La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SPECIFICITA E MECCANISMI DI REVISIONE. La specificità è la discriminazione di un enzima tra diversi substrati in competizione per il sito attivo e soprattutto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SPECIFICITA E MECCANISMI DI REVISIONE. La specificità è la discriminazione di un enzima tra diversi substrati in competizione per il sito attivo e soprattutto."— Transcript della presentazione:

1 SPECIFICITA E MECCANISMI DI REVISIONE

2 La specificità è la discriminazione di un enzima tra diversi substrati in competizione per il sito attivo e soprattutto in competizione per la catalisi Esempio: una particolare aminoacil-tRNA sintetasi è specifica per un determinato aminoacido e per un determinato tRNA, ovvero riesce a sintetizzare con un errore molto piccolo un determinato aminoacil-tRNA, in un miscuglio di tutti gli aminoacidi e gli tRNA presenti nella cellula. Il problema della specificità enzimatica deve prendere in considerazione le velocità relative delle reazioni di tutti i substrati che competono tra loro. In questo senso la specificità dipende non solo dal legame, ma anche dalla velocità catalitica (K M e k cat), ovvero da k cat /K M ).

3 I LIMITI DELLA SPECIFICITA Un enzima non ha problemi a discriminare tra il suo substrato ed uno più grande. Il problema è quello di limitare al massimo la catalisi della trasformazione di substrati isosterici o più piccoli. Il sito attivo dellenzima può essersi evoluto al fine di escludere efficientemente determinati substrati pericolosi, ma solo se questi hanno caratteristiche molto diverse dal substrato naturale (cariche opposte o gruppi polarità/apolari). Inoltre, le reazioni dei substrati più piccoli comportano rapporti k cat /K M molto inferiori.

4 I sistemi in cui unalta specificità è essenziale sono la replicazione del DNA e la sintesi delle proteine. Questi processi, a causa della pressione evolutiva sugli enzimi che li catalizzano, indicano i limiti massimi possibili della specificità.

5 Buoni esempi di discriminazione si hanno con le aminoacil-tRNA sintetasi Legame 150 volte più debole Legame 200 volte più debole Reagisce con una velocità volte inferiore

6 La specificità può essere analizzata in base alla teoria dello stato di transizione. Se il substrato isosterico o più piccolo differisce per un elemento che determina una differenza di energia di legame dello stato di transizione pari a G b, allora la massima discriminazione possibile in base a questa differenza sarà lesponente (- G b /RT).

7 X

8 La specificità dei substrati in competizione dipende dal legame relativo dei loro stati di transizione con lenzima. La complementarietà enzima-stato di transizione massimizza la specificità perché assicura il legame ottimale dello stato di transizione desiderato. Questo è anche il criterio per il valore ottimale del rapporto k cat /K M. La specificità è infatti determinata proprio da questo rapporto.

9 MECCANISMI DI REVISIONE O CORREZIONE DELLE BOZZE Laccuratezza della replicazione del DNA e della sintesi delle proteine è limitata, rispettivamente, dallaccopiamento delle basi azotate complementari e dallenergia di legame delle catene laterali degli aminoacidi alle proteine, ovvero la selezione dei diversi amminoacidi. Lappaiamento delle basi è accurato fino a circa una parte su 10 4 –10 5. Eppure la frequenza di errore nella replicazione è di Laccuratezza della selezione degli aminoacidi raggiunge soltanto circa una parte su Eppure la frequenza di errore nella traduzione è di Questo è possibile per via dellevoluzione di meccanismi di revisione.

10 Alcuni enzimi chiavi della polimerizzazione hanno sviluppato, oltre al sito attivo per la sintesi, un secondo sito attivo idrolitico che è usato per distruggere intermedi o prodotti incorretti mano a mano che si formano. La sintesi è perciò controllata due volte. Il punto cruciale di un meccanismo di revisione è la formazione di un intermedio ad alta energia che è instabile e, nel caso in cui sia avvenuto un errore, permette lidrolisi oppure procede nella sintesi. Questo permette un controllo cinetico dellaccuratezza.

11 REVISIONE NELLA SINTESI PROTEICA La componente meno accurata della traduzione, che necessita un meccanismo di revisione, è la selezione degli aminoacidi nella formazione degli aminoacil-tRNA. Il fenomeno della revisione fu scoperto inizialmente in relazione alla isoleucil-tRNA sintetasi. Il gruppo metile in più nella isoleucina rispetto alla valina favorisce lattivazione della prima di un fattore Ma siccome la valina nella cellula è concentrata 5 volte di più, la probabilità di errore aumenta ad uno su Eppure il tasso di errore trovato nella traduzione è solo di uno su 3000.

12 In presenza di valina e tRNA Ile, la isoleucil-tRNA sintetasi è una ATP pirofosfatasi che catalizza lidrolisi di ATP e poi di valil-adenilato attraverso la reazione di attivazione. Ci sono due intermedi ad alta energia che potrebbero subire la correzione tramite idrolisi: laminoaciladenilato e laminoacil-tRNA.

13 La valil-tRNA sintetasi ha un sito di idrolisi distinto e separato dal sito dove avviene lacilazione (sintesi). Il valore di k cat /K M per lacilazione del treoniladenilato è circa 600 volte Inferiore di quello per lattivazione della valina. Il complesso Thr-tRNA Si forma, ma viene rapidamente idrolizzato con una costante di velocità di 40 s -1. Il complesso Val-tRNA viene idrolizzato 3000 volte più lentamente. Le differenze strutturali tra treonina e valina vengono perciò usate due volte.

14 Nella valil-tRNA sintetasi cè un doppio meccanismo di controllo e correzione, operato sia la livello dellaminoaciladenilato che dellaminoacil-tRNA.

15 Analogia tra il processo di selezione operato dalle aminoacil-tRNA sintetasi e un meccanismo di selezione a doppio setaccio

16 REVISIONE NELLA REPLICAZIONE DEL DNA Differenze fondamentali tra la sintesi delle proteine e la replicazione del DNA: 1)nella sintesi delle proteine esiste una sintetasi per ogni aminoacil-tRNA. Nella replicazione del DNA cè ununica polimerasi per i quattro appaiamenti corretti. 2) nella sintesi delle proteine la correzione deve avvenire prima della formazione del legame peptidico. Nella replicazione del DNA la correzione può avvenire dopo la polimerizzazione.

17 Sintesi delle proteine Replicazione del DNA

18 Le DNA polimerasi procariotiche hanno unattività esonucleasica in direzione 3 5. Questa attività è maggiore per basi non correttamente appaiate o singoli filamenti di DNA. La frequenza di mutazione nel batteriofago T4 è inversamente proporzionale alla attività esonucleasica della sua DNA polimerasi.

19 Meccanismo molecolare della correzione della DNA polimerasi Nella DNA polimerasi di E. coli il sito di correzione si trova a 35 Å dal sito di polimerizzazione. I meccanismi di polimerizzazione e di idrolisi sono simili. Si basano entrambi sulla presenza di due ioni metallici che stabilizzano le cariche nascenti. Il DNA è in equilibrio di legame con entrambi i siti. Il sito di polimerizazione è normalmente maggiormente occupato (per quasi il 90%). In presenza di appaiamenti non corretti, le percentuali di occupazione si invertono.

20 Polimerizzazione

21 Idrolisi (attività esonucleasica)


Scaricare ppt "SPECIFICITA E MECCANISMI DI REVISIONE. La specificità è la discriminazione di un enzima tra diversi substrati in competizione per il sito attivo e soprattutto."

Presentazioni simili


Annunci Google