La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1996-2002 Capitolo 2: IL MODELLO RELAZIONALE 24/09/2002.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1996-2002 Capitolo 2: IL MODELLO RELAZIONALE 24/09/2002."— Transcript della presentazione:

1 Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, Capitolo 2: IL MODELLO RELAZIONALE 24/09/2002

2 Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 2 I modelli logici dei dati Tre modelli logici tradizionali gerarchico reticolare relazionale Più recente (e poco diffuso) a oggetti

3 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 3 Modelli logici, caratteristiche Gerarchico e reticolare utilizzano riferimenti espliciti (puntatori) fra record Relazionale "è basato su valori" anche i riferimenti fra dati in strutture (relazioni) diverse sono rappresentati per mezzo dei valori stessi

4 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 4 Il modello relazionale Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire lindipendenza dei dati Disponibile in DBMS reali nel 1981 (non è facile implementare lindipendenza con efficienza e affidabilità!) Si basa sul concetto matematico di relazione (con una variante) Le relazioni hanno naturale rappresentazione per mezzo di tabelle

5 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 5 Relazione: tre accezioni relazione matematica: come nella teoria degli insiemi relazione (dallinglese relationship) che rappresenta una classe di fatti, nel modello Entity-Relationship; tradotto anche con associazione o correlazione relazione secondo il modello relazionale dei dati

6 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 6 Relazione matematica D 1, …, D n (n insiemi anche non distinti) prodotto cartesiano D 1 ×…×D n : linsieme di tutte le n-uple (d 1, …, d n ) tali che d 1 D 1, …, d n D n relazione matematica su D 1, …, D n : un sottoinsieme di D 1 ×…×D n. D 1, …, D n sono i domini della relazione

7 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 7 Relazione matematica, esempio una relazione r D 1 × D 2 a a a b b b x y z x y z a a b x z y D 1 ={a,b} D 2 ={x,y,z} prodotto cartesiano D 1 × D 2

8 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 8 Relazione matematica, proprietà una relazione matematica è un insieme di n-uple ordinate: (d 1, …, d n ) tali che d 1 D 1, …, d n D n una relazione è un insieme; quindi: non c'è ordinamento fra le n-uple le n-uple sono distinte ciascuna n-upla è ordinata: l i-esimo valore proviene dall i-esimo dominio

9 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 9 Relazione matematica, esempio Ciascuno dei domini ha due ruoli diversi, distinguibili attraverso la posizione: La struttura è posizionale Juve Lazio Juve Roma Lazio Milan Roma Milan Partite string × string × int × int

10 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 10 Struttura non posizionale Juve Lazio Juve Roma Lazio Milan Roma Milan A ciascun dominio si associa un nome (attributo), che ne descrive il "ruolo" RetiCasaRetiFuoriCasaFuori

11 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 11 Tabelle e relazioni Una tabella rappresenta una relazione se i valori di ogni colonna sono fra loro omogenei le righe sono diverse fra loro le intestazioni delle colonne sono diverse tra loro In una tabella che rappresenta una relazione lordinamento tra le righe è irrilevante lordinamento tra le colonne è irrilevante

12 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 12 Il modello è basato su valori i riferimenti fra dati in relazioni diverse sono rappresentati per mezzo di valori dei domini che compaiono nelle ennuple

13 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 13 MatricolaCognomeNomeData di nascita 6554RossiMario05/12/ NeriPaolo03/11/ RossiMaria01/02/ VerdiLuisa12/11/1979 studentiCodiceTitoloDocente 01AnalisiMario 02ChimicaBruni 04ChimicaVerdi corsi StudenteVotoCorso esami

14 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 14 MatricolaCognomeNomeData di nascita 6554RossiMario05/12/ NeriPaolo03/11/ RossiMaria01/02/ VerdiLuisa12/11/1979 studentiCodiceTitoloDocente 01AnalisiMario 02ChimicaBruni 04ChimicaVerdi corsi StudenteVotoCorso esami 26

15 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 15 Struttura basata su valori: vantaggi indipendenza dalle strutture fisiche (si potrebbe avere anche con puntatori di alto livello) che possono cambiare dinamicamente si rappresenta solo ciò che è rilevante dal punto di vista dellapplicazione lutente finale vede gli stessi dati dei programmatori i dati sono portabili piu' facilmente da un sistema ad un altro i puntatori sono direzionali

16 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 16 Definizioni Schema di relazione: un nome R con un insieme di attributi A 1,..., A n : R(A 1,..., A n ) Schema di base di dati: insieme di schemi di relazione: R = {R 1 (X 1 ),..., R k (X k )}

