La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Segni - 1 Ne Le Città Invisibili Marco parla e Kublai lo ascolta, senza pretendere di venire a sapere una qualche realtà fattuale: dal giovane veneziano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Segni - 1 Ne Le Città Invisibili Marco parla e Kublai lo ascolta, senza pretendere di venire a sapere una qualche realtà fattuale: dal giovane veneziano."— Transcript della presentazione:

1 Segni - 1 Ne Le Città Invisibili Marco parla e Kublai lo ascolta, senza pretendere di venire a sapere una qualche realtà fattuale: dal giovane veneziano non ci si attendono fatti e possiamo non credere a ciò che dirà, perché il senso dei suoi racconti non è racchiuso nelle informazioni che reca, ma nella capacità di ricostruire una geografia sensata dellimpero. Latlante che alla fine del libro Kublai regge tra le mani è un atlante in cui sullo sfondo delle città reali o possibili o immaginarie prende forma il senso della città che è nostra. Ne Le Città Invisibili Marco parla e Kublai lo ascolta, senza pretendere di venire a sapere una qualche realtà fattuale: dal giovane veneziano non ci si attendono fatti e possiamo non credere a ciò che dirà, perché il senso dei suoi racconti non è racchiuso nelle informazioni che reca, ma nella capacità di ricostruire una geografia sensata dellimpero. Latlante che alla fine del libro Kublai regge tra le mani è un atlante in cui sullo sfondo delle città reali o possibili o immaginarie prende forma il senso della città che è nostra. Lo stesso vale per il manuale organizzativo che consulta lAmministratore Delegato Bill H. Fordgates nellultima pagina de Le Aziende In-Visibili. E infatti incredibile il parallelismo fra la realtà immaginaria narrata da Calvino con quanto sta avvenendo in concreto nelle aziende attuali. Lo stesso vale per il manuale organizzativo che consulta lAmministratore Delegato Bill H. Fordgates nellultima pagina de Le Aziende In-Visibili. E infatti incredibile il parallelismo fra la realtà immaginaria narrata da Calvino con quanto sta avvenendo in concreto nelle aziende attuali.

2 Segni - 2 Saltata la concezione dellimpresa come serie di significati prevedibili e pre-scritti sul marmo delle best practices (più in generale, la complessità attuale impedisce laffermazione di modelli prescritti e validi per sempre nel tempo), si è affermata la necessità di pensarla come sforzo collettivo di generazione di senso. Un processo, si ricorda nel capitolo dedicato al sensemaking di Nulla due volte, connotato dalle seguenti caratteristiche: la costruzione di identità, individuale e collettiva; la retrospettività, per cui la creazione di significato si riferisce a ciò che è già avvenuto, più che a ciò che avverrà; listituzione di ambienti sociali tramite le persone che vi operano. Il sensemaking è poi un never ending process, centrato su informazioni selezionate (pensiamo ad Internet. Per non naufragare nel mare di dati, ogni lettore-autore costruisce percorsi di senso eliminando ciò che è incoerente con lobiettivo conoscitivo di volta in volta perseguito). Saltata la concezione dellimpresa come serie di significati prevedibili e pre-scritti sul marmo delle best practices (più in generale, la complessità attuale impedisce laffermazione di modelli prescritti e validi per sempre nel tempo), si è affermata la necessità di pensarla come sforzo collettivo di generazione di senso. Un processo, si ricorda nel capitolo dedicato al sensemaking di Nulla due volte, connotato dalle seguenti caratteristiche: la costruzione di identità, individuale e collettiva; la retrospettività, per cui la creazione di significato si riferisce a ciò che è già avvenuto, più che a ciò che avverrà; listituzione di ambienti sociali tramite le persone che vi operano. Il sensemaking è poi un never ending process, centrato su informazioni selezionate (pensiamo ad Internet. Per non naufragare nel mare di dati, ogni lettore-autore costruisce percorsi di senso eliminando ciò che è incoerente con lobiettivo conoscitivo di volta in volta perseguito).

