuso restituzione derivazione RETE IRRIGUA E DI DRENAGGIO intercezione flusso regionale sistema di distribuzione Ne parleremo tra poco Piani colturali

40 TwoLe 40 TwoLe/B Riunione davvio Stima dei fontanili Sottobacino Rivoltana Portata [m 3 /s] Tempo [anni] Sottobacino Pandina Portata [m 3 /s] Tempo [anni] Sottobacino Tormo Portata [m 3 /s] Tempo [anni] Modello Adda-Misana Portata [m 3 /s] Tempo [anni] Punti rossi = portate di roggia misurate Linea blu = stime dei modelli numerici A sinistra i misure e modelli dei sottobacini individuati, a destra misure e modello integrato per larea Adda-Misana Err = ±0.6m 3 /s Err = ±0.8m 3 /s Err = ±1.8m 3 /s Err = ±2.6m 3 /s

41 TwoLe CANALE PRINCIPALE sistema di drenaggio suolo-pianta-atmosfera acquifero multistrato perdite da canale Fiume ADDA irrigazione Pioggia ET run off risalita capillare ricarica alimentazione o drenaggio riuso restituzione derivazione RETE IRRIGUA E DI DRENAGGIO intercezione flusso regionale sistema di distribuzione Ne parleremo tra poco Piani colturali

42 TwoLe 42 TwoLe/B Riunione davvio La domanda irrigua totale

43 TwoLe 43 TwoLe/B Riunione davvio La procedura PIP 2. Concettualizzazione 3. Progetto delle alternative 4. Stima degli effetti 6. Comparazione 1. Definizione del sistema e degli obiettivi 5. Valutazione Portatori di interesse Consenso ? alternative di compromesso Studio e soluzione parziale di alcuni conflitti: 1.Esondazioni vs irrigui 2.Idroelettrici di monte vs irrigui 3.Ambiente fluviale vs regolazione

44 Un sistema per la Pianificazione e la Gestione delle Risorse Idriche Applicazione pilota ai bacini del Ticino e dellAdda - TwoLe fine

45 TwoLe 45 TwoLe/B Riunione davvio STIMA RISORGENZE

46 TwoLe 46 TwoLe/B Riunione davvio Il bilancio lungo lasta Adda-Serio (Pasinetti) Martesana Muzza Brembo Roggia Vailata Canale Retorto Roggia Rivoltana Canale Vacchelli Centrale Semenza Centrale Bertini Centrale Esterle Centrale Trezza Centrale Crespi Centrale Vaprio Centrale d'Adda Centrale Rusca Lodi Cornate d'Adda Pte Briolo DMV3 DMV4 s a DMV1 DMV2 Rilascio t - deriv t = Spino t – Ris t – Brembo t +ΔV t La variazione di volume invasato nellasta è nulla quando non variano il rilascio e le derivazioni in due giorni consecutivi La portata residua a Spino

47 TwoLe 47 TwoLe/B Riunione davvio Il bilancio lungo lasta Adda-Serio (Pasinetti) Martesana Muzza Brembo Roggia Vailata Canale Retorto Roggia Rivoltana Canale Vacchelli Centrale Semenza Centrale Bertini Centrale Esterle Centrale Trezza Centrale Crespi Centrale Vaprio Centrale d'Adda Centrale Rusca Lodi Cornate d'Adda Pte Briolo DMV3 DMV4 s a DMV1 DMV2 Rilascio t - deriv t = Spino t – Ris t – Brembo t La portata in uscita dal sistema a Spino è sicuramente nulla quando il termine di sinistra è negativo La portata residua a Spino

48 TwoLe 48 TwoLe/B Riunione davvio Il bilancio lungo lasta Adda-Serio (Pasinetti) Martesana Muzza Brembo Roggia Vailata Canale Retorto Roggia Rivoltana Canale Vacchelli Centrale Semenza Centrale Bertini Centrale Esterle Centrale Trezza Centrale Crespi Centrale Vaprio Centrale d'Adda Centrale Rusca Lodi Cornate d'Adda Pte Briolo DMV3 DMV4 s a DMV1 DMV2 Rilascio t - deriv t = – Ris t – Brembo t Analizzo i casi di residui negativi in condizioni di stazionarietà delle portate La portata residua a Spino


Scaricare ppt "Un sistema per la Pianificazione e la Gestione delle Risorse Idriche Applicazione pilota ai bacini del Ticino e dellAdda - TwoLe Fondazione CARIPLO - Progetto."

Presentazioni simili


Annunci Google