La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Operazioni i ntracomunitarie ed elenchi Intrastat. - Novità 2010 - Incontro di formazione ed aggiornamento In collaborazione tra AGENZIA DELLE DOGANE –

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Operazioni i ntracomunitarie ed elenchi Intrastat. - Novità 2010 - Incontro di formazione ed aggiornamento In collaborazione tra AGENZIA DELLE DOGANE –"— Transcript della presentazione:

1 Operazioni i ntracomunitarie ed elenchi Intrastat. - Novità Incontro di formazione ed aggiornamento In collaborazione tra AGENZIA DELLE DOGANE – DIREZIONE REGIONALE PER LA LIGURIA e CONFINDUSTRIA DI GENOVA Genova 16 dicembre 2009 a cura di Mario Bogliolo

2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI Direttiva 28 novembre 2006, n. 2006/112/CE (sistema comune di imposta sul valore aggiunto); Direttiva 12 febbraio 2008, n. 2008/8/CE (luogo delle prestazioni di servizi - modifica la direttiva 2006/112/CE); Direttiva 12 febbraio 2008, n. 2008/9/CE (rimborso dellIva ai soggetti passivi non stabiliti nello Stato membro di rimborso);

3 3 RIFERIMENTI NORMATIVI Direttiva 16 dicembre 2008, n. 2008/117/CE (contrasto alle frodi fiscali connesse alle operazioni intracomunitarie - modifica la direttiva 2006/112/CE) Legge 7 luglio 2009 n° 88 (recepimento delle direttive comunitarie) c.d. legge comunitaria 2008

4 4 In corso di emanazione… Normativa nazionale di attuazione per il recepimento delle Direttive CE n. 112/2006 e successive modificazioni - Decreto legislativo, già varato dal Consiglio dei Ministri il ;

5 5 In corso di emanazione… Normativa nazionale per lintroduzione dellobbligo di presentazione degli elenchi Intra anche in relazione alle prestazioni di servizi intracomunitari - Decreto del Ministro dellEconomia e delle Finanze in cui sono stabilite le modalità ed i termini per la presentazione degli elenchi riepilogativi degli scambi di beni e delle prestazioni di servizi intracomunitari;

6 6 In corso di emanazione… Normativa nazionale per lintroduzione dellobbligo di presentazione telematica degli elenchi Intra - Determinazione del Direttore dellAgenzia delle Dogane di concerto con il Direttore dellAgenzia delle Entrate e di intesa con lISTAT in cui sono approvati i modelli e le relative istruzioni per la trasmissione telematica e gli adempimenti da porre in essere ai fini statistici.

7 7 RIFERIMENTI NORMATIVI La normativa completa è disponibile sul sito nel settore Intrastat/riferimenti normativi

8 8

9 9 LE NOVITA Con effetto dal 1° gennaio 2010: Contenuti o Territorialità dei servizi o Nuove procedure di rimborso IVA per i soggetti UE non residenti o Collaborazione e scambio di informazioni tra gli Stati membri

10 10 LE NOVITA Obiettivi o Armonizzazione o Modernizzazione o Semplificazione del sistema comune dellIVA o Contrasto alle frodi in materia di IVA

11 11 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Soggetti passivi o soggetti esercenti attività di impresa arti e professioni (persone fisiche solo quando agiscono nellesercizio di tale attività) o enti non commerciali e non agricoli, anche quando agiscono al di fuori delle attività commerciali o agricole o enti non soggetti passivi (enti associazioni e altre organizzazioni) identificati ai fini dellIVA.

12 12 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Soggetti passivi stabiliti o domiciliati nel territorio dello Stato o ivi residenti; o stabile organizzazione nel territorio dello Stato di soggetto domiciliato o residente allestero.

13 13 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Luogo di effettuazione delloperazione. Regola Generale: si considerano effettuate nel territorio dello Stato quando sono rese: o a soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato; o a committenti non soggetti passivi da soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato.

14 14 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Luogo di effettuazione delloperazione. … quindi: o nei rapporti tra soggetti passivi di imposta il luogo ove è stabilito il committente (B2B); o nei rapporti tra società e privati il luogo ove è stabilito il prestatore (B2C).

