La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistemi Distribuiti Ing. Sara Tucci Piergiovanni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistemi Distribuiti Ing. Sara Tucci Piergiovanni."— Transcript della presentazione:

1 Sistemi Distribuiti Ing. Sara Tucci Piergiovanni

2 La nozione di tempo

3 Modello della Computazione Componenti del sistema: n processi e canali di comunicazione Ogni processo genera una sequenza di eventi –interni ed esterni (send/receive) –e i k, k-simo evento generato da P i Storia di una computazione –Storia locale: sequenza eventi generati da un singolo processo h 1 = e 1 1 e 1 2 e 1 3 e 1 4 e 1 5 e 1 6 –Storia locale parziale: prefisso della storia locale h 1 m = e 1 1 … e 1 m –Storia globale: insieme delle storie locali H = h i per 1 i n Levoluzione di una computazione può essere visualizzata con un diagramma spazio-tempo.

4 Il tempo nei sistemi distribuiti La nozione di tempo è vitale nei sistemi distribuiti per dare ordine agli eventi che si susseguono; –Es. Differenti computer devono ordinare transazioni di commercio elettronico in modo consistente. timestampingTecnica del timestamping: –Ogni computer etichetta (con un timestamp) un evento. Ciò viene fatto in modo da costruire un ordine tra tutti gli eventi generati nel sistema distribuito (anche se hanno origine su computer diversi) Soluzione banale: ogni processo etichetta un evento con il valore del proprio clock fisico...Perche non funziona? Lordine degli eventi locali ad un singolo processo si puo ricostruire......e lordine di due eventi generati da due processi diversi?

5 Il tempo nei sistemi distribuiti In un sistema distribuito e impossibile avere un unico clock fisico condiviso da tutti i processi; Prima soluzione: (clock fisico). Tentare di sincronizzare con una certa approssimazione i clock fisici locali ad ogni processo attraverso opportuni algoritmi. In questo caso il processo puo etichettare gli eventi con il valore del suo clock fisico (in questo caso sincronizzato con gli altri con una certa approssimazione). In questo caso il timestamping e basato sulla nozione di tempo fisico (clock fisico). Ma e sempre possibile eseguire questa sincronizzazione mantenendo lerrore di approssimazione limitato? No in un modello asincrono!! (clock logici).In un modello asincrono il timestamping non si puo basare sul concetto di tempo fisico. A questo scopo verra introdotta la nozione di clock basata su un tempo logico (clock logici).

6 Il clock fisico Allistante di tempo reale t, il sistema operativo legge il tempo dal clock hardware H i (t) del computer, quindi produce il software clock C i (t)= aH i (t) + b che approssimativamente misura listante di tempo fisico t per il processo p i. –Es.. C i (t) e un numero a 64 bit che da i nanosecondi trascorsi allistante t da un istante di riferimento (es. boot della macchina). –In generale il clock non e completamente accurato: può essere diverso da t. –Se C i si comporta abbastanza bene allora può essere usato come timestamp per gli eventi che occorrono in p i. Quanto deve essere la risoluzione del clock (periodo che intercorre tra gli aggiornamenti del valore del clock) per poter distinguere due differenti eventi? Tempo di risoluzione < intervallo di tempo che intercorre tra due eventi rilevanti

7 Clock fisici in un sistema distribuito Diversi clock locali possono avere valori diversi: –Skew: the difference in time between two clocks (Galli) (differenza istantanea fra il valore di due qualsiasi clock) –Drift: i clock contano il tempo con differenti frequenze (fenomeno dovuto a variazioni fisiche dellorologio), quindi divergono –Drift Rate: the gradual misalignment of once synchronized clocks caused by the slight inaccuracies of the time-keeping mechanisms (differenza per unita di tempo rispetto ad un orologio ideale), es. drift rate di 2microsec/sec significa che il clock incrementa il suo valore di 1sec+1microsec ogni secondo. Normali orologi al quarzo deviano di circa 1 sec in giorni. (10 -6 secs/sec). Orologi al quarzo ad alta precisione hanno un drift rate di circa o secs/sec

8 Coordinated Universal Time (UTC) UTC è uno standard internazionale per mantenere il tempo. Basato su International Atomic Time, quindi e basato sul tempo atomico ma e occasionalmente aggiustato utilizzando il tempo astronomico. I clock fisici che usano oscillatori atomici sono i piu accurati (drift rate ) Loutput dellorologio atomico e inviato in broadcast da stazioni radio su terra e da satelliti (es. GPS), In Italia: Istituto Galileo Ferraris Computer con ricevitori possono sincronizzare i loro clock con questi segnali Segnali da stazioni radio su terra hanno unaccuratezza di circa millisecondi; segnali da GPS hanno unaccuratezza di circa 1 microsec.