3 Segni - 3 Un processo non semplice per realizzare il quale bisogna formare le persone. Un processo non semplice per realizzare il quale bisogna formare le persone. Ma formare come? Formare cosa? il nuovo contesto socio- organizzativo suggerisce di abbandonare il ricorso univoco a forme di specializzazione chiuse in se stesse. La nuova formazione deve essere finalizzata a cercare, costruendoli e ricostruendoli continuamente, modelli cognitivi che aiutino gli individui a leggere il nuovo e a cercare/creare senso. Ecco allora gli obiettivi della formazione: per capire il presente e guardare al futuro occorre promuovere apertura mentale, autoanalisi e riflessioni individuali, coniugate alla capacità di trovare soluzioni originali, attraverso una maniacale attenzione al contesto, a ciò che sta fuori. Su queste basi si può sperare di promuovere pratiche di sviluppo e di formazione adeguate non più ad assemblare ingegni (persone-ingranaggi specializzati), bensì a coltivare geni, persone dotate di capacità di problem solving, di leggere il nuovo, di fabbricare idee e di donare senso alle proprie azioni dentro e fuori le organizzazioni (vedi capitolo I Cloni e i Mutanti in Nulla due volte) Ma formare come? Formare cosa? il nuovo contesto socio- organizzativo suggerisce di abbandonare il ricorso univoco a forme di specializzazione chiuse in se stesse. La nuova formazione deve essere finalizzata a cercare, costruendoli e ricostruendoli continuamente, modelli cognitivi che aiutino gli individui a leggere il nuovo e a cercare/creare senso. Ecco allora gli obiettivi della formazione: per capire il presente e guardare al futuro occorre promuovere apertura mentale, autoanalisi e riflessioni individuali, coniugate alla capacità di trovare soluzioni originali, attraverso una maniacale attenzione al contesto, a ciò che sta fuori. Su queste basi si può sperare di promuovere pratiche di sviluppo e di formazione adeguate non più ad assemblare ingegni (persone-ingranaggi specializzati), bensì a coltivare geni, persone dotate di capacità di problem solving, di leggere il nuovo, di fabbricare idee e di donare senso alle proprie azioni dentro e fuori le organizzazioni (vedi capitolo I Cloni e i Mutanti in Nulla due volte)

4 Segni - 4 Che è proprio il messaggio contenuto nelle parole che chiudono il testo di Calvino: Che è proprio il messaggio contenuto nelle parole che chiudono il testo di Calvino: E Polo: linferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce nè uno, è quello che è già qui, linferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare linferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo allinferno, non è inferno, e farlo durare, dargli spazio. E Polo: linferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce nè uno, è quello che è già qui, linferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare linferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo allinferno, non è inferno, e farlo durare, dargli spazio.

5 Segni - 5 Nel sensemaking insiste infine il segreto della leadership. Un segreto la cui scoperta richiede la stessa applicazione, il medesimo impegno della creazione letteraria, come dimostrano i dialoghi fra Marco Polo e limperatore. Nellaccalcarsi delle immagini e dei segni che il veneziano propone a Kublai e nella fatica cui limperatore si costringe per cercare di decifrare ciò che ascolta e che si recita di fronte ai suoi occhi, prende forma la fatica della narrazione letteraria, il suo sforzo di costruire tra autore e lettore un senso che si sovrapponga alla vuota presenza dei fatti e che riempia il silenzio che si distende prima e dopo ogni narrazione. Fatica e sforzo che sono esattamente corrispondenti a quelli che gli imprenditori e i manager devono mettere in campo per creare e donare senso alle organizzazioni cui appartengono, pena il loro disfacimento. Nel sensemaking insiste infine il segreto della leadership. Un segreto la cui scoperta richiede la stessa applicazione, il medesimo impegno della creazione letteraria, come dimostrano i dialoghi fra Marco Polo e limperatore. Nellaccalcarsi delle immagini e dei segni che il veneziano propone a Kublai e nella fatica cui limperatore si costringe per cercare di decifrare ciò che ascolta e che si recita di fronte ai suoi occhi, prende forma la fatica della narrazione letteraria, il suo sforzo di costruire tra autore e lettore un senso che si sovrapponga alla vuota presenza dei fatti e che riempia il silenzio che si distende prima e dopo ogni narrazione. Fatica e sforzo che sono esattamente corrispondenti a quelli che gli imprenditori e i manager devono mettere in campo per creare e donare senso alle organizzazioni cui appartengono, pena il loro disfacimento.

