La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CODIFICA DELLE EMOZIONI. 2 Cosa sono le emozioni? Come possiamo distinguerle? Quali sono lo loro più importanti caratteristiche? la natura somatica delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CODIFICA DELLE EMOZIONI. 2 Cosa sono le emozioni? Come possiamo distinguerle? Quali sono lo loro più importanti caratteristiche? la natura somatica delle."— Transcript della presentazione:

1 CODIFICA DELLE EMOZIONI

2 2 Cosa sono le emozioni? Come possiamo distinguerle? Quali sono lo loro più importanti caratteristiche? la natura somatica delle emozioni (< William James)? la base biologica della loro espressività (< Darwin)? la centralità delle emozioni nella vita umana (< Freud)? Cosa sono le emozioni? Come possiamo distinguerle? Quali sono lo loro più importanti caratteristiche? la natura somatica delle emozioni (< William James)? la base biologica della loro espressività (< Darwin)? la centralità delle emozioni nella vita umana (< Freud)? esiste un set di emozioni di base, ovvero universale? esistono delle emozioni non universali sviluppatesi in determinate culture? Per individuare il set di emozioni produttivo in seno a una determinata cultura è necessario associare ad uno stato emozionale X un termine/espressione che lo connoti in maniera univoca. Naturalmente non possiamo procedere chiedendo ad un parlante, ad esempio, il termine per delusione, perché non sappiamo se la nostra idea di delusione coincide con lidea di delusione esistente nella mente del parlante o, in senso più esteso, nella sua comunità di afferenza. Per individuare il set di emozioni produttivo in seno a una determinata cultura è necessario associare ad uno stato emozionale X un termine/espressione che lo connoti in maniera univoca. Naturalmente non possiamo procedere chiedendo ad un parlante, ad esempio, il termine per delusione, perché non sappiamo se la nostra idea di delusione coincide con lidea di delusione esistente nella mente del parlante o, in senso più esteso, nella sua comunità di afferenza.

3 3

4 4

5 5

6 6

7 7

8 8

9 9 FELICITÀSORPRESAPAURA TRISTEZZARABBIADISGUSTO

10 10 Espressioni facciali simili rappresentano stati emozionali simili: universalità delle espressioni? (

11 A. Soggetti Gruppo etno-culturale dei Fore (PNG). Cultura neolitica fino alla fine degli anni50 (in seguito contatti con missionari, rappresentanti dellamministrazione, commercianti, ricercatori statunitensi, ecc.). I soggetti selezionati non avevano avuto alcun contatto né diretto (visione di giornali, film, pubblicità), né indiretto (attraverso persone o gruppi di persone) con i media. A. Soggetti Gruppo etno-culturale dei Fore (PNG). Cultura neolitica fino alla fine degli anni50 (in seguito contatti con missionari, rappresentanti dellamministrazione, commercianti, ricercatori statunitensi, ecc.). I soggetti selezionati non avevano avuto alcun contatto né diretto (visione di giornali, film, pubblicità), né indiretto (attraverso persone o gruppi di persone) con i media. B. Preliminari (a)stilare una lista di termini rappresentanti stati emotivi, stamparla e sottoporla ai parlanti chiedendo loro di associare un termine allevento emozionale rilevante: non percorribile; dubbi sulla traduzione di un termine emozionale inglese in Sud Fore; parlanti non sono alfabetizzati; difficoltà nel memorizzare la lista di termini letta al parlante dal ricercatore; b)adozione del metodo basato su uno stimolo visivo e narrativo: al parlante vengono mostrate delle foto, letta una breve storia e chiesto di associare una foto alla situazione descritta nella storia. Vantaggi del metodo: le storie possono essere tradotte con accuratezza; il test non comporta alcuna lettura; al parlante non viene chiesto di memorizzare una lista di termini; i soggetti non devono esprimersi verbalmente; B. Preliminari (a)stilare una lista di termini rappresentanti stati emotivi, stamparla e sottoporla ai parlanti chiedendo loro di associare un termine allevento emozionale rilevante: non percorribile; dubbi sulla traduzione di un termine emozionale inglese in Sud Fore; parlanti non sono alfabetizzati; difficoltà nel memorizzare la lista di termini letta al parlante dal ricercatore; b)adozione del metodo basato su uno stimolo visivo e narrativo: al parlante vengono mostrate delle foto, letta una breve storia e chiesto di associare una foto alla situazione descritta nella storia. Vantaggi del metodo: le storie possono essere tradotte con accuratezza; il test non comporta alcuna lettura; al parlante non viene chiesto di memorizzare una lista di termini; i soggetti non devono esprimersi verbalmente; 11