15 15 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Luogo di effettuazione delloperazione. Deroghe applicabili a particolari prestazioni di servizi (art. 7- quater) : o Beni immobili o Trasporto passeggeri o Ristorazione e catering o Noleggio a breve termine di mezzi di trasporto

16 16 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Luogo di effettuazione delloperazione. Deroghe relative a talune prestazioni di servizi (art. 7- quinquies) : o Servizi culturali, artistici, sportivi, educativi, ricreativi e simili

17 17 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Luogo di effettuazione delloperazione. Deroghe applicabili ai rapporti tra soggetti passivi e privati (B2C): o Intermediazioni; o Trasporto di beni e servizi accessori; o Servizi su beni mobili; o Noleggio a lungo termine di mezzi di trasporto; o Servizi resi tramite mezzi elettronici; o Telecomunicazioni, radio, televisione.

18 18 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Luogo di effettuazione delloperazione. Deroghe applicabili ai rapporti tra soggetti passivi e privati (B2C): Precedenti servizi vecchio art. 7, c. 4, lett. d) DPR 633/1972 a soggetti passivi extraUE: o cessione e simili di diritti dautore, licenze ecc; o prestazioni pubblicitarie; o prestazioni di consulenza tecnica e legale; o ecc.

19 19 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Debitore dellimposta. Gli obblighi connessi alle cessioni e prestazioni effettuate nel territorio dello stato da soggetti non residenti a soggetti passivi stabiliti sono svolti dal cessionario/committente nazionale in reverse charge.

20 20 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Fatturazione. o Autofatturazione di operazioni passive territorialmente rilevanti (art. 17 c.2.). o Fatturazione di operazioni attive escluse. o Obbligo di indicare il numero di identificazione IVA dallo Stato membro di stabilimento se soggetto passivo UE.

21 21 LE NOVITA Territorialità delle prestazioni di servizio Effetti delle operazioni attive escluse o non costituiscono Volume daffari del prestatore; o non rilevano ai fini della costituzione del Plafond IVA.

22 22 LE NOVITA Effetti delle operazioni attive escluse Non esistono più i servizi intracomunitari (abrogati p.ti da 4-bis a 9 art. 40 DL331/1993). Quindi: Le lavorazioni ed i trasporti intracomunitari, I servizi accessori connessi e le intermediazioni relative non contribuiscono più ad attribuire lo status di esportatore abituale e pertanto non consentono di creare plafond.

23 23 LE NOVITA Prestazioni di servizio Effettuazione delloperazioni ed esigibilità dellimposta Le prestazioni continuative, rese da un soggetto passivo stabilito in uno stato membro della UE a soggetto passivo stabilito nel territorio dello Stato, di durata superiore allanno (senza versamenti di acconti o pagamenti parziali) si considerano effettuate al termine di ciascun anno solare fino alla conclusione della prestazione. Il valore imponibile è dato dalle spese sostenute dal prestatore per lesecuzione dei servizi.

24 24 LE NOVITA Rimborso ai non residenti. Listanza di rimborso è presentata, in via esclusivamente telematica presso lamministrazione fiscale dello Stato membro del soggetto non residente. Il rimborso compete sulla base della percentuale di detrazione spettante nello Stato del soggetto richiedente.

25 25 LE NOVITA Rimborso ai non residenti. Il rimborso è erogato entro 4 mesi (più 10 giorni) dallistanza. Nel caso di richiesta di informazioni aggiuntive od ulteriori, da parte dellamministrazione competente, è erogato in 6/8 mesi (più 10 giorni) dallistanza.

26 26 LE NOVITA Elenchi Intrastat. Obbligo di presentazione per le prestazioni di servizi per le quali lassolvimento dellimposta spetta al committente, mediante il meccanismo del reverse charge, obbligando alla presentazione dei modelli i soggetti passivi che prestano servizi assoggettati ad imposta nel Paese UE del committente, diverso da quello del prestatore.

