La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Stanford Cart & CMU Rover Mariarosaria Ambrosino di Miccio50/54 Domenico Perfetto50/62 Corso di Sistemi per il Governo dei Robot Prof. E. Burattini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Stanford Cart & CMU Rover Mariarosaria Ambrosino di Miccio50/54 Domenico Perfetto50/62 Corso di Sistemi per il Governo dei Robot Prof. E. Burattini."— Transcript della presentazione:

1 Stanford Cart & CMU Rover Mariarosaria Ambrosino di Miccio50/54 Domenico Perfetto50/62 Corso di Sistemi per il Governo dei Robot Prof. E. Burattini

2 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto2 Stanford Cart & CMU Rover Descrizione di Stanford Cart Esempi di esecuzione Discussione dei limiti e delle scelte progettuali Descrizione di CMU Rover Discussione sul progetto Idea di implementazione alternativa

3 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto3 Stanford Cart Stanford Cart è un progetto nato nel laboratorio di Intelligenza Artificiale di Stanford nel 1973, il suo ideatore fu Hans P. Moravec. Il progetto di Cart alla nascita è stato supportato dalla Defense Advanced Research Projects Agency, dalla National Science Foundation e dalla National Aeronautics and Space Administration e successivamente nel 1981 il progetto fu supportato dal Carnegie-Mellon University Robotica Institute.

4 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto4 Nicchia Ecologica Cart si muove allinterno di un ambiente disordinato in cui sono posti ostacoli di varia natura. Il suo obiettivo è quello di raggiungere il goal evitando gli ostacoli che incontra nel suo tragitto, sulla base di un modello costruito grazie alle informazioni acquisite. Il percorso è sicuro per cammini brevi, ma lento: Cart si sposta di circa un metro ogni minuti.

5 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto5 Subroutine Il programma che consente a Cart di spostarsi allinterno dellambiente è organizzato in più subroutine: Interest Operator Correlator Camera Solver Navigator

6 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto6 Camera Calibration nellimmagine rispetto alla loro posizione in unideale camera di lunghezza focale unitaria, e un altro polinomio che converte i punti da una camera ideale ai punti nellimmagine. Questi polinomi sono adoperati per rettificare le posizioni degli oggetti percepiti nelle successive immagini. Il percorso di Cart inizia con la calibratura della camera. Il programma digitalizza limmagine in un array di punti, localizzando i punti e le croci, e costruendo un polinomio bidimensionale che rappresenta la posizione dei punti

7 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto7 Acquisizione delle immagini (1) Ogni volta che Cart si ferma il suo computer controlla litinerario e attiva un meccanismo che fa scorrere la camera catturando 9 immagini da sinistra a destra lungo un asse trasversale di 52cm, ad una distanza di 6.5 cm di spazio luna dallaltra.

8 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto8 Acquisizione delle immagini (2)

9 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto9 Memorizzazione delle immagini Ogni immagine digitalizzata nel codice visivo di Cart, è registrata insieme ad una piramide di immagini, formata da miniature della figura originale: partendo dallimmagine iniziale si crea la miniatura le cui dimensioni linearisono ridotte per potenze di due facendo la media di 4 pixel in uno, si procede allo stesso modo partendo da questa immagine ridotta creandone una seconda ancora più piccola, continuando fino ad arrivare al vertice della piramide con una dimensione fissata.

10 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto10 Interest Operator (1) Linterest operator si occupa della localizzazione di parti di immagini chiamate features. Una feature è un punto in un mondo tridimensionale, che viene individuato esaminando ampie zone di punti nelle immagini. La feature è giudicata buona se può essere localizzata in modo non ambiguo in differenti viste di una scena.

