La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Inquinamento atmosferico: inquinanti secondari, sorgenti di emissione Corso di Impatto Ambientale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Inquinamento atmosferico: inquinanti secondari, sorgenti di emissione Corso di Impatto Ambientale."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Inquinamento atmosferico: inquinanti secondari, sorgenti di emissione Corso di Impatto Ambientale Modulo A: Pianificazione Energetica Ing. Giorgio Baldinelli a.a

2 Inquinanti secondari Si formano a partire dagli inquinanti primari a seguito di reazioni chimiche che avvengono in atmosfera Esempi: biossido di azoto NO 2 e Ozono O 3 In generale, linsieme dei composti che si formano a seguito di reazioni fotochimiche tra gli inquinanti primari presenti in atmosfera (specialmente NOx e HC) viene detto smog fotochimico : NOx + HC + luce solare = smog fotochimico

3 Lo smog fotochimico trova condizioni favorevoli di formazione in presenza di intenso irraggiamento solare, cielo sereno, temperature dellaria elevate (> 20 °C) e bassa umidità relativa, unitamente a elevate concentrazioni di NOx e di idrocarburi incombusti al suolo

4 Il ciclo fotolitico del monossido di azoto è costituito da una serie di reazioni, realizzate in stadi distinti, che conducono allossidazione di NO in NO 2 N 2 +O 2 = 2NO 2NO + O 2 = 2NO 2 In presenza di radiazioni ultraviolette lNO2 passa ad uno stato eccitato instabile, dissociandosi nuovamente in NO e O: NO 2 + hν = NO + O O + O 2 + M = O 3 + M O 3 +NO = NO 2 +O 2

5 Nelle aree urbane la concentrazione di NO comincia ad aumentare nelle prime ore della mattina (autoveicoli, accensione impianti termici); dopo alcune ore la concentrazione di NO inizia a diminuire ed aumenta quella di NO2 a causa del processo di ossidazione dellNO Durante le ore centrali della giornata, a mano a mano che aumenta la radiazione solare, aumenta anche la frazione di NO2 che si converte in NO, originando lossigeno monoatomico che produce poi lozono Sfasamento dei processi di produzione di NO, NO2 e O3 Effetti nocivi smog fotochimico:irritazione vie respiratorie,affaticamento, edemi polmonari. Danni vegetazione (necrosi foglie dovuta allozono)

6

7 Le sorgenti di emissione Le sorgenti di emissione possono essere classificate in relazione alla tipologia della fonte inquinante e allandamento temporale della portata emessa Sorgenti puntuali: caratterizzate da emissioni quantitativamente rilevanti, coincidenti con i camini dei grandi impianti di combustione o industriali Sorgenti diffuse: presentano emissioni di piccola entità ma distribuite su ampie superfici Le sorgenti diffuse producono complessivamente una maggiore quantità di emissioni inquinanti, ma determinano in genere minori concentrazioni di inquinanti al suolo, per il minor carico di inquinante per unità di superficie

8 Le sorgenti puntuali causano potenzialmente elevati livelli di inquinamento nelle aree limitrofe, ma si prestano meglio alla introduzione di sistemi di abbattimento degli inquinanti CORINAIR90 Metodologia di censimento sorgenti puntuali: Impianti combustione con P> 300 MW termici Raffinerie oli minerali Impianti produzione acido nitrico e solforico Impianti siderurgici (produzione > 3milioni t/anno) Industrie cartarie (produzione > t/anno) Impianti verniciatura autoveicoli (produzione > veicoli/anno) Impianti industriali con emissioni di SOx, NOx, COVNM superiori a 1000t/anno o di CO2 superiori a t/anno)

9 Andamento temporale a) emissioni stazionarie continue Caratterizzate da portate e concentrazioni di inquinante con variazioni temporali poco significative, fatta eccezione per i transitori (centrali termoelettriche a carico costante, forni industriali) b) emissioni stazionarie e discontinue Caratterizzate da portate e concentrazioni di inquinante con variazioni temporali poco significative allinterno di singole fasi di natura ciclica (lavorazione effettuate in successione utilizzando diversi sistemi di lavorazione)

10 c) emissioni variabili e continue Caratterizzate da portate e concentrazioni di inquinante variabili nel tempo in maniera casuale (processi industriali con impiego di processi di lavorazione diversi e con apporti di materie prime e di energia variabili nel tempo) d) emissioni variabili e discontinue Caratterizzate da portate e concentrazioni di inquinante variabili nel tempo in maniera casuale allinterno di singole fasi di natura ciclica

11

12 Caratterizzazione delle emissioni Insieme delle operazioni che consentono di: Individuare le sostanze emesse Descrivere i processi produttivi Valutare le quantità di inquinante emesse nellambiente Verificare il rispetto dei limiti di emissione Verificare il corretto funzionamento degli impianti produttivi e dei sistemi di depurazione Costruire linsieme dei dati di partenza per limpiego di modelli previsionali di dispersione Individuare possibili interventi per la riduzione delle emissioni

13 Valutazione della quantità di inquinante Misura diretta Stime condotte sulla base dei cosiddetti fattori di emissione Il fattore di emissione F rappresenta la quantità di inquinante mediamente emessa da una specifica attività produttiva, con riferimento allunità di materia prima lavorata o allunità di prodotto finale o a qualunque altro parametro atto a caratterizzare la tipologia produttiva considerata

14 Sono valutati a partire da un numero elevato di misure effettuate su campioni rappresentativi della tipologia considerata Possono essere ricavati anche da valutazioni teoriche (bilanci di materia e di energia) Possono tenere in conto la tecnologia considerata, letà dellimpianto, il tipo di manutenzione Si prestano meglio a descrivere le sorgenti puntuali e sono più adatti per le valutazioni su vasta scala in ampi periodi temporali

15 In generale la quantità di sostanza inquinante E emessa in un certo periodo di tempo è data da: E = P * F * C dove P è la quantità di prodotto o di materia prima utilizzata nel periodo e C è un fattore correttivo per tenere in conto la presenza di sistemi di rimozione degli inquinanti (correlato allefficienza dei dispositivi)

16

17

18

19

20

21

22


Scaricare ppt "Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Inquinamento atmosferico: inquinanti secondari, sorgenti di emissione Corso di Impatto Ambientale."

Presentazioni simili


Annunci Google