La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Quadro di riferimento INValSI per le Prove di Valutazione in Scienze I livelli di competenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Quadro di riferimento INValSI per le Prove di Valutazione in Scienze I livelli di competenza."— Transcript della presentazione:

1 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Quadro di riferimento INValSI per le Prove di Valutazione in Scienze I livelli di competenza

2 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Con lespressione scienze si intendono le scienze sperimentali della natura (dalla fisica, alla chimica alla biologia) ossia quelle discipline che, pur con diversi approcci, studiano il mondo naturale.

3 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 La valutazione di sistema ha lo scopo di misurare gli apprendimenti relativi ad alcuni - ben identificati – concetti fondamentali acquisiti ai diversi livelli di scolarità.

4 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 La logica con cui costruire le tappe di un percorso di apprendimento delle scienze non è lineare, ma ricorsiva. Ad ogni livello scolare cambia il punto di vista il contesto di significato. In questo modo ogni studente può compiere i passi necessari per arrivare a una comprensione maggiore dei fenomeni e della loro complessità.

5 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Ricorsività è un ritorno sui contenuti: dettagliando (anche a livelli di organizzazione diversa) ampliando il contesto approfondendo il significato identificando relazioni anche complesse. Sono diversi, infatti, i livelli di approfondimento di un certo argomento, anche solo nei punti chiave relativi alla comprensione (letterale, del significato, delle applicazioni).

6 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Con la logica della ricorsività, si rileva la capacità di ragionamento ai diversi livelli di scolarità. La prova di scienze vuole, infatti, indagare la conoscenza della disciplina come frutto di riflessione critica e non di apprendimento mnemonico.

7 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Tra le conoscenze (contenuti da mettere alla prova, riferibili alle diverse aree disciplinari presenti negli OSA) e le abilità che sono necessarie per acquisire i contenuti, vi è una forte relazione per comprenderne il significato (quindi le relazioni e il contesto), per comprenderne le possibili applicazioni.

8 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Le prove di scienze sono centrate su concetti fondamentali delle scienze sperimentali della natura relativi a cinque ambiti disciplinari: fisica, chimica, biologia, scienze della Terra, scienze dellambiente che si articolano in diversi livelli per temi.

9 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Nella tabella seguente si nota come abilità fondamentali del fare scienza - e quindi dellapprendimento scientifico - si dettagliano e diventano via via più complesse man mano che si sale nellordine scolastico.

10 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Scuola primaria: classe II Scuola primaria: classe IV Scuola sec. di I grado: classe I Scuola sec. di II grado: classe I Scuola sec. II grado: classe III Osservare esplorare attraverso i sensi discriminare tra vivente e non vivente Osservare descrivere: raccogliere dati riflettere su indizi riconoscere caratteristiche specifiche di un fenomeno Osservare riconoscere fenomeni di natura diversa Classificare ordinare stabilire relazioni Classificare ordinare (in sequenze temporali e/o logiche) stabilire relazioni in base a caratteristiche specifiche confrontare in termini qualitativi e/o quantitativi Classificare ordinare (in sequenze temporali e/o logiche, in termini quantitativi) stabilire relazioni riconoscere caratteristiche specifiche Classificare ordinare (in sequenze temporali e/o logiche) riconoscere caratteristiche specifiche

11 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Una nota particolare, significativa per le prove di scienze, riguarda labilità osservare. In effetti nelle prove non è richiesta losservazione ma il riconoscere elementi nella descrizione dellosservazione effettuata da altri.

12 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Vengono, pertanto, richieste agli studenti labilità di astrazione, labilità di immaginazione … Abilità semplici se, fino a quel momento, nella loro vita quotidiana, gli studenti hanno avuto modo di osservare il fenomeno in questione.

13 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Alle abilità fondamentali, si aggiunge lutilizzo di linguaggi disciplinari specifici.

14 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Scuola primaria: classe II Scuola primaria: classe IV Scuola sec. di I grado: classe I Scuola sec. di II grado: classe I Scuola sec. di II grado: classe III Linguaggi specifici Leggere e comprendere un breve testo scientifico, usando termini del lessico specifico Leggere il linguaggio grafico Linguaggi specifici Utilizzare il linguaggio matematico Calcolare, quantificare (unità di misura, strumenti di misura), confrontare Leggere tabelle, leggere grafici, leggere ed eseguire disegni in scala Interpretare dati empirici e/o sperimentali Risolvere situazioni problematiche mediante concetti disciplinari Leggere e comprendere un breve testo scientifico Linguaggi specifici Utilizzare il linguaggio matematico Calcolare, quantificare (unità di misura, strumenti di misura), confrontare Leggere tabelle, leggere grafici, leggere ed eseguire disegni in scala Interpretare dati sperimentali Risolvere situazioni problematiche in termini qualitativi utilizzando concetti di diverse discipline, in termini quantitativi utilizzando modellizzazioni matematiche Leggere e comprendere un testo scientifico