17 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 17 Definizioni, 2 Una ennupla su un insieme di attributi X è una funzione che associa a ciascun attributo A in X un valore del dominio di A t[A] denota il valore della ennupla t sull'attributo A

18 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 18 Definizioni, 3 (Istanza di) relazione su uno schema R(X): insieme r di ennuple su X (Istanza di) base di dati su uno schema R= {R 1 (X 1 ),..., R n (X n ) : insieme di relazioni r = {r 1,..., r n } (con r i relazione su R i )

19 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 19 Relazioni su singoli attributi MatricolaCognomeNomeData di nascita 6554RossiMario05/12/ NeriPaolo03/11/ RossiMaria01/02/ VerdiLuisa12/11/1979 studenti Matricola studenti lavoratori

20 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 20 Strutture nidificate Da Filippo Via Roma 2, Roma Ricevuta Fiscale 1235 del 12/10/2000 3Coperti3,00 2Bistecche18,00 3Primi12,00 2Antipasti6,20 Totale39,20 Da Filippo Via Roma 2, Roma Ricevuta Fiscale 1240 del 13/10/2000 2Coperti2,00 2Orate20,00 2Primi8,00 2Antipasti7,00 2Caffè2,00 Totale39,00

21 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 21 Relazioni che rappresentano strutture nidificate Coperti3,00 2Bistecche18,00 3Primi12,00 2Antipasti6,20 39,2012/10/2000 NumeroTotaleData ,0013/10/2000 Ricevute Dettaglio QtàDescrizioneImporto 1235 Numero Coperti2,00 …………

22 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 22 Strutture nidifcate, riflessione Abbiamo rappresentato veramente tutti gli aspetti delle ricevute? Dipende da che cosa ci interessa! l'ordine delle righe e' rilevante? possono esistere linee ripetute in una ricevuta? Sono possibili rappresentazioni diverse

23 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 23 Rappresentazione alternativa per strutture nidificate Coperti3,00 2Bistecche18,00 3Primi12,00 2Antipasti6,20 39,2012/10/2000 NumeroTotaleData ,0013/10/2000 Ricevute Dettaglio QtàDescrizioneImporto 1235 Numero Coperti2,00 ………… Riga 1 …

24 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 24 Informazione incompleta ll modello relazionale impone ai dati una struttura rigida: le informazioni sono rappresentate per mezzo di ennuple solo alcuni formati di ennuple sono ammessi: quelli che corrispondono agli schemi di relazione I dati disponibili possono non corrispondere al formato previsto

25 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 25 Informazione incompleta: motivazioni FranklinRooseveltDelano NomeCognomeSecondoNome WinstonChurchill CharlesDe Gaulle JosipStalin

26 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 26 Informazione incompleta: soluzioni? non conviene (anche se spesso si fa) usare valori del dominio (0, stringa nulla, 99,...): potrebbero non esistere valori non utilizzati valori non utilizzati potrebbero diventare significativi in fase di utilizzo (nei programmi) sarebbe necessario ogni volta tener conto del significato di questi valori

27 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 27 Informazione incompleta nel modello relazionale Tecnica rudimentale ma efficace: valore nullo: denota lassenza di un valore del dominio (e non è un valore del dominio) t[A], per ogni attributo A, è un valore del dominio dom(A) oppure il valore nullo NULL Si possono (e debbono) imporre restrizioni sulla presenza di valori nulli

28 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 28 MatricolaCognomeNomeData di nascita 6554RossiMario05/12/1978 NULLRossiMaria01/02/ VerdiLuisa12/11/1979 studenti CodiceTitoloDocente 01AnalisiMario 02NULL 04ChimicaVerdi corsi StudenteVotoCorso NULL30NULL esami Troppi valori nulli

29 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 29 Tipi di valore nullo (almeno) tre casi differenti valore sconosciuto valore inesistente valore senza informazione I DBMS non distinguono i tipi di valore nullo

30 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 30 Vincoli di integrità Esistono istanze di basi di dati che, pur sintatticamente corrette, non rappresentano informazioni possibili per lapplicazione di interesse

31 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 31 Una base di dati "scorretta" StudenteVotoLodeCorso e lode e lode Esami Matricola Cognome Rossi Neri Bianchi Nome Mario Piero Luca Studenti e lode

32 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 32 Vincolo di integrità Proprietà che deve essere soddisfatta dalle istanze che rappresentano informazioni corrette per lapplicazione Un vincolo è una funzione booleana (un predicato): associa ad ogni istanza il valore vero o falso

33 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 33 descrizione più accurata della realtà contributo alla qualità dei dati utili nella progettazione (vedremo) usati dai DBMS nella esecuzione delle interrogazioni Vincoli di integrità, perché?

