La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Un padre aveva un figlio di 14 anni che non parlava. Dopo sette tentativi di farsi raccontare cosa avesse, gli disse: - Vedo che hai un problema e che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Un padre aveva un figlio di 14 anni che non parlava. Dopo sette tentativi di farsi raccontare cosa avesse, gli disse: - Vedo che hai un problema e che."— Transcript della presentazione:

1

2 Un padre aveva un figlio di 14 anni che non parlava. Dopo sette tentativi di farsi raccontare cosa avesse, gli disse: - Vedo che hai un problema e che questa volta stai provando a risolverlo da solo. Quando penserai di non farcela da solo, chiamami e ti aiuterò Un padre aveva un figlio di 14 anni che non parlava. Dopo sette tentativi di farsi raccontare cosa avesse, gli disse: - Vedo che hai un problema e che questa volta stai provando a risolverlo da solo. Quando penserai di non farcela da solo, chiamami e ti aiuterò A metà di quella notte suo figlio lo svegliò A metà di quella notte suo figlio lo svegliò

3 Le esperienze della comprensione e del sentirsi rispettati facilitano la decisione ad APRIRSI. I modi di parlare ai figli che non facilitano questa apertura sono:

4 FARE PREDICHE FARE PREDICHE OFFRIRE SOLUZIONI OFFRIRE SOLUZIONI VALUTARE VALUTARE INDAGARE INDAGARE OFFRIRE SOSTEGNO OFFRIRE SOSTEGNO CRITICARE CRITICARE

5 FARE PREDICHE FARE PREDICHE Non dovresti comportarti in questo modo con il tuo amico, in fondo tutti possono sbagliare In questa affermazione cè: UN DIVIETO UN DIVIETO UNA MOTIVAZIONE DETTATA DAL BUON SENSO O DA UN PRINCIPIO MORALE UNA MOTIVAZIONE DETTATA DAL BUON SENSO O DA UN PRINCIPIO MORALE Questa modalità pone il figlio nella condizione di ubbidire da una posizione di inferiorità Possibili risposte SI però

6 OFFRIRE SOLUZIONI Se fossi in te ….. Se fossi in te ….. Prova a……. Prova a……. Cerca di…… Cerca di…… Spesso le soluzioni proposte dai genitori non sono praticabili perché non tengono conto della diversa personalità dei figli e la loro conoscenza diretta e dettagliata delle circostanze In alcune stagioni della vita è la conferma della propria inferiorità nei confronti dei genitori

7 VALUTARE VALUTARE Se lallenatore ti ha escluso dalla squadra, avrà sicuramente buoni motivi per farlo Con questa modalità prendiamo immediatamente posizione su chi ha torto o chi ha ragione

8 INDAGARE Chi di voi ha iniziato il litigio? Ti sei comportato male anche tu? Questa modalità spesso induce i figli a delle posizioni difensive (dire bugie, non raccontare elementi importanti) soprattutto se il legittimo desiderio di sapere del genitore viene giudicato intrusivo e minaccioso dal figlio.

9 OFFRIRE SOSTEGNO Non preoccuparti, non prendertela per così poco! Domani è un altro giorno Leffetto di queste parole è che il figlio non si sente compreso rispetto alla rilevanza del suo star male

10 CRITICARE Sei sempre il solito, non riesci ad accettare di aver sbagliato! Non sei stato capace di difenderti! Questa modalità di critica porta alla chiusura al ritiro da parte del più debole o al litigio

11 Come dialogare con Lui/Lei I QUATTRO PASSI LA COMPRENSIONE DEL SENTIMENTO IL CONFRONTO IMMAGINARE SOLUZIONI LA DECISIONE

12 COMPRENSIONE DEL SENTIMENTO COMPRENSIONE DEL SENTIMENTO Avere un problema comporta lemersione di sentimenti difficili : PAURARABBIA DESIDERIO DI VENDICARSI SCORAGGIAMENTODELUSIONE Occorre chiedersi Cosa prova mio figlio? Cosa prova mio figlio? Come si sente in questo momento? Come si sente in questo momento? COMPRENDERE non significa LASCIAR CORRERE o ESSERE DACCORDO ACCETTARE NON E APPROVARE COMPRENDERE VUOL DIRE ASCOLTARE FARE SILENZIO COMPRENDERE VUOL DIRE ASCOLTARE FARE SILENZIO SENTIRSI ASCOLTATI SIGNIFICA ESSERE RISPETTATI. SENTIRSI ASCOLTATI SIGNIFICA ESSERE RISPETTATI. E IN UN CLIMA DI ACCETTAZIONE CHE IL FIGLIO E IN UN CLIMA DI ACCETTAZIONE CHE IL FIGLIO HA POSSIBILITA DI FIDARSI HA POSSIBILITA DI FIDARSI HA PROBABILITA DI PRENDERE IN CONSIDERAZIONE NUOVI VALORI HA PROBABILITA DI PRENDERE IN CONSIDERAZIONE NUOVI VALORI HA LA SENSAZIONE DI AVERE UNA DIGNITA E DI RAPPRESENTARE UN VALORE HA LA SENSAZIONE DI AVERE UNA DIGNITA E DI RAPPRESENTARE UN VALORE

