La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Francesco Toscano La polis e il mondo delle colonie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Francesco Toscano La polis e il mondo delle colonie."— Transcript della presentazione:

1 Francesco Toscano La polis e il mondo delle colonie

2 La nascita della civiltà greca durante lVIII secolo a. C. la Grecia conosce uno straordinario sviluppo demografico durante lVIII secolo a. C. la Grecia conosce uno straordinario sviluppo demografico i villaggi si aggregano fino a diventare delle vere e proprie città, in greco chiamate pòleis i villaggi si aggregano fino a diventare delle vere e proprie città, in greco chiamate pòleis i Greci (Dori, Ioni ed Eoli) si espandono verso ovest, e fondano colonie in Italia sulle coste meridionali di Francia e Spagna i Greci (Dori, Ioni ed Eoli) si espandono verso ovest, e fondano colonie in Italia sulle coste meridionali di Francia e Spagna prima colonia in Italia è Pithecùssa (Ischia) nel 770 a. C. prima colonia in Italia è Pithecùssa (Ischia) nel 770 a. C. nasce la Magna Grecia nasce la Magna Grecia

3 Età arcaica X-VI secolo a. C. Età classica VI-323 a. C. Età ellenistica a. C. La periodizzazione della civiltà greca

4 Il processo storico Medioevo ellenico crisi culturale crollo dei commerci potere in mano ai capi militari prevalenza della pastorizia nomadismo VIII secolo: incremento demografico monarchia assoluta migliori condizioni socio-economiche: rivoluzione agraria ripresa degli scambi commerciali (colonie) sviluppo delle classi aristocratiche la monarchia assoluta si indebolisce nasce la pòlis scomparsa della scrittura

5 Il lessico urbanistico della pòlis al contrario dei Sumeri, i Greci avevano ben distinti i luoghi sacri, nella parte più alta della città, definita acròpolis i luoghi sociali ed economici, dove cera il mercato (chiamato agorà), i tribunali, le assemblee popolari fuori della zona abitata si trovava la campagna (in greco, chòra), organizzata con agricoltura e pastorizia

6 Il lessico urbanistico della pòlis ACRÒPOLI: parte alta della città, dove si rappresenta il potere e si celebrano i riti sacri ACRÒPOLI: parte alta della città, dove si rappresenta il potere e si celebrano i riti sacri

7 Il lessico urbanistico della pòlis ASTY: spazio abitato intorno allagorà, luogo del mercato e centro della vita politica ASTY: spazio abitato intorno allagorà, luogo del mercato e centro della vita politica

8 nellVIII secolo a. C. con il termine pòlis si intende il nucleo urbano e il territorio circostante, che, insieme, costituiscono una unità politica autonoma la sovranità NON spetta ad un solo individuo o ad un gruppo ristretto gruppo di uomini, ma a tutti i membri della pòlis, cioè ai polìtai, i cittadini il filosofo Aristotele diceva che luomo è ζοών πολιτικών, un animale politico, che vive e partecipa attivamente alla vita cittadina al di fuori cè solo barbarie e inciviltà La struttura politica

9 tutti i cittadini erano chiamati a difendere la città e si organizzavano in schiere compatte di soldati (la falànge) sono soldati a piedi con pesanti armature di bronzo, chiamati oplìti avevano uno scudo, un elmo e una spada Gli opliti

10 tra il VII e il VI secolo a. C. in molte città greche si affermano ordinamenti politici di natura timocràtica (= basati sulla ricchezza, timè + cràtos= forza) evidenti sono le disparità fra cittadini ricchi e cittadini meno abbienti laristocrazia si organizza intorno ad un leader politico, chiamato tiranno, che difende i propri interessi e non necessariamente va contro il popolo solo in un secondo momento, egli prende il potere e poi lo esercita in maniera violenta I tiranni

11 Pìttaco 600 a. C. I più famosi tiranni Cìpselo VIII secolo a. C. Pisìstrato 550 a. C. Polìcrate VIII secolo a. C.

12 La seconda colonizzazione a partire dall800 a. C. circa si sviluppa un imponente fenomeno di emigrazione le cause furono varie: soluzione per conflitti politici interni alla pòlis: gli indesiderati vengono cacciati via e sono costretti a fondare una nuova città ricerca di nuovi sbocchi commerciali per i mercanti e gli artigiani ricerca di nuovi sistemi di sostentamento per coloro che erano divenuti poveri

13 Come nasce una colonia la metròpolis, «città madre», mette a disposizione navi e risorse economiche si consulta loracolo di Delfi si nomina lecìsta, fondatore, responsabile della fondazione, con pieni poteri civili e militari i coloni ricreano i vecchi usi e costumi nella nuova patria tra la metròpolis e la nuova colonia si conservano stretti legami culturali, religiosi, politici, sociali, …

14 Le più importanti rotte di colonizzazione (VIII-VI sec. a. C.)

15 La Magna Grecia la colonizzazione greca si orientò verso le regioni più vicine e considerate vuote, cioè senza importanti interlocutori politici e culturali: lItalia meridionale e la Sicilia la colonizzazione greca si orientò verso le regioni più vicine e considerate vuote, cioè senza importanti interlocutori politici e culturali: lItalia meridionale e la Sicilia

16 La Magna Grecia in Campania abbiamo, oltre ad Ischia (in greco, Pitechùssa), Neapolis, Paestum ed Elea a nord i Greci non andarono perché incontrarono i popoli del Lazio e gli Etruschi

17 La Magna Grecia in Puglia Sparta fonda Taranto in Basilicata e Calabria si fondano Sibari Crotone Locri e Reggio

18 La coppa di Nestore si tratta di una kotýle, ossia una tazza piccola, larga non più di 10 cm, di uso quotidiano, con motivi geometrici importata da Rodi, faceva parte del ricco corredo funebre appartenente alla tomba di un fanciullo di appena dieci anni reca inciso su di un lato in alfabeto euboico in direzione retrograda (= da destra verso sinistra) un epigramma formato da tre versi testimonia la fitta rete di relazioni commerciali e costituisce uno degli esempi più antichi di scrittura greca a noi giunto

19 «Sono di Nestore la coppa in cui è piacevole bere. Chi beve da questa coppa subito lui prenderà desiderio di Afrodite dalla bella corona» « Νέστορος ε μ ε ποτον ποτήριον ς δ ν το δε πίησι ποτηρίου α τίκα κ νον μερος α ρήσει καλλιστεφάνου φροδίτης »

20 La Sicilia la colonizzazione greca conobbe particolari difficoltà in Sicilia, a causa dei Sìculi, dei Sicàni e soprattutto dei Fenici prima colonia fu Siracusa nel 733 a. C. importante fu Agrigento dove fu tiranno Falàride

21 I commerci la colonizzazione produsse (ma ne fu anche causa) un intenso commercio tra madrepatria, colonia e popolazioni confinanti si sviluppa una classe sociale media: gli artigiani, marinai, armatori, mercanti allingrosso e al minuto si diffonde luso della moneta: allinizio le monete valgono quanto pesano (oro e argento) alla fine del V secolo a. C., a Reggio si definì un valore convenzionale della moneta, non più equivalente al valore del metallo, di cui era fatta

22 La moneta ogni città conia monete con un segno particolare che ne permetta lidentificazione le prime monete erano incuse, cioè con unimpronta incavata e non a rilievo Moneta incusa di Taranto (VI secolo a. C.) Moneta incusa di Sìbari (circa 550 a. C.)


Scaricare ppt "Francesco Toscano La polis e il mondo delle colonie."

Presentazioni simili


Annunci Google