12 12 C. Lo stimolo narrativo FELICITÀI suoi amici sono arrivati, e lei/lui è felice. TRISTEZZASuo figlio è morto, e lei è molto triste. RABBIALui/lei è arrabbiato, sul punto di combattere. SORPRESALei/lui sta guardando qualcosa di inaspettato, di non annunciato. DISGUSTOLei/lui sta guardando qualcosa che non le/gli piace; qualcosa che ha un cattivo odore. PAURALui/lei siede nella sua casa e nel villaggio non cè nessuno. Nella casa non cè un coltello, né unascia, né un arco o una freccia. Un maiale selvatico è sulla soglia della casa, e luomo/donna ne è spaventato/a. Il maiale è sulla soglia già da qualche minuto, e la persona che lo sta guardando ne ha paura. Il maiale non si muove e la persona ha paura che il maiale possa morderla. C. Lo stimolo narrativo FELICITÀI suoi amici sono arrivati, e lei/lui è felice. TRISTEZZASuo figlio è morto, e lei è molto triste. RABBIALui/lei è arrabbiato, sul punto di combattere. SORPRESALei/lui sta guardando qualcosa di inaspettato, di non annunciato. DISGUSTOLei/lui sta guardando qualcosa che non le/gli piace; qualcosa che ha un cattivo odore. PAURALui/lei siede nella sua casa e nel villaggio non cè nessuno. Nella casa non cè un coltello, né unascia, né un arco o una freccia. Un maiale selvatico è sulla soglia della casa, e luomo/donna ne è spaventato/a. Il maiale è sulla soglia già da qualche minuto, e la persona che lo sta guardando ne ha paura. Il maiale non si muove e la persona ha paura che il maiale possa morderla.

13 13 D. Fotografie/Emozioni Il set di emozioni preso in considerazione è costituito dalle emozioni isolate presso ogni cultura alfabetizzata studiata precedentemente. Limmagine usata per denotare unemozione X è limmagine scelta da più del 70% dei partecipanti negli studi precedenti. Ekman and Friesen usarono 40 fotografie per un totale di 24 persone ritratte (uomini e donne, adulti e bambini). La fotografia mostra solo il viso e il collo della persona. Dimensioni dellimmagine: 7.62 x 12.7 cm. D. Fotografie/Emozioni Il set di emozioni preso in considerazione è costituito dalle emozioni isolate presso ogni cultura alfabetizzata studiata precedentemente. Limmagine usata per denotare unemozione X è limmagine scelta da più del 70% dei partecipanti negli studi precedenti. Ekman and Friesen usarono 40 fotografie per un totale di 24 persone ritratte (uomini e donne, adulti e bambini). La fotografia mostra solo il viso e il collo della persona. Dimensioni dellimmagine: 7.62 x 12.7 cm.

