La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

WEKA Waikato Environment for Knowledge Analysis Ida Mele.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "WEKA Waikato Environment for Knowledge Analysis Ida Mele."— Transcript della presentazione:

1 WEKA Waikato Environment for Knowledge Analysis Ida Mele

2 WekaPagina 2 Collezione di algoritmi di Machine Learning – Package Java Open Source. Acronimo di Waikato Environment for Knowledge Analysis. Scritto in java, utilizzabile su qualunque sistema operativo dotato di piattaforma java. Home page di Weka: dove si può scaricare il software e dataset di esempio. Manuale: Introduzione a Weka

3 WekaPagina 3 Introduzione a Weka (2) Collezione estensiva di tool per Machine Learning e Data Mining. Classificazione: implementazione java di tutte le tecniche di Machine Learning correntemente utilizzate. Regressione. Regole di associazione. Algoritmi di clustering.

4 WekaPagina 4 Weka: schemi per la classificazione Decision trees Rule learners Naïve Bayes Decision Tables Locally weighted regression SVM Instance-based learners Logistic regression

5 WekaPagina 5 Weka: Predizione Numerica Linear regression Model tree generators Locally weighted regressione Instance-based learners Decision Tables Multi-layer perceptron

6 WekaPagina 6 Weka: Meta Schemi Bagging Boosting Stacking Regression via classification Classification via regression Cost sensitive classification Weka: Schemi per clustering EM Cobweb

7 WekaPagina 7 Installazione Assicurarsi che sulla propria macchina sia presente una installazione del JRE. Scaricare larchivio di Weka e decomprimerlo. Aprire un terminale ed entrare nella directory di Weka. Digitare il comando: java -Xmx512M -jar weka.jar

8 WekaPagina 8 Ambienti operativi SimpleCLI: Ambiente a linea di comando da usare per invocare direttamente le varie classi da cui Weka è composto. Explorer: ambiente da utilizzare per caricare degli insiemi di dati, visualizzare la disposizione degli attributi, preprocessare i dati ed eseguire algoritmi di classificazione, clustering, selezione di attributi e determinazione di regole associative.

9 WekaPagina 9 Ambienti operativi (2) Experimenter: è una versione batch dell'Explorer. Consente di impostare una serie di analisi, su vari insiemi di dati e con vari algoritmi, ed eseguirle alla fine tutte insieme. È possibile in questo modo confrontare vari tipi di algoritmi, e determinare quale è il più adatto a uno specifico insieme di dati. Knowledge Flow: una variante dell'Explorer, in cui le operazioni da eseguire si esprimono in un ambiente grafico, disegnando un diagramma che esprime il flusso della conoscenza. È possibile selezionare varie componenti (sorgenti di dati, filtri, algoritmi di classificazione) e collegarli in un diagramma tipicamente detto data-flow.

10 WekaPagina 10 Ambienti operativi: Explorer

11 WekaPagina 11 Dati Weka può prelevare i propri dati usando 3 funzioni: –Open File: preleva i dati da un file di testo sul computer locale, in formato ARFF, CSV, C45 o Binary serialized istances. Il formato standard di Weka è ARFF. –Open URL: preleva i dati da un file su web, in uno dei formati di cui sopra. –Open DB: preleva i dati da un server database supportato dai driver JDBC. C'è anche la possibilità di generare dati artificiali: –Generate: utilizza dei DataGenerators per creare dati artificiali.

12 WekaPagina 12 Preprocessamento dei dati Una volta aperto l'insieme di dati di interesse, in basso a sinistra compare l'elenco degli attributi che compongono i dati in questione. Cliccando su un attributo, sul lato destro appaiono delle informazioni statistiche. Per attributi nominali abbiamo l'elenco dei possibili valori e, per ognuno di essi, il numero di istanze con quel valore. Per attributi numerici, abbiamo invece informazioni sul valore massimo, minimo, media e deviazione standard, oltre a numero di valori diversi, numero di valori unici e numero di istanze col valore mancante.

