La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G. Pupillo (1,2), G. Bortolotti (2),G. Cevolani (2), C. Franceschi (2), S. Ferretti (3), G. Grassi (2), G. Trivellone (2) (1) Dip. Ingegneria Elettronica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G. Pupillo (1,2), G. Bortolotti (2),G. Cevolani (2), C. Franceschi (2), S. Ferretti (3), G. Grassi (2), G. Trivellone (2) (1) Dip. Ingegneria Elettronica."— Transcript della presentazione:

1 G. Pupillo (1,2), G. Bortolotti (2),G. Cevolani (2), C. Franceschi (2), S. Ferretti (3), G. Grassi (2), G. Trivellone (2) (1) Dip. Ingegneria Elettronica – Università di Firenze (2) CNR – ISAC (Bologna) (3) Dip. Astronomia – Università di Bologna Osservazioni radar e ottiche di micrometeoroidi in atmosfera Meeting: (Micro)meteoriti e origine della vita – Arcetri 28 febbraio – 1 Marzo 2005

2 Radar meteorico bistatico Trasmettitore Ricevitore P

3 Distribuzione di massa dei corpi interplanetari che entrano nellatmosfera terrestre Ceplecha, 1992 Meteore radar Flusso totale: 1.5 – 2.2 x 10 8 kg/anno (Hughes, 1993)

4 BLM radar

5 Caratteristiche del radar BLM Tipo: Bistatico (forward scatter) Frequenza: MHz ( = 7m) Potenza trasmissione: 1kW in CW Baseline: BL = 710 km ; BM = 610 km Antenne: Yagi 5 el. (BL) ; Yagi 4 el. (BM) Ricevitore dedicato a banda stretta ( = 300 Hz) Sistema anticoincidenza e soglia dinamica Riconoscimento/acquisizione automatica degli echi meteorici con registrazione dei parametri e dei profili di ampiezza Dimensioni minime del meteoroide rilevabili dal radar BLM: 100 micron in configurazione BLM-250W 10 micron in configurazione BL-1kW

6 Principali attività condotte dal BLM radar - Monitoraggio sistematico dellattività meteorica di sciame - Calcolo della distribuzione di massa dei meteoroidi - Misure indirette di ozono mesosferico Pupillo et al. (2004)

7 Campo Marino LLTV Agosto 2004: radar BLM + ottico

8 LLTV (Low Level Light TV) Camera - CCD: Sony ICX249AL da ½ - Sensibilità: lux a f/1.2 - Obiettivo asferico: F=8mm f/0.8 - FOV = 44.9° x 34.0° (Diag=55.1°) - Magnitudine stellare limite a 25 frames/sec (exp.= 0.04sec): R=6.9, B=6.4 Obiettivo asferico F=2.6 mm f/1.0 FOV = 122.8° x 97.1° (Diag °)

9 11/08/ :05:22 UT

10 11/08/ :05:22 UT – radioeco n

11 LLTV MIRA (Meteor Interferometer Radar Array) RX Antenna Setup Radar bistatico a singola stazione ricevente interferometrica (sulla direttrice BL)

12 GPS RX wave generator driver TX 1kW marker GPS RX BB RX square delay detector t range NB RX NB RX 0i square Phase Difference Detector AoA 0i P spectrum analyzer VrVr i = GPS satellite Meteor

13 MIRA Misurazione del flusso di micrometeoroidi in atmosfera; Studio delle proprietà dei meteoroidi: massa, parametri di ablazione, densità, ecc. Identificazione di nuovi sciami meteorici; Studio strutturale ed evolutivo degli sciami e della componente sporadica; Ricerca di meteore extrasolari; Determinazione della quota e misure dei parametri atmosferici Parametri misurabili Direzione delleco (azimut e altezza del punto di riflessione P) Range (distanza TPR percorsa dallonda elettromagnetica) Componente radiale della velocità (Doppler) Polarizzazione

14 1 x z y 2 Radiante

15 Simulazione radiante senza background AR=153°; Dec=+22° Disp=1° N rad = 73 N bgd = 0 Simulazione radiante con background AR=153°; Dec=+22° Disp=1° N rad = 73 N bgd = 57

16 MIRA - B MIRA - A Lecce km MIRA 2 (Meteor Interferometer Radar Array) Radar multistatico a doppia stazione ricevente interferometrica (sulla direttrice BL)

17 MIRA 2 Determinazione delle orbite (associazione con i corpi progenitori) Misurazione del flusso di micrometeoroidi in atmosfera; Studio delle proprietà dei meteoroidi: massa, parametri di ablazione, densità, ecc. Identificazione di nuovi sciami meteorici; Studio strutturale ed evolutivo degli sciami e della componente sporadica; Ricerca di meteore extrasolari; Determinazione della quota e misure dei parametri atmosferici Parametri misurabili Direzione della traccia + velocità Orbita Range (quota, ecc.) Polarizzazione Posizione del radiante di ogni singola meteora


Scaricare ppt "G. Pupillo (1,2), G. Bortolotti (2),G. Cevolani (2), C. Franceschi (2), S. Ferretti (3), G. Grassi (2), G. Trivellone (2) (1) Dip. Ingegneria Elettronica."

Presentazioni simili


Annunci Google