11 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto11 Interest Operator (2) Linterest operator sceglie 30 o più features allinterno di unimmagine: lidea è di selezionare un insieme di features buone relativamente uniformi nellimmagine, così che alcune di esse possano essere selezionate su ogni oggetto visibile mentre altre, le cui aree sono prive di struttura o hanno dei bordi semplici, sono scartate. La varianza direzionale viene misurata su piccole finestre quadrate: viene calcolata la somma della differenza dei quadrati dei pixel adiacenti per le quattro direzioni (orizzontale, verticale e le due diagonali) per ogni finestra, e la misura di interesse delle finestre è il minimo di queste quattro somme. Le features sono scelte laddove la misura di interesse ha un massimo locale.

12 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto12 Interest Operator (3)

13 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto13 Interest Operator (4) Quando una feature è scelta, il suo aspetto viene memorizzato con una serie di immagini selezionate dalla sequenza delle immagini ridotte. Da ogni figura ridotta viene estratta una sottoimmagine 6x6 contenete il massimo locale della misura di interesse (la feature). Dato che le immagini ridotte hanno un livello di risoluzione sempre meno dettagliato salendo lungo la piramide avremo che limmagine sul vertice copre un angolo di visuale più ampio con una risoluzione minore rispetto a tutte le altre; scendendo di un livello rispetto al vertice la risoluzione dellimmagine risulterà raddoppiata avendo un livello di dettaglio maggiore. Continuando in questo modo avremo che alla base della piramide il livello di risoluzione è molto alto e langolo di visuale è diminuito, otteniamo così uno zoom della feature.

14 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto14 Interest Operator (5) Il risultato finale è una serie di immagini 6x6, che iniziano con una confusa interpretazione dellintera immagine, gradualmente zoomate in espansioni lineari delle immagini che danno il primo piano netto della feature.

15 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto15 Correlator Il Correlator permette di conoscere la collocazione in tre dimensioni delle features dalle loro posizioni in due dimensioni in due o più immagini. Data una descrizione della feature prodotta dallinterest operator da unimmagine, il Correlator trova il miglior match con unimmagine diversa da quella di partenza: larea presa in considerazione può essere sia lintera immagine che una piccola parte di essa. La strategia di riduzione delle immagini inizia al livello di riduzione 16, in questo livello la finestra 6x6 copre circa un settimo dellarea totale dellimmagine. La zona di descrizione 6x6 è spostata pixel per pixel sullimmagine di destinazione 16x16, ed il coefficiente di correlazione è calcolato per ogni posizione di prova. La posizione che fa il miglior match è memorizzata. Si prosegue trovando il miglior in tutte le immagini fino ad arrivare allimmagine nella dimensione originale.

16 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto16 Slider Stereo (1) in tutte le nove immagini: esso considera ognuna delle 36 possibili coppie di immagini (9 valori presi due alla volta) e registra la distanza stimata della feature in un istogramma. Ogni misurazione aggiunge una piccola curva normale allistogramma. La bontà della feature è indicata dallampiezza del picco nellistogramma: se il picco è situato sotto una certa soglia la feature è scartata. Dopo il passo di correlazione il programma conosce la posizione della feature

17 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto17 Slider Stereo (2)

18 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto18 Motion Stereo Lo slider stereo determina la distanza delle features per determinare la nuova posizione di Cart, a questo passo il programma conosce la nuova posizione in 3D delle features relative alla camera, dalla vecchia alla nuova posizione. Il programma elimina i match incorretti nelle correlazioni creando una matrice in cui lelemento (i, j) è il valore assoluto della differenza, in termini di distanza, tra i punti i e j nel primo e nel secondo sistema di coordinate diviso per lerrore atteso. Ogni riga di questa matrice è sommata, dando unindicazione di come ogni punto sia in disaccordo con tutti gli altri punti. Lidea è che le posizioni corrette siano in accordo con tutte quelle corrette e in disaccordo solo con quelle sbagliate. Il punto peggiore è cancellato, e i suoi effetti sono rimossi dai rimanenti punti nelle somme delle righe. Questo pruning si ripete fino a quando lerrore peggiore rientra nei limiti dellerrore atteso. Dopo il pruning, il programma ha un numero di punti che va da dieci a venti che sono memorizzati nel suo modello del mondo