27 27 LE NOVITA Elenchi Intrastat. Presentazione degli elenchi anche da parte dei soggetti passivi di imposta che effettuano prestazioni di servizi: o interne o internazionali, per le quali lIVA è dovuta dal committente stabilito in un altro Paese UE; o comunitarie, per le quali lIVA è dovuta dal committente stabilito in un altro Paese UE

28 28 LE NOVITA Elenchi Intrastat. o Obbligo anche per gli enti non commerciali. o Non vi è obbligo quando i servizi sono esenti nello Stato in cui sono territorialmente rilevanti.

29 29 LE NOVITA Obblighi ed elenchi Intrastat. o Presentazione esclusivamente in via telematica; o Presentazione mensile o trimestrale (eliminazione periodicità annuale).

30 30 I Nuovi Modelli – Beni e Servizi Frontespizio Unico Beni e Servizi Intra1 (Cessioni di Beni e Servizi Resi) Intra2 (Acquisti di Beni e Servizi Ricevuti) Sezione 1 e Sezione 2 – Beni Intra1Bis (Cessioni di Beni nel periodo di riferimento) Intra2Bis (Acquisti di Beni nel periodo di riferimento) Intra1Ter (Rettifiche a Cessioni di Beni di periodi precedenti) Intra2Ter (Rettifiche ad Acquisti di Beni di periodi precedenti) Sezione 3 e Sezione 4 – Servizi Intra1Quater (Servizi resi nel periodo di riferimento) Intra2Quater (Servizi ricevuti nel periodo di riferimento) Intra1Quinqiues (Rettifiche a Servizi resi di periodi precedenti) Intra2Quinqiues (Rettifiche a Servizi ricevuti di periodi precedenti)

31 31 Intra1 – Cessioni di Beni e Servizi Resi

32 32 Intra1Bis – Cessioni di Beni

33 33 Intra1Ter – Cessioni di Beni

34 34 Intra1Quater – Servizi Resi

35 35 Intra1Quinqiues – Servizi Resi

36 36 Intra2 – Acquisti di Beni e Servizi Ricevuti

37 37 Intra2Bis – Acquisti di Beni

38 38 Intra2Ter – Acquisti di Beni

39 39 Intra2Quater – Servizi Ricevuti

40 40 Intra2Quinqiues – Servizi Ricevuti

41 41 Periodicità degli Elenchi CESSIONI DI BENI E SERVIZI RESI: - mensili: cessioni di beni e servizi resi > ,00 nel trimestre di riferimento e/o in uno dei 4 trimestri precedenti; - trimestrali: restanti soggetti. ACQUISTI DI BENI E SERVIZI RICEVUTI: - mensili: acquisti di beni e servizi ricevuti > ,00 nel trimestre di riferimento e/o in uno dei 4 trimestri precedenti; - trimestrali: restanti soggetti. ! Il trimestre di riferimento è sempre inteso come trimestre dellanno solare

42 42 Periodicità degli Elenchi Cambio nel corso del trimestre Qualora nel corso del trimestre di riferimento si superi la soglia di ,00 la periodicità di presentazione diventa immediatamente mensile. In tal caso si diventa operatori mensili dal mese successivo a quello in cui è stata superata la soglia e si deve presentare un elenco per il trimestre di riferimento specificando se in esso sono contenuti i movimenti di un singolo mese o di due mesi o dellintero trimestre a seconda del mese in cui è stata superata la soglia. La periodicità di presentazione rimane mensile fino a che nel periodo di riferimento e/o in uno dei 4 trimestri precedenti viene superata la soglia di ,00. In caso contrario si può passare alla periodicità trimestrale. Es. gennaio 2010 (volume di ,00 ); febbraio 2010 (volume di ,00 ); in tal caso avendo superato la soglia di ,00 a febbraio 2010 si diventa operatori mensili da marzo 2010 e si dovrà presentare lelenco del I trimestre 2010 specificando nel frontespizio che nellelenco sono inclusi i movimenti di due mesi cioè quelli relativi a gennaio 2010 e a febbraio 2010.