6 Segni - 6 A questo proposito risulta estremamente significativo il fatto che Kublai Kan ascolta i racconti di Marco, ma non lo fa per gentilezza danimo o per scoprire qualche nuova ricchezza o qualche territorio da assoggettare; lo fa perché si sente minacciato: A questo proposito risulta estremamente significativo il fatto che Kublai Kan ascolta i racconti di Marco, ma non lo fa per gentilezza danimo o per scoprire qualche nuova ricchezza o qualche territorio da assoggettare; lo fa perché si sente minacciato: Nella vita degli imperatori cè un momento, che segue allorgoglio per lampiezza sterminata dei territori che abbiamo conquistato, alla malinconia e al sollievo di sapere che presto rinunceremo a conoscerli e a comprenderli; un senso come di vuoto che ci prende una sera con lodore degli elefanti dopo la pioggia e della cenere di sandalo che si raffredda nei bracieri; una vertigine che fa tremare i fiumi e le montagne istoriati sulla fulva groppa dei planisferi, arrotola uno sullaltro i dispacci che ci annunciano il franare degli ultimi eserciti nemici […]: è il momento disperato in cui si scopre che questimpero che ci era sembrato la somma di tutte le meraviglie è uno sfacelo senza fine, né forma, che la sua corruzione è troppo incancrenita perché il nostro scettro possa mettervi riparo, che il trionfo sui sovrani avversari ci ha fatto eredi della loro lunga rovina. Nella vita degli imperatori cè un momento, che segue allorgoglio per lampiezza sterminata dei territori che abbiamo conquistato, alla malinconia e al sollievo di sapere che presto rinunceremo a conoscerli e a comprenderli; un senso come di vuoto che ci prende una sera con lodore degli elefanti dopo la pioggia e della cenere di sandalo che si raffredda nei bracieri; una vertigine che fa tremare i fiumi e le montagne istoriati sulla fulva groppa dei planisferi, arrotola uno sullaltro i dispacci che ci annunciano il franare degli ultimi eserciti nemici […]: è il momento disperato in cui si scopre che questimpero che ci era sembrato la somma di tutte le meraviglie è uno sfacelo senza fine, né forma, che la sua corruzione è troppo incancrenita perché il nostro scettro possa mettervi riparo, che il trionfo sui sovrani avversari ci ha fatto eredi della loro lunga rovina.

7 Segni - 7 La minaccia avvertita da Kublai così come da tutti noi è il non senso. Tutte le immagini che Calvino raccoglie in queste prime righe del suo libro alludono al divenire reale di questa possibilità: vi è un momento nel vivere in cui lespandersi libero dellesistenza si ferma e chiede di scoprire un ordine in ciò che è stato, un senso che lo attraversi. Non è un momento felice: ciascuno di noi, nel suo essere imperatore di se stesso, scopre prima o poi il vuoto, il senso di vertigine, lo sfacelo senza fine, la corruzione il non senso, insomma, come una minaccia che si insinua nel nostro impero e ne sconvolge lordine, rendendoci incapaci di coglierne la geografia e di tracciarne una mappa soddisfacente. Proprio per questo Calvino descrive il non senso come una minaccia che assume le forme cosmiche di un terremoto che scuote la nostra immagine della vita e del mondo: le groppe dei planisferi la mappa ordinata che della vita ci siamo fatti si scuotono e questo sussulto rischia di sbalzarci di groppa, proprio come spazza i contorni dei fiumi e dei mari che abbiamo disegnato. Il non senso è proprio questo: una sorta di disarcionamento cosmico che ci si sbalza dalla nostra immagine del mondo. La nostra mappa non ci permette più di orientarci e abbiamo il fondato timore di non saperne più disegnare unaltra che ci soddisfi. È a questa minaccia che la narrazione deve opporsi. La minaccia avvertita da Kublai così come da tutti noi è il non senso. Tutte le immagini che Calvino raccoglie in queste prime righe del suo libro alludono al divenire reale di questa possibilità: vi è un momento nel vivere in cui lespandersi libero dellesistenza si ferma e chiede di scoprire un ordine in ciò che è stato, un senso che lo attraversi. Non è un momento felice: ciascuno di noi, nel suo essere imperatore di se stesso, scopre prima o poi il vuoto, il senso di vertigine, lo sfacelo senza fine, la corruzione il non senso, insomma, come una minaccia che si insinua nel nostro impero e ne sconvolge lordine, rendendoci incapaci di coglierne la geografia e di tracciarne una mappa soddisfacente. Proprio per questo Calvino descrive il non senso come una minaccia che assume le forme cosmiche di un terremoto che scuote la nostra immagine della vita e del mondo: le groppe dei planisferi la mappa ordinata che della vita ci siamo fatti si scuotono e questo sussulto rischia di sbalzarci di groppa, proprio come spazza i contorni dei fiumi e dei mari che abbiamo disegnato. Il non senso è proprio questo: una sorta di disarcionamento cosmico che ci si sbalza dalla nostra immagine del mondo. La nostra mappa non ci permette più di orientarci e abbiamo il fondato timore di non saperne più disegnare unaltra che ci soddisfi. È a questa minaccia che la narrazione deve opporsi.