14 14 E. Il test al partecipante viene letta la storia e mostrate tre fotografie (due nel caso di bambini): la fotografia corretta (secondo lipotesi) e due fotografie connotanti altri stati emozionali; diversi test: stessa storia, fotografia rilevante A, fotografie non rilevanti B e C; stessa storia, fotografia rilevante A1, fotografie non rievanti D e E; particolare attenzione a rabbia, disgusto, paura e tristezza: studi precedenti hanno dimostrato che disgusto, paura e tristezza vengono associate con una certa frequenza allimmagine denotante rabbia; E. Il test al partecipante viene letta la storia e mostrate tre fotografie (due nel caso di bambini): la fotografia corretta (secondo lipotesi) e due fotografie connotanti altri stati emozionali; diversi test: stessa storia, fotografia rilevante A, fotografie non rilevanti B e C; stessa storia, fotografia rilevante A1, fotografie non rievanti D e E; particolare attenzione a rabbia, disgusto, paura e tristezza: studi precedenti hanno dimostrato che disgusto, paura e tristezza vengono associate con una certa frequenza allimmagine denotante rabbia; F. Procedura Team di ricerca composti da due persone: un membro della comunità (seleziona i soggetti, spiega loro lesperimento e legge le storie) e il ricercatore (registra le risposte); tre team per villaggio (un ricercatore lavora con gli uomini, due ricercatrici con donne e bambini); lavoro preliminare con il traduttore; il ricercatore non guarda in faccia il partecipante durante la fase della scelta dellimmagine; F. Procedura Team di ricerca composti da due persone: un membro della comunità (seleziona i soggetti, spiega loro lesperimento e legge le storie) e il ricercatore (registra le risposte); tre team per villaggio (un ricercatore lavora con gli uomini, due ricercatrici con donne e bambini); lavoro preliminare con il traduttore; il ricercatore non guarda in faccia il partecipante durante la fase della scelta dellimmagine;

15 15 ESPRESSIONE ED EMOZIONE: UN METODO DI RICERCA A. QUESITI DELLA RICERCA 1.esiste un set di emozioni universali (cf. colori)? 2.membri di diverse culture concordano su un set di base? 3.in che modo ci possono aiutare le espressioni facciali? 4.quali limiti ci sono nellassociare una situazione a una determinata espressione facciale? A. QUESITI DELLA RICERCA 1.esiste un set di emozioni universali (cf. colori)? 2.membri di diverse culture concordano su un set di base? 3.in che modo ci possono aiutare le espressioni facciali? 4.quali limiti ci sono nellassociare una situazione a una determinata espressione facciale? C. NUMERO DI PARTECIPANTI Testare 10 partecipanti. C. NUMERO DI PARTECIPANTI Testare 10 partecipanti. B. STRUTTURA DEL TEST 1.denominare le espressioni facciali; 2.denominare differenti scenari emozionali; 3.associare immagini a scenari emozionali. Condurre il test con gli stessi collaboratori senza variare lordine dei 3 sub- tests. B. STRUTTURA DEL TEST 1.denominare le espressioni facciali; 2.denominare differenti scenari emozionali; 3.associare immagini a scenari emozionali. Condurre il test con gli stessi collaboratori senza variare lordine dei 3 sub- tests.

16 16 D. STIMOLI Espressioni facciali: 18 fotografie plastificate; 3 modelli simulanti 6 emozioni di base ciscuno; le immagini sono dotate di un numero identificativo posto vicino al bordo inferiore. P1, P2, P3, P4, P5, P6: immagini standard; F1, F2, F3, F4, F5, F6: volto femminile; M1, M2, M3, M4, M5, M6: volto maschile; Scenari. D. STIMOLI Espressioni facciali: 18 fotografie plastificate; 3 modelli simulanti 6 emozioni di base ciscuno; le immagini sono dotate di un numero identificativo posto vicino al bordo inferiore. P1, P2, P3, P4, P5, P6: immagini standard; F1, F2, F3, F4, F5, F6: volto femminile; M1, M2, M3, M4, M5, M6: volto maschile; Scenari. E. COME PROCEDERE Espressioni facciali 1 stabilire i termini culturali dellinterpretazione: il viso è percepito come un oggetto (fisso, in movimento), un simbolo, rappresenta un atto comunicativo? Qual è la lettura di default di unespressione? chiedere: Comè questa faccia? Non fare ulteriori domande. Lasciare che il partecipante descriva limmagine liberamente; usare le immagini della seria P senza alterare lordine di presentazione. Espressioni facciali 2: chiedere: Cosa sente / come si sente? / Cosa prova? usare le immagini F1-F6, poi la serie M1-M6; E. COME PROCEDERE Espressioni facciali 1 stabilire i termini culturali dellinterpretazione: il viso è percepito come un oggetto (fisso, in movimento), un simbolo, rappresenta un atto comunicativo? Qual è la lettura di default di unespressione? chiedere: Comè questa faccia? Non fare ulteriori domande. Lasciare che il partecipante descriva limmagine liberamente; usare le immagini della seria P senza alterare lordine di presentazione. Espressioni facciali 2: chiedere: Cosa sente / come si sente? / Cosa prova? usare le immagini F1-F6, poi la serie M1-M6;

