La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TOTO il principe della risata. Antonio, in arte Totò, nasce nel 1898 a Napoli. All'anagrafe viene registrato col cognome della madre, Anna Clemente, nubile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TOTO il principe della risata. Antonio, in arte Totò, nasce nel 1898 a Napoli. All'anagrafe viene registrato col cognome della madre, Anna Clemente, nubile."— Transcript della presentazione:

1 TOTO il principe della risata

2 Antonio, in arte Totò, nasce nel 1898 a Napoli. All'anagrafe viene registrato col cognome della madre, Anna Clemente, nubile. Il padre naturale era Giuseppe De Curtis, figlio di un nobile decaduto, che si era sempre opposto a questa relazione. Solo nel 1921 la madre riesce a sposare Giuseppe che successivamente riconosce Antonio come suo figlio naturale. Nel 1933 il marchese Francesco Maria Gagliardi adotta Antonio trasmettendogli i suoi titoli gentilizi.

3 A quattordici anni Totò lascia gli studi e diventa aiutante di mastro Alfonso, un pittore di appartamenti. L'amore per il teatro è un'altra causa importante del suo abbandono scolastico. Totò inizia dunque a recitare giovanissimo in piccoli teatri di periferia, proponendo al pubblico imitazioni e macchiette accolte inizialmente con poco entusiasmo. A soli sedici anni si arruola come volontario nell'esercito.

4 Nel 1922, si trasferisce a Roma con la famiglia e, dopo qualche delusione, decide di debuttare al Teatro Jovinelli: è il successo. In breve tempo i manifesti riportano il suo nome a caratteri cubitali e fioccano le scritture nei teatri più famosi dItalia.

5 Nel frattempo era anche nata la figlia Liliana dall'unione con Diana Bandini Rogliani, che sposerà nel 1935 e dalla quale si separerà quattro anni dopo. Per molti anni Totò fu padrone del palcoscenico e del cinema. Fra i riconoscimenti ottenuti si possono citare: -la Maschera d'argento (nel '47) - il Nastro d'argento (nel51) per l'interpretazione nel film "Guardie e ladri". Totò ha scritto anche diverse canzoni, fra cui "Malafemmena".

6 Nel 1952 si innamora di Franca Baldini, cui resterà legato fino alla morte. Pubblica anche una raccolta di poesie: 'A livella. Nel 1966 il sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici gli assegna il secondo Nastro d'argento, per l'interpretazione del film "Uccellacci e uccellini", di Pasolini.

7 Totò si spegne il 15 aprile del 1967 a causa di un infarto.

8 A LIVELLA

9 Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza per i defunti andare al Cimitero. Ognuno ll'adda fa' chesta crianza; ognuno adda tené chistu penziero. Ogn'anno puntualmente, in questo giorno, di questa triste e mesta ricorrenza, anch'io ci vado, e con i fiori adorno il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza. St'anno m'è capitata 'n'avventura... dopo di aver compiuto il triste omaggio (Madonna), si ce penzo, che paura! ma po' facette un'anema 'e curaggio.

10 'O fatto è chisto, statemi a sentire: s'avvicinava ll'ora d' 'a chiusura: io, tomo tomo, stavo per uscire buttando un occhio a qualche sepoltura. QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE MORTO L'11 MAGGIO DEL '31." 'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto sotto 'na croce fatta 'e lampadine; tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto: cannele, cannelotte e sei lumine.

11 Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore nce steva n'ata tomba piccerella abbandunata, senza manco un fiore; pe' segno, solamente 'na crucella. E ncoppa 'a croce appena si liggeva: "ESPOSITO GENNARO NETTURBINO". Guardannola, che ppena me faceva stu muorto senza manco nu lumino! Questa è la vita! 'Ncapo a me penzavo... chi ha avuto tanto e chi nun ave niente! Stu povero maronna s'aspettava ca pure all'atu munno era pezzente?

12 Mentre fantasticavo stu penziero, s'era ggià fatta quase mezanotte, e i' rummanette 'chiuso priggiuniero, muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte. Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano? Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia... Penzaje; stu fatto a me mme pare strano... Stongo scetato... dormo, o è fantasia? Ate che' fantasia; era 'o Marchese: c' 'o tubbo, 'a caramella e c' 'o pastrano; chill'ato appriesso' a isso un brutto arnese: tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

13 E chillo certamente è don Gennaro... 'o muorto puveriello... 'o scupatore. 'Int' a stu fatto i' nun ce veco chiaro: so' muorte e se retireno a chest'ora? Putevano stà 'a me quase 'nu palmo, quando 'o Marchese se fermaje 'e botto, s'avota e, tomo tomo... calmo calmo, dicette a don Gennaro: "Giovanotto! Da voi vorrei saper, vile carogna, con quale ardire e come avete osato di farvi seppellir, per mia vergogna, accanto a me che sono un blasonato?!

14 La casta e casta e va, sì, rispettata, ma voi perdeste il senso e la misura; la vostra salma andava, sì, inumata; ma seppellita nella spazzatura! Ancora oltre sopportar non posso la vostra vicinanza puzzolente. Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso tra i vostri pari, tra la vostra gente". "Signor Marchese, nun è colpa mia, i' nun v'avesse fatto chistu tuorto; mia moglie è stata a ffa' sta fessaria, i' che putevo fa' si ero muorto'?

15 Si fosse vivo ve farrie cuntento, pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse, e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento mme ne trasesse dinto a n'ata fossa." "E cosa aspetti, oh turpe malcreato, che 1'ira mia raggiunga l'eccedenza? Se io non fossi stato un titolato avrei già dato piglio alla violenza!" "Famme vedé... piglia sta violenza... 'A verità, Marché', mme so' scucciato 'e te senti; e si perdo 'a pacienza, mme scordo ca so' muorto e so' mazzate!...

16 Ma chi te cride d'essere... nu ddio? Ccà dinto, 'o vvuò capì, ca simmo eguale? Morto si' tu e muorto so' pur'io; ognuno comme a 'n'ato è tale e qquale." "Lurido porco!... Come ti permetti paragonarti a me ch'ebbi natali illustri, nobilissimi e perfetti, da fare invidia a Principi Reali?" "Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!! T' 'o vvuo' mettere 'ncapo... 'int' 'a cervella che staje malato ancora 'e fantasia?... 'A morte 'o ssaje ched'e".... e una livella.

17 'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo, trasenno stu canciello ha fatt' 'o punto c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme tu nun t'he fatto ancora chistu cunto? Perciò, stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo, suppuorteme vicino - che te 'mporta? Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive: nuje simmo serie... appartenimmo â morte!" FINE

18 Elabora una presentazione in powerpoint seguendo le seguenti indicazioni: 1) Spiega cosè la livella. 2) Riscrivi e commenta la strofa che ti ha maggiormente colpito. 3) Da quanti versi e da quante strofe è composta la poesia? Che tipo di rima è stata usata? 4) Racconta brevemente cosa, secondo te, vuole comunicare la poesia. 5) Ricerca in internet qualche altro nome di artista napoletano (cantautore, poeta o attore) individuando le sue opere o performance più famose.


Scaricare ppt "TOTO il principe della risata. Antonio, in arte Totò, nasce nel 1898 a Napoli. All'anagrafe viene registrato col cognome della madre, Anna Clemente, nubile."

Presentazioni simili


Annunci Google