8 Segni - 8 Come molti manager odierni, anche Kublai avverte la tentazione di sottrarsi alla fatica del sensemaking. Marco parla, ma Kublai sembra talvolta stanco di leggere i suoi racconti e vorrebbe stringere una volta per tutte il suo impero in una formula, averlo come un possesso chiuso per sempre: la vecchia utopia, si sottolinea in apertura di Nulla due volte, dello scientific manager come di quei generali romani immaginati da Szymborska che si sentono minacciati da ogni nuovo orizzonte e che, di fronte alla minaccia, non sanno che andare ciecamente avanti, nelle certezza disperata che il mondo prima o poi deve pur finire (Voci). Allo stesso modo, nonostante la sua ammirazione per il giovane veneziano, Kublai non sopporta la trama aperta delle sue narrazioni e vorrebbe cose dove invece sono soltanto parole, proprio come i responsabili delle organizzazioni descritte da Minghetti e Del Mare ne Le cose e le parole. Ma, come osserva Marco Polo, «non si deve mai confondere la città con il discorso che la descrive». Come molti manager odierni, anche Kublai avverte la tentazione di sottrarsi alla fatica del sensemaking. Marco parla, ma Kublai sembra talvolta stanco di leggere i suoi racconti e vorrebbe stringere una volta per tutte il suo impero in una formula, averlo come un possesso chiuso per sempre: la vecchia utopia, si sottolinea in apertura di Nulla due volte, dello scientific manager come di quei generali romani immaginati da Szymborska che si sentono minacciati da ogni nuovo orizzonte e che, di fronte alla minaccia, non sanno che andare ciecamente avanti, nelle certezza disperata che il mondo prima o poi deve pur finire (Voci). Allo stesso modo, nonostante la sua ammirazione per il giovane veneziano, Kublai non sopporta la trama aperta delle sue narrazioni e vorrebbe cose dove invece sono soltanto parole, proprio come i responsabili delle organizzazioni descritte da Minghetti e Del Mare ne Le cose e le parole. Ma, come osserva Marco Polo, «non si deve mai confondere la città con il discorso che la descrive».