43 43 Modalità di presentazione EDI: invio telematico delle dichiarazioni Intra attraverso internet con le modalità previste nella normativa sullEDI disponibile nel sito settore EDI - servizio telematico doganale.www.agenziadogane.gov.it Si possono utilizzare propri software o il software fornito dallAgenzia delle Dogane nel rispetto dei tracciati record contenuti nella normativa in corso di emanazione. Merci: I tracciati record rimangono invariati. Servizi: nuovi tracciati record per le sezioni 3 e 4 – nuovo record frontespizio.

44 44 Scadenza di presentazione Elenchi Mensili: entro il 19 del mese successivo a quello di riferimento (es. mensile di gennaio 2010 entro il 19 febbraio 2010) Elenchi Trimestrali: entro il 19 del mese successivo al trimestre di riferimento (es. I trimestre 2010 entro il 19 aprile 2010) ! La scadenza in un giorno festivo nazionale slitta al primo giorno lavorativo successivo. ! Il sabato per gli uffici doganali è considerato giorno feriale.

45 45 Elenco date scadenza di presentazione Le date di scadenza per la presentazione degli elenchi Intrastat sono riportate nel sito nella sezione Calendario del Contribuente.

46 46 Delega o I soggetti obbligati alla presentazione degli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie possono delegare, mediante apposita procura, terzi soggetti alla sottoscrizione degli elenchi medesimi, ferma restando la loro responsabilità in materia. o La delega può essere conferita dal soggetto obbligato in forma scritta, con autenticazione della sottoscrizione effettuata con le modalità di cui allarticolo 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, e deve essere esibita a richiesta degli organi di controllo.

47 47 Modalità di compilazione - Beni o Elenchi mensili: Sono tenuti alla compilazione dei dati fiscali e statistici. Per particolari operazioni commerciali possono essere tenuti alla compilazione dei soli dati fiscali o dei soli dati statistici. o Elenchi Trimestrali: Sono tenuti alla compilazione dei dati fiscali.

48 48 Compilazione Beni – Dati fiscali Intra 1-bis colonne: 1. Numero progressivo riga; 2. Codice ISO dello Stato membro dellacquirente; 3. Codice identificativo dellacquirente; 4. Ammontare in euro della cessione; 5. Natura della transazione letterale (solo nel caso di operazioni triangolari). Intra 2-bis colonne: 1. Numero progressivo riga; 2. Codice ISO dello Stato membro del fornitore; 3. Codice identificativo del fornitore; 4. Ammontare in euro dellacquisto; 5. Ammontare dellacquisto nella valuta del fornitore (solo se il fornitore è di un paese non aderente alleuro). 6. Natura della transazione letterale (solo nel caso di operazioni triangolari).

49 49 Compilazione Beni – Dati statistici Intra 1-bis colonne: 1. Numero progressivo riga; 5. Natura della transazione; 6. Codice NC della merce; 7. Peso in Kg al netto degli imballaggi se non richiesta lunità supplementare; 8. Quantità nellunità di misura supplementare (es. paia); 9. Valore statistico in euro; 10. Condizioni di consegna; 11. Modalità di trasporto; 12. Codice ISO Paese di destinazione; 13. Provincia di origine o di spedizione. Intra 2-bis colonne: 1. Numero progressivo riga; 6. Natura della transazione; 7. Codice NC della merce; 8. Peso in Kg al netto degli imballaggi se non richiesta lunità supplementare; 9. Quantità nellunità di misura supplementare (es. litri); 10. Valore statistico in euro; 11. Condizioni di consegna; 12. Modalità di trasporto; 13. Codice ISO del Paese di provenienza; 14. Codice ISO del Paese di origine; 15. Provincia di destinazione.

50 50 Compilazione Beni – Soglie statistiche - Sono tenuti alla menzione del valore statistico, delle condizioni di consegna e del modo di trasporto i soggetti mensili che: CESSIONI: valore annuo delle spedizioni UE > ,00 ; ACQUISTI: valore annuo degli arrivi UE > ,00. NB: Lindicazione del valore statistico rimane comunque obbligatoria nel caso di operazioni riepilogate solo ai fini statistici.