13 WekaPagina 13 Preprocessamento dei dati Sotto le informazioni statistiche abbiamo un istogramma. Con gli attributi nominali viene visualizzato, per ogni valore, una barra di altezza proporzionale al numero di istanze con quel valore. Per gli attributi numerici le informazioni sono simili, ma il sistema decide automaticamente in quanti intervalli divedere il range dell'attributo e quindi quante barre visualizzare. Una volta caricati i dati, è possibile modificarli applicando un filtro o una procedura di modifica interattiva. Esempi: modificare tutte le istanze con un valore fisso per un attributo, cancellare o rinominare attributi…

14 WekaPagina 14 Formato ARFF ARFF è il formato dati standard di WEKA. Un file ARFF è composto da una intestazione e dal corpo dati vero e proprio. Lintestazione contiene il nome del set dei dati e una intestazione degli attributi. Per ogni attributo è possibile specificare il tipo: numerico, categoriale, stringa o data. I dati veri e propri sono forniti creando una riga per ogni istanza, e separando i campi con delle virgole. Ovunque è possibile inserire dei commenti, facendoli precedere dal simbolo %.

15 WekaPagina 15 Formato ARFF: weather % Relazione outlook {sunny, overcast, temperature humidity windy {TRUE, play {yes, sunny,85,85,FALSE,no sunny,80,90,TRUE,no overcast,83,86,FALSE,yes

16 WekaPagina 16 Formato ARFF: esempio (2) Nellesempio fornito osserviamo che: –la weather specifica un nome per la relazione. –la outlook {sunny, overcast, rainy} specifica che lattributo di nome outlook è di tipo categoriale e può assumere i valori sunny, rainy e overcast. –la temperature real specifica che lattributo di nome temperature è di tipo numerico. –la indica linizio dei dati veri e propri.

17 WekaPagina 17 Formato ARFF Si può utilizzare il valore ? come dato per indicare un valore mancante. In generale, ogni volta che serve individuare un attributo particolare come la classe dellistanza, ad esempio nei problemi di classificazione o selezione degli attributi, lultimo attributo gioca questo ruolo. Si può comunque sempre specificare un diverso attributo, caso per caso.

18 WekaPagina 18 Architettura Elenco dei package principali: –weka.associations –weka.attributeSelection –weka.classifiers –weka.clusterers –weka.core –weka.estimators –weka.experiment –weka.filters –weka.gui.package –weka.gui.experiment –weka.gui.explorer

19 WekaPagina 19 Il package weka.core Il package core è il package centrale del sistema Weka. Contiene classi a cui quasi tutte le altre classi fanno accesso. Classi principali: –Attribute: un oggetto di questa classe rappresenta un attributo. Contiene il nome dellattributo, il suo tipo e, in caso di attributo nominale, i possibili valori. –Instance: un oggetto di questa classe contiene i valori degli attributi di una particolare istanza. –Instances: un oggetto di questa classe mantiene un insieme ordinato di istanze, ovvero un dataset.

20 WekaPagina 20 Il package weka.classifiers Contiene implementazioni degli algoritmi più comunemente utilizzati per classificazione e predizione numerica. La classe più importante è Classifier, che definisce la struttura generale di un qualsiasi schema di classificazione o predizione. Contiene due metodi: buildClassifier() e classifyInstance(), che debbono essere implementati da tutti gli algoritmi di apprendimento. Ogni algoritmo di apprendimento è una sottoclasse di Classifier e ridefinisce questi metodi.

21 WekaPagina 21 Contiene unimplementazione di due importanti metodi di apprendimento non supervisionato: COBWEB ed EM. Il package Weka.clusterers Contiene sottoclassi di una generica classe Estimator, che calcola vari tipi di distribuzioni di probabilità. Il package Weka.estimators

22 WekaPagina 22 Il package weka.filters Tool per il preprocessamento dei dati: discretizzazione, normalizzazione, resampling, selezione, trasformazione o combinazione di attributi. La classe Filter definisce la struttura generale di tutte le classi che contengono algoritmi di filtering. Tali classi sono tutte implementate come sottoclassi di Filter. Il package weka.attributeSelection Mette a disposizione classi per effettuare riduzioni dimensionali su una collezione di dati. Queste classi vengono utilizzate da weka.filters.attributeSelectionFilter, ma possono anche essere usate separatemente.