34 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 34 Vincoli di integrità, nota non tutte le proprietà di interesse sono rappresentabili per mezzo di vincoli formulabili in modo esplicito

35 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 35 Tipi di vincoli vincoli intrarelazionali vincoli su valori (o di dominio) vincoli di ennupla vincoli interrelazionali

36 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 36 StudenteVotoLodeCorso e lode e lode Esami Matricola Cognome Rossi Neri Bianchi Nome Mario Piero Luca Studenti e lode

37 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 37 Vincoli di ennupla Esprimono condizioni sui valori di ciascuna ennupla, indipendentemente dalle altre ennuple Caso particolare: Vincoli di dominio: coinvolgono un solo attributo

38 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 38 Sintassi ed esempi Una possibile sintassi: espressione booleana di atomi che confrontano valori di attributo o espressioni aritmetiche su di essi (Voto 18) AND (Voto 30) (Voto = 30) OR NOT (Lode = "e lode")

39 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 39 Vincoli di ennupla, esempio Impiegato Rossi Neri Bruni Stipendi Lordo Netto Ritenute Lordo = (Ritenute + Netto)

40 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 40 Identificazione delle ennuple non ci sono due ennuple con lo stesso valore sullattributo Matricola non ci sono due ennuple uguali su tutti e tre gli attributi Cognome, Nome e Data di Nascita Matricola Nome Mario Piero Mario Mario Cognome Rossi Neri Rossi Piero Corso Ing Inf Ing Mecc Ing Inf Ing Mecc Nascita 5/12/78 10/7/79 3/11/76 5/12/78

41 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 41 Chiave insieme di attributi che identificano le ennuple di una relazione Formalmente: un insieme K di attributi è superchiave per r se r non contiene due ennuple distinte t 1 e t 2 con t 1 [K] = t 2 [K] K è chiave per r se è una superchiave minimale per r (cioè non contiene unaltra superchiave)

42 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 42 Una chiave Matricola è una chiave: è superchiave contiene un solo attributo e quindi è minimale Matricola Nome Mario Piero Mario Mario Cognome Rossi Neri Rossi Piero Corso Ing Inf Ing Mecc Ing Inf Ing Mecc Nascita 5/12/78 10/7/79 3/11/76 5/12/78

43 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 43 Cognome, Nome, Nascita è unaltra chiave: è superchiave minimale Matricola Nome Piero Mario Cognome Neri Mario Rossi Piero Corso Ing Inf Ing Mecc Ing Inf Ing Mecc Nascita 5/12/78 10/7/79 3/11/76 5/12/78 Mario Rossi 5/12/78 Rossi Mario 3/11/76 Mario Un'altra chiave

44 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 44 Non ci sono ennuple uguali su Cognome e Corso: Cognome e Corso formano una chiave Ma è sempre vero? Matricola Nome Mario Piero Mario Mario Cognome Rossi Neri Rossi Piero Corso Ing Inf Ing Mecc Ing Inf Ing Civile Ing Mecc Nascita 5/12/78 10/7/79 3/11/76 5/12/78 Un'altra chiave??

45 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 45 Vincoli, schemi e istanze i vincoli corrispondono a proprietà del mondo reale modellato dalla base di dati interessano a livello di schema (con riferimento cioè a tutte le istanze) ad uno schema associamo un insieme di vincoli e consideriamo corrette (valide, ammissibili) le istanze che soddisfano tutti i vincoli un'istanza può soddisfare altri vincoli (per caso)

46 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 46 chiavi: Matricola Cognome, Nome, Nascita MatricolaNomeCognomeCorsoNascita Studenti

47 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 47 È corretta: soddisfa i vincoli Ne soddisfa anche altri ("per caso"): Cognome, Corso è chiave Matricola Nome Mario Piero Mario Mario Cognome Rossi Neri Rossi Piero Corso Ing Inf Ing Mecc Ing Inf Ing Civile Ing Mecc Nascita 5/12/78 10/7/79 3/11/76 5/12/78

48 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 48 Esistenza delle chiavi Una relazione non può contenere ennuple distinte ma uguali Ogni relazione ha come superchiave linsieme degli attributi su cui è definita e quindi ha (almeno) una chiave

49 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 49 Importanza delle chiavi lesistenza delle chiavi garantisce laccessibilità a ciascun dato della base di dati le chiavi permettono di correlare i dati in relazioni diverse: il modello relazionale è basato su valori

50 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 50 Chiavi e valori nulli In presenza di valori nulli, i valori della chiave non permettono di identificare le ennuple di realizzare facilmente i riferimenti da altre relazioni