13 LE CONDIZIONI DELLA COMPRENSIONE SOSPENDERE IL GIUDIZIO METTERSI NEI SUOI PANNI CREARE UNO SPAZIO PSICOLOGICO DOVE SI POSSA SENTIRE SE STESSO NON SEGUIRE IL PROPRIO PENSIERO MA ASCOLTARE LE FRASI DELLALTRO

14 LE FRASI RIFLETTENTI LE FRASI RIFLETTENTI Con esse il genitore cerca di ridire al figlio i contenuti e i sentimenti da lui espressi :..SE HO BEN CAPITO…...SE HO BEN CAPITO…. MI SEMBRA DI CAPIRE CHE…. MI SEMBRA DI CAPIRE CHE…. SEI MOLTO ARRABBIATO PERCHE IL TUO ALLENATORE NON TI HA PERMESSO DI GIOCARE Prima parte: espressione del sentimento Seconda parte: viene ridetto il contenuto, i motivi di questo sentimento

15 IMMAGINARE SOLUZIONI IMMAGINARE SOLUZIONI Vediamo, cosa potresti fare in questa situazione? Vediamo, cosa potresti fare in questa situazione? Hai unidea di ciò che potresti fare? Hai unidea di ciò che potresti fare? E importante che il figlio abbia immaginato unipotesi risolutiva: lo si valorizza rendendolo protagonista del suo problema. Abilità del genitore di non proporre prematuramente le proprie ipotesi di soluzione Cè prima la fatica del figlio, poi il suggerimento del genitore che lo invita ad una valutazione

16 CONFRONTO A me sembra che questa soluzione….. Hai valutato che……. Cosa potrebbe succederti se agissi in questo modo? In questa fase il genitore mette a disposizione la sua esperienza e invita il figlio a valutare le sue azioni mettendole a confronto con valori importanti o aspetti complessi della realtà

17 DECISIONE Allora hai deciso di…. Pensi di.. Se ho ben capito, proverai a.. Cercherai di…. RISCHIO RAGIONEVOLE:se il confronto termina su posizioni inconciliabili, si può tentare anche che il figlio attui le sue decisioni se ciò non compromette aspetti rilevanti della sua salute, del rapporto con gli altri, della sua sicurezza. Qualche errore può far crescere. PROIBIZIONE: Ti proibisco di farlo….. E una proibizione, ma non immotivata, è un gesto di responsabilità inevitabile. Mai riprendere il dialogo con frasi colpevolizzanti del tipo: ti sei convinto che avevo ragione io?

18 PER FAVORIRE LA CAPACITA DECISIONALE DEL FIGLIO ASCOLTARE, LASCIAR PARLARE, STARE IN SILENZIO ASCOLTARE, LASCIAR PARLARE, STARE IN SILENZIO DARE PIU RISALTO AI SENTIMENTI CHE NON AL PROBLEMA DARE PIU RISALTO AI SENTIMENTI CHE NON AL PROBLEMA COGLIERE IL PUNTO DI VISTA DEL FIGLIO ANCHE IN RELAZIONE A SOLUZIONI DA ADOTTARE COGLIERE IL PUNTO DI VISTA DEL FIGLIO ANCHE IN RELAZIONE A SOLUZIONI DA ADOTTARE LASCIARE SPAZIO ALLA RESPONSABILITA DEL FIGLIO PER TROVARE IL MODO DI AFFRONTARE E RISOLVERE IL PROBLEMA LASCIARE SPAZIO ALLA RESPONSABILITA DEL FIGLIO PER TROVARE IL MODO DI AFFRONTARE E RISOLVERE IL PROBLEMA


Scaricare ppt "Un padre aveva un figlio di 14 anni che non parlava. Dopo sette tentativi di farsi raccontare cosa avesse, gli disse: - Vedo che hai un problema e che."

Presentazioni simili


Annunci Google