La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof.ssa Anna Romano Prof.ssa Anna Romano Cattedra di Diritto e Legislazione dei Lavori Pubblici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof.ssa Anna Romano Prof.ssa Anna Romano Cattedra di Diritto e Legislazione dei Lavori Pubblici."— Transcript della presentazione:

1 Prof.ssa Anna Romano Prof.ssa Anna Romano Cattedra di Diritto e Legislazione dei Lavori Pubblici

2 D.I.A. (ordinaria) Dichiarazione di Inizio Attività Dichiarazione dellinteressato alla p.a. completa dei documenti richiesti dalla legge per lo svolgimento dellattività Comunicazione dellinteressato alla p.a. dellinizio dellattività La p.a., in caso di carenza dei presupposti di legge, vieta la prosecuzione dellattività (con rimozione degli effetti) Autotutela della p.a. 30 gg.

3 D.I.A. ordinaria (art. 19 L. 241/90) INTERESSATO Esercizio di attività ( imprenditoriale / artigianale / commerciale ) sottoposta ad atto di assenso della p.a. ( autorizzazione, licenza, concessione non costitutiva, permesso, nulla osta, iscrizione in albi / ruoli ) il cui rilascio dipende esclusivamente dallaccertamento di requisiti e presupposti normativamente previsti ( legge o atti amministrativi a contenuto generale ) e non vi siano limiti o contingenti complessivi o strumenti di programmazione settoriale Latto di assenso [ * ] è sostituito dalla dichiarazione dellinteressato corredata, anche con autocertificazioni, di certificazioni ed attestazioni normativamente richieste Trascorsi 30 gg. linteressato può iniziare lattività, inviandone comunicazione alla p.a. [ * ] salvo quelli delle amministrazioni preposte a difesa nazionale, pubblica sicurezza, immigrazione, asilo, cittadinanza, giustizia, finanze, salute e pubblica incolumità, patrimonio culturale e paesaggistico, ambiente, nonché quelli imposti dalla normativa comunitaria

4 D.I.A. ordinaria (art. 19 L. 241/90) AMMINISTRAZIONE COMPETENTE Nei 30 gg. successivi alla comunicazione di inizio attività dellinteressato, la p.a., se accerta la carenza di condizioni / modalità / fatti legittimanti lattività, ne vieta la prosecuzione e ne ordina la rimozione degli effetti => salvo conformazione da parte dellinteressato entro il termine assegnato dalla p.a. ( non inferiore a 30 gg. ) Il termine di 30 gg. perché la p.a. eventualmente adotti le proprie determinazioni inibitorie è sospeso ( per max 30 gg. ) qualora la legge preveda lacquisizione di pareri (N.B.: la p.a. comunica tale sospensione allinteressato ) Trascorsi i 30 gg., la p.a. può assumere determinazioni in via di autotutela ( revoca / annullamento dufficio ) qualora ne ricorrano i presupposti di legge ( artt. 21 quinquies e 21 nonies L. 241/90 )

5 D.I.A. (impianti produttivi beni/servizi) Dichiarazione dellinteressato alla p.a. completa dei documenti richiesti dalla legge per lesercizio di attività di impianti produttivi di beni e di servizi e di prestazione di servizi di cui alla Dir. 2006/123/CE (libera circolazione dei servizi e libertà di stabilimento dei relativi prestatori) Inizio dellattività contestuale alla presentazione della dichiarazione da parte dellinteressato alla p.a. La p.a., in caso di carenza dei presupposti di legge, vieta la prosecuzione dellattività (con rimozione degli effetti) Autotutela della p.a. 30 gg.

6 D.I.A. (edilizia) Denuncia di Inizio Attività Denuncia dellinteressato al Comune (completa di relazione del progettista abilitato + elaborati progettuali + impresa incaricata dei lavori) che asseveri la conformità dellintervento edilizio agli strumenti urbanistici approvati, a quelli (anche solo) adottati ed ai regolamenti edilizi vigenti, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e di quelle igienico-sanitarie Comunicazione dellinteressato al Comune dellinizio dei lavori Il Comune, in caso di carenza dei presupposti di legge, notifica allinteressato lordine (motivato) di non effettuare lintervento 30 gg. (senza alcun provvedimento comunale inibitorio)

7 D.I.A. edilizia ( artt. 22 e 23 D.P.R. 380/01 ) INTERVENTI REALIZZABILI MEDIANTE D.I.A. Interventi per cui non è richiesto il permesso di costruire (e che non siano liberi) conformi agli strumenti urbanistici, ai regolamenti edilizi e alla disciplina urbanistico-edilizia vigente Varianti a permessi di costruire che non incidono sui parametri urbanistici e sulle volumetrie, che non modificano la destinazione duso e la categoria edilizia, che non alterano la sagoma delledificio e non violano le eventuali prescrizioni del permesso di costruire IMMOBILE SOTTOPOSTO A VINCOLO Competenza sul vincolo, anche in via di delega, dellamministrazione comunale => il termine di 30 gg. decorre dallatto di assenso (che, se negativo, priva di effetti la d.i.a.) Competenza sul vincolo non dellamministrazione comunale => latto di assenso deve essere allegato alla denuncia del privato (in mancanza, lufficio comunale competente convoca una conferenza di servizi)

8 SILENZIO - ASSENSO Istanza dellinteressato alla p.a. ( solo per procedimenti ad istanza di parte ) Accoglimento dellistanza da parte della p.a. che non ha comunicato allinteressato il provvedimento di diniego ( salvo: beni culturali e paesaggio, ambiente, difesa, pubblica sicurezza, asilo, immigrazione, cittadinanza, pubblica incolumità, salute o normativa UE ) Autotutela della p.a. 30 gg. La p.a. convoca una conferenza di servizi


Scaricare ppt "Prof.ssa Anna Romano Prof.ssa Anna Romano Cattedra di Diritto e Legislazione dei Lavori Pubblici."

Presentazioni simili


Annunci Google