23 WekaPagina 23 Classificatori: J48 Alberi di decisione: metodo di classificazione supervisionato. Un albero di decisione è una semplice struttura in cui i nodi non terminali rappresentano test su uno o più attributi mentre i nodi terminali riflettono i risultati della decisione. Approccio reso popolare da J.R.Quinlan. C4.5 è lultima implementazione di pubblico dominio del modello di Quinlan. Lalgoritmo J48 è limplementazione Weka dellalbero di decisione C4.5.

24 WekaPagina 24 Classificatori: J48 (2)

25 WekaPagina 25 Alberi di decisione: approccio generale Scegliere un attributo che meglio differenzia i valori dellattributo di output. Creare nellalbero un ramo separato per ogni possibile valore dellattributo scelto. Dividere le istanze in sottogruppi che riflettano i valori dellattributo scelto.

26 WekaPagina 26 Alberi di decisione: approccio generale (2) Per ogni sottogruppo, terminare il processo di selezione degli attributi se: –(a) tutti i membri di un sottogruppo hanno lo stesso valore per lattributo di output (in questo caso il ramo considerato va etichettato con il valore specificato); –(b) il sottogruppo contiene un singolo nodo oppure non è più possibile individuare un attributo in base al quale fare differenziazioni. In questo caso, il ramo considerato viene etichettato con il valore dellattributo di output che caratterizza la maggior parte delle istanze rimanenti.

27 WekaPagina 27 Alberi di decisione: approccio generale (3) Il processo viene ripetuto per ogni sottogruppo che non è stato etichettato come terminale. Lalgoritmo viene applicato ai dati di training. Lalbero di decisione creato viene quindi testato su un dataset di test. Se non sono disponibili dati di test J48 esegue cross validation sui dati di training.

28 WekaPagina 28 J48: Opzioni Attributo di output: può essere scelto soltanto tra gli attributi di categoria. Fattore di confidenza: determina il valore da utilizzare per fare pruning (rimozione dei rami che non portano guadagno in termini di accuratezza statistica del modello); default: 25%. Numero minimo di istanze per foglia: un valore alto creerà un modello più generale, un valore basso un albero più specializzato.

29 WekaPagina 29 J48: Opzioni (2) Numero di cartelle per cross validation: determina come costruire e testare il modello in assenza di dati di test. Se questo valore è x, 1 – 1/x dei dati di training viene usato per costruire il modello e 1/x viene usato per il test. Il processo viene ripetuto x volte, in modo che tutti I dati di training siano usati esattamente una volta nei dati di test. La stima complessiva si ottiene facendo la media delle x stime derrore. Valore tipico: 10. Test data set: permette di specificare un insieme di dati di test.

30 WekaPagina 30 Alberi di decisione: Vantaggi e Svantaggi Vantaggi: –semplici da comprendere e da convertire in un insieme di regole di produzione; –possono classificare sia dati numerici che di categoria, ma lattributo di output deve essere di categoria; –non ci sono assunzioni a priori sulla natura dei dati. Svantaggi: –molteplici attributi di output non sono consentiti; –gli alberi di decisione sono instabili. Leggere variazioni nei dati di training possono produrre differenti selezioni di attributi ad ogni punto di scelta allinterno dellalbero.