9 Sincronizzazione di clock fisici Sincronizzazione esterna I clock C i (per i = 1, 2, … N ) sono sincronizzati con una sorgente di tempo S, in modo che, dato un intervallo I di tempo reale: –|S(t) - C i (t)| < D per i = 1, 2, … N e per tutti gli istanti in I –I clock C i hanno unaccuratezza che si mantiene allinterno del bound D. Sincronizzazione interna I clock di due computer sono sincronizzati luno con laltro in modo che: –| C i (t) - C j (t)| < D per i = 1, 2, … N nellintervallo I –In questo caso i due clock C i e C j si accordano allinterno del bound D. I clock sincronizzati internamente non sono necessariamente esternamente sincronizzati. Tutti i clock possono deviare collettivamente da una sorgente esterna sebbene rimangano sincronizzati entro il bound D. Se linsieme dei processi P e sincronizzato esternamente entro un bound D allora segue dalle definizioni che e anche internamente sincronizzato entro un bound 2D

10 Nozione di clock corretto Un clock hw H e corretto se il suo drift rate si mantiene allinterno di un bound > 0 limitato. (es secs/ sec), il drift rate di un clock corretto e almeno - e al massimo + Se il clock H e corretto allora lerrore che si commette nel misurare un intervallo di istanti reali [t,t] e limitato: –(1 - (t - t) H(t) - H(t) (1 + (t - t) (t t implica C(t) > C(t) Es. condizione richiesta da Unix make: 200 files compilati alle 17,00 e C(17,00)=17,30, 3 modificati alle 17,15. Se no monotonicita e C(17,15)=17,20 non ricompila nulla! Si puo garantire monotocita con un clock hw che va veloce: scelgo opportunamente i valori ae b Clock guasto: se non rispetta le condizioni di correttezza crash failure – un clock che smette di funzionare arbitrary failure – qualsiasi altro guasto (es. Y2K bug che dopo il 31/1/1999 mette 1/1/1900 anziche 1/1/2000) Si noti che la correttezza non implica accuratezza... fast clock slow clock perfect clock

11 Sincronizzazione interna in un sistema sincrono Sistema sincrono –the time to execute each step of a process has known lower and upper bounds –each message transmitted over a channel is received within a known bounded time –each process has a local clock whose drift rate from real time has a known bound Algoritmo: One process p 1 sends its local time t to process p 2 in a message m, p 2 could set its clock to t + T trans where T trans is the time to transmit m T trans is unknown but min T trans max uncertainty u = max-min. Set clock to t + (max - min)/2 then skew u/2 SISTEMA ASINCRONO: T trans = min + x con x >= 0

12 Sincronizzazione mediante Time Server Time Service Centralizzati –Request-driven Esempio Cristian Algorithm –Broadcast-based Esempio Berkeley Unix algorithm - Gusella & Zatti (1989) Distribuiti (Network Time Protocol)

13 Algoritmo di Cristian Un time server S riceve il segnale da una sorgente UTC Un processo p richiede il tempo con m r e riceve t in m t da S –p setta il suo clock a t + T round /2 T round e il round trip time registrato da p –Accuratezza ± (T round /2 - min) : ( min e il minimo tempo di trasmissione) S non puo mettere t nel messaggio m t prima che sia trascorso un tempo min dallistante in cui p ha inviato m r. S non puo mettere t nel messaggio m t dopo il momento che m t arriva a p meno min. Il tempo di S quando m t arriva è compreso nel range [t+min, t + T round - min] m r m t p Time server,S Osservazioni: Un singolo time server potrebbe guastarsi, Cristian suggerisce luso di un gruppo di server sincronizzati Non prevede server maliziosi