17 17 lobiettivo di questo test è ottenere una descrizione concisa dellespressione (idealmente un unico termine); nel caso in cui il partecipante fornisca solo lunghe descrizioni, chiedere: Cè una parola per questo stato / emozione? Scenario/emozione: tradurre i 20 scenari nella lingua target. Dopo aver descritto lo scenario al partecipante, cercare di ottenere una parola o frase che connoti lo stato emotivo rilevante; anche in questa prova, come nella precedente, siamo interessati allespressione/termine più conciso possibile; lobiettivo di questo test è ottenere una descrizione concisa dellespressione (idealmente un unico termine); nel caso in cui il partecipante fornisca solo lunghe descrizioni, chiedere: Cè una parola per questo stato / emozione? Scenario/emozione: tradurre i 20 scenari nella lingua target. Dopo aver descritto lo scenario al partecipante, cercare di ottenere una parola o frase che connoti lo stato emotivo rilevante; anche in questa prova, come nella precedente, siamo interessati allespressione/termine più conciso possibile; 1. TARGET: TRISTEZZA Sadiq si assenta. Durante la sua assenza, la madre di Sadiq muore improvvisamente a causa di una malattia sconosciuta. Quando Sadiq ritorna gli viene raccontato quanto accaduto. 2. TARGET: SORPRESA (+) Molto tempo fa Sadiq aiutò uno straniero che aveva perso le sue cose a prendere un bus per andare a casa. Sadiq aveva quasi dimenticato il fatto, quando un giorno lo straniero venne al suo villaggio, lo ringraziò e gli fece un importante regalo.

18 18 3. TARGET: SORPRESA (-) / SHOCK Mentre Sadiq è assente, la sua casa prende fuoco. Al suo ritorno, Sadiq trova la sua casa in cenere. 4. TARGET: FELICITÀ / GIOIA La moglie di Sadiq ha appena dato alla luce un maschietto. La levatrice porge il neonato a Sadiq per farglielo tenere. 5. TARGET: AMORE / GIOIA Sadiq ha lavorato in città (o altro posto lontano) per sei mesi. Alla sua entrata nel villaggio dopo tutto questo tempo, i suoi figli gli corrono incontro e gli saltano addosso. 6. TARGET: DISGUSTO Sadiq vuole mangiare un po di cibo avanzato dal giorno prima. Quando scoperchia la pentola vede che è piena di larve e scarafaggi. 7. TARGET: RABBIA Sadiq ha un ciondolo/amuleto preferito regaatogli da suo padre. Un ragazzo del villaggio lo prende e lo rompe.

19 19 8. TARGET: PAURA Sadiq sta tornando a casa. È notte e cammina nella foresta/montagna. Improvvisamente sente un rumore e vede che qualcosa si sta muovendo rapidamento verso di lui. 9. TARGET: PAURA / RABBIA? La zia di Sadiq non si è mai sposata. Ovunque vada, la mala sorte la segue: i bambini si ammalano, il cibo si guasta e in famiglia sorgono dispute. Un giorno la donna bussa alla porta di Sadiq. 10. TARGET: VERGOGNA / IMBARAZZO Salendo in cima a un albero, i pantaloni/vestito di Sadiq si strappa. È quasi nudo. Rientrando a casa è visto da un gruppo di ragazze e giovani donne. 11. TARGET: DISONORE Sadiq sente che suo padre sta per dare il suo arco/amuleto/ascia favorita al ragazzo di unaltra famiglia perché suo figlio, per lui, è spazzatura.