19 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto19 Path Planning (1) Il sistemo visivo di Cart modella gli oggetti come un semplice insieme di features. Se sono trovate abbastanza features su ogni oggetto questo modello è adeguato per pianificare un percorso che gli consenta di arrivare alla destinazione senza collisioni. Le features nel modello tridimensionale di Cart possono essere pensate come delle ellissoidi fuzzy, le cui dimensioni riflettono lincertezza del programma relativa alla loro posizione. Tutti gli oggetti visibili sono modellati come insiemi di sovrapposizioni di ellissoidi approssimate a cerchi per semplificare il problema.

20 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto20 Path Planning (2) Il programma converte il problema nella ricerca di un percorso minimo allinterno di un grafo. Un percorso ottimo consiste o nel creare un tragitto rettilineo fra la partenza e la destinazione oppure nel realizzare una serie di segmenti tangenziali tra i cerchi e gli archi connessi. La distanza minima in questo spazio può essere trovata con un algoritmo la cui complessità è O(n 3 ). Tale procedura spesso fa unapprossimazione rapida di ogni ostacolo in soli due vertici: uno per ogni direzione della circumnavigazione. Il percorso riportato sul grafo consiste di semplici linee connesse da archi tangenti, questo tipo di percorso è adatto a Cart, che è in grado di sterzare allo stesso modo di unautomobile.

21 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto21 Path Execution Una volta che il percorso per giungere alla destinazione è stato scelto, una parte di esso viene eseguita inviando i comandi a Cart. La routine di esecuzione del path esegue 75 cm del percorso e poi si arresta. Limmagine vista dalla camera fa una panoramica da un lato allaltro del campo visivo. Cart ha un ampio obiettivo angolare che copre orizzontalmente 60 gradi. I 75 cm, combinati con il limite radiale per la sterzata (5 m) di Cart, risulta uno spostamento massimo del campo visivo di 15 gradi, un quarto dellintera immagine. Alla fine il programma calcola un percorso che porta a termine questo movimento con due archi di raggio uguale ma di differente lunghezza: la traiettoria risultante ha generalmente una forma ad S. A partire da questa traiettoria vengono generati i movimenti dei motori. Il programma poi adopera un simulatore per prendere in considerazione la risposta motoria di guida e di sterzata, per raffinare iterativamente la soluzione

22 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto22 Esperimenti

23 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto23 Esempio di un percorso di Cart (1) Cart Campo Visivo 60° Features Goal

24 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto24 Esempio di un percorso di Cart (2)

25 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto25 Cart Testing

26 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto26 Problemi (1) Oggetti in movimento durante la pianificazione Oggetti in movimento durante lo scatto delle foto Oggetti lucidi o riflettenti Oggetti trasparenti Oggetti dello stesso colore parzialmente sovrapposti Oggetti dello stesso colore dello sfondo

27 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto27 Problemi (2) Fallisce se gli elementi sono privi di dettagli ad alto contrasto Evidenzia poche Features per ogni oggetto La variazione della luminosità determina un cattivo funzionamento Piccoli errori nelle misurazioni creano errori irreversibili Se gli oggetti escono fuori dal campo visivo possono essere dimenticati Concetto di autonomia assente Mancanza di altri sensori Incapacità di ripresa dopo un errore Pochi esperimenti Esperimenti troppo simili Raggio di sterzata troppo elevato

28 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto28 CMU Rover Dopo le scarse prestazioni ottenute da Stanford Cart, il team di Hans P. Moravec iniziò a sviluppare un sistema di robot mobile molto elaborato grazie a un contratto dellUfficio di Ricerche Navali. Il progetto CMU Rover si focalizza quindi nel creare robots con ampie capacità locomotive e che usassero la visione. Rover era il nome del primo robot sviluppato dal gruppo del CMU nellambito di tale programma. Successivamente CMU Rover divenne il nome del progetto stesso e il robot fu ribattezzato Pluto.

