La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMPETENZE CAPACITA E CONOSCENZE Pescara 25 gennaio 2010 Daniela Notarbartolo Educazione è il punto in cui si decide se amiamo abbastanza il mondo per.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMPETENZE CAPACITA E CONOSCENZE Pescara 25 gennaio 2010 Daniela Notarbartolo Educazione è il punto in cui si decide se amiamo abbastanza il mondo per."— Transcript della presentazione:

1 COMPETENZE CAPACITA E CONOSCENZE Pescara 25 gennaio 2010 Daniela Notarbartolo Educazione è il punto in cui si decide se amiamo abbastanza il mondo per assumercene la responsabilità (Hannah Arendt)

2 Premessa (prima lezione) Necessità di controllare gli esiti della formazione in ottica socio-economica (social outcomes of learning) Precisazione degli esiti (obiettivi di Lisbona con quantificazione) Delimitazione di un pacchetto di competenze chiave rispetto al complesso degli esiti scolastici I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

3 3 competenze chiave - core curriculum Cè una gerarchia di obiettivi e un tempo per raggiungerli (obbligo, 15enni) Per tutti, indipendentemente dalle differenziazioni degli studi Sono pre-requisiti per altre competenze (es lettura per LLL o per comprensione dei problemi matematici) I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

4 Parte prima Competenze e misurazione, o degli scopi dellistruzione

5 Le misurazioni degli esiti scolastici Le misure comparative sui sistemi scolastici dagli anni 30 al secondo dopoguerra La fondazione dello IEA (anni 60) > TIMSS, PIRLS sui curricoli scolastici e su molte materie Passa a OCSE (anni 90) > PISA sulle competenze di LLL >pis-izzazione del concetto di competenza 5I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

6 Progetto De.Se.Co (1997) servirsi di strumenti in maniera interattiva (utilizzare la lingua, i simboli e i testi, le conoscenze e le informazioni, le nuove tecnologie in maniera interattiva) agire in modo autonomo (difendere e affermare i propri diritti, interessi, responsabilità, limiti e bisogni, definire e realizzare programmi di vita e progetti personali, agire in un quadro d'insieme, in un contesto ampio) funzionare in gruppi socialmente eterogenei (stabilire buone relazioni con gli altri, cooperare, gestire e risolvere i conflitti) 6I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

7 Bisogna circoscrivere ! Come lo determini ? interpretazione delle competenze come atti della persona in contesto reale Come lo accerti ? prove valide relative a un costrutto definito Come lo misuri ? richiede livelli crescenti, non solo sì/no 7I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

8 8 sapere, saper fare, saper essere: il declino dei contenuti il sapere (conoscenze codificate, attinenti a discipline per le quali esistono comunità di studiosi e di esperti) il saper fare (conoscenza operativa e procedurale, abilità pratiche, esperienza professionale specifica, capacità di gestione dei problemi che si incontrano nella prassi lavorativa) il saper essere (capacità di comprendere il contesto in cui si opera, di gestire le interazioni con gli altri attori sociali presenti nel contesto, di adottare i comportamenti appropriati) I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

9 9 Non bisogna ridurre ! Conoscenze come dati statici, concetto contrastato dal modello cognitivista incentrato sui processi mentali dellapprendente (imparare ad imparare) Tecnicismo: modello ISFOL incentrato su mansioni pratiche e competenze applicative Genericismo: centrato sulle attitudini del cittadino (valori, educazioni) e i contesti reali I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

10 10 Quadro europeo delle qualifiche Definizioni QEQ 2007 Conoscenze: indicano il risultato dellassimilazione di informazioni attraverso lapprendimento. Le conoscenze sono linsieme di fatti, principi, teorie e pratiche, relative a un settore di studio o di lavoro. Le conoscenze sono descritte come teoriche o pratiche. (non è contenuti) 10I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

11 11 Definizioni QEQ 2007 Abilità: indicano la capacità di applicare conoscenze e di usare know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi. Le abilità sono descritte come cognitive (uso del pensiero logico, intuitivo o creativo), e pratiche (che implicano labilità manuale e luso di metodi, materiali, strumenti) (non è solo manuale) 11I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