14 Request-Driven Synchronization RTT=20

15 Algoritmo Berkeley Algoritmo Berkeley: algoritmo per la sincronizzazione interna di un gruppo di computer –Il master richiede, attraverso broadcast, il valore dei clock delle altre macchine del sistema distribuito, quindi colleziona i valori dei clock degli altri (slaves) –Il master usa i round trip time per stimare i valori dei clock degli slave –Prende la media di questi –Manda laggiustamento opportuno agli slave (se laggiustamento prevede un salto indietro nel tempo, lo slave non setta il nuovo valore ma rallenta) –Laccuratezza del protocollo dipende da un round-trip time nominale massimo: il master non considera valori di clock associati a RTT superiori al massimo –Fault tolerance: se un master cade unaltra macchina viene eletta master (in un tempo non limitato a priori) E tollerante a comportamenti arbitrari (slave che inviano valori errati di cllock): Il master prende un certo numero valori di clock (da un sottoinsieme di slave). Questi valori non differiscono tra loro per una quantità specificata.

16 Berkeley Algorithm NOTA: Che cosa significa rallentare un clock? Non si puo pensare di imporre un valore di tempo passato alla locazione B. Cio provocherebbe un problema di ordinamento causa/effetto di eventi locali a B. Quindi la soluzione e quella di mascherare una serie di interrup che fanno avanzare il clock locale in modo di rallentare lavanzata del clock stesso. Il numero di interrupt mascherati è pari al tempo di slowdown diviso il periodo di interrupt del processore

17 Network Time Protocol (NTP) Time service per Internet - sincronizza client a UTC: Reliability da server e path ridondanti, escalabile, autentica time sources Primary servers are connected to UTC sources Secondary servers are synchronized to primary servers Synchronization subnet - lowest level servers in users computers

18 NTP – sincronizzazione di server La sottorete di sincronizzazione si riconfigura in caso di guasti es. –Un primary che perde la connessione alla sorgente UTC puo diventare un server secondario –Un secondario che perde la connessione al suo primary (crash del primary) può usare un altro primary Modi di sincronizzazione : –Multicast: un server allinterno di una LAN ad alta velocita manda in multicast il suo tempo agli altri che settano il tempo ricevuto assumendo un certo ritardo (non molto accurato) –Procedure call: un server accetta richieste da altri computer (come algoritmo di Cristian). Alta accuratezza. Utile se non e disponibile un multicast hw. –Simmetrico: coppie di server scambiano messaggi contenenti info sul timing. Usata quando e necessaria unaccuratezza molto alta (per gli alti livelli della gerarchia)

19 Messaggi scambiati da coppie di peers T i T i-1 T i-2 T i-3 Server B Server A Time mm' Time Tutti i modi di sincronizzazione usano UDP Ogni msg porta timestamps di eventi recenti: –Local times di Send e Receive del messaggio precedente –Local times di Send del messaggio corrente Il ricevente segna il tempo in cui riceve il msg T i ( si ha T i-3, T i-2, T i-1, T i ) Nel modo simmetrico il ritardo tra larrivo di un messaggio e linvio del successivo potrebbe essere non trascurabile

20 Accuratezza di NTP Per ogni coppia di msg scambiati tra i due server, NTP stima un offset o i tra i 2 clock ed un ritardo d i (tempo di trasmissione totale per i 2 msg) Supponi che il vero offset del clock di B rispetto ad A sia o e i tempi di trasmissione dei msg m ed m siano rispettivamente t e t T i-2 = T i-3 + t + o e T i = T i-1 + t - o Quindi il tempo totale di trasmissione dei msg: d i = t + t = T i-2 - T i-3 + T i - T i-1 E (sottraendo le equazioni) o = o i + (t - t )/2 con o i = (T i-2 - T i-3 + T i - T i-1 )/2 Considerando che t, t>0 si può dimostrare che o i - d i /2 o o i + d i /2. –Quindi o i è una stima delloffset e d i è una misura dellaccuratezza della stima NTP servers filtrano le coppie, stimano laffidabilita dei dati dalla differenza con la stima, cosi seleziona i peers che usa per sincronizzarsi Accuratezza di 10 millisecs su Internet paths (1 su LANs)

21 NO in un sistema distribuito asincrono: clock diversi e impossibilità di sincronizzarli Il tempo in un sistema asincrono Tempo Fisico: proprietà globale… osservabile? Limpossibilità di una sincronizzazione precisa deriva dallimpredicibilità dei ritardi della comunicazione Quindi, il tempo di due eventi che accadono in processi diversi non può generalmente essere utilizzato per decidere quando un evento precede laltro ?