15 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Le prove di scienze - fisica, chimica, biologia, scienze della Terra, scienze dellambiente - si articolano, nei diversi livelli, secondo i seguenti temi: Scuola primaria: classe II Scuola primaria: classe IV Scuola sec. di I grado: classe I Scuola sec. di II grado: classe I - classe III Elementi di metodo sperimentale Viventi/Non viventi Uomo/Ambiente Elementi di metodo sperimentale Viventi/Non viventi Uomo/Ambiente Trasformazioni Elementi di metodo sperimentale Biologia Chimica Fisica Scienze della Terra Scienze dellambiente

16 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 I temi identificati hanno carattere trasversale nella scuola primaria e nella scuola secondaria di I grado, mentre sono esplicitamente riferiti alle singole discipline a livello della secondaria di II grado. In tutti i livelli è identificato anche il tema elementi di metodo sperimentale che - riferito a discipline diverse – intende verificare lacquisizione di strumenti metodologici tipici della scienza.

17 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Tutte le scienze sperimentali privilegiano lapproccio ai contenuti attraverso una metodologia laboratoriale che vede lo studente costruttore delle proprie conoscenze. La valenza didattica di una modalità interattiva, di tipo esperenziale che coinvolge in prima persona chi si approssima ad apprendere, qualunque sia il livello di scolarità, non trova collocazione nelle prove di scienze.

18 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 I livelli di competenza

19 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Competenza : combinazione di conoscenze, abilità e attitudini appropriate al contesto. Le competenze chiave sono quelle di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, linclusione sociale e loccupazione. (Raccomandazione europea 16/12/06)

20 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Gli assi culturali strategici: 1.lasse dei linguaggi; 2.lasse matematico; 3.lasse scientifico-tecnologico; 4. lasse storico-sociale.

21 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Le competenze trasversali : 1.imparare ad imparare, 2.progettare, 3.comunicare, 4. collaborare e partecipare, 5.risolvere problemi, 6.individuare collegamenti e relazioni, 7.acquisire ed interpretare linformazione

22 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Gli assi culturali strategici e le competenze trasversali si intrecciano e danno luogo alle competenze chiave per la cittadinanza attiva, richiamate dalla Raccomandazione europea

23 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Le Prove di Valutazione in Scienze e lasse scientifico-tecnologico Il metodo scientifico, proprio delle discipline sperimentali, deve diventare il fondamento didattico nella costruzione dei contenuti dei diversi saperi, così come lasse dei linguaggi deve improntare di sé lintero percorso di apprendimento.

24 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Lasse scientifico-tecnologico comprende competenze di tipo cognitivo e di tipo operativo, che hanno lobiettivo di indagare e spiegare il mondo che ci circonda basandosi sui fatti ed utilizzando strategie dindagine, procedure sperimentali e linguaggi specifici, di utilizzare conoscenze e metodologie scientifiche per trasformare la realtà dando risposta a problemi concreti.

25 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 E importante che lo studente, nel suo percorso di apprendimento, acquisisca la capacità di analizzare un fenomeno di genere diverso (fisico, chimico, biologico … ) considerando ciò come elemento fondante dellinterpretazione della realtà. Le capacità di comprendere e di rappresentare si fondano necessariamente sulla comprensione e sulluso essenziale dei linguaggi specifici.

26 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Le discipline sono attraversate da competenze comuni che possono essere acquisite con lutilizzo di contenuti specifici: Possedere abilità necessarie alla costruzione e allinterpretazione di testi, orali e scritti sviluppare e applicare le procedure che consentono di esprimere e risolvere le situazioni problematiche attraverso linguaggi formalizzati

27 Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Comprendere ed esprimere informazioni quantitative, risolvere e porsi problemi, progettare e costruire modelli di situazioni reali Percepire gli eventi nella loro dimensione temporale ma anche spaziale Applicare il metodo sperimentale negli specifici ambiti disciplinari, non solo scientifici


Scaricare ppt "Teresa Manfredi e Rosarita Rota Seminario del 9 maggio 2007 Quadro di riferimento INValSI per le Prove di Valutazione in Scienze I livelli di competenza."

Presentazioni simili


Annunci Google