La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 INTRODUZIONE. 2 CAPITOLO 1 MODELLI NORMATIVI E POLITICA ECONOMICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 INTRODUZIONE. 2 CAPITOLO 1 MODELLI NORMATIVI E POLITICA ECONOMICA."— Transcript della presentazione:

1 1 INTRODUZIONE

2 2 CAPITOLO 1 MODELLI NORMATIVI E POLITICA ECONOMICA

3 3

4 4 1.1 INTRODUZIONE: La scienza economica Politica economica: disciplina che ricerca regole di condotta per ottenere certi obiettivi contenuto normativo ciò che dovrebbe essere Economia politica: costruzione di schemi per spiegare i fenomeni tratta il contenuto positivo ciò che è

5 5 1.1 INTRODUZIONE La politica economica può essere disciplina: 1. Teorica analisi economica normativa 2. Applicata riferita a problemi specifici (rimedi alla disoccupazione, inflazione, ambiente) e segue i vincoli imposti dalle istituzioni, dalle associazioni ecc. 3. Storica ricostruisce i programmi proposti dal sistema economico in un determinato periodo

6 6 1.1 INTRODUZIONE Gli elementi del Modello di politica economica: 1. Obiettivi (impatto sui costi e sui contenuti) fissi flessibili 2. Razionalità illimitata, sostanziale limitata, procedurale 3. Ideologia esterna: legata al modello economico di riferimento interna preferenze espresse nellindicazione dellobiettivo

7 7 1.2 ILSIGNIFICATO DI POLITICA ECONOMICA E LA STRUTTURA DEL MODELLO DI POLITICA ECONOMICA La definizione della politica economica CLASSICA (L. Robbins – J. Bentham): Il corpo di principi dellazione (agenda) o dellinazione (non agenda) del governo rispetto allattività economica Coinvolge la pubblica amministrazione Scelta tra intervento o lasciar fare al mercato MODERNA (F. Caffè): Quella disciplina che ricerca le regole di condotta tendenti a influire sui fenomeni economici in vista di orientarli in senso desiderato Coinvolge la pubblica amministrazione e il soggetto economico privato Programmi di intervento: principi dazione e regole di condotta

8 8 Modello di economia politica Modello normativo Modello di politica economica Obiettivo PARTE POSITIVA PARTE NORMATIVA 1.2 ILSIGNIFICATO DI POLITICA ECONOMICA E LA STRUTTURA DEL MODELLO DI POLITICA ECONOMICA Il modello standard di politica economica

9 9 1.Modello di spiegazione analitica 1.Modello di spiegazione analitica: il comportamento dei soggetti economici e gli elementi esterni sono NOTI 2. Modello economico normativo 2. Modello economico normativo: gli elementi noti nel precedente modello rappresentano gli OBIETTIVI per questo devono essere esplicitati secondo il sistema di preferenze strategia dei policy maker, programma di politica economica 1.2 ILSIGNIFICATO DI POLITICA ECONOMICA E LA STRUTTURA DEL MODELLO DI POLITICA ECONOMICA Il modello standard di politica economica

10 10 FISSI: Valore da realizzare fissato numericamente Trasmessi al policy maker tramite specifica e unica alternativa da realizzare Limitata autonomia dei policy maker (alti costi) FLESSIBILI: Fissati attraverso identificazione di una funzione obiettivo (di max o min) secondo le preferenze Maggiore autonomia policy maker Meno costoso e più adattabile a modifiche 1.2 ILSIGNIFICATO DI POLITICA ECONOMICA E LA STRUTTURA DEL MODELLO DI POLITICA ECONOMICA Obiettivi fissi e obiettivi flessibili

11 11 Esempio: Supponiamo che gli Stati del mondo siano sei (a, b, c, d, e, f) Decisore pubblico ordina al policy maker: obiettivo fisso (d): il policy maker dovrà costruire un programma specifico per ottenere (d), se (d) non è raggiungibile il policy maker dovrà attendere altri ordini costi e tempo elevati obiettivo flessibile (d): ordinamento di preferenze (d, a, c, e, b, f), il policy maker costruirà un programma per il raggiungimento di (d) ma se (d) non è più possibile si può mutare raggiungendo (a) risparmio in termini di gestione e flessibilità 1.2 ILSIGNIFICATO DI POLITICA ECONOMICA E LA STRUTTURA DEL MODELLO DI POLITICA ECONOMICA Obiettivi fissi e obiettivi flessibili

12 12 Lordine ricevuto dal policy maker può essere: 1.COMPLETO: specifica ogni possibile circostanza se obiettivo fisso o flessibile non varia 2.INCOMPLETO: non sono previste tutte le circostanze preferibile obiettivo flessibile (< costi di gestione) Tesi diverse sulla pari dignità degli obiettivi fissi e flessibili 1.2 ILSIGNIFICATO DI POLITICA ECONOMICA E LA STRUTTURA DEL MODELLO DI POLITICA ECONOMICA Obiettivi fissi e obiettivi flessibili

