La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 MODELLO DI REGRESSIONE LINEARE MULTIPLA: USO DELLE VARIABILI DUMMY (parte 2) In alcune circostanze è opportuno inserire, come variabili esplicative,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 MODELLO DI REGRESSIONE LINEARE MULTIPLA: USO DELLE VARIABILI DUMMY (parte 2) In alcune circostanze è opportuno inserire, come variabili esplicative,"— Transcript della presentazione:

1 1 MODELLO DI REGRESSIONE LINEARE MULTIPLA: USO DELLE VARIABILI DUMMY (parte 2) In alcune circostanze è opportuno inserire, come variabili esplicative, delle variabili qualitative. Nella spiegazione del prezzo di unautomobile in funzione delle caratteristiche è opportuno considerare il tipo di alimentazione (benzina o diesel) e la presenza o assenza dei vari optional. Al fine di inserire nel modello le variabili esplicative qualitative, esse sono preliminarmente codificate medianti variabili dicotomiche (sono dette dicotomiche o dummy le variabili che assumono valore 0 o 1). Quando la variabile assume due sole modalità si utilizza una sola variabile dicotomica, che assume valore 1 per una modalità e 0 per laltra.

2 2 Ad esempio per rappresentare il genere è sufficiente una variabile che assuma valore 1 se lindividuo è maschio e 0 se lindividuo è femmina. Se invece la variabile assume k modalità si introducono (k -1) variabili dicotomiche. Ad esempio se il titolo di studio assume le modalità licenza media, diploma di maturità e laurea, si possono introdurre due variabili dicotomiche: Z1= Z2= In questo modo la combinazione delle due variabili copre le tre modalità della variabile titolo di studio (vedi tabella) 1 se lindividuo è laureato 0 altrimenti 1 se lindividuo è diplomato 0 altrimenti

3 3 Titolo di studioZ1Z2 licenza media00 diploma di maturità01 laurea10 La modalità in corrispondenza della quale le variabili dicotomiche sono tutte nulle costituisce la modalità di riferimento (nellesempio ) licenza media). Si consideri un modello di regressione per spiegare il prezzo al quale unimpresa edile vende villette in una località di mare. Le variabili esplicative del prezzo sono: i metri quadrati (X2), il numero di bagni (X3), la presenza del giardino (Z) Z=. 1 se cè il giardino 0 altrimenti

4 4 Per spiegare il prezzo delle villette, si specifica quindi un modello del tipo: Per interpretare i parametri si considera il valore atteso della Y condizionato al valore della variabile dicotomica: Leffetto della variabile dicotomica è quello di modificare lintercetta. Il parametro γ fornisce la variazione nel prezzo medio delle villette dovuta alla presenza del giardino.

5 5 Si supponga ora di voler introdurre come ulteriore fattore esplicativo del prezzo delle villette uninformazione legata al posto auto, in particolare si hanno tre diverse situazioni: box auto, garage 1 posto auto, garage 2 posti auto. Per codificare questa informazione si utilizzano due variabili dicotomiche W1 che assume valore 1 se il garage ha 1 posto auto, W2 che assume valore 1 se il garage ha 2 posti auto, in dettaglio: W1= W2= Di conseguenza la coppia (W1,W2)=0,0 indica la villetta con box auto (W1,W2)=1,0 indica la villetta con garage a 1 posto (W1,W2)=0,1 indica la villetta con garage a 2 posti 1 garage con 1 posto auto 0 altrimenti 1 garage con 2 posti auto 0 altrimenti

6 6 La nuova specificazione del modello è la seguente: Considerando il valore atteso della Y condizionato ai valori delle variabili dicotomiche si ha: oγ fornisce la variazione nel prezzo medio delle villette dovuta alla presenza del giardino; o la variazione nel prezzo medio delle villette dovuta alla presenza di garage con 1 posto auto rispetto a quella con solo box auto

7 7 o la variazione nel prezzo medio delle villette dovuta alla presenza di garage con 2 posti auto, rispetto a quella con solo box auto. Se non vi fosse differenza di prezzo tra garage con 1 posto auto e garage a 2 posti, si avrebbe Per verificare se tra il prezzo di una villetta con solo box auto e quello di una villetta con garage a 1 posto cè differenza si deve verificare lipotesi Per verificare se tra il prezzo di una villetta con solo box auto e quello di una villetta con garage a 2 posti cè differenza si deve verificare lipotesi Per modificare anche i coefficienti angolari in relazione alle diverse modalità delle variabili dummy si può considerare il prodotto tra le variabili dummy e le variabili esplicative. Per spiegare largomento consideriamo un esempio classico.

8 8 C rappresenta il Consumo Y rappresenta il reddito D è una variabile dummy che assume valore 1 nel periodo di guerra Il modello che specifica la funzione del consumo è: Il valore atteso del Consumo condizionato ai valori delle variabili dicotomiche risulta: Il modello così specificato assume che in tempo di guerra ci sia una variazione della propensione marginale al consumo. Per verificare se tale variazione risulti significativa si deve verificare lipotesi

9 9 Se invece che una variazione nel solo coefficiente angolare si suppone che a variare sia anche lintercetta, il modello si specifica in questa forma: Il valore atteso del Consumo condizionato ai valori delle variabili dicotomiche risulta: * La stima del modello * determina gli stessi parametri che si otterrebbero specificando e stimando due modelli separati, uno per il periodo di guerra e laltro per il periodo di pace; la scelta tra la stima di un modello unico o di due modelli separati dipende dallipotesi che si può fare sulla varianza dellerrore. Se si ritiene varianza costante è opportuno specificare un solo modello se si ritiene che la varianza dellerrore del tempo di pace sia diversa da quella in tempo di guerra si specificano due modelli.

10 10 OSSERVAZIONI Si è detto che per rappresentare una variabile che assume k modalità si introducono (k -1) variabili dicotomiche, e non k variabili dicotomiche. Perché? Introducendo k variabili, la k-esima sarebbe combinazione lineare esatta delle k-1 e si perderebbe lipotesi di assenza di legame lineare tra le variabili. Esempio per rappresentare le tre modalità : box auto, garage 1 posto auto, garage 2 posti auto si sono specificate due variabili dicotomiche W1 che assume valore 1 se il garage ha 1 posto auto, W2 che assume valore 1 se il garage ha 2 posti auto; introducendo W0 che assume valore 1 se la villetta possiede box auto si avrebbe W0=1- W1- W2. Perché non rappresentare le tre modalità con una sola variabile Z che assume valore 0 se la villetta possiede box auto, 1 se il garage ha 1 posto auto, 2 se il garage ha 2 posti auto? Questa specificazione sarebbe equivalente a quella con le due dummy se la differenza di prezzo delle villette con box auto e

11 11 garage a 1 posto fosse identica alla differenza tra garage con 1 posto e garage con due posti. E evidente la forzatura di tale ipotesi.


Scaricare ppt "1 MODELLO DI REGRESSIONE LINEARE MULTIPLA: USO DELLE VARIABILI DUMMY (parte 2) In alcune circostanze è opportuno inserire, come variabili esplicative,"

Presentazioni simili


Annunci Google