20 TARGET: GELOSIA Sadiq si è incontrato con Amina molte volte. A Sadiq Amina piace molto e vuole essere suo amico. Va a casa di Amina e vede che è seduta in compagnia di un altro uomo, ridendo e parlando con questi. 13. TARGET: INVIDIA Sadiq finisce di riparare il suo vecchio mini-van. Ad un certo punto, un ragazzo che era andato a lavorare per un certo tempo in città ritorna al villaggio in una macchina nuova fiammante in compagnai di una bella ragazza e con un mucchio di regali per i suoi parenti. 14. TARGET: NOIA Sadiq assiste alla messa. Il missionario ha predicato per quasi unora, ripetendo le stesse cose. 15. TARGET: INDIGNAZIONE Nonostante il fatto che Sadiq abbia lavorato molto duramente, suo padre lo acusa di essere un nullafacente quando torna dal lavoro in compagnia dei suoi amici.

21 TARGET: SOLLIEVO Sadiq sta portando un pesante ciocco di legno. Unestremità del legno tocca qualcosa e qualcuno inizia a piangere violentemente. Sadiq si gira e vede che il ciocco ha toccato un ramo e che un bambino sta piangendo perché il suo giocattolo è caduto a terra e si è rotto. 17. TARGET: ORGOGLIO Sadiq va a caccia/pesca e fa ritorno con un grande animale/pesce. Lo mostra a suo padre/moglie. 18. TARGET: NOSTALGIA Sadiq è stato in città per un anno e vede una fotografia del suo villaggio in un libro / gironale (oppure: guarda una fotografia del suo villaggio). 19. TARGET: RIMORSO Sadiq rompe accidentalmente il suo coltello/strumento musicale preferito. Lo possedeva da molto tempo. 20. TARGET: RETICENZA NELLIMPORRE Sadiq inizia a camminare per raggiungere un certo villaggio. Il suo capo lo ferma e gli chiede se vuole un passaggio sulla sua moto/macchina/canoa, ma Sadiq sa che la persona dovrà deviare il suo percorso originario per accompagnarlo al villaggio.

22 22 Scenario/espressione facciale: collocare le immagini della serie P su una superficie (pavimento, tavolo). Il partecipante deve essere in grado di vedere tutte le immagini; leggere gli scenari e chiedere: Se questo capitasse a Sadiq che faccia avrebbe? registrare le risposte (considera anche N/A tra le possibile risposte) Scenario/espressione facciale: collocare le immagini della serie P su una superficie (pavimento, tavolo). Il partecipante deve essere in grado di vedere tutte le immagini; leggere gli scenari e chiedere: Se questo capitasse a Sadiq che faccia avrebbe? registrare le risposte (considera anche N/A tra le possibile risposte)

23 23 ETNOGRAFIA DELLEMOZIONE: OBIETTIVI E METODO A. EVOLUZIONE > EMOZIONE Le emozioni hanno una base biologica e rappresentano un vantaggio adattivo per gli organismi che ne fanno esperienza (su scala temporale evolutiva) A. EVOLUZIONE > EMOZIONE Le emozioni hanno una base biologica e rappresentano un vantaggio adattivo per gli organismi che ne fanno esperienza (su scala temporale evolutiva) B. EMOZIONE > VALUTAZIONE Le emozioni sono collegate alla valutazione cognitiva, allattribuzione causale e alla capacità dellindividuo di affrontare una determinata situazione. B. EMOZIONE > VALUTAZIONE Le emozioni sono collegate alla valutazione cognitiva, allattribuzione causale e alla capacità dellindividuo di affrontare una determinata situazione. C. CULTURA > EMOZIONE I costruttivisti sociali concepiscono lemozione come un prodotto culturale. C. CULTURA > EMOZIONE I costruttivisti sociali concepiscono lemozione come un prodotto culturale. prospettive rilevanti per uno studio etnografico capire la dinamica di unemozione significa comprendere la dinamica degli eventi che consentono la sua attivazione