51 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 51 Matricola Nome Piero Mario87654 NULL Mario Cognome Neri Rossi NeriMario Corso Ing Mecc Ing Inf Ing Civile NULL Nascita NULL Mario NULL Ing Inf 5/12/78 10/7/79 NULL 3/11/76 5/12/78 Mario87654 NULL Neri Mario Ing Inf NULL 5/12/78 NULL Mario NULL Ing Inf 5/12/78 La presenza di valori nulli nelle chiavi deve essere limitata

52 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 52 Chiave primaria Chiave su cui non sono ammessi nulli Notazione: sottolineatura Matricola Nome Piero Mario Mario Cognome Neri Rossi NeriMario Corso Ing Mecc Ing Inf Ing Civile NULL Nascita 86765Mario NULL Ing Inf 5/12/78 10/7/79 NULL 3/11/76 5/12/78

53 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 53 informazioni in relazioni diverse sono correlate attraverso valori comuni in particolare, valori delle chiavi (primarie) le correlazioni debbono essere "coerenti" Integrità referenziale

54 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 54 Matricola Vigili Cognome Rossi Neri Nome Luca Piero Mario MoriGino7543 Infrazioni Codice Data 1/2/95 4/3/95 5/4/96 5/2/98 Vigile ProvNumero MI TO PR 39548K E

55 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 55 Auto ProvNumero MI TO PR 39548K E Cognome Rossi Neri Nome Mario Luca Infrazioni Codice Data 1/2/95 4/3/95 5/4/96 5/2/98 Vigile ProvNumero MI TO PR 39548K E MI TO PR 39548K E MI TO PR 39548K E

56 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 56 Un vincolo di integrità referenziale (foreign key) fra gli attributi X di una relazione R 1 e unaltra relazione R 2 impone ai valori su X in R 1 di comparire come valori della chiave primaria di R 2 Vincolo di integrità referenziale

57 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 57 vincoli di integrità referenziale fra: lattributo Vigile della relazione INFRAZIONI e la relazione VIGILI gli attributi Prov e Numero di INFRAZIONI e la relazione AUTO

58 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 58 Infrazioni Codice Data 1/2/95 4/3/95 5/4/96 5/2/98 Vigile ProvNumero MI TO PR 39548K E Auto ProvNumero MI TO PR E39548 F Cognome Rossi Neri Nome Mario Luca TOE39548 TO E39548 Violazione di vincolo di integrità referenziale

59 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 59 Vincoli di integrità referenziale: commenti Giocano un ruolo fondamentale nel concetto di modello basato su valori In presenza di valori nulli i vincoli possono essere resi meno restrittivi Sono possibili meccanismi per il supporto alla loro gestione ("azioni" compensative a seguito di violazioni) Attenzione ai vincoli su più attributi

60 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 60 Integrità referenziale e valori nulli Impiegati Matricola Cognome Rossi Neri Verdi Progetto IDEA XYZ NULL Progetti Codice IDEA BOH XYZ Inizio 01/ / /2001 Durata Costo BianchiIDEA

61 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 61 Azioni compensative Esempio: Viene eliminata una ennupla causando una violazione Comportamento standard: Rifiuto dell'operazione Azioni compensative: Eliminazione in cascata Introduzione di valori nulli

62 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 62 Eliminazione in cascata Impiegati Matricola Cognome Rossi Neri Verdi Progetto IDEA XYZ NULL 73032BianchiIDEA Progetti Codice IDEA BOH XYZ Inizio 01/ / /2001 Durata Costo XYZ07/ XYZ07/ XYZ07/ NeriXYZ

63 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 63 Introduzione di valori nulli Impiegati Matricola Cognome Rossi Neri Verdi Progetto IDEA XYZ NULL 73032BianchiIDEA Progetti Codice IDEA BOH XYZ Inizio 01/ / /2001 Durata Costo XYZ07/ XYZ07/ XYZ07/ NULL

64 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 64 Auto ProvNumero MI TO PR 39548K E Cognome Rossi Neri Nome Mario Luca Incidenti Codice Data 1/2/95 5/4/96 ProvBNumeroB MI TO 39548K E39548 ProvANumeroA TO PR E Vincoli multipli su più attributi

65 24/09/2002Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone, Basi di dati, Capitolo 2 65 Vincoli multipli su più attributi, 2 vincoli di integrità referenziale fra: gli attributi ProvA e NumeroA di INCIDENTI e la relazione AUTO gli attributi ProvB e NumeroB di INCIDENTI e la relazione AUTO L'ordine degli attributi è significativo


Scaricare ppt "Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1996-2002 Capitolo 2: IL MODELLO RELAZIONALE 24/09/2002."

Presentazioni simili


Annunci Google