51 51 Merci escluse dalla rilevazione statistica a.Strumenti di pagamento aventi corso legale e valori; b.Oro detto monetario; c.Soccorso d'urgenza in regioni sinistrate; d.Merci che beneficiano dell'immunità diplomatica, consolare o simile; e.Merci destinate a un uso temporaneo, purché siano rispettate le seguenti condizioni: non e' prevista ne' effettuata alcuna lavorazione, da durata prevista dell'uso temporaneo non e' superiore a 24 mesi. la spedizione o l'arrivo non sono stati dichiarati come consegna o acquisizione ai fini dell'IVA. f.Beni che veicolano informazioni, quali dischetti, nastri informatici, pellicole, disegni, cassette audio e video, CD- ROM con programmi informatici, se sono concepiti su richiesta di un cliente particolare o non sono oggetto di transazioni commerciali, nonché beni forniti a complemento di una precedente fornitura, per esempio ai fini di aggiornamento, che non sono oggetto di fatturazione per il destinatario; g.Purché non siano oggetto di una transazione commerciale: materiale pubblicitario; campioni commerciali. h.Beni destinati ad essere riparati e in seguito alla riparazione, nonché i pezzi di ricambio associati. La riparazione di un bene consiste nel ripristino della sua funzione o condizione originaria. L'obiettivo dell'operazione e' semplicemente mantenere i beni in condizioni di funzionamento e può comportare lavori di ricostruzione o di miglioria, ma non modifica in alcun modo la natura dei beni; i.Merci spedite alle forze armate nazionali stanziate al di fuori del territorio statistico e merci provenienti da un altro Stato membro che hanno accompagnato le forze armate nazionali al di fuori del territorio statistico, nonché merci acquistate o cedute nel territorio statistico di uno Stato membro dalle forze armate di un altro Stato membro che vi stazionano; j.Mezzi di lancio di veicoli spaziali, alla spedizione e all'arrivo, in vista del lancio nello spazio e durante il lancio; k.Vendita di nuovi mezzi di trasporto da parte di persone fisiche o giuridiche soggette all'IVA a cittadini privati di altri Stati membri.

52 52 Variazioni a periodi precedenti - Beni - Vanno effettuate compilando i modelli Intra1Ter o Intra2Ter (sezioni 2): o le variazioni negli importi intervenuti successivamente alla presentazione degli elenchi; o gli errori e le omissioni sostanziali. Vanno effettuate con una comunicazione scritta alla dogana: o le correzioni di errori formali (utilizzo di codici non validi dal punto di vista formale) in elenchi presentati su carta o mediante floppy disk; o le variazioni dei dati statistici non inclusi nel modello ter.

53 53 Modalità di compilazione - Servizi - o Le informazioni richieste negli elenchi Intra- Servizi hanno valenza fiscale. o Le informazioni richieste negli elenchi Intra- Servizi prescindono dalla cadenza di presentazione.

54 54 Compilazione Servizi Intra 1-quater colonne: 1. Numero progressivo riga; 2. Codice ISO dello Stato membro dellacquirente; 3. Codice identificativo dellacquirente; 4. Ammontare in euro del servizio reso; Numero fattura; 7. Data fattura; 8. Codice servizio; 9. Modalità di erogazione; 10. Modalità di incasso; 11. Paese pagamento. Intra 2-quater colonne: 1. Numero progressivo riga; 2. Codice ISO dello Stato membro del fornitore; 3. Codice identificativo del fornitore; 4. Ammontare in euro del servizio ricevuto; 5. Ammontare del servizio ricevuto nella valuta del fornitore (solo se il fornitore è di un paese non aderente alleuro). 6. Numero fattura; 7. Data fattura; 8. Codice servizio; 9. Modalità di erogazione; 10. Modalità di incasso; 11. Paese pagamento.