24 24 EVENTO SCATENANTE (evento 1) EVENTO SCATENANTE (evento 1) sensazione interna sensazione interna relazione di appropriatezza 1relazione di appropriatezza 2 ESPRESSIONE O AZIONE (evento 2) ESPRESSIONE O AZIONE (evento 2) emozione valutata moralmente/socialmente come positiva o negativa

25 25 A. COMPRENSIONE CULTURALE DELLE EMOZIONI Il ricercatore cerca di tracciare un quadro della vita emozionale nel villaggio, ovvero delle folk theories produttive nella comunità o presso i singoli individui. A. COMPRENSIONE CULTURALE DELLE EMOZIONI Il ricercatore cerca di tracciare un quadro della vita emozionale nel villaggio, ovvero delle folk theories produttive nella comunità o presso i singoli individui. B. SOCIALITÀ DELLE EMOZIONI Lemotività viene mostrata in pubblico? In quale contesto? Quali stati vengono mostrati o repressi? B. SOCIALITÀ DELLE EMOZIONI Lemotività viene mostrata in pubblico? In quale contesto? Quali stati vengono mostrati o repressi? INTERESSI DELLA RICERCA METODI ETNOGRAFICI INTERVISTE FORMALI O SEMI-INFORMALI OSSERVAZIONE PARTECIPANTE OSSERVAZIONE PARTECIPANTE VIDEOREGISTRA ZIONE DI CONVERSAZIONI CASUALI

26 26 C. PROCEDURA Sistemare la videocamera di fronte al partecipante. Faccia e parte superiore del corpo devono essere chiaramente visibili. C. PROCEDURA Sistemare la videocamera di fronte al partecipante. Faccia e parte superiore del corpo devono essere chiaramente visibili. D. PARTECIPANTI -3 donne giovani; -3 donne anziane; -3 uomini giovani; -3 uomini anziani; D. PARTECIPANTI -3 donne giovani; -3 donne anziane; -3 uomini giovani; -3 uomini anziani; PROCEDURA E. OBIETTIVI DELLA RICERCA capire se esista un dominio emozione in diverse culture; le emozioni sono ineffabili? se solo alcune emozioni sono ineffabili, quali lo sono e quali no? come sono espresse le emozioni in diverse lingue e contesti socio- culturali? su quali domini semantici sono costruite le emozioni nelle diverse lingue? E. OBIETTIVI DELLA RICERCA capire se esista un dominio emozione in diverse culture; le emozioni sono ineffabili? se solo alcune emozioni sono ineffabili, quali lo sono e quali no? come sono espresse le emozioni in diverse lingue e contesti socio- culturali? su quali domini semantici sono costruite le emozioni nelle diverse lingue?

27 27 F. INVENTARIO DELLE EMOZIONI uso della Natural Semantic Metalanguage (NSM): impiego del set di primi semantici [semantic primitives / semantic primes]: sentire (provare/udire), vedere, volere, ecc. sensazioni interne: chiedere ai partecipanti come si sentono, cosa provano; nomi delle parti del corpo: associare determinate emozioni a specifiche parti del corpo; capire qual è la parte del corpo funzionale alla concettualizzazione dellemozione; uso di scenari: descrivere uno scenario e chiedere al partecipante di dirci come si sentirebbe se fosse il protagonista della storia. F. INVENTARIO DELLE EMOZIONI uso della Natural Semantic Metalanguage (NSM): impiego del set di primi semantici [semantic primitives / semantic primes]: sentire (provare/udire), vedere, volere, ecc. sensazioni interne: chiedere ai partecipanti come si sentono, cosa provano; nomi delle parti del corpo: associare determinate emozioni a specifiche parti del corpo; capire qual è la parte del corpo funzionale alla concettualizzazione dellemozione; uso di scenari: descrivere uno scenario e chiedere al partecipante di dirci come si sentirebbe se fosse il protagonista della storia. LA DIMENSIONE LINGUISTICA DELLE EMOZIONI G. LA GRAMMATICA DELLE EMOZIONI le emozioni condividono dei modelli di codifica (es. costrutti specifici)? nella codifica delle emozioni vengono impiegati dei termini che assumono un significato diverso al variare del contesto? utilizzo di ideofoni? G. LA GRAMMATICA DELLE EMOZIONI le emozioni condividono dei modelli di codifica (es. costrutti specifici)? nella codifica delle emozioni vengono impiegati dei termini che assumono un significato diverso al variare del contesto? utilizzo di ideofoni?