22 Nozione di Tempo Logico Basato sulle seguenti ovvie assunzioni: –Due eventi nello stesso processo sono naturalmente ordinati –Una trasmissione precede sempre una ricezione –Gli eventi sono così ordinati secondo la nozione di causa-effetto (precedenza causale o happened before)

23 Happened-before Dati due eventi e ed e allora e precede e, indicandolo con e e se: 1.gli eventi e ed e appartengono allo stesso processo ed e accade prima di e; 2.gli eventi e ed e appartengono invece a processi distinti, e è levento di invio di un messaggio ed e levento di ricezione di tale messaggio; 3.se esiste un evento e t.c. e e e e e Dati due eventi e ed e se (e e) ed (e e ), i due eventi sono detti concorrenti: e || e

24 Happened-Before /esempio Dato un diagramma spazio-tempo allora e e se è possibile tracciare un percorso da e ad e, procedendo da sinistra verso destra, altrimenti sono concorrenti Nell esempio: e 3 2 e 2 2, e 2 3 e 1 3 e quindi e 3 2 e 1 3, mentre gli eventi e 2 1 e e 3 3 sono concorrenti. e11e11 e21e21 e31e31 e41e41 e51e51 e61e61 P1P1 e12e12 e22e22 e32e32 e42e42 e52e52 e62e62 e72e72 P2P2 e13e13 e23e23 e33e33 e43e43 e53e53 e63e63 P3P3 ejieji j-esimo evento del processo P i

25 Clock Logico Lidea è di ordinare gli eventi del sistema assegnando un numero naturale ad ogni evento (timestamping scalare) Lordinamento è basato sulla relazione happened before Ad ogni evento e del sistema viene associato un timestamp C(e), tale che: se e e allora C( e ) < C( e )

26 Timestamping scalare \ implementazione P i mantiene un contatore C i inizializzato a 0 e segue le seguenti regole di aggiornamento: 1.quando P i processa un evento, prima incrementa il contatore C i di una unità (C i := C i +1) e quindi associa un timestamp T i allevento il cui valore è pari al valore corrente di C i ; 2.quando P i invia un messaggio, esegue levento di trasmissione e allega al messaggio il timestamp T i associato a tale evento ricavato dalla regola 1; 3.quando a P i arriva un messaggio m con timestamp T, esso pone C i =max(C i,T) e quindi esegue levento di ricezione del messaggio (regola 1).

27 Timestamping scalare\ esempio e11e11 e21e21 e31e31 e41e41 e51e51 e61e61 P1P1 e12e12 e22e22 e32e32 e42e42 e52e52 e62e62 e72e72 P2P2 e13e13 e23e23 e33e33 e43e43 e53e53 e63e63 P3P3 ejieji j-esimo evento del processo P i k Timestamp scalare associato allevento dal processo e 1 4 || e 3 5 : hanno timestamp diversi e 3 2 e 1 3 e 3 1 || e 1 1 : hanno stesso timestamp

28 Vector Clock Clock logici: non catturano completamente la relazione happened-before. Infatti pur soddisfacendo la seguente proprietà: se e e allora C(e) < C (e), non soddisfano il viceversa: C(e) < C(e ) non implica e e In sostanza i clock logici non permettono di stabilire se due eventi sono concorrenti Mattern nel 1988 ha introdotto la nozione di vector clock, che invece caratterizza completamente la relazione di causalità.