31 WekaPagina 31 Classificatori: parametri generali Se si utilizza SimpleCLI si possono invocare le classi di Weka. Esempio per utilizzare J48: java weka.classifiers.trees.J48 -t data/weather.arff I parametri generali sono: -t: file di training (formato ARFF) -T: file di test (formato ARFF). Se questo parametro manca, di default si esegue 10-fold cross validation -k: specifica numero di cartelle per cross validation -c: selezionare la variable classe -d: salvare il modello generato dopo il training -l: caricare un modello salvato in precedenza -i: descrizione dettagliata delle prestazioni -o: disabilita output human- readable

32 WekaPagina 32 Altri classificatori bayes.NaiveBayes meta.ClassificationViaRegression functions.Logistic functions.SMO lazy.Kstar lazy.Ibk rules.JRip

33 WekaPagina 33 Explorer: Classificatore

34 WekaPagina 34 Explorer: Classificatore (2)

35 WekaPagina 35 Explorer: Classificatore (3)

36 WekaPagina 36 Explorer: Classificatore (4) 1 2 Risultat i

37 WekaPagina 37 Output di un classificatore La prima parte è una descrizione leggibile del modello generato. Il nodo alla radice dellalbero determina la prima decisione. Il numero in parentesi alla fine di ogni foglia indicano il numero di esempi contenuti nella foglia stessa. Se una o più foglie non sono pure (tutti esempi della stessa classe), viene indicato anche il numero di esempi che non sono stati classificati correttamente. La seconda parte è relativa alla valutazione delle prestazioni del classificatore.

38 WekaPagina 38 Output del classificatore: esempio

39 WekaPagina 39 Output del classificatore: esempio

40 WekaPagina 40 Accuratezza intorno al 64%. Kappa statistic: misura il grado di accordo della predizione con la vera classe – 1.0 significa accordo perfetto. Le altre metriche derrore non sono molto significative ai fini della classificazione, ma possono essere usate ad esempio per regressione. Matrice di confusione: istanze classificate correttamente su una diagonale. Classificatore: valutazione (1)

41 WekaPagina 41 Osserviamo la matrice di confusione: Il numero di istanze classificate correttamente è dato dalla somma della diagonale, mentre le altre istanze sono classificate in modo errato. Ad esempio abbiamo 2 istanze della classe a erroneamente classificate come appartenenti alla classe b e 3 istanze di b sono erroneamente classificate come appartenenti alla classe a. == Confusion Matrix == a b <-- classified as 72 | a 32 | b Classificatore: valutazione (2)

42 WekaPagina 42 True Positive rate (TP rate) o Recall è la frazione di esempi classificati correttamente come appartenenti alla classe x, fra tutti quelli che sono realmente della classe x. Nella confusion matrix è l'elemento diagonale diviso per la somma degli elementi della riga. Esempio: 7/(7+2)= per la classe a e 2/(3+2)=0.4 per la classe b. False Positive rate (FP rate) è frazione di esempi classificati come appartenenti alla classe x, ma che in realità appartengono a unaltra classe, fra tutti quelli che non appartengono alla classe x. Nella matrice è la somma della colonna meno l'elemento diagonale diviso per la somma delle righe nelle altre classi. Esempio: (7+3-7)/(3+2)=3/5=0.6 per la classe a e (2+2-2)/(7+2)= 2/9=0.222 per la classe b. Classificatore: valutazione (3)

43 WekaPagina 43 Classificatore: valutazione (4) Precision è la frazione di esempi realmente di classe x fra tutti quelli classificati come x. Nella confusion matrix è l'elemento diagonale diviso per la somma delle colonne rilevanti. Esempio: 7/(7+3)=0.7 per la classe a e 2/(2+2)=0.5 per la classe b. F-Measure è una misura standard che riassume precision e recall: 2*Precision*Recall/(Precision+Recall). Esempio: 2*0.7*0.778/( )=0.737 per la classe a e 2*0.5*0.4/( )=0.444 per la classe b.

44 WekaPagina 44 Clustering Le tecniche di clustering si applicano per suddividere un insieme di istanze in gruppi che riflettano qualche meccanismo o caratteristica naturale del dominio di appartenenza delle istanze stesse. Queste proprietà fanno sì che delle istanze siano accomunate da una somiglianza più forte rispetto agli altri dati nella collezione. Il clustering richiede approcci differenti da quelli usati per classificazione e regole di associazione.