29 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto29 Pluto: Specifiche (1) La forma, dimensione, sistema di guida e le capacità elaborative on-board e esterne di Rover sono scelti per massimizzare la flessibilità del sistema. 3 ruote sterzanti individualmente per dargli 3 gradi di libertà nel piano. Una TV Camera montata su un supporto regolabile, basculante e scorrevole. Sonar a lungo raggio; Sonar a infrarosso a corto raggio e Bumper disposti intorno al robot. Shaft Encoder (uno per ogni ruota) con la risoluzione di 1/4000 di giro. Una antenna radio. Una stazione fissa di elaborazione. 1 metro 55 cm 90 Kg

30 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto30 Pluto: Specifiche (2) Rover è assemblato su 3 livelli: 1.Ruote 2.Motori e Sensori 3.Componenti Elettronici (Processori) Le elaborazioni on-board e il controllo dellhardware sono affidate a una serie di processori, ad ognuno dei quali è affidato un compito specifico. Ogni motore è dotato di un processore Motorola con della RAM Hitachi (CMOS per ridurre i consumi). I motori sono controllati operando una modulazione di fase e di ampiezza. La stazione di elaborazione fissa è costituita da un host computer VAX 11/780, un array di processori ST-100 (100 milioni di op. f.p. /sec) e da un dispositivo per acquisizione e generazione di dati analogici ad alte prestazioni appositamente progettato.

31 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto31 Architettura Gerarchica La struttura elaborativa di Pluto può essere rappresentata sfruttando larchitettura deliberativa proposta dal Rensselaer Polythecnic Istitute che prevede una gerarchia a tre livelli: Organization, Coordination e Execution Questo approccio è molto interessante perché evidenzia il principio della specializzazione dei moduli man mano che si discende lungo la gerarchia e mostra il semplice schema di comunicazione tra i moduli appartenenti ai vari livelli.

32 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto32 Architettura di Rover Nellorganization level saranno eseguiti i compiti a più alto livello: pianificazione, interpretazione delle immagini, rappresentazione del mondo e pianificazione dei percorsi. Il coordination level integra i vari sottosistemi hardware e sono eseguiti i compiti di coordinamento dei sensori e degli attuatori dalle unità (Controller, Simulator e Conductor). Nellexecution level ci sono i moduli che gestiscono e manovrano direttamente lhardware.

33 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto33 Unità elementari (1) Nellexecution level ci sono le unità dedicate al controllo a più basso livello dellhardware. Comunication si occupa della comunicazione con la stazione fissa che esegue le computazioni più onerose. Sonar controlla i sonar Polaroid che circondano il robot permettendo la navigazione evitando gli ostacoli. Camera controlla i movimenti del supporto della Tv camera che manda le immagini alla stazione fissa.

34 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto34 Unità elementari (2) Il modulo Utility controlla lo stato di salute del robot monitorando parametri vitali come il livello di carica delle batterie e la temperatura dei motori. Inoltre Utility controlla anche la potenza di quei sistemi che sono definiti non essenziali come la TV camera e il trasmettitore. Proximity gestisce lultima linea di difesa contro le collisioni utilizzando i sonar IR a corto raggio e i bumper.

35 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto35 Elaborazioni on-board I motori sono assistiti dal Conductor che li coordina per ottenere i movimenti del robot desiderati. Il Simulator accede agli shaft encoders e mantiene una stima della posizione del robot istante per istante. I risultati della simulazione sono comparati nel Conductor con la posizione desiderata prodotta dal Controller. Il Conductor aggiusta le velocità e le posizioni dei motori nel tentativo di portare il Simulator in linea con la posizione richiesta dal Controller.