29 Vector Clock Ad ogni evento e viene assegnato un vettore V(e) di dimensione pari al numero dei processi con la seguente proprietà: e e se e solo se V(e) < V(e) Che significato ha il comparatore di minoranza tra vettori? V(e) < V(e) se e solo se x [1,…,n]: V(e)[x] V(e)[x] x [1,…,n]: V(e)[x] > V(e)[x]

30 Vector Clock Comparare due vector clock associati a due eventi distinti permette di capire la relazione che lega i due eventi (se uno precede laltro o se sono concorrenti) Associare vector clock ad eventi timestamping vettoriale V(e)V(e)V(e)V(e) e V(e)V(e)V(e)V(e) e || e

31 Timestamping vettoriale\ implementazione Un sistema di vector clock è formato da n vettori di interi V ad n componenti, uno per ogni processo. La componente V i [x] indica il numero di eventi del processo P x osservati dal processo P i. In particolare, ogni processo P i i [1,..,n] gestisce un vettore di interi V i [1…n] (inizializzato a [-,-,…,0,…,-]) in base alle seguenti regole: 1.quando P i processa un evento, incrementa V i [i] di una unità e poi associa un timestamp T allevento il cui valore è pari al valore corrente di V i ; 2.quando P i esegue un evento di trasmissione, allega al msg il timestamp di quellevento ottenuto dalla regola 1; 3.quando arriva un msg a P i da P j con un timestamp T, P i esegue la seguente operazione: x [1,…,n]: V i [x]:=max(V j [x],T[x]), quindi esegue levento di ricezione (esegue la regola 1);

32 Timestamping vettoriale\ esempio e11e11 e21e21 e31e31 e41e41 e51e51 e61e61 P1P1 ejieji j-esimo evento del processo P i l Timestamp vettoriale associato allevento dal processo e12e12 e22e22 e32e32 e42e42 e52e52 e62e62 e72e72 P2P2 e13e13 e23e23 e33e33 e43e43 e53e53 e63e63 P3P m k e 1 4 || e 3 5 e 1 3 e 2 6

33 Il concetto di knowledge Assumiamo che la knowledge sia una collezione di fatti. Con unappropriata codifica una quantità finita di knowledge può essere rappresentata da un intero. La knowledge che un processo ha di se stesso è rappresentata da questo intero. Assumiamo che un processo non dimentica mai, cioè che la knowledge aumenti con il tempo per ogni processo. Inoltre lunico modo in cui la knowledge può essere comunicata a differenti processi è attraverso messaggi. Se ogni processo include tutto ciò che sa in un messaggio e il ricevente aggiorna la propria knowledge alla ricezione dello stesso, allora il ricevente avrà più knowledge sia rispetto al mittente che rispetto a se stesso prima di ricevere il messaggio. Ma questo meccanismo è quello dei logical clock! Se un processo vuole sapere non solo ciò che lui sa ma anche cosa gli altri processi sanno, questa knowledge deve essere codificata con un vettore di dimensione pari al numero dei processi. Vector clock! E naturale chiedersi se clock con dimensione superiore possano fornire ai processi più knowledge. La risposta è ovviamente si.

34 Matrix clock Matrix clock, ossia un vettore di dimensione n di vector clock. Codifica un livello superiore di knowledge rispetto a un vector clock. Lidea è che lelemento della matrice (i,j) rappresenta ciò che il processo sa a proposito di ciò che il processo p i sa a proposito del processo p j. Se p i nel suo matrix clock ha tutta la colonna relativa a se stesso (colonna i) maggiore di un certo k, allora può concludere che tutti sanno che p i è arrivato almeno allevento k. Questo meccanismo è utile quando si vuole assicurare che una certa informazione venga ricevuta da tutti i processi (in situazione di comunicazione incerta, es. perdita di messaggi). In questo caso il mittente p i può rilevare se linformazione è stata ricevuta da tutti i processi (informazione stabile) ispezionando la colonna i del matrix clock. In caso affermativo può scartare la suddetta informazione (sa che non la deve reinviare più).