45 WekaPagina 45 Clustering (2) Lo scopo di un algoritmo di clustering è quello di suddividere un insieme di documenti in gruppi che siano quanto più possibile coerenti internamente, e allo stesso tempo diversi luno dallaltro. I documenti allinterno di un cluster dovrebbero essere quanto più possibile diversi da quelli inseriti allinterno di un altro cluster.

46 WekaPagina 46 Clustering (3) Il clustering è un problema fondamentalmente diverso dalla classificazione: la classificazione è una forma di apprendimento supervisionato. Lo scopo della classificazione è quello di replicare una distinzione in categorie che un assessor umano ha imposto sui dati. Linput chiave di un algoritmo di clustering è la misura di distanza che viene usata per suddividere le istanze in gruppi.

47 WekaPagina 47 Tipi di clustering Flat clustering: crea un insieme di cluster piatto, senza una struttura gerarchica che metta in relazione i cluster luno con laltro. Hierarchical clustering: crea una gerarchia di cluster. Hard clustering: assegna ogni istanza ad esattamente un cluster. Soft clustering: lassegnazione di un documento è una distribuzione su tutti i cluster (es. LSI). Terminologia alternativa: cluster partizionale o esaustivo.

48 WekaPagina 48 Clustering in Information Retrieval Cluster hypothesis: documenti in uno stesso cluster hanno un comportamento simile rispetto a ciò che è rilevante per soddisfare le esigenze informative degli utenti. Se un documento è rilevante per una richiesta di ricerca, assumiamo che anche gli altri documenti allinterno dello stesso cluster siano rilevanti. Il clustering ha molte applicazioni in information retrieval. Viene usato per migliorare usabilità, efficienza ed efficacia del sistema di ricerca.

49 WekaPagina 49 Cardinalità Critical issue: determinare K, cardinalità di un clustering. Brute force approach: enumera tutti i possibili clustering e scegli il migliore (non utilizzabile in pratica per via dellesplosione esponenziale del numero di possibili partizioni). La maggior parte degli algoritmi procede per raffinamento iterativo di un partizionamento iniziale: trovare un buon punto di partenza è dunque importante per la qualità della soluzione finale.

50 WekaPagina 50 Valutazione di un clustering Obiettivo generale: alta similarità intra-cluster e bassa similarità inter-cluster (criterio interno di qualità). Il soddisfacimento di questo criterio non garantisce la realizzazione di unapplicazione efficace. Approccio alternativo: valutazione diretta nellapplicazione di interesse. User study: approccio immediato ma costoso. Altra possibilità: confronta i risultati del clustering con un golden standard.

51 WekaPagina 51 Clustering: Criteri esterni di qualità Purity: assegna ogni cluster alla classe che occorre più frequentemente nel cluster; accuratezza: frazione di documenti assegnati correttamente. Un clustering perfetto ha purity 1, mentre un clustering di cattiva qualità ha purity prossima a 0. Un valore elevato è facile da ottenere quando il numero di cluster è elevato: purity 1 se ogni documento è assegnato a un suo proprio cluster. Purity non dà info utili se cerchiamo un trade off tra la qualità del clustering e il numero di cluster.

52 WekaPagina 52 Clustering: Criteri esterni di qualità (2) Approccio alternativo: vedere il clustering come una serie di decisioni, una per ogni coppia di documenti nella collezione. Vogliamo assegnare due documenti ad uno stesso cluster se sono simili. TP: assegna due documenti simili allo stesso cluster TN: assegna due documenti non simili a cluster differenti FP: assegna due documenti non simili allo stesso cluster FN: assegna due documenti simili a cluster diversi.

