La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituzioni di Filosofia (IV) Varietà della conoscenza Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituzioni di Filosofia (IV) Varietà della conoscenza Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica."— Transcript della presentazione:

1 Istituzioni di Filosofia (IV) Varietà della conoscenza Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica

2 2 La Conoscenza La conoscenza è al centro di alcuni ambiti fondamentali della ricerca filosofica Quasi una dimensione preliminare ad ogni tipo di riflessione filosofica Lepistemologia (teoria della conoscenza) investe i problemi relativi alla natura, ai fondamenti, ai limiti della conoscenza (umana)

3 3 Filosofia della scienza e epistemologia La filosofia della scienza esaurisce la riflessione sulla conoscenza? Che tipo di conoscenza è la scienza? Qual è il rapporto tra filosofia e scienza? Lepistemologia è gnoseologia? Quando si prendono in considerazione i problemi teorici relativi alla conoscenza, ci si riferisce alla conoscenza di che cosa?

4 4 Le varietà della conoscenza Quali sono i modi canonici di conoscere? 1.Knowing How, la capacità di fare qualcosa 2.Acquaintance, o stato di informazione e/o competenza parziale 3.Knowing That: sapere che, o conoscenza proposizionale

5 5 La definizione classica di conoscenza Conoscenza è CREDENZA VERA GIUSTIFICATA Io SO che le balene sono mammiferi 1.Credo che le balene siano mammiferi, 2.E vero che le balene sono mammiferi 3.Ho delle (buone) ragioni per credere che le balene sono mammiferi - Io so che P quando credo che P, P è vera e sono giustificato nel credere che P

6 6 Conoscenza proposizionale Che cosa è una proposizione (proposition)? Una proposizione non è un semplice enunciato (sentence) Un enunciato è una stringa di parole dotata di significato Le proposizioni coinvolgono il pensiero (di un essere umano)

7 7 Credere Che cosa significa credere una proposizione? Io credo che P: manifesto il mio assenso su P Io credo che P quando accetto quello che è espresso da P Io credo che P sia vera non significa che P è vera

8 8 Verità P è vera P è espressione di fatti, eventi, stati di cose che corrispondono a realtà La verità di P non dipende da alcuna condizione contingente, non è relativa, ma assoluta P o è vera oppure è falsa. Non ci sono vie di mezzo!

9 9 Giustificazione Credere semplicemente una proposizione vera non è sufficiente Che significa avere delle ragioni per credere? Che caratteristiche devono avere queste ragioni? Quando una ragione ha i requisiti adatti a farci credere?

10 10 Dubbi sulla definizione classica Perplessità sulla giustificazione Perplessità sulla necessità di ragioni per credere Perplessità sulla natura di una giustificazione inferenziale Perplessità sulla verità delle nostre credenze Perplessità sulle origini delle nostre credenze

11 11 Le fonti della conoscenza Come arriviamo a cogliere il contenuto (concettuale*) delle proposizioni che sono oggetto della nostra conoscenza? 1.Con la percezione sensoriale 2.Con lintrospezione 3.Con la memoria 4.Con la fede 5.Con lintuizione 6.Con la testimonianza

12 12 Ragione e Conoscenza La conoscenza si ottiene tramite un sistema di inferenze auto-evidenti: Ex. A > B > C A > C Ma che cosa prova che effettivamente una inferenza sia autoevidente? Chi ci garantisce che le cose stanno così? Anche la ragione ha bisogno di certezze

13 13 Fondamenti della conoscenza Quali sono le basi della nostra ragione e della nostra conoscenza? Non è forse vero che tutto quello di cui siamo maggiormente certi deriva dallevidenza dei sensi? Si potrebbe dubitare del fatto espresso dalla mia frase «Ecco qui una mano. Ed eccone qui unaltra.»*, quando io ostento le mie mani?