35 Timestamping con matrix clock\ implementazione Un sistema di matrix clock è formato da n matrici M di interi di dimensione nxn. In particolare, ogni processo P i gestisce una matrice M i [1…n] (con tutte le componenti inizializzate a –, tranne M i [i,i]=0) in base alle seguenti regole: 1.Quando P i processa un evento, M i [i,i] si incrementa di una unità e quindi associa un timestamp T allevento il cui valore è pari al valore corrente di M i ; 2.Quando P i esegue un evento di trasmissione di un messaggio, egli allega al messaggio il timestamp di quellevento ottenuto dalla regola 1; 3.Quando arriva un messaggio a P i da P j con allegato un timestamp T, P i esegue le seguenti operazioni: 1. x [1,…,n] e xi: M i [x,*]:=max(M i [x,*],T[x,*]) 2. y [1,…,n]: M i [i,y]:=max(M i [i,y],T[ j,y]) 3.esegue levento di ricezione (esegue la regola 1).

36 Timestamping con matrix clock\ esempio Nota che p2 ora sa che sia p1 che p3 hanno ricevuto il messaggio m! Assunzione di topologia p2 p3 p1 m m p2 p3

37 Tempo Logico e Algoritmi distribuiti Abbiamo visto tre meccanismi per ordinare eventi in un sistema distribuito. Questi meccanismi sono utili per sviluppare algoritmi distribuiti dato un certo problema. Es. lalgoritmo di Lamport per la mutua esclusione utilizza il timestamping scalare mentre lalgoritmo che implementa la comunicazione ordinata causale utilizza il timestamping vettoriale. La rilevazione della stabilità dei messaggi è un problema in cui viene utilizzato il matrix clock.

38 Causal Broadcast Causal broadcast: per ridurre lasincronia dei canali di comunicazione percepita dai processi dellapplicazione. Garantisce che lordine in cui i processi consegnano i messaggi al livello applicativo non possano violare lordine indotto dalla happend-before dei corrispondenti eventi di broadcast. Specifica: –Se 2 messaggi di broadcast m e m´ sono tali che broadcast(m) > broadcast(m´), allora ogni processo deve consegnare m prima di m´. –Se i broadcast di m e m´ sono concorrenti, allora i processi sono liberi di consegnare m e m´ in qualsiasi ordine. Implementazione basata su vector clock Modello di sistema: asincrono, no guasti ogni processo Pi gestisce un vector clock VCi che traccia la conoscenza corrente del numero di messaggi che ogni processo ha inviato. In particolare VCi[j] rappresenta la conoscenza del numero di messaggi che Pj ha inviato inbroadcast e consegnati da Pi Ogni messaggio m ha in piggyback un timestamp m.VC, che rivela quanti messaggi ogni processo ha inviato in broadcast nel passato causale del broadcast di m un processo ricevente Pi deve ritardare la consegna di un messaggio m fino a che tutti i messaggi inviati in broadcast nel passato casaule di m sono consegnati da Pi.

39 Causal Broadcast\ implementazione

40 Causal Broadcast\ esempio Quando m´ arriva a P2, la sua consegna deve essere ritardata poichè m´ è arrivato a P2 primadi m, e linvio in broadcast di m precede causalmente m´.

41 Causal Broadcast\ corretezza SAFETY.Dobbiamo dimostrare che Se 2 messaggi di broadcast m e m´ sono tali che broadcast(m) > broadcast(m´), allora ogni processo deve consegnare m prima di m´ Dim. Per assurdo. Supponi che broadcast(m) > broadcast(m´), e che esista un processo p che consegna m´ senza aver prima consegnato m Caso 1. Messaggi inviati dallo stesso processo p i. Caso 2. Messaggi inviati da processi diversi

42 Causal Broadcast\ corretezza Caso 1. m.Vi[i] =m.Vi[i] alla consegna di m. Quando pj invia m il timestamp associato è tale che: m.V>=m.V. Quindi un processo ricevente (come sopra) non può consegnare m se non ha già consegnato m. Contraddizione –Per k>1 vale il caso 1, il caso 2 e la proprietà transitiva della happened-before LIVENESS: ogni messaggio viene alla fine consegnato. Garantita grazie a: 1)il numero di eventi di broadcast di messaggi che precedono causalmente un certo evento di broadcast è finito e 2)assunzione di canali affidabili.