55 55 Compilazione Servizi - 1 Codice servizio (colonna 8): va riportato il codice a 6 cifre che identifica la tipologia del servizio secondo la classificazione CPA (classificazione dei prodotti associati alle attività). Il codice CPA è articolato in sei livelli: 21 sezioni identificate da una lettera (dalla A alla U); 88 divisioni identificate da un codice numerico di due cifre; 261 gruppi identificati da tre cifre; 575 classi identificate da quattro cifre; 1342 categorie identificate da cinque cifre; 3142 sottocategorie identificate da sei cifre. Esempio:

56 56 Compilazione Servizi - 2 Modalità di erogazione (colonna 9): va indicata la modalità con cui viene erogato il servizio: I = Istantanea R = A più riprese Modalità di incasso (colonna 10): va indicata la modalità di pagamento: A = Accredito B = Bonifico X = Altro Paese pagamento (colonna 11): va indicato il codice ISO del paese dove viene effettuato il pagamento. Per la Grecia va utilizzato il codice GR.

57 57 Variazioni a periodi precedenti - Servizi - inserimenti di movimenti non dichiarati in precedenza: vanno registrati nei modelli Intra1Quater o Intra2Quater (sezioni 3) specificando nel frontespizio relativo il periodo nel quale il servizio è stato reso/ricevuto modifiche di movimenti dichiarati in precedenza: vanno registrate nei modelli Intra1Quinquies o Intra2Quinquies (sezioni 4) specificando gli estremi dellelenco da modificare (colonne 1-5) e i nuovi dati che sostituiscono quelli precedentemente dichiarati (colonne 6-15)) cancellazioni di movimenti dichiarati in precedenza: vanno registrate nei modelli Intra1Quinquies o Intra2Quinquies (sezioni 4) specificando gli estremi dellelenco da modificare (colonne 1-5) lasciando vuote le successive informazioni (colonne 6-15))

58 58 Inoltre dal 2010… Negli elenchi riepilogativi vanno riepilogate ai soli fini statistici nelle sezioni 1 e 2 le operazioni commerciali relative allo scambio di energia elettrica e di gas. Per le lavorazioni i soggetti mensili dovranno registrare loperazione ai fini statistici nelle sezioni Beni e ai fini fiscali nelle sezioni Servizi. La tardiva presentazione degli elenchi Intra Beni e Servizi viene gestita direttamente dallAgenzia delle Entrate.

59 59 Infine, dal 2010…… per effetto delle modifiche apportate dalla direttiva n. 2008/117//CE alla direttiva n. 2006/112/CE, si ricorda che: - il valore totale delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi effettuate dal soggetto passivo deve essere indicato negli elenchi relativi al trimestre in cui limposta è diventata esigibile; - limporto delle rettifiche, per variazione dellimponibile, deve essere indicato negli elenchi relativi al trimestre in cui la rettifica è stata notificata allacquirente.

60 60 Le modifiche introdotte dalla direttiva NON riguardano gli elenchi con periodo di riferimento 2009 e cioè: o elenchi annuali 2009 (scadenza 31 gennaio 2010 per presentazione cartacea/floppy e febbraio 2010 per presentazione telematica); o elenchi trimestrali 4° trimestre 2009 (scadenza 31 gennaio 2010 per presentazione cartacea/floppy e 5 febbraio 2010 per presentazione telematica); o elenchi mensili dicembre 2009 (scadenza 20 gennaio 2010 per presentazione cartacea/floppy e 25 gennaio 2010 per presentazione telematica).

61 61 I Paesi dellUnione Europea * San Marino non è un paese UE nonostante ciò esistono accordi per quanto riguarda gli scambi di merci con lItalia ed in particolare vanno dichiarate le cessioni di beni dallItalia verso San Marino.

62 62 Controllo partite iva comunitarie Si può accedere al servizio fornito dallAgenzia delle Entrate direttamente allindirizzo internet: Si può accedere al servizio fornito dallUnione Europea direttamente allindirizzo internet: hPage=vieshome&selectedLanguage=IT E possibile controllare la validità di una partita iva comunitaria verificando che il codice è formalmente valido ed attribuito ad un soggetto passivo dimposta.