9 Segni - 9 Per sfuggire al rischio del non senso Kublai tenta diverse strade, come diverse sono state le incarnazioni dello scientific management nel suo secolo di storia. Ad esempio ad un certo punto dice: Per sfuggire al rischio del non senso Kublai tenta diverse strade, come diverse sono state le incarnazioni dello scientific management nel suo secolo di storia. Ad esempio ad un certo punto dice: La mente del gran Kan partiva per suo conto e smontava le città pezzo per pezzo, le ricostruiva in un altro modo, sostituendo ingredienti spostandoli, invertendoli – Dora in avanti sarò io a descrivere le città, tu verificherai se esistono e se sono come le ho pensate La mente del gran Kan partiva per suo conto e smontava le città pezzo per pezzo, le ricostruiva in un altro modo, sostituendo ingredienti spostandoli, invertendoli – Dora in avanti sarò io a descrivere le città, tu verificherai se esistono e se sono come le ho pensate Lintento dellimperatore è quello di proporre schemi e modelli, da smontare e ricostruire, combinandone e variandone le strutture interne, conferendo ad essi una sostanziale autonomia funzionalistica, schemi dordine a cui tutto deve essere ricondotto. La situazione da cui avevamo preso le mosse si è ribaltata: non è più lesperienza, ma il potere combinatorio e intellettuale a garantire la mappa su cui poi dover ritrovare lesperienza medesima. Abbiamo così Zobeide, città sognata e poi costruita, città quasi familiare poiché prevista, ma anche città brutta, città trappola. Che ne è infatti di questa proposta? Il sistema prevale cancellando le ragioni dellesperienza, la costruzione si trasforma, come in Zobeide, in trappola, in inganno fine a se stesso. Lintento dellimperatore è quello di proporre schemi e modelli, da smontare e ricostruire, combinandone e variandone le strutture interne, conferendo ad essi una sostanziale autonomia funzionalistica, schemi dordine a cui tutto deve essere ricondotto. La situazione da cui avevamo preso le mosse si è ribaltata: non è più lesperienza, ma il potere combinatorio e intellettuale a garantire la mappa su cui poi dover ritrovare lesperienza medesima. Abbiamo così Zobeide, città sognata e poi costruita, città quasi familiare poiché prevista, ma anche città brutta, città trappola. Che ne è infatti di questa proposta? Il sistema prevale cancellando le ragioni dellesperienza, la costruzione si trasforma, come in Zobeide, in trappola, in inganno fine a se stesso.

10 Segni - 10 Lo stesso capita quando Marco Polo percorre idealmente le vie delle città imperiali limitandosi ad annotarne le caratteristiche; davanti allimperatore, evocando le sue esplorazioni, ricorda, osserva, descrive: presenta a Kublai resoconti, come quelli sulla città di Tamara, di Zora, di Zirma o di Maurilia. La forma che qui caratterizza le città è una forma statica, monotona, senza eccezioni, una forma immobile, nella cui staticità rischia però di esaurirsi e di affogare; lassolutezza di cui essa è prigioniera nega ogni alternativa e dunque anche la possibilità di essere qualcosaltro rispetto alla descrizione che la sua stessa forma tratteggia. Ecco dunque un modo della forma, un modo dellimpero, senza scarti, senza imprevisti: per dominare basta qui nominare, riducendo ogni angolo, ogni via, ad ununivoca descrizione: è il modo prediletto dalla gestione scientifica del potere. Ma basta poco e questa forma del mondo inizia a sgretolarsi: le città sembrano dileguarsi nellesistenza categorica ad esse attribuita dal resoconto, come Zora che : Lo stesso capita quando Marco Polo percorre idealmente le vie delle città imperiali limitandosi ad annotarne le caratteristiche; davanti allimperatore, evocando le sue esplorazioni, ricorda, osserva, descrive: presenta a Kublai resoconti, come quelli sulla città di Tamara, di Zora, di Zirma o di Maurilia. La forma che qui caratterizza le città è una forma statica, monotona, senza eccezioni, una forma immobile, nella cui staticità rischia però di esaurirsi e di affogare; lassolutezza di cui essa è prigioniera nega ogni alternativa e dunque anche la possibilità di essere qualcosaltro rispetto alla descrizione che la sua stessa forma tratteggia. Ecco dunque un modo della forma, un modo dellimpero, senza scarti, senza imprevisti: per dominare basta qui nominare, riducendo ogni angolo, ogni via, ad ununivoca descrizione: è il modo prediletto dalla gestione scientifica del potere. Ma basta poco e questa forma del mondo inizia a sgretolarsi: le città sembrano dileguarsi nellesistenza categorica ad esse attribuita dal resoconto, come Zora che : Obbligata a restare immobile ed uguale a se stessa per essere meglio ricordata, languì, si disfece e scomparve. La terra lha dimenticata.


Scaricare ppt "Segni - 1 Ne Le Città Invisibili Marco parla e Kublai lo ascolta, senza pretendere di venire a sapere una qualche realtà fattuale: dal giovane veneziano."

Presentazioni simili


Annunci Google