La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cancellazione degli strumenti finanziari – Factoring, Securitization e Forfaiting Marco Venuti 2013 Risk and Accounting.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cancellazione degli strumenti finanziari – Factoring, Securitization e Forfaiting Marco Venuti 2013 Risk and Accounting."— Transcript della presentazione:

1 Cancellazione degli strumenti finanziari – Factoring, Securitization e Forfaiting Marco Venuti 2013 Risk and Accounting

2 Derecognition Pass through arrangement Clausole mitigazione del rischio Factoring Securitization Continuing Involvement Cancellazione dallattivo: riepilogo Agenda Pagina 2

3 3 Esistono due fattispecie che determinano la cancellazione degli asset in caso di trasferimento: trasferimento dei diritti allincasso dei flussi derivanti dalle attività finanziarie Nel caso di cessione di attività finanziarie con la stipula di un contratto di vendita, in base al quale il cessionario diviene il legittimo titolare del diritto di credito nei confronti del debitore DERECOGNITION

4 4 1. non sussiste obbligo a versare incassi non ricevuti dallasset originario. Eventuali anticipazioni effettuate a breve termine con il diritto a recuperarle con gli incassi ricevuti, aumentate degli interessi di mercato, non fa venire meno questa condizione; 2. è vietato vendere o costituire in garanzia lasset originario; 3. il cedente è obbligato a versare i flussi incassati senza alcun ritardo e non ha alcun diritto a investirli, ad eccezione degli investimenti in disponibilità liquide o equivalenti effettuati nel breve intervallo tra la data dellincasso e quella del versamento, a condizione che siano riconosciuti anche gli interessi maturati mantenimento in capo al cedente dei diritti allincasso dei flussi derivanti dallattività finanziaria, ma con uno o più obblighi a versare i detti flussi ad una o più società Affinchè si possa procedere alla derecognition devono essere soddisfatte le seguenti condizioni: pass-through arrangement DERECOGNITION

5 5 Da un punto di vista giuridico, il diritto di credito rimane in capo al cedente ma, in virtù degli accordi intervenuti con altri soggetti, tutti i flussi dellasset sono riconosciuti a questi ultimi, senza che lo stesso cedente assuma rischi o altri obblighi rispetto alle tre citate condizioni Pass-through arrangement Questo genere di accordo risulta estremamente importante proprio nelle operazioni di cartolarizzazione e in particolare nei rapporti tra il cessionario delle attività, che in Italia coincide quasi sempre con la società veicolo, e gli investitori, cioè gli acquirenti dei titoli A.B.S. emessi dallSPV (operazioni di cartolarizzazione) DERECOGNITION

6 6 Affinchè una cessione degli asset (con un formale contratto di vendita ovvero con un accordo pass-through) sia valida ai fini della derecognition, il soggetto cedente deve verificare se e in che misura continua ad essere esposto ai rischi e benefici dei diritti trasferiti se il trasferimento sostanziale o meno dei rischi e benefici non risulta in maniera evidente è necessario effettuare una verifica puntuale mettendo a confronto lesposizione del cedente ai rischi e benefici, prima e dopo il trasferimento, tenendo conto della variabilità nel tempo dei flussi di cassa dellasset ragionevolmente stimati ed attualizzandoli ad un appropriato tasso di mercato lesposizione alle variazioni nel valore attuale dei flussi futuri non è significativa nel tempo (es. opzione di riacquisto a fair value) il cedente ha trasferito in modo sostanziale i rischi ed i benefici lesposizione alle variazioni nel valore attuale dei flussi futuri non cambia in maniera significativa (es. opzione di riacquisto a prezzo prefissato) il cedente ha mantenuto i rischi e benefici DERECOGNITION

7 7 Per i crediti devono essere presi in considerazione tutti i rischi legati alla variabilità dei flussi e alla tempistica del loro incasso e, quindi, non solo le perdite attese ma anche altri elementi che possono influire sulle citate variabili, come ad esempio il rischio di estinzione anticipata per i mutui. Inoltre, nella valutazione dei flussi di cassa netti e dei relativi tempi di incasso occorre ponderare opportunamente tutte le possibili variabili, attribuendo peso maggiore a quelle che si potrebbero verificare con maggiore probabilità (vedi AG52). Individuazione dei principali fattori di rischio: rischio di credito rischio di ritardato pagamento rischio di estinzione anticipata rischio di tasso altri rischi (es. rischio di cambio). Trattamento dei crediti ceduti pro soluto in presenza di clausole di mitigazione del rischio

8 8 Natura: Contratto atipico Struttura operazione: Cessione crediti al factor dietro corrispettivo Servizi forniti dal factor: Il Factor in base al tipo di contratto può fornire 1) servizi di natura gestionale 2) servizi di natura finanziaria 3) servizi di natura lato sensu assicurativi Esempi di clausole di mitigazione del rischio in presenza di eventuali cessioni pro soluto: - franchigie - plafond (natura rotativa) - massimali Factoring

