La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La luce solare. ( velocità = frequenza x lunghezza donda ) In fisica, la velocità della luce è una costante fisica pari alla velocità di propagazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La luce solare. ( velocità = frequenza x lunghezza donda ) In fisica, la velocità della luce è una costante fisica pari alla velocità di propagazione."— Transcript della presentazione:

1 La luce solare

2 ( velocità = frequenza x lunghezza donda ) In fisica, la velocità della luce è una costante fisica pari alla velocità di propagazione della radiazione elettromagnetica nel vuoto. Indicata tradizionalmente con la lettera, dal latino celeritas, "velocità", ha un valore pari a , 458 km/s, che tipicamente è approssimato a km/s.

3 Relazioni fondamentali della meccanica quantistica

4 Leffetto fotoelettrico Da una superficie metallica si estraggono elettroni mediante una radiazione elettromagnetica al di sopra di un certo valore minimo di frequenza, che è specifico per ogni metallo. Per frequenze sotto il minimo non cè estrazione. In questo modo si produce una corrente delettroni. INTERAZIONE ATOMI – ENERGIA RADIANTE

5 INTERAZIONE ATOMI – ENERGIA RADIANTE SPETTRI ATOMICI DI ASSORBIMENTO ED EMISSIONE PARTIAMO DALLATOMO PIU SEMPLICE, LIDROGENO SIMBOLO H………………

6 Spettro di emissione di H Spettro di assorbimento di H Continuo gas caldo gas freddo

7 Latomo e la luce ANCHE ALLINTERNO DELLATOMO VALE LA QUANTIZZAZIONE…………………………….. n = numero quantico

8 Il modello di Bohr dellatomo didrogeno Per il momento sospeso…….. Un elettronvolt (simbolo eV) è l'energia acquistata da un elettrone libero quando passa attraverso una differenza di potenziale elettrico di 1 volt. Un elettronvolt è un quantitativo molto piccolo di energia: 1 eV = 1,602 × J. L'ångström (Å), o angstrom (pronuncia: / ˈɔ ̀ŋstrœm/ ), è un'unità di lunghezza non appartenente al SI corrispondente a 0,1 nanometri o 1x1010 metri. L'ångström prende nome dal fisico svedese Anders Jonas Ångström, uno dei padri della spettroscopia. Viene spesso impiegata per indicare le dimensioni delle molecole e degli atomi, il cui raggio varia tra 0,25 e 3 Å e per indicare la lunghezza dei legami chimici, compresi tipicamente tra 1 e 2 Å. 1 Å = 100 pm = 0,1 nm = 104 μm = 107 mm = 1010 m

9 Il modello di Bohr dellatomo didrogeno Spettro atomico di H

10

11

12 Generalizziamo………………………….

13 Ancora latomo didrogeno…………

14

15

16 E' noto che un corpo liquido, solido o gassoso, a qualsiasi temperatura (maggiore di 0 K!) emette onde elettromagnetiche. Noi non ce ne rendiamo conto perché è necessario sia molto caldo per poter emettere radiazione visibile. Fin dal 1859 il fenomeno dell'assorbimento e dell'emissione della radiazione venne studiato in modo sistematico dal fisico tedesco Gustav Robert Kirchoff il quale scoprì che un corpo è in grado di assorbire la stessa radiazione che è per sua natura in grado di emettere. Un corpo nero può essere considerato un sistema in grado di assorbire tutta la radiazione che lo investe. E, per il principio appena formulato, quindi, di emettere radiazione di tutte le frequenze. L'intensità alle varie frequenze della radiazione emessa dal corpo nero, detta spettro del corpo nero, non dipende dalla natura del corpo, ma è funzione della sola temperatura. Il corpo nero pertanto costituisce l'oggetto più adatto per studiare l'emissione di radiazione da parte della materia. Il sole può essere considerato un corpo nero (esso assorbe radiazione senza rifletterla, ed allo stesso tempo emette luce propria). In laboratorio possiamo approssimare un corpo nero ad una cavità avente le pareti annerite, munita di un piccolo foro. La radiazione che entra nel foro ha praticamente probabilità nulla di uscire.

17 La materia in certe condizioni manifesta proprietà ondulatorie Un corpo di massa m e velocità v genera unonda di materia =h/mv (ricavatela voi..) Anche lelettrone in movimento si porta dietro unonda di materia

18 Dato un elettrone che viaggia alla velocità di 5,97 x 10 6 m / s che genera ? = 6,63 x 10 –34 J s x 10 3 g m 2 s -2 J -1 / 9,11 x 10 –28 g) x 5,97 x 10 –6 m s -1 = 1,22 x 10 –10 m = 0,122 nm ordine di grandezza raggi X 1 J = 10 3 g m 2 s -2

19


Scaricare ppt "La luce solare. ( velocità = frequenza x lunghezza donda ) In fisica, la velocità della luce è una costante fisica pari alla velocità di propagazione."

Presentazioni simili


Annunci Google