43 Stabilità dei messaggi Considera applicazioni in cui i processi fanno broadcast di operazioni a tutti gli altri processi, e dove ogni processo deve alla fine ricevere lo stesso insieme di operazioni che i processi corretti inviano. Questo problema astrae la nozione di reliable broadcast in cui le operazioni corrispondono a messaggi. Modello di sistema: crash and network partion (send/receive omission) Quindi per garantire reliable broadcast in questo sistema ogni processo deve bufferizzare una copia di ogni messaggio che manda o che riceve. In caso di necessità, es. guasto di un processo p e mancato recapito da parte di alcuni processi del messaggio m inviato da p, la copia del messaggio m viene inoltrata da i processi vivi a quelli che non hanno ricevuto m Rapida crescita del buffer! Rischio di overflow Osservazione: Un messaggio consegnato da tutti i processi non è più necessario. Tale messaggio è chiamato messaggio stabile. I messaggi stabili possono essere eliminati dai buffer.

44 Protocollo per la rilevazione della stabilità dei messaggi Un protocollo per la rilevazione della message stability gestisce i buffer dei processi. Implementazione basata su matrix clock: Modello di sistema: (per semplicità) canali FIFO no guasti Gli eventi di broadcast sono gli eventi rilevanti della computazione. Ogni processo Pi mantiene un matrix clock MCi. MCi[k] indica qualè la conoscenza di Pi a proposito dei messaggi consegnati da Pk. In particolare: rappresenta la conoscenza di Pi del numero di messaggi che Pk ha consegnato e Pl inviato; MCi[i][i] rappresenta il numero di sequenza del prossimo messaggio inviato da Pi. Quindi il minimo valore sulla colonna j di MCi cioè, rappresenta la conoscenza di Pi a proposito del numero di sequenza dellultimo messaggio stabile che Pj ha inviato.

45 Protocollo per la rilevazione della stabilità dei messaggi Per propagare stability information, ogni messaggio m che Pi invia ha in piggyback lidentità del suo mittente (m.sender) e un timestamp m.VC, indicante quanti messaggi Pi ha consegnato da ogni altro processo Pl, (m.VC corrisponde al vettore MCi[i][*]). Due operazioni aggiornano il buffer locale (buffer i ): deposit(m) inserisce un messaggio m nel buffer discard(m) rimuove m dal buffer Un processo inserisce un messaggio immediatamente dopo la sua ricezione e lo elimina dal buffer appena il messaggio diventa stabile predicato di stabilità per il messaggio m m.VC[m.sender] rappresenta il numero di sequenza di m

46 Protocollo per la rilevazione della stabilità dei messaggi/ implementazione

47 P 3 scarta immediatamente m dopo la ricezione di m´, questo perchè che corrisponde al numero di sequenza di m. Alla fine della computazione i buffer di P 1 e P 3 contengono m´e m´´, mentre il buffer di P 2 contiene m´´. Protocollo per la rilevazione della stabilità dei messaggi/esempio

48 La nozione di stato globale

49 Stato di un sistema distribuito Supponiamo di interrompere una computazione distribuita mediante interruzione simultanea di tutti i processi Lo stato globale è dato da: –Stato di ogni singolo processo –Contenuto di ogni canale di comunicazione Sapendo lo stato globale si potrebbe, ad esempio, riconoscere se il sistema è o no in deadlock

50 Stato globale e asincronia In un sistema asincrono non esiste alcun concetto di simultaneità Quindi, nessun processo ha accesso allo stato globale del sistema Per molte applicazioni è sufficiente catturare lo stato globale avvenuto nel passato (es. per recovery, per rilevare la perdita di un token) Ciò viene fatto attraverso un algoritmo chiamato global snapshot

51 Stato locale: lo stato locale del processo P i dopo aver eseguito levento e i k si denota con s i k. Lo stato iniziale si indica con s i 0. Stato globale: insieme degli stati locali S=U s i per 1 i n Uno stato globale non sempre è consistente Stato Globale/ definizione Pi si0si0 ei1ei1 si1si1