9 9 La cartolarizzazione dei crediti è unoperazione complessa, articolata in due fasi tra loro strettamente collegate. 1.Costituisce nucleo essenziale della prima fase la cessione di crediti dallimpresa finanziata (c.d. originator) ad una società specializzata appositamente costituita per lacquisto degli stessi. La cessione avviene, normalmente, pro soluto. 2.Elemento centrale della seconda fase è invece lemissione, da parte del cessionario (special purpose vehicle) o di unaltra società ad hoc (special purpose company), di titoli destinati ad essere remunerati e rimborsati grazie al rendimento e al realizzo degli attivi ceduti. Si tratta di titoli ad esigibilità limitata (limited recourse). A garanzia di questi titoli non vi è, infatti, lintero patrimonio dellemittente, bensì il flusso finanziario atteso dai crediti acquisiti. Cd. Titoli ABS La cartolarizzazione dei crediti

10 10 Vi possono essere varie forme di supporto di economico (cd. credit enhancement) Con linternal credit enhancement tende a permanere presso loriginator almeno una parte del rischio nei confronti dei debitori ceduti Non vi è derecognition ad es. nel caso in cui una società veicolo che, a fronte dei crediti acquisiti, emette tre tranches differenziate di titoli ABS (titoli junior, mezzanine e senior) e loriginator sottoscrive, per intero, la tranche di titoli su cui grava il rischio di prima perdita (cioè tutti i titoli juniori). Ora, se limporto dei titoli junior sottoscritti supera il probabile rischio di insolvenza dei crediti ceduti posti a garanzia dei titoli emessi, ne consegue che la posizione delloriginator, in termini di variabilità del valore attuale dei flussi finanziari netti derivanti dai crediti, non cambia in modo significativo per effetto del trasferimento. La cartolarizzazione dei crediti

11 Nel caso in cui il cedente non abbia né trasferito né mantenuto i rischi e benefici, allora dovrà verificare se possiede ancora il suo controllo Questa valutazione dovrà essere effettuata con riferimento alla concreta possibilità che il cessionario ha di vendere lattività acquistata. La concreta possibilità consiste nella facoltà che il cessionario ha di cedere gli asset con decisione unilaterale e nei confronti di un terzo indipendente. cancella gli asset dallattivo e rileva separatamente i diritti e gli obblighi sorti o trattenuti con il trasferimento continua a rilevare lasset per il suo continuing involvement se il cedente non ha più il controllo se il cedente ha mantenuto il controllo Disciplina contabile della cancellazione dei crediti dal bilancio

12 La quota di attività oggetto del continuing involvement deve continuare ad essere rilevata con il medesimo criterio con cui lo era prima della cessione La rilevazione riguarda la quota di attività per la quale il cedente continua ad essere esposto ai cambiamenti di valore dellasset trasferito Il cedente dovrà continuare a rilevare sia i proventi sia gli oneri relativi allasset non trasferito, compresi i decrementi di valore dovrà essere rilevato anche la passività che di fatto rappresenta lobbligazione di natura finanziaria ancora gravante sulla società per il mantenimento di tale parte di attività duplicazione contabile della quota di asset non trasferito per evidenza della garanzia Disciplina contabile della cancellazione dei crediti dal bilancio Continuing involvement duplicazione contabile della quota di asset non trasferito per evidenza della garanzia

13 13 Forfaiting Nozione: tecnica finanziaria di cui si avvalgono le società esportatrici per monetizzare, in modo rapido e sicuro, i propri crediti a medio e lungo termine. Struttura delloperazione: Cessione senza rivalsa ad un istituto finanziario (c.d. forfaiter) di effetti cambiari non ancora scaduti, derivanti da operazioni commerciali effettuate allestero, in cambio del pagamento immediato del corrispettivo pattuito. Corrispettivo Importo a forfait alla luce dei rischi e dei costi stimati per loperazione Forfaiting

14 14 Cancellazione strumenti finanziari Riepilogo Cessione del credito: pro soluto (senza nessun vincolo di garanzia) forfaiting E assimilata ad una true and unconditional sale: pertanto gli assets sono cancellati dal bilancio del cedente pro solvendoOccorre applicare le regole di derecognition ai fini della verifica del permanere del rischio ultimo a carico del cedente Contratti di factoring con clausole di mitigazione dei rischi Valutazione delle clausole di mitigazione dei rischi non legate al singolo credito ceduto CartolarizzazioneOccorre applicare le regole di derecognition ai fini delle verifiche previste dallo IAS: risk tests e, in caso di incertezza, control test.


Scaricare ppt "Cancellazione degli strumenti finanziari – Factoring, Securitization e Forfaiting Marco Venuti 2013 Risk and Accounting."

Presentazioni simili


Annunci Google