13 LIPOTESI DI RAZIONALITÀ IN POLITICA ECONOMICA La razionalità sostanziale e la razionalità limitata RAZIONALITÀ ECONOMICA: visione teleologica dellagire umano, strumenti ed azioni per raggiungimento di un fine Capacità delluomo di pensare RAGIONE RAZIONALITÀ Oggettiva Soggettiva - Valori universali - Criteri validi per tutti - Procedimento mentale che coordina i mezzi al fine - Ordine determinato dagli interessi di un soggetto

14 14 RAZIONALITÀ SOSTANZIALE Detta anche sostantiva, illuminata, perfetta. Risultati di una scelta dipendono dalla funzione di preferenza di un soggetto e dai limiti. Ipotesi dei classici: uomo ha conoscenza degli aspetti rilevanti del sistema sistema di preferenze organizzato e stabile capacità di calcolo perfette che consentono di ottenere punto di massimo nella scala delle preferenze Visione della scienza economica tradizionale o classica: ragione soggettiva e razionalità sostanziale 1.3 LIPOTESI DI RAZIONALITÀ IN POLITICA ECONOMICA La razionalità sostanziale e la razionalità limitata

15 15 RAZIONALITÀ LIMITATA (Simon) Critiche alle ipotesi dei classici: Limite alle capacità cognitive – informazioni limitate sulle alternative, incertezza No evidenza empirica di fronte a problemi di difficile soluzione Limite alla capacità di calcolo Visione di Simon: Ragione soggettiva e razionalità limitata 1.3 LIPOTESI DI RAZIONALITÀ IN POLITICA ECONOMICA La razionalità sostanziale e la razionalità limitata

16 16 Dalla capacità di scelta al processo di scelta. Attività umana intesa come attività di ricerca intelligente del modo migliore per fare una scelta. Agente economico ottimizza cioè massimizza il suo obiettivo sotto un vincolo. Metodo di lavoro per il decisore pubblico. 1.3 LIPOTESI DI RAZIONALITÀ IN POLITICA ECONOMICA La razionalità procedurale

17 17 DECISORE PUBBLICO (Governo) OBIETTIVO Detta gli obiettivi e seleziona il modello economico interpretativo POLICY MAKER CONTROLLABILITÀ Responsabile del modello di politica economica trasmesso POLICY ADVISER PROGRAMMA esperto di analisi di calcolo per la soluzione tecnica del modello Procedura razionale di problem solving RAZIONALITÀ PROCEDURALE 1.3 LIPOTESI DI RAZIONALITÀ IN POLITICA ECONOMICA La razionalità procedurale

18 LIDEOLOGIA ESTERNA: IL POSITIVISMO E IL PLURALISMO METODOLOGICO Positivismo e pluralismo in economia POSITIVISMOPLURALISMO Il modello economico di riferimento influenza il programma. Teorie diverse in base a diverse letture della stessa realtà Legato al darwinismo Prevede proposizioni vere o false Si considerano solo le vere (accertate empiricamente) MAINSTREAM verità generale esalta aspetto storico Pluralismo teorico: presenza simultanea di più teorie Pluralismo metodologico: no modelli veri o falsi ma più regole fondamentali tra loro alternative Economia scienza forteEconomia scienza debole

19 19 Programma robusto Positivismo Pluralismo programmi veri, migliorano nel tempo, eliminando gli errori al mutare del modello di riferimento, quando ci sono maggiori probabilità di condivisione e di soddisfazione delle scelte della società 1.4 LIDEOLOGIA ESTERNA: IL POSITIVISMO E IL PLURALISMO METODOLOGICO Robustezza e pluralità dei programmi

20 20 Lideologia interna influenza il programma di politica economica, individuazione di ciò che si vorrebbe fosse obiettivi Problema principale arrivare allordinamento delle preferenze degli individui SOCIAL ORDERING DIRETTO Esterno, graduatoria segue principio ETICO 1.5 LIDEOLOGIA INTERNA: ORDINAMENTO SOCIALE DIRETTO E INDIRETTO Le valutazioni sociali, ordinamento diretto e indiretto INDIRETTO Preferenze individuali, in base allutilità

21 21 Società con ordinamento diretto: Preferenze indicate da gruppo sociale egemone nella collettività società elitaria Potere pubblico non è sensibile alle scelte del popolo quanto lo è verso gli interessi e i valori dellelite. Ruolo dellideologia interna self evident Società con ordinamento indiretto: Sistema più complesso, bisogna aggregare le preferenze individuali, trasmettere lobiettivo al policy maker tramite le istituzioni democratiche scelta democratica Preferenze di ogni individuo espresse con il voto, social choice theory scelta dittatoriale Preferenze del solo dittatore 1.5 LIDEOLOGIA INTERNA: ORDINAMENTO SOCIALE DIRETTO E INDIRETTO Lideologia interna nelle società elitarie e nelle società democratiche


Scaricare ppt "1 INTRODUZIONE. 2 CAPITOLO 1 MODELLI NORMATIVI E POLITICA ECONOMICA."

Presentazioni simili


Annunci Google