52 Stato e consistenza/ esempio Sistema distribuito per unapplicazione di banking costituito da due siti che mantengono conti per un cliente. Lapplicazione ritorna la somma totale disponibile per il cliente Sito A: 300, sito B: 500. Somma: 800. Trasferimento di 200 da sito A a sito B. La procedura di somma potrebbe erroneamente ritornare Ciò accade quando il valore al primo sito è usato prima del trasferimento ed il valore al secondo sito dopo il trasferimento. Qual è il problema? I due stati sommati non sono concorrenti A B s A 0 =300 s B 0 =500 e A 1 =send(trasf. 200) s B 1 =700 s A 1 =100 TAGLIO CONSISTENTE TAGLIO INCONSISTENTE e B 1 =receive(trasf. 200) TAGLIO CONSISTENTE

53 Taglio di una Computazione Un taglio (cut) K in una computazione distribuita è un insieme di storie locali parziali: K=U h i c i per 1 i n La frontiera di taglio è linsieme degli ultimi eventi e i c i per (i=1,…,n). Per brevità si indicherà un taglio con lindice degli eventi della frontiera: K=(c 1,c 2,…c n )

54 Taglio di una computazione: esempio e11e11 e21e21 e31e31 e41e41 e51e51 e61e61 P1P1 e12e12 e22e22 e32e32 e42e42 e52e52 e62e62 e72e72 P2P2 e13e13 e23e23 e33e33 e43e43 e53e53 e63e63 P3P3 ejieji j-esimo evento del processo P i K K=(4,7,6)

55 Taglio(Stato Globale) Consistente Un taglio K è consistente se e,e: (e K) e e e K Ogni taglio K=(c 1,c 2,…c n ) è associato ad uno stato globale S=(s 1,s 2,…s n ) Uno stato globale consistente è uno stato che corrisponde ad un taglio consistente I termini stato globale, taglio, snapshot globale sono intercambiabili

56 Tagli Consistenti/esempio e11e11 e21e21 e31e31 e41e41 e51e51 e61e61 P1P1 e12e12 e22e22 e32e32 e42e42 e52e52 e62e62 e72e72 P2P2 e13e13 e23e23 e33e33 e43e43 e53e53 e63e63 P3P3 ejieji j-esimo evento del processo P i K Il taglio K=(5,5,5) e quindi lo stato globale S=(s 1 5, s 2 5, s 3 5 ) sono consistenti. Il taglio K=(4,5,6) e quindi lo stato globale S=(s 1 4, s 2 5, s 3 6 ) sono inconsistenti. K

57 Algoritmo di Snapshot Globale E un algoritmo in grado di calcolare stati globali (tagli) consistenti La sua naturale applicazione è il monitoring. Per implementare il monitoring, nel sistema è presente un particolare processo monitor il cui scopo è costruire uno stato globale della computazione. Sulla base di questo stato il sistema potrà eseguire quindi opportune azioni. Lo stato calcolato deve essere consistente per essere significativo.

58 Global Snapshot /implementazione I canali di comunicazione sono FIFO (i messaggi su un canale arrivano nellordine in cui sono stati inviati). Ad ogni processo è associato un colore: blu o rosso. Un global snapshot corrisponde allo stato globale del sistema appena prima che i processi diventino rossi. Presenza di un messaggio speciale chiamato marker Regole: –Tutti i processi sono inizialmente blu –Un processo quando riceve un marker registra il suo stato locale –Dopo aver registrato il suo stato locale il processo diventa rosso –Una volta che un processo diventa rosso deve inviare il marker prima di inviare qualsiasi altro messaggio Poiché i canali sono FIFO queste regole assicurano che non esisterà mai un processo blu che riceverà un messaggio (relativo alla generica computazione) da un processo rosso. Ciò assicura che gli stati registrati siano mutuamente concorrenti!

59 Global Snapshot/ esempio P2 P3 Registrazione dello stato locale Invio del messaggio marker P1 monitor TAGLIO CONSISTENTE

60 Global Snapshot/ esempio P1P1 monitor Se i canali non fossero FIFO potrebbero venire calcolati stati globali inconsistenti In tal caso infatti un processo blu riceve il messaggio m da un processo rosso: violazione! P2P2 P3P3 m TAGLIO INCONSISTENTE


Scaricare ppt "Sistemi Distribuiti Ing. Sara Tucci Piergiovanni."

Presentazioni simili


Annunci Google