La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PEIRCE Charles S. Peirce, filosofo americano: 1837-1914 Fondatore della tendenza filosofica detta pragmatismo, usa il termine semiotics in riferimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PEIRCE Charles S. Peirce, filosofo americano: 1837-1914 Fondatore della tendenza filosofica detta pragmatismo, usa il termine semiotics in riferimento."— Transcript della presentazione:

1 PEIRCE Charles S. Peirce, filosofo americano: Fondatore della tendenza filosofica detta pragmatismo, usa il termine semiotics in riferimento allo studio dei segni; dal suo pensiero deriva la cosiddetta semiotica interpretativa.

2 Charles Sanders Peirce Nasce a Cambridge, Massachusetts, il 10 settembre 1839, figlio di un matematico Si laurea nel 1863 in Chimica Pur non ottenendo mai una posizione accademica definitiva, tiene diversi corsi di filosofia e logica Svolge intanto lavoro di ricerca presso la Coast and Geodetic Survey fino al 1891 Pubblica diversi saggi su importanti riviste, ma la maggior parte dei suoi lavori rimane inedita Muore il 19 aprile 1914 Le sue opere sono raccolte ed edite nei Collected Papers (CP; ) e ora anche (in ordine cronologico) nei Writings (6 voll., fino al 1890)

3 Ch. S. Peirce e il concetto di segno

4 Qualcosa che agli occhi di qualcuno sta per qualcosa daltro sotto qualche rispetto o per qualche sua capacità

5 Cos'è questo rispetto o capacità?

6 6 IMMANUEL KANT (Konigsberg )

7 7 SOGGETTO: CONDIZIONE NECESSARIA DEL CONOSCERE

8 8 Conoscenza come sintesi di: Materia: molteplicità mutevole e caotica delle impressioni sensibili. Forma: modalità fisse attraverso cui la mente umana ordina, comuni ad ogni soggetto pensante.

9 9 LIO PENSO Suprema forma di sintesi, fondamento dellunità e della coerenza di tutta lesperienza.

10 10 LA RIVOLUZIONE COPERNICANA LA REALTA SI MODELLA SULLE FORME A PRIORI ATTRAVERSO CUI LA PERCEPIAMO Loggettività della conoscenza è fondata nel cuore stesso della soggettività.

11 11 Le categorie funzionano solo in rapporto ad unesperienza possibile e valgono solo per il fenomeno. L'intuizione sensibile umana è fenomenizzante: si ammette un sostrato metafenomenico, ossia il noumeno: pensabile ma non conoscibile.

12 12 I termini 'noumeno' e 'cosa in sé' non sono in Kant perfettamente sovrapponibili: il noumeno è comunque una rappresentazione o idea della ragione, e come tale risiede nella mente umana; è il modo in cui il pensiero cerca di rappresentarsi ciò che va oltre la sua capacità di conoscere. La cosa in sé invece è ciò a cui il noumeno si riferisce: è la 'realtà' in quanto esterna alla mente del soggetto, ciò con cui per definizione non si può entrare in alcun rapporto se non tramite il pensiero filosofico, poiché si pone al di là di ogni esperienza possibile

13 13 KANT E IL MODELLO Per Kant la conoscenza è costruzione. La nostra conoscenza del reale, il nostro modello non è noumenicamente valido, ma è effettivamente lunico possibile, perché lunico deducibile dai nostri a priori.

14 La teoria della conoscenza di Peirce è strettamente interrelata a quella kantiana. Se nessuna conoscenza è possibile intuitivamente, allora ogni atto di cognizione è mediato, e la mediazione è attuata attraverso i segni e la semiosi (cfr. citazione di Peirce in Traini, pp )

15 La struttura triadica del segno (…) ogni qualvolta pensiamo, abbiamo presente alla coscienza un sentimento, unimmagine, un concetto, o unaltra rappresentazione, che serve da segno (…) quando pensiamo, noi stessi, proprio quali siamo in quel momento, siamo come un segno

16 (…) un segno, in quanto tale, ha tre riferimenti: primo, è un segno per un pensiero che lo interpreta, secondo, è un segno in luogo di un oggetto a cui in quel pensiero è equivalente; terzo, è un segno sotto qualche rispetto o qualità che porta il segno stesso in connessione con il suo oggetto