36 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto36 Elaborazioni ad alto livello Lelaborazione ad alto livello, eseguita dalla base fissa, è effettuata in maniera pressoché identica a Stanford Cart. A parte alcuni perfezionamenti negli algoritmi, sono promessi progressi dovuti quasi esclusivamente allhardware. Cart impiegava fino a 15 minuti per pianificare lavanzamento di circa un metro. Questo tempo può essere suddiviso in tre intervalli approssimativamente uguali: 1.II primi cinque minuti sono necessari per digitalizzare, pre-trattare e inviare alla base fissa le nove immagini acquisite dalla TV camera. 2.I secondi cinque minuti sono spesi per i compiti di visione a basso livello, riducendo e filtrando le immagini. In seguito vengono applicati gli operatori Interest e Correlator e effettuato il pruning dei risultati. 3.Gli ultimi cinque minuti sono sfruttati per compiti di alto livello come il mantenimento del modello del mondo, pianificazione del percorso e la generazione della documentazione grafica di ciò che il programma pensa. I tre intervalli di elaborazione sono ora ridotti rispettivamente a meno di un secondo, circa tre secondi e a pochi secondi, per un tempo totale di circa 10 secondi contro i quindici minuti di Cart.

37 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto37 Considerazioni sullarchitettura

38 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto38 Analisi Condizioni (1) TASK: Il compito del robot è di raggiungere un punto nellambiente definito Goal partendo da un punto qualsiasi della sua nicchia ecologica. Il goal deve essere descritto in qualche modo in base alle caratteristiche distintive riconoscibili dal sistema percettivo del robot. Prendendo come riferimento il progetto di Moravec verrà considerato il caso in cui viene data al robot una posizione relativa del goal. Per un caso più generale sarà considerato leventualità che ciò non avvenga, cioè che il robot non abbia nessuna informazione sulla posizione del goal.

39 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto39 Analisi Condizioni (2) ROBOT: Piattaforma di Pluto: una TV Camera, dei sonar, dei sensori InfraRosso a corto raggio, dei bumper e shaft encoder. Sistema motorio: tre motori indipendenti collegati a tre ruote. Moravec non ci fornisce informazioni su come sono distribuiti i sonar e gli altri sensori, ma dato il sistema di movimento di cui è dotato il robot supponiamo di disporre 8 sonar intorno al robot (uno ogni 45°), così come i bumper. 8 sensori IR a corto raggio vengono disposti come i sonar ma sfasati di 22,5°.

40 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto40 Analisi Condizioni (3) AMBIENTE: Il robot si muove in una stanza senza particolari limitazioni. Ostacoli presenti nellambiente facilmente distinguibili dal goal dato che è previsto un sistema di elaborazione della visione a basso livello on-board. Se il robot conosce una stima della posizione relativa del goal, si può pensare di provare il robot in un ambiente composto anche da stanze diverse.

41 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto41 Architettura Reattiva Alla luce di queste condizioni sembra adeguata unarchitettura reattiva, i cui behavior sono coordinati adoperando i campi di potenziale.

42 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto42 Descrizione Behavior (1) Collide ( Sensors_Array ) Releaser:Always On Percept:Collision Perceptual Schema:Read_Collide( Sensors_Array ) Motor Schema:Stop_Robot( Collision ) RunAway ( Sensor ) Releaser:Always On Percept:Obstacle_Angle Obstacle_Strenght Rotation__Verse Perceptual Schema:Extract_Obstacle( Sensor ) Rotation( MoveToGoal.GetGoalAngle() ) Motor Schema:PFields.Repulsion( Obstacle_Angle, Obstacle_Strenght ) PFields.Tangential( Obstacle_Angle, Obstacle_Strenght, Rotation_Verse )