53 WekaPagina 53 Rand Index calcola la percentuale di decisioni corrette: RI = (TP + TN) / (TP + TN + FP + FN) RI assegna uguale peso a FP e FN; a volte separare documenti simili è considerato più grave che mettere due documenti diversi in uno stesso cluster; F-measure assegna una maggiore penalizzazione a FN: F-measure = 2PR / (P+R), con P=TP/(TP+FP) e R=TP/(TP+FN) Clustering: Criteri esterni di qualità (3)

54 WekaPagina 54 K-Means Flat Clustering Algorithm più importante. Obiettivo: minimizzare il valor medio del quadrato della distanza euclidea dei documenti dal centro del cluster a cui sono stati assegnati. Il centro di un cluster è definito come la media di tutti i documenti presenti nel cluster (centroide). Clustering ideale: una sfera che ha il centroide come suo centro di gravità.

55 WekaPagina 55 Explorer: Clusterer SimpleKMeans

56 WekaPagina 56 Explorer: Clusterer SimpleKMeans (2)

57 WekaPagina 57 Explorer: Clusterer SimpleKMeans (3)

58 WekaPagina 58 Explorer: Clusterer SimpleKMeans (4) 1 2 Risultat i

59 WekaPagina 59 EM Clustering Algoritmo iterativo adattabile a vari tipi di modellazione probabilistica. Goal: determinare una stima a massima verosimiglianza dei parametri del modello, che dipende da alcune variabili nascoste. Itera un alternanza di due passi: –Expectation: calcola il valore atteso della likelihood in base alle stima corrente per la distribuzione dei parametri –Maximization: calcola i parametri che massimizzano la verosimiglianza attesa determinata al passo precedente. Il passo di expectation determina unassegnazione soft delle istanze ai cluster.

60 WekaPagina 60 Explorer: Clusterer EM 1 2 3

61 WekaPagina 61 Explorer: Clusterer EM (2) 1 2 Risultat i

62 WekaPagina 62 Feature Selection Obiettivo: selezionare un sottoinsieme di feature rilevanti per costruire modelli di learning robusti. Elimina le feature non rilevanti o rilevanti. Migliora le prestazioni dei modelli di learning: Allevia problemi dovuti a esplosione dimensionale Rafforza la capacità di generalizzazione del modello Velocizza il processo di learning Migliora la leggibilità del modello Permette di acquisire una migliore conoscenza dei dati evidenziandone le proprietà più importante.

63 WekaPagina 63 Feature Selection (2) Teoricamente, una selezione ottimale richiede lesplorazione esaustiva dello spazio di tutti i possibili sottoinsiemi di feature. Nella pratica si seguono due diversi approcci: Feature Ranking: usa una metrica per ordinare le feature ed elimina tutte le feature che non ottengono uno score adeguato. Subset Selection: cerca linsieme di possibili feature per il sottoinsieme ottimale.

64 WekaPagina 64 Feature Selection: Subset selection Valuta la bontà di un insieme di features. Molte euristiche per la ricerca delle feature si basano su greedy hill climbing: valuta iterativamente un sottoinsieme candidato di feature, quindi modifica tale insieme e valuta se linsieme ottenuto è migliore del precedente. La valutazione degli insiemi di feature richiede luso di opportune metriche. La ricerca esaustiva non è in genere praticabile; al raggiungimento di un criterio di arresto si restituisce linsieme di feature che ha ottenuto il punteggio più alto.

65 WekaPagina 65 Feature Selection: Subset Selection (2) Possibili euristiche per la ricerca: Esaustiva Best first Simulated annealing Algoritmi genetici Greedy forward selection Greedy backward elimination Possibili criteri di arresto: lo score assegnato ad un certo insieme supera una certa soglia; il tempo di computazione supera un massimo prestabilito.

66 WekaPagina 66 Explorer: Select Attributes

67 WekaPagina 67 Select Attributes: CfsSubsetEval

68 WekaPagina 68 Select Attributes: CfsSubsetEval (2)

69 WekaPagina 69 Select Attributes: InfoGainAttributeEval

70 WekaPagina 70 Select Attributes: InfoGainAttributeEval (2)

71 WekaPagina 71 Select Attributes: InfoGainAttributeEval (3)


Scaricare ppt "WEKA Waikato Environment for Knowledge Analysis Ida Mele."

Presentazioni simili


Annunci Google