17 I correlati a cui un segno si riferisce Non vi è nessuna eccezione alla legge che ogni pensiero-segno è tradotto o interpretato in un susseguente, a meno che ci si riferisca al fatto che ogni pensiero giunge a una fine improvvisa e ultima con la morte Peirce chiamerà questo correlato linterpretante del segno, da non confondere con linterprete. Linterpretante è un altro pensiero-segno

18 Per che cosa sta il pensiero-segno, che cosa nomina? (…) Senza dubbio sta per la cosa esterna, almeno quando si pensa a una cosa esterna reale. Ma pure, in quanto il pensiero è determinato da un precedente pensiero del medesimo oggetto, esso si riferisce alla cosa soltanto attraverso la denotazione del pensiero precedente

19 Il pensiero segno sta per il suo oggetto nel rispetto che è pensato: cioè questo rispetto è loggetto immediato di coscienza del pensiero Un segno è qualcosa che sta a qualcuno per qualcosa sotto qualche rispetto o capacità (2.228)

20 Interpretante Segno Oggetto (o representamen) (Oggetto Immediato- Oggetto Dinamico)

21 Il punto di partenza è loggetto inteso in senso ampio, come realtà esterna Ma per rendere conto degli oggetti abbiamo bisogno di segni, che sono il fulcro della semiosi, in quanto mediano fra loggetto e linterpretante: un segno è determinato da un oggetto e genera un interpretante

22 Il segno (o representamen) è qualcosa che sta al posto di qualcosaltro, ovvero per il suo Oggetto. Ma di tutte le proprietà che si potrebbero predicare delloggetto, ogni segno ne seleziona solo alcune. Ciò dimostra che il (segno (Representamen) sta per lOggetto non sotto ogni aspetto o capacità possibile, ma solo a partire da una determinata scelta di pertinenza

23 Ground Per svolgere la funzione mediatrice il segno deve prendere di mira, illuminare sottocerti aspetti loggetto, coglierne delle qualità. Nella terminologia di Peirce il ground è ciò che viene selezionato e trasmesso di un dato oggetto sotto un certo profilo La decisione di sussumere un dato oggetto sotto un certo abito interpretativo piuttosto che un altro dipende dalluniverso di discorso nel quale ci si muove in quel determinato momento

24 Ecco l'idea kantiana del noumeno che si presenta per assenza. L'oggetto ci deve essere perché c'è il segno che lo richiama. L'oggetto in sé, nella sua completezza, resta inconoscibile

25 Problema Ma con il termine Oggetto Peirce intende riferirsi al referente (lo stato del mondo, la cosa in sé) oppure al semema (lunità di contenuto) corrispondente? Insomma è l'idea che esiste o l'oggetto nel mondo? Rendendosi conto di questa ambiguità, Peirce distingue tra: Oggetto Dinamico, realmente efficiente, ma non immediatamente presente (8.343) Oggetto Immediato, che è loggetto così il segno lo rappresenta. È leffetto nel segno e attraverso di esso dellOggetto Dinamico, di per sé inconoscibile

26 LOggetto Immediato è il modo in cui lOggetto Dinamico viene focalizzato, e consiste nella somma degli attributi dellOggetto Dinamico resi pertinenti dal Segno

27 Il circuito della semiosi interpretante segno oggetto dinamico representamen oggetto immediato espressione contenuto/significato

28 Linterpretante Il segno-representamen (espressione) sta per loggetto immediato, e il Segno (inteso come combinazione di representamen e oggetto immediato/espressione e contenuto) si riferisce al suo Oggetto Dinamico. Ma per comprendere questo stare per, il rapporto tra un rapresentamen e il suo oggetto immediato, occorre un interprete, che a sua volta userà un altro segno Cavallo di Montezuma, necessaria una mediazione e un soggetto. Pomo (mela) d'oro

29 In ogni caso, lunico modo che abbiamo per conoscere loggetto di un segno passa per la formulazione di un altro segno che lo interpreti. Questo secondo segno è linterpretante

30 Linterpretante e la sua tripartizione Si sta considerando lazione del segno, e quindi il processo complesso di interpretazione che esso può scatenare Lazione di un segno non è semplicemente diadica: un oggetto causa un segno, bensì triadica. Loggetto immediato di un segno, la rappresentazione mentale che esso suscita, produce triadicamente leffetto destinato o proprio del segno, esclusivamente per mezzo di un altro segno mentale. Questo processo, un oggetto immediato che causa un segno a sua volta interpretato da un altro segno, è la semiosi