43 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto43 Descrizione Behavior (2) NoStopping ( ) Releaser:Always On Percept:VObstacle_Angle VObstacle_Strenght Rotation__Verse Perceptual Schema:VObstacle( ) Rotation( MoveToGoal.GetGoalAngle() ) Motor Schema:PFields.Tangential( VObstacle_Angle, VObstacle_Strenght, Rotation_Verse ) MoveToGoal ( Goal_Description, [Goal_Position_Valued] ) Releaser:Always On Percept:Goal_Angle Goal_Strenght /* Costant */ Toward_Goal Perceptual Schema:Extract_Goal( Goal_Description, [Goal_Position_Valued] ) Is_Goal_Near ( Goal_Description, [Goal_Position_Valued] ) Motor Schema:PFields.CostantAttraction( Goal_Angle, Goal_Strenght, Toward_Goal )

44 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto44 Descrizione Behavior (3) Goal ( Goal_Description ) Releaser:Always On Percept:Goal_Achieved Perceptual Schema:Verify_Goal( Goal_Description ) Motor Schema:Victory_Behavior( Goal_Achieved )

45 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto45 Campi di Potenziale: Repulsivo PFields.Repulsion( Obstacle_Angle, Obstacle_Strenght ) If (Obstacle_Strenght > MINSTRENGHT) Vector.Direction = Obstacle_Angle + 180° Vector.Magnitude = Obstacle_Strenght – MINSTRENGHT Else Vector.Magnitude = 0 End If Return Vector;

46 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto46 Campi di Potenziale: Tangenziale PFields.Tangential( Obstacle_Angle, Obstacle_Strenght, Rotation_Verse ) If (Obstacle_Strenght > MINSTRENGHT) If (Rotation_Verse = Dx) Vector.Direction = Obstacle_Angle + 90° Else Vector.Direction = Obstacle_Angle - 90° End If Vector.Magnitude = Obstacle_Strenght – MINSTRENGHT Else Vector.Magnitude = 0 End If Return Vector;

47 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto47 Campi di Potenziale: Attrattivo PFields.CostantAttraction( Goal_Angle, Goal_Strenght, Toward_Goal ) If (Goal_Strenght > 0) Vector.Direction = Goal_Angle If (Toward_Goal =0) Vector.Magnitude = MAXSTRENGHT Else Vector.Magnitude = K * MAXSTRENGHT End If Else Vector.Magnitude = 0 End If Return Vector;

48 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto48 Esempi (1) Goal Ostacolo Robot

49 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto49 Esempi (2) Goal Ostacolo Robot

50 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto50 Esempi (3) Goal Ostacolo Robot

51 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto51 Considerazioni su Rover La piattaforma di Rover sembra molto adeguata per un sistema robotico reattivo. Non abbiamo prove che Pluto sia stato effettivamente realizzato. –il coordinamento dei motori e delle ruote crea problemi. –è instabile ed è soggetto a oscillazioni incontrollate e pericolose. Contestabile la scelta progettuale di non aver nessuna gestione della visione on-board. Limitata autonomia

52 Giugno 2004Mariarosaria Ambrosino di Miccio – Domenico Perfetto52 Bibliografia [1] The Stanford Cart and The CMU Rover – Hans P. Moravec – The Robotics Institute Carnegie-Mellon University (Pittsburgh) – February [2] Three Degrees for a Mobile robot – Hans P. Moravec – The Robotics Institute Carnegie- Mellon University (Pittsburgh) – February [3] Towards Autonomous Vehicles – H.P. Moravec et al. -The Robotics Institute Carnegie- Mellon University (Pittsburgh) – June 985 [4] Robots that Rove – H.P. Moravec et al. -The Robotics Institute Carnegie-Mellon University (Pittsburgh) – August [5] Behavior-Based Robotics – Ronald C. Arkin – The MIT Press, Cambridge (Massachusetts) – Book 1998 [6] Appunti corso di Sistemi per il Governo dei Robot – Prof. Ernesto Burattini – Università degli studi di Napoli Federico II


Scaricare ppt "Stanford Cart & CMU Rover Mariarosaria Ambrosino di Miccio50/54 Domenico Perfetto50/62 Corso di Sistemi per il Governo dei Robot Prof. E. Burattini."

Presentazioni simili


Annunci Google