63 63 I Servizi offerti dallAgenzia delle Dogane

64 64 Il Servizio Telematico Doganale LAgenzia delle Dogane agisce in qualità di Certification Authority e fornisce il software e la documentazione necessari per la generazione e lutilizzo della firma digitale Gli operatori economici possono fare la richiesta di adesione al servizio telematico compilando on line lapposito modulo su settore EDI - Servizio telematico doganale/Istanza di adesionewww.agenziadogane.gov.it Gli operatori economici possono utilizzare anche la firma digitale rilasciata dallAgenzia delle Entrate (ENTRATEL) e dagli enti certificatori riconosciuti CNIPA Tutte le informazioni inerenti il servizio telematico sono disponibili su settore EDI – Servizio telematico doganalewww.agenziadogane.gov.it

65 65 Enti certificatori riconosciuti CNIPA Actalis SpA BNL Multiservizi SpA Banca Intesa SpA Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Banca di Roma SpA CNIPA Cedacri SpA Cedacrinord SpA Centro Tecnico per la RUPA Comando C4 – IEW Comando Trasmissioni e Informazioni Esercito Consiglio Nazionale Forense Consiglio Nazionale del Notariato Consorzio Certicomm ENEL IT SpA Finital SpA IT Telecom SpA IT Telecom Srl In.Te.S.A. SpA Infocamere SC.p.A Lombardia Integrata SpA Postecom SpA S.I.A. SpA SOGEI SpA SSB SpA Sanpaolo IMI SpA Saritel SpA Trust Italia SpA NB: Si ricorda che per la firma digitale delle dichiarazioni Intra si deve utilizzare il software fornito dallente certificatore.

66 66 Adesione al Servizio Telematico Si aderisce al servizio telematico compilando lapposito modulo di richiesta su settore EDI-servizio telematico doganale/Istanza di adesione o settore Intrastat/Istanza di adesione; al termine si stampa la documentazione da produrre in doganawww.agenziadogane.gov.it Dopo ladesione on line è possibile ritirare in dogana lautorizzazione presentando la documentazione precedentemente stampata. (Leggere attentamente quanto previsto in caso di ritiro da parte di un soggetto diverso dal titolare dellautorizzazione) Si deve effettuare il primo accesso al sistema accedendo allambiente di addestramento (http://addestramento. telematico.dogane.finanze.it) tramite il menu Operazioni di servizio/Primo accesso. Con tale funzione il sistema fornisce le credenziali per lutilizzo del servizio telematico (password e PIN code).http://addestramento. telematico.dogane.finanze.it

67 67 Firma digitale dellAgenzia Dogane Se è stata richiesta la firma digitale dellAgenzia delle Dogane allora con la documentazione ricevuta e utilizzando lapplicazione Web Genera Ambiente (link disponibile nel sito del servizio telematico di addestramento settore Software) si genera la firma digitale su floppy disk o altro dispositivo. La firma digitale dellAgenzia delle Dogane ha validità di tre anni dalla generazione, una volta scaduta va poi rinnovata con le stesse modalità con le quali è stata generata la prima volta.

68 68 FIRMA DIGITALE In considerazione dellimminenza della prima scadenza per lobbligatorietà della trasmissione telematica (elenchi mensili relativi a gennaio 2010), qualora non siate già utenti del servizio telematico doganale e non siete in possesso di una firma digitale riconosciuta, vi consigliamo di consultare le pagine del nostro sito disponibili al seguente indirizzo: ervizio+Telematico+Doganale+-+E.D.I./http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/ed/Servizi/S ervizio+Telematico+Doganale+-+E.D.I./ per trovare le informazioni necessarie per aderirvi. N.B. : nella domanda di adesione deve essere indicato almeno un sottoscrittore.

69 69 FIRMA DIGITALE In applicazione di quanto previsto dal Decreto legislativo 07 marzo 2005 (Codice dellAmministrazione Digitale - CAD) a partire da 01/01/2010 saranno revocati i certificati di firma rilasciati alle persone giuridiche (codici fiscali di aziende). Se avete già aderito al Servizio Telematico Doganale e siete titolari di certificati di firma digitale assegnati a persone giuridiche potete inserire il sottoscrittore tramite lapposita applicazione presente allindirizzo -> Servizio Telematico Doganale - E.D.I. -> Modifiche alle autorizzazioni al servizio telematico doganale.