31 Ogni azione dinamica o azione di forza bruta, fisica o psichica, ha luogo o fra due soggetti – sia che essi reagiscano in eguale misura luno allaltro, sia che uno dei due sia lagente e laltro il paziente (…) – o è comunque una risultante di tali azioni fra coppie. Con semiosi, invece, intendo unazione o influenza che è, o implica, una cooperazione di tre soggetti, il segno, il suo oggetto e il suo interpretante, tale che questa influenza tri-relativa non si possa in nessun modo risolvere in azioni fra coppie

32 Il problema di che cosa sia il significato di un concetto intellettuale può essere risolto soltanto con lo studio degli interpretanti, ovvero degli effetti propriamente veicolati dal segno Vi è allora un processo di successiva definizione delleffetto, che può essere descritto distinguendo tra – Un interpretante emozionale ed energetico – Un interpretante logico – Un interpretante logico ultimo (o finale, o abito)

33 Lunico effetto mentale che può essere prodotto come interpretante logico ultimo (…) è un mutamento di abito (…) la modificazione della tendenza di una persona verso lazione (massima pragmatica) Ciò che una cosa significa è semplicemente quali abiti comporta: es. il significato di durezza comprende tutte le azioni che potremmo compiere su un oggetto che possiede tale attributo per constatarne la solidità, la robustezza, etc. Labito interpretativo è la tendenza a un comportamento

34 La semiosi illimitata Essendo a sua volta un segno, per essere conosciuto linterpretante richiede di essere interpretato da un altro interpretante, cioè da un altro segno Ogni interpretante rinvia a un interpretante successivo, in una fuga potenzialmente infinita di interpretanti Ogni nuova interpretazione, che corrisponde allo stabilirsi di un abito, ossia di un interpretante finale, rivela qualche aspetto inesplorato delloggetto iniziale e del segno corrispondente, poiché il segno è qualcosa attraverso la conoscenza del quale noi conosciamo qualcosa di più (8.332)

35

36 Su questa idea Peirce fonda la dottrina filosofica del pragmatismo (poi pragmaticismo): il significato di un concetto è linsieme dei suoi effetti concepibili, cioè dei suoi abiti, nellinsieme delle azioni concepibili (cfr. citazione di Peirce in Traini pp )

37 2.92 (…) La mediazione genuina è il carattere di un Segno. Un segno è qualsiasi cosa riferita a una Seconda cosa, il suo Oggetto, rispetto a una Qualità, in modo tale da portare una Terza cosa, il suo Interpretante, in rapporto con lo stesso Oggetto, e in modo tale da portarne una Quarta in rapporto con quellOggetto nella stessa forma, e così via ad infinitum. Il Segno perde il suo perfetto carattere significante se, e in quanto, tale serie è interrotta

38 Ragionamento logico Deduzione * Regola Tutti i fagioli di questo sacchetto sono bianchi * Caso Questi fagioli vengono da questo sacchetto * Risultato Questi fagioli sono bianchi Induzione * Caso Questi fagioli vengono da questo sacchetto * Risultato Questi fagioli sono bianchi * Regola Tutti i fagioli di questo sacchetto sono bianchi Abduzione * Regola Tutti i fagioli di questo sacchetto sono bianchi * Risultato Questi fagioli sono bianchi * Caso Questi fagioli vengono da questo sacchetto

39 Nella deduzione la conclusione scaturisce in modo automatico dalle premesse: date la regola e il caso, il risultato non può essere diverso e rappresenta semplicemente il rendere esplicito ciò che era già implicito nelle premesse. L'induzione consente invece di ipotizzare una regola a partire da un caso e da un risultato: essa si basa sull'assunzione che determinate regolarità osservate in un fenomeno continueranno a manifestarsi nella stessa forma anche in futuro.

40 L'abduzione, secondo Peirce, è l'unica forma di ragionamento suscettibile di accrescere il nostro sapere, ovvero permette di ipotizzare nuove idee, di indovinare, di prevedere. In realtà tutte e tre le inferenze individuate permettono un accrescimento della conoscenza, in ordine e misura differente, ma solo l'abduzione è totalmente dedicata a questo accrescimento. È altresì vero che l'abduzione è il modo inferenziale maggiormente soggetto a rischio di errore.


Scaricare ppt "PEIRCE Charles S. Peirce, filosofo americano: 1837-1914 Fondatore della tendenza filosofica detta pragmatismo, usa il termine semiotics in riferimento."

Presentazioni simili


Annunci Google