12 12 Definizioni QEQ 2007 Competenza: comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termini di responsabilità e autonomia. 12I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

13 La grafica non aiuta: non cè corrispondenza biunivoca ! competenzeabilitàconoscenze Interazione orale Comprensione di testi scritti Produzione di testi scritti 13I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

14 14 Contributo prove OCSE PISA (strumenti di De.Se.Co) Quadro di riferimento: costrutti unidimensionali – cosa si intende per lettura, quali processi coinvolge Graduazione: descrizione di livelli di difficoltà necessaria per misurare (5 o 6 livelli) correlato… … con compiti precisi collegati alla competenza (, operazionalizzazione, ambiti della variabile da misurare) Limite: non cè un nesso evidente con le materie scolastiche I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

15 15 Un pregiudizio: solo quiz ? I nostri non rispondono alle domande aperte (motivare, dire come ci si è arrivati) Vanno in crisi su domande in cui è richiesta capacità di inferenza e di collegamento, combinazione di più criteri, … Il nemico non è il nozionismo ma la routine, il compito meccanico I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

16 16I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

17 I quadri di riferimento per la comprensione dimensioni (cosa si misura) sottodimensioni (da cosa è composto) processi (quali compiti richiede) livelli (quanto può essere difficile) 17I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

18 18I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

19 19 Risultati in scienze (livelli) in PISA 2006 Questi studenti sanno sistematicamente identificare, spiegare e applicare le conoscenze scientifiche; collegano informazioni provenienti da differenti fonti e usano questi dati per giustificare le loro decisioni; dimostrano di saper utilizzare un approccio scientifico nellanalisi di situazioni nuove e non familiari … Questi studenti confondono spesso gli elementi chiave di uninvestigazione scientifica, usano informazioni sbagliate, mescolano fatti e opinioni personali per supportare la loro posizione … I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

20 Percentuale degli studenti a ciascun livello della scala complessiva di lettura, in Italia (2006) < livello 1: 11,4% (media OCSE 7,4) livello 1: 15,0% (media OCSE 12,7) livello 2: 24,5% (media OCSE 22,7) livello 3: 26,4% (media OCSE 27,8) livello 4: 17,5% (media OCSE 20,7) livello 5: 5,2% (media OCSE 8,6) Punteggio in lettura per livelli: 20I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

21 Definizione di literacy PISA La Reading Literacy è stata definita come … … la comprensione e lutilizzazione di testi scritti e la riflessione su di essi al fine di raggiungere i propri obiettivi, sviluppare le proprie conoscenze e potenzialità e svolgere un ruolo attivo nella società. La Mathematics Literacy è stata definita come … … la capacità di un individuo di individuare e comprendere il ruolo che la matematica gioca nel mondo reale, di operare valutazioni fondate e di utilizzare la matematica e confrontarsi con essa in modi che rispondono alle esigenze della vita di quellindividuo in quanto cittadino impegnato, che riflette e che esercita un ruolo costruttivo. 21I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

22 Definizione di literacy PISA Per Scientific Literacy di un individuo PISA intende: linsieme delle sue conoscenze scientifiche e luso di tali conoscenze per identificare domande scientifiche, per acquisire nuove conoscenze, per spiegare fenomeni scientifici e per trarre conclusioni basate sui fatti riguardo a questioni di carattere scientifico; la sua comprensione degli aspetti distintivi della scienza intesa come forma di sapere e di indagine propria degli esseri umani; la sua consapevolezza di come scienza e tecnologia plasmino il nostro ambiente materiale, intellettuale e culturale; la sua volontà di confrontarsi con le questioni legate alle scienze e con le idee della scienza da cittadino che riflette. 22I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

23 Costanti dei tre framework Situazioni : privata-pubblica, lavorativa-scientifica, … Problemi-contesti di vita reale Processi e abilità richieste attivati dal compito Diversi livelli di difficoltà degli item 23I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