70 70 Invio telematico dichiarazioni Intra Si deve fare almeno un invio di una dichiarazione Intra in ambiente di addestramento con esito positivo Si deve chiedere labilitazione allambiente reale entrando nel sito del servizio telematico di addestramento (http://addestramento. telematico.dogane.finanze.it) e utilizzando la funzione Operazioni di servizio/Abilita ambiente realehttp://addestramento. telematico.dogane.finanze.it Da questo momento in poi si possono inviare le dichiarazioni Intra in ambiente reale Sono considerate valide le dichiarazioni Intra inviate in ambiente reale con esito positivo. Tutte le dichiarazioni Intra inviate che presentano errori formali o sostanziali non vengono prese in considerazione cioè è come non fossero state inviate

71 71 Invio telematico dichiarazioni Intra - 2 Per verificare lesito delle dichiarazione inviate si deve entrare nel sito del servizio telematico di addestramento/reale e selezionare il menu operazioni su file/interrogazione. Successivamente si deve selezionare lidentificativo dellinvio effettuato; poi in basso a sinistra su dettagli ed infine sullesito positivo/negativo. Se lesito è positivo nellultima videata viene riportato il numero di protocollo assegnato allelenco inviato da conservare. Se lesito è negativo nellultima videata viene riportata la lista degli errori che devono essere corretti E possibile anche scaricare dal sito del servizio telematico di addestramento/reale il certificato di protocollazione dellelenco inviato in formato PDF accedendo dalla home page in alto a destra nella sezione Dichiarazioni Online – Dichiarazioni Intrastat – Continua e selezionando Consultazione elenchi Intra presentati.

72 72 Software OnLine (operativa da giugno 2004) (per utenti con poche righe dettaglio) OffLine (operativa da gennaio 2003) (per utenti con molte righe dettaglio) è stato sviluppo con il contributo di Eurostat (progetto EDICOM)

73 73 Software On Line Si compone di 3 moduli: Modulo data entry; Modulo per il controllo formale; Modulo per la firma elettronica (riconosce solo le firme digitali rilasciate dallAgenzia delle Dogane e dallAgenzia delle Entrate) Tecnologia: Java 2 Platform, Standard Edition (J2SE)

74 74 Software Off Line Si compone di 4 moduli: Modulo data entry con diverse funzionalità; Modulo per linvio telematico dei dati; Modulo per il controllo formale dei dati; Modulo che contiene la nomenclatura combinata. Versioni: Stand Alone – se utilizzata solo su un personal computer; Client/Server – se utilizzata su più personal computer. Tecnologia: Java 2 Platform, Standard Edition (J2SE)

75 75 Software On Line/Off Line OffLine: distribuita attraverso Internet su settore Intrastat/Softwarewww.agenziadogane.gov.it OnLine: accesso tramite Internet Ambiente reale: Ambiente di addestramento: finanze.ithttp://addestramento.telematico.dogane. finanze.it Assistenza via Call center: Mailing List su settore Intrastat/Mailing Listwww.agenziadogane.gov.it Assistenza on line su settore Intrastatwww.agenziadogane.gov.it

76 76 Aggiornamenti ed informazioni INTERNET: – Agenzia delle Dogane; ed/Servizi/Intrastat/http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/ ed/Servizi/Intrastat/ - intrastat; ed/Servizi/Servizio+Telematico+Doganale+- +E.D.I./http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/ ed/Servizi/Servizio+Telematico+Doganale+- +E.D.I./ - adesione al servizio telematico; lintrastat/http://www1.agenziadogane.it/ed/comunicare/m lintrastat/ - mailing list intrastat.

77 77 Aggiornamenti ed informazioni. Area Assistenza ed Informazione agli Utenti degli Uffici delle Dogane i cui indirizzi sono reperibili tramite il link: ed/Agenzia/Uffici/Indirizzi+e+Organigramma+pe riferico/Uffici+Dogane/

78 78 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Operazioni i ntracomunitarie ed elenchi Intrastat. - Novità 2010 - Incontro di formazione ed aggiornamento In collaborazione tra AGENZIA DELLE DOGANE –"

Presentazioni simili


Annunci Google