14 14 Dubbi Cartesiani (e non solo) Lappello ai sensi e al senso comune non è un buon criterio di certezza In situazioni quotidiane nessuno dubiterà della sua condizione reale In filosofia bisogna dubitare di quanto sembra indubitabile Solamente dopo una analisi critica posso stabilire che … è vero tutto ciò che percepisco chiaramente e distintamente

15 15 Un dubbio iperbolico E metodologicamente utile dubitare di tutto quanto riteniamo certo per abitudine Così Cartesio giunge a ipotizzare, iperbolicamente, che un demone maligno potrebbe ingannarci in ogni apparente certezza Come è possibile sconfiggere questo dubbio iperbolico?

16 16 Cogito ergo sum Per Cartesio il principio indubitabile su cui si articola tutta la nostra conoscenza è il cogito ergo sum (penso, dunque esisto) Il cogito non è una forma di ragionamento, ma una immediata forma di presa di coscienza della propria esistenza

17 17 I limiti del cogito Qual è la garanzia epistemologica rappresentata dal cogito? In realtà il cogito offre solamente una certezza assoluta sullattività del pensiero (se di certezza si tratta) In compenso il cogito cartesiano ha imposto una svolta radicale alla filosofia occidentale

18 18 Lio e tutto il resto Cartesio trova nella coscienza il principio di ogni certezza La certezza della coscienza non presenta particolari conferme ad altre forme di conoscenza La coscienza non offre alcuna garanzia del fatto che non siamo cervelli in una vasca

19 19 Le implicazioni del cogito Loperazione di Cartesio introduce unimpronta soggettivistica La certezza del cogito è garantita dalla differenza qualitativa tra pensiero e materia (res cogitans, res extensa): un dualismo ontologico La prospettiva cartesiana sancisce la distinzione tra mente e corpo

20 20 Perplessità sullio Che cosa è la coscienza? Il flusso dei nostri processi cognitivi è davvero unitario? Siamo effettivamente sempre coscienti dei nostri pensieri? Come possiamo avere dei pensieri su qualcosa di cui in realtà non abbiamo esperienza? (Putnam)

21 21 Una ragionevole incertezza Non cè alcun modo per avere certezza che non siamo dei cervelli in una vasca (Barry Stroud), ma … Perché dovremmo essere dei cervelli in una vasca? Se siamo cervelli in una vasca, perché non pensiamo come tali? Comunque, anche come cervelli in una vasca, pensiamo a qualcosa

22 22 Le varietà dello scetticismo Scetticismo globale (nega la possibilità della conoscenza) Scetticismo sensoriale (nega la conoscenza del mondo esterno) Scetticismo razionale (nega la conoscenza della ragione) Scetticismo particolare (nega la effettiva corrispondenza tra quanto sappiamo e il mondo esterno)

23 23 Lio e gli altri In che rapporto si pone lattività del pensiero nei confronti degli altri? Se lunica certezza è la coscienza, che sappiamo delle altre coscienze? Lunico indizio del loro pensiero è nel comportamento, analogo al nostro. Eppure il fondamento della comprensione sta nel riconoscere gli altri come nostri simili …

24 24 Mente, coscienza e conoscenza Coscienza è un concetto non chiaro: indica approssimativamente la consapevolezza soggettiva Si tratta di un concetto radicato nellambito di una esperienza soggettiva non oggettivabile Come può una nozione del genere essere a fondamento di conoscenza?

25 25 La coscienza nella filosofia della mente La centralità della coscienza in relazione alla conoscenza ha stimolato molte indagini relative alluniverso del mentale Quasi tutti i problemi più rilevanti nella filosofia della mente (ontologici, epistemologici, metodologici, ecc.) si sovrappongono a questioni relative alla coscienza

26 26 Conclusione Le attuali indagini filosofiche sulla conoscenza non possono trascurare le riflessioni relative ai processi cognitivi e al mentale in generale ### Riferimenti Bibliografici Hospers, J. 1956: Introduzione allanalisi filosofica (cap. I) Nagel, T. 1987: Una brevissima introduzione alla filosofia (capp. I, II, III) Irwin, W. (a cura di) 2002: Pillole rosse. Matrix e la filosofia


Scaricare ppt "Istituzioni di Filosofia (IV) Varietà della conoscenza Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica."

Presentazioni simili


Annunci Google