24 Processi di matematizzazione RIPRODUZIONE (quesiti abbastanza familiari) riprodurre procedure di routine seguendo precise indicazioni; rispondere a domande che riguardano un contesto a lui familiare, nelle quali sono fornite tutte le informazioni pertinenti; applicare algoritmi standard; risolvere problemi familiari; eseguire calcoli elementari; manipolare espressioni che contengono simboli o formule presentati in forma standard e familiare. CONNESSIONI (problemi che non sono di routine, ma che si riferiscono comunque sempre ad ambiti familiari o semi-familiari) saper fare collegamenti tra diverse rappresentazioni di una determinata situazione; applicare semplici strategie per la risoluzione di problemi; elaborare brevi comunicazioni per esporre le proprie interpretazioni, i propri risultati, i propri ragionamenti; saper mettere in connessione elementi che fanno parte dei diversi filoni curricolari (algebra, geometria, statistica ecc.); saper risolvere problemi utilizzando non solo procedure standard, ma anche processi originali di problem solving che uniscono diversi metodi di rappresentazione e comunicazione (schemi, tabelle, grafici, parole o figure). RIFLESSIONE selezionare, comparare e valutare strategie appropriate per risolvere problemi; saper sviluppare strategie, utilizzando abilità logiche e di ragionamento ben sviluppate; applicare tali strategie affrontando ambiti problematici più complessi e meno familiari rispetto ai livelli precedenti; saper collegare rappresentazioni matematiche formali a situazioni del mondo reale; esporre e comunicare con precisione le proprie azioni e riflessioni, collegando i risultati raggiunti; saper argomentare e giustificare i risultati ottenuti. 24I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

25 I 6 livelli di competenza Livello 1Livello 3Livello 6 Lo studente è in grado di rispondere a domande che riguardino contesti loro familiari, nelle quali siano fornite tutte le informazioni pertinenti e sia chiaramente definito il quesito; eseguire procedure descritte chiaramente, comprese quelle che richiedono decisioni in sequenza; concettualizzare, generalizzare e utilizzare informazioni basate su una propria analisi e modellizzazione di situazioni problematiche complesse; individuare informazioni e mettere in atto procedimenti di routine allinterno di situazioni esplicitamente definite e seguendo precise indicazioni; interpretare e utilizzare rappresentazioni basate su informazioni provenienti da fonti differenti e ragionare direttamente a partire da esse; collegare fra loro diverse fonti dinformazione e rappresentazioni passando dalluna allaltra in maniera flessibile; compiere azioni ovvie che procedano direttamente dallo stimolo fornito. elaborare brevi comunicazioni per esporre le proprie interpretazioni, i propri risultati e i propri ragionamenti. esporre e comunicare con precisione le proprie azioni e riflessioni collegando i risultati raggiunti e le interpretazioni alla situazione nuova che si trovano ad affrontare. 25I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

26 Le competenze scientifiche INDIVIDUARE QUESTIONI DI CARATTERE SCIENTIFICO Riconoscere questioni che possono essere indagate in modo scientifico. Individuare le parole chiave che occorrono per cercare informazioni scientifiche. Riconoscere le caratteristiche salienti della ricerca scientifica DARE UNA SPIEGAZIONE SCIENTIFICA DEI FENOMENI Applicare conoscenze scientifiche in una situazione data Descrivere e interpretare scientificamente fenomeni e predire cambiamenti Individuare descrizioni, spiegazioni e previsioni appropriate USARE PROVE BASATE SU DATI SCIENTIFICI Interpretare dati scientifici e prendere e comunicare decisioni Individuare i presupposti, gli elementi di prova e il ragionamento che giustificano determinate conclusioni Riflettere sulle implicazioni sociali degli sviluppi della scienza e della tecnologia 26I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

27 27I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

28 28 LETTURA La reading literacy di PISA è la capacità di interagire con linformazione scritta per continuare ad apprendere e per esercitare una cittadinanza attiva Per la lettura PISA valuta la capacità di ricostruire il significato di un testo, di espanderlo e di comunicare le proprie riflessioni su di esso Lo strumento di valutazione della lettura include unampia gamma di testi e i quesiti sono incentrati su diversi aspetti della lettura in relazione a un preciso modello concettuale Le prove sono costituite da quesiti sia chiusi sia aperti di diversi gradi di difficoltà I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

29 29 I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

30 30 SottodimensioniConsegna e processi implicatiCompiti [Parti specifiche di testo] Individuare linformazione Richiede una lettura selettiva cioè di percorrere il testo per cercare, localizzare e selezionare linformazione richiesta Individuare elementi, individuare informazioni che si presentano anche come sinonimi distinguendo magari fra informazioni simili [Relazioni entro il testo] [intero testo] Comprendere globalmente il testo [parti di testo] Sviluppare uninterpretazione Richiede di stabilire una gerarchia tra le idee e di scegliere la più generale Distinguere fra idea essenziale e dettagli minori, riconoscere la sintesi del tema generale in una frase o in un titolo Richiede di capire la logica del testo, i passaggi interni Paragonare e confrontare informazioni, fare inferenze sui nessi fra le informazioni, capire le intenzioni dellautore dagli elementi pertinenti [conoscenze esterne] Riflettere sul contenuto del testo Riflettere sulla forma del testo Richiede di paragonare il testo con lextra- testo: proprie conoscenze, altri testi forniti, regole morali o estetiche, propri punti di vista Fornire argomenti o prove, valutare la pertinenza delle informazioni Richiede di considerare, rispetto a struttura, genere letterario, registro,… la qualità e la pertinenza del testo Sfumature di linguaggio, utilità del testo per uno scopo, valutazione delle tecniche testuali utilizzate o dello stile 30I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

31 31I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

32 32I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

33 33I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

34 Dalla bozza sulla certificazione LIVELLO BASE: lo studente svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze ed abilit à essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali Nel caso in cui non sia stato raggiunto il livello base, è riportata l espressione livello base non raggiunto, con l indicazione della relativa motivazione LIVELLO INTERMEDIO: lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilit à acquisite LIVELLO AVANZATO: lo studente svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nell uso delle conoscenze e delle abilit à. Es. proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli 34I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

35 Differenza PISA / INValSI PISA: laspetto linguistico viene sottolineato di meno, mentre prevale laspetto cognitivo dei processi del lettore di fronte al testo, basati sugli scopi (farsi unidea generale, cercare informazioni, ricavare la struttura concettuale, interagire con i contenuti, …) INValSI: la comprensione del testo scritto è uno dei tre ambiti della padronanza linguistica e comprende il livello testuale, ma anche la comprensione a livello lessicale e morfosintattico 35 I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

36 Quadro INValSI 36 I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

37 37 I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

38 38 I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

39 39 I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

40 40 I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

41 Parte seconda La competenza cresce attraverso un percorso costruito su materie scolastiche (dalle tre colonne al curricolo !!)

42 42 Contesto italiano: attenzione ! ostacolano lassunzione di questo punto di vista: socializzazione (/ risultati) valutazione formativa (/ certificazione) obiettivi minimi / (tutto larco dei livelli di difficoltà) progetti e costruzione dal basso del percorso (/ saperi- base o core curriculum) conoscenze che non promuovono risultati-base per tutti, livelli accertati e certificabili, flessibilità svalutazione delle conoscenze (terza parte) I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

43 43 Le materie scolastiche come contenitori di contenuti: lindice del libro di testo – lordine del curricolo è accademico enciclopedismo: da cui il falso problema di cosa tagliare ? (il canone) di discorsi sulle cose (dalla teoria alla applicazione) – tanti libri, a prescindere dallo scopo Sapere opaco: non come paradigma per risolvere problemi specifici I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

44 44 Svalutazioni separazione natura / cultura (sovrastruttura) cultura generalista disinteressata divisione ideologica fra cultura critico-generalista e pratico-strumentale il generalismo a tutti (uguaglianza sociale) Modello cognitivista incentrato sui processi mentali (oggetto: lapprendente) Cultura come mezzo di sopravvivenza per inferiori biologici: dallago e filo al modello matematico (E. Rigotti, Conoscenza e significato. Per una didattica responsabile, Mondadori Università 2009) I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

45 45 Potere del modello teorico Traduce la realtà in teoria (la torta e le frazioni) Permette di operare in absentia e di prevedere i fenomeni (dalla funzione al semaforo) Utilizza strumenti adeguati alloggetto: categorie specifiche Permette di non confondere mezzi e fini (es. della scheda di analisi testuale) Tiene insieme i particolari e li riconduce ad unità I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