28 E 28 EMOZIONI FISIOLOGIACOGNIZIONE H. SCOPO E NATURA DELLE EMOZIONI i verbi usati nella codifica delle emozioni sono impiegati per esprimere altre esperienze sensoriali? ruolo della metafora nella codifica delle emozioni? ruolo dei nomi delle parti del corpo nella codifica delle emozioni? valenza codificata nei termini designanti emozioni: punto di vista dellEGO: lemozione X fa sentire lEgo bene o male? È piacevole o spiacevole? punto di vista della cultura locale: lemozione X è moralmente valorizzata allinterno della cultura? H. SCOPO E NATURA DELLE EMOZIONI i verbi usati nella codifica delle emozioni sono impiegati per esprimere altre esperienze sensoriali? ruolo della metafora nella codifica delle emozioni? ruolo dei nomi delle parti del corpo nella codifica delle emozioni? valenza codificata nei termini designanti emozioni: punto di vista dellEGO: lemozione X fa sentire lEgo bene o male? È piacevole o spiacevole? punto di vista della cultura locale: lemozione X è moralmente valorizzata allinterno della cultura?

29 29 le emozioni sono associate a specifiche parti del corpo? cuore; fegato; occhio; testa; le emozioni sono associate a specifiche parti del corpo? cuore; fegato; occhio; testa; I. MANIFESTAZIONE DELLEMOZIONE (GENERALE) lespressione dellemozione (in generale) deve essere contenuta/limitata? le persone credono che la manifestazione delle emozioni possa essere contenuta/controllata oppure no? le persone si comportano secondo quanto creduto corretto? I. MANIFESTAZIONE DELLEMOZIONE (GENERALE) lespressione dellemozione (in generale) deve essere contenuta/limitata? le persone credono che la manifestazione delle emozioni possa essere contenuta/controllata oppure no? le persone si comportano secondo quanto creduto corretto? L. MANIFESTAZIONE DELLEMOZIONE (SFERA INDIVIDUALE) lemozione X può essere espressa quando la persona è sola? nella sfera privata? nella sfera pubblica? solo in particolari eventi? che tipo di persona è colui/lei che esprime le proprie emozioni in diversi contesti? L. MANIFESTAZIONE DELLEMOZIONE (SFERA INDIVIDUALE) lemozione X può essere espressa quando la persona è sola? nella sfera privata? nella sfera pubblica? solo in particolari eventi? che tipo di persona è colui/lei che esprime le proprie emozioni in diversi contesti?

30 LA CODIFICA DELLE EMOZIONI: IL CASO DELLO HAUSA Classificazione:Afroasiatico, Ciadico, Ovest, A.1 Luogo:Niger, Nigeria, comunità sparse in Africa Occidentale e Sudan Numero di parlanti:50 milioni Status della lingua:(1) standard (2) veicolare (3) nazionale Computer-mediatedAttiva (blog, social forum, websites, ecc.) Classificazione:Afroasiatico, Ciadico, Ovest, A.1 Luogo:Niger, Nigeria, comunità sparse in Africa Occidentale e Sudan Numero di parlanti:50 milioni Status della lingua:(1) standard (2) veicolare (3) nazionale Computer-mediatedAttiva (blog, social forum, websites, ecc.) LA LINGUA HAUSA: PRELIMINARI 30

31 Ordine:SVO Classi di paroleNomi, verbi e aggettivi Genere:Maschile e femminile (1) lessicale (2) pronominale (3) aspettuale Numero:Singolare e plurale (1) lessicale (2) