La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA COMUNICAZIONE E unattività eminentemente sociale E unattività eminentemente sociale E partecipazione E partecipazione E unattività eminentemente cognitiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA COMUNICAZIONE E unattività eminentemente sociale E unattività eminentemente sociale E partecipazione E partecipazione E unattività eminentemente cognitiva."— Transcript della presentazione:

1 LA COMUNICAZIONE E unattività eminentemente sociale E unattività eminentemente sociale E partecipazione E partecipazione E unattività eminentemente cognitiva E unattività eminentemente cognitiva E strettamente connessa con lazione E strettamente connessa con lazione

2 Il soggetto umano È un essere pensante, emotivo, sociale e … comunicante. La comunicazione non è un mezzo o uno strumento ma una vera dimensione psicologica costitutiva della persona. La persona non sceglie se essere comunicante ma può scegliere se e in che modo comunicare

3 Approccio matematico (S hannon e Weaver, 1949) Processo di trasmissione di informazioni: Emittente Messaggio Destinatario (Canale) feedback

4 Approccio semiotico Processo di significazione inteso come la capacità di generare significati e come la proprietà fondamentale di ogni messaggio di avere un senso per i comunicanti. Questo processo di significazione fa riferimento al referente (oggetti ed eventi su cui comunicare) e ad un codice (sistemi impiegati dagli attori per comunicare tra loro)

5 Approccio pragmatico Ha origine dalla tripartizione di Morris (1938): semantica (si occupa dei significati dei segni); sintassi (studia le relazioni formali tra i segni) e la pragmatica (esplora la relazione dei segni con gli attori). Si occupa dellUso dei significati (modi con cui i significati sono impiegati dai comunicanti nelle diverse circostanze). Pone in luce la relazione fra segni e interpretanti. Esamina i rapporti tra un testo ed il contesto in cui è manifestato.

6 Approccio sociologico La comunicazione è espressione e prodotto della società. Due prospettive: microsociologia (vita quotidiana e macrosociologia (processi generali inerenti le istituzioni e le organizzazioni complesse in quanto costitutivi e strutturali della società. Si è occupata dei mass media e dei loro effetti)

7 La Microsociologia di Goffman Focalizza la sua attenzione sullo studio delle condizioni di organizzazione sociale necessarie per la circolazione dellinformazione, descrivendo la struttura regolata dellinterazione sociale. Egli si interessa ad una serie di fenomeni comunicativi della vita quotidiana scegliendo come luogo emblematico di interazione la conversazione (combinazione di comunicazioni verbali e mosse non verbali).

8 La Microsociologia di Goffman A Goffman interessa verificare in che modo la dimensione sociale influenzi lorganizzazione della conversazione e degli scambi comunicativi che in essa hanno luogo. Si è prefissato di comprendere in che modo si generi e si mantenga lordine dellinterazione.

9 Approccio psicologico La comunicazione è il fondamento dellidentità personale. Bateson (1972) evidenzia che gli individui non soltanto si mettono in comunicazione (trasmissione delle informazioni), né semplicemente prendono parte alla comunicazione (interazione) ma essi sono in comunicazione.

10 Approccio psicologico Essere in comunicazione significa che nella e mediante la comunicazione le persone costruiscono, alimentano, mantengono, modificano la rete di relazioni in cui sono costantemente immerse e che hanno contribuito a costruire.

11 Approccio psicologico La comunicazione si articola su due livelli: Comunicazione (contenuti scambiati) Metacomunicazione (comunicazione che ha come oggetto la comunicazione stessa). In questo processo lattenzione passa dai contenuti trasmessi alla relazione interpersonale che si crea fra due comunicanti.

12 Approccio psicologico La comunicazione diventa il tessuto che crea, mantiene, modifica e rinnova i legami fra le persone. Ogni volta che una persona comunica definisce nello stesso tempo se stesso e laltro ma anche la natura e la qualità della relazione che li unisce.

13 Approccio psicologico In ogni atto comunicativo ognuno afferma: Ecco come sono Ecco come mi vedo Ecco come mi presento E nello stesso tempo Ecco come ti vedo Ecco come tu sei secondo me Ecco che tipo di relazione ci lega

14 Approccio psicologico La percezione e definizione di sé e della relazione attraverso la comunicazione è continua ed è reciproca tale da creare una spirale dei messaggi nella quale lo stimolo, la risposta e il rinforzo si sovrappongono e si fondono insieme. Ogni atto è contemporaneamente una risposta ad un messaggio precedente, uno stimolo per linterlocutore ed un rinforzo del modello comunicativo in essere.

15 Approccio psicologico La comunicazione è essenziale per generare, alimentare e conservare il benessere psicologico fra le persone, come esso è alla base di manifestazioni più svariate della sofferenza psicologica, dalle più leggere a quelle più gravi.


Scaricare ppt "LA COMUNICAZIONE E unattività eminentemente sociale E unattività eminentemente sociale E partecipazione E partecipazione E unattività eminentemente cognitiva."

Presentazioni simili


Annunci Google