46 46 La disciplina ha una propria domanda, un proprio metodo: questo significa che è parziale nasce come risposta ad una provocazione della realtà implica una disciplina, nel senso di un disciplinarsi attraverso una categorialità (lalbero per il giardiniere, il biologo, il commerciante di frutta, il poeta, il proprietario della villa, …) è diversa dallapproccio non educato (cfr bambini selvaggi) I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

47 47 Ricondurre a un orizzonte conoscenza riguarda la domanda qualcosa che vale la pena conoscere, anzi è indispensabile a certi fini capacità/abilità centra con il compito qualcosa che mette in movimento in modo consapevole di fronte a una realtà precisa competenza centra con lo scopo qualcosa per cui ci si impegna con la realtà = implica fattori non scolastici ma educativi I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

48 48 Le attività scolastiche come percorso finalizzato aver tradotto per 5 anni come educazione della capacità di inferenza aver dimostrato teoremi per 5 anni come percorso allargomentazione aver confrontato sistemi filosofici per 5 anni come strada alla problematizzazione aver risolto problemi per 5 anni come strada alla verifica dei presupposti etc… I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

49 Bozza profilo in uscita I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché egli si ponga, con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico, di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi, ed acquisisca conoscenze, abilità e competenze sia adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore, allinserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, sia coerenti con le capacità e le scelte personali. (art. 2 comma 2 Bozza regolamento recante Revisione dellassetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei). 49I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

50 50 strumenti culturali e metodologici di un percorso scolastico: -il profilo in uscita specifico (es. liceo / tecnico); -il contributo delle varie materie allinsieme di ogni materia: -capire la domanda specifica e la categorialità, -le procedure e gli strumenti (metodi), -il contributo di quella materia al profilo I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

51 51 Padronanza: le domande clou Chi è padrone della materia, cosa sa fare ? Griglie di correzione e valutazione Livelli minimo>massimo (descrizione del compito) Quadri di riferimento Quando glielho insegnato? Facendo cosa ? Passi intermedi in ordine di difficoltà Compiti specifici (test fattoriali) I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

52 52 La competenza-base: argomentare COSA la costruzione del discorso può essere: pertinente / ridondante / collegato allinterno o allesterno assemblato / strutturato gerarchicamente frammentario / lineare / articolato / logicamente fondato sommativo / proporzionato COME Ragionare a scuola: la spiegazione Ragionare a scuola: la dimostrazione Le procedure e i passaggi per arrivare al risultato (recupero della metacognizione) Dialogare sul compito: il laboratorio in classe I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

53 53 La competenza-base: saper studiare, esprimersi La conoscenza può essere: lacunosa / ampia / esauriente approssimativa / puntuale generico / analitico ridondante / sintetico … Il linguaggio può essere: approssimativo / preciso sintatticamente povero / articolato generico / tecnico … I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

54 54 La competenza-base: scrivere In un tema: tipo di ordine scelto: assenza di ripetizioni o deviazioni, rimandi interni funzionali, … controllo della successione tematica, articolazione dei movimenti testuali / stile zigzagante, asimmetrie, … uso di coordinate / subordinate complesse, periodi completi / incompleti, coreferenze interne, … indicazione / non indicazione di problemi connessi, affermazioni dimostrate / non dimostrate, … Non in termine di ERRORE ma di LIVELLO = dare le ragioni di un 8 o di un 4 I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo

55 La griglia Invalsi per lo scritto Dimensione testuale Progressione, consegna, registro… Dimensione morfosintattica Variabilità, punteggiatura, … Dimensione lessicale e semantica Profondità, uso di temi e modi, … Dimensione ideativa Idea di fondo, …> dalla griglia alla didattica ! 55I d'arte Bellisario - Branco o comunità? strategie di civiltà - Daniela Notarbartolo


Scaricare ppt "COMPETENZE CAPACITA E CONOSCENZE Pescara 25 gennaio 2010 Daniela Notarbartolo Educazione è il punto in cui si decide se amiamo abbastanza il mondo per."

Presentazioni simili


Annunci Google