La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

URETRITI INFETTIVE URETRITE GONOCOCCICA URETRITI NON GONOCOCCICHE URETRITI POST-GONOCOCCICHE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "URETRITI INFETTIVE URETRITE GONOCOCCICA URETRITI NON GONOCOCCICHE URETRITI POST-GONOCOCCICHE."— Transcript della presentazione:

1 URETRITI INFETTIVE URETRITE GONOCOCCICA URETRITI NON GONOCOCCICHE URETRITI POST-GONOCOCCICHE

2 Uretrite gonococcica o gonorrea Infezione sessualmente trasmessa sostenuta da N. gonorrhoeae La trasmissione può avvenire solo per contatto interumano diretto Le localizzazioni sono: Uomo eterosessuale: epitelio uretrale Uomo omosessuale: epitelio uretrale e mucosa ano- rettale Donna: collo uterino PS: a seconda delle abitudini sessuali vi possono essere anche localizzazioni a livello faringeo

3 Uretrite gonococcica o gonorrea Per contiguità può estendersi alle strutture limitrofe, mentre per via sistemica può localizzarsi a livello di -articolazioni -meningi -endocardio -cute Nel neonato, per effetto del passaggio attraverso il canale del parto infetto, si localizza primitivamente alla congiuntiva

4 epidemiologia

5

6

7 Gonorrea: epidemiologia Lincidenza in Europa è inferiore rispetto agli USA, sebbene se ne stia riscontrando una recrudescenza nellEuropa dellEst Negli USA lincidenza è aumentata progressivamente sino a raggiungere un picco nel 1975 (468 casi/ abitanti). Successivamente si è ridotta (implementazione di sistemi educativi di salute pubblica), raggiungendo il nadir nel 1998 (130casi/ abitanti) e da allora non ha subito ulteriori modificazioni Lincidenza maggiore si ha nei Paesi in via di sviluppo Lincidenza è più alta nelle fasce detà sessualmente più attive (15-24 anni) Il maggior numero di casi si registra nei maschi (diagnostica più semplice rispetto alle femmine; alta prevalenza fra i maschi omosessuali) Fattori di rischio: -etnia -livello socio-economico modesto -livello culturale -stato anagrafico (nubile/celibe) -tossicodipendenza

8 Gonorrea: manifestazioni cliniche URETRITE -Incubazione di 2-5 gg -Esordio acuto con disuria associata ad abbondante essudazione genitale purulenta -Raramente si possono avere complicanze quali epididimite, prostatite, linfangite del pene, ascesso peri-uretrale -Se non trattato il quadro perdura per settimane- mesi

9 Uretrite Gonococcica

10 Gonorrea: manifestazioni cliniche CERVICITE -spesso asintomatica o paucisintomatica (sottostima dei casi) -incubazione di circa 10 gg -incremento delle secrezioni vaginali, disuria, metrorragia talora indotta dal rapporto sessuale -il dolore addominale/pelvico denota una infezione ascendente (endometrite, salpingite, PID) -non si localizza a livello vaginale -sedi atipiche: uretra, ghiandole peri-uretrali, ghiandole del Bartolino

11 Cervicite Gonococcia

12 Gonorrea: manifestazioni cliniche ALTRE LOCALIZZAZIONI: -Faringe (omosessuali): spesso asintomatica, talora faringite -Congiuntiva (auto-inoculo): quadri molto severi caratterizzati da abbondante essudazione purulenta, iperemia congiuntivale, dolore, ulcerazione corneale e fotofobia. Se non viene rapidamente trattata può evolvere in endoftalmite - Mucosa ano-rettale (rapporti anali o per contaminazione del perineo con secrezioni cervico- vaginali infette)

13 Talora la gonorrea, da infezione localizzata, può andare incontro a fenomeni di disseminazione, caratterizzati da: -febbre -manifestazioni cutanee polimorfe -localizzazioni a distanza, soprattutto artriti settiche o endocarditi (più rare)

14 Infezione congenita Il contagio avviene durante il passaggio attraverso il canale del parto infetto -Oftalmia neonatorum: congiuntivite acuta entro pochi giorni dalla nascita prevenzione: collirio al nitrato di argento all1% o unguenti a base di eritromicina/tetraciclina -localizzazioni meno frequenti: faringe, vie respiratorie, articolazioni, canale anale

15 Gonorrea: diagnosi Sospetto clinico Esame microscopico diretto mediante colorazione di Gram dello striscio di essudato genitale (diplococchi Gram negativi a disposizione intra ed extra-cellulare unitamente a leucociti) Esame colturale (sensibilità del 90%-95%)

16

17 Gonorrrea : colorazione di Gram dello scolo uretrale

18 Uretriti NON gonococciche Infezioni sessualmente trasmesse con caratteristiche cliniche analoghe alla gonorrea, ma per le quali si è esclusa leziologia da N.gonorrhoeae EZIOLOGIA: -Chlamydia trachomatis (25%-50%): è il più frequente agente responsabile di MST nei Paesi industrializzati -Ureaplasma urealyticum (15%-40%) -Mycoplasma genitalium (15%-25%) -Trichomonas vaginalis -HSV più rari

19 Uretriti NON gonococciche: clinica Asintomatiche : 70% donne 50% maschi Maschio: uretrite con secrezioni biancastre, di aspetto più mucoso che purulento, meno abbondanti della gonorrea Femmina: cervicite. Possibili complicanze sono la PID, la gravidanza ectopica e linfertilità INFEZIONE CONGENITA: -congiuntivite: 22%-44%dei neonati da madre infetta (prevenzione: collirio al nitrato di argento all1% o unguenti a base di eritromicina/tetraciclina) -polmonite interstiziale: 11%-22%

20 Uretriti POST gonococciche Infezioni sessualmente trasmesse clinicamente indistinguibili dalla gonorrea: -sostenute dagli stessi agenti eziologici responsabili delle uretriti non gonococciche -vengono contratte contemporaneamente alla gonorrea, ma si manifestano subito dopo questa -avendo una clinica molto simile alla gonorrea, possono simulare una recidiva di malattia, nonostante sia stato intrapreso un trattamento antibiotico adeguato SPIEGAZIONE: 1)Tempo di incubazione maggiore rispetto alla gonorrea 2)Germi non responsivi al trattamento antibiotico specifico per la gonorrea

21


Scaricare ppt "URETRITI INFETTIVE URETRITE GONOCOCCICA URETRITI NON GONOCOCCICHE URETRITI POST-GONOCOCCICHE."

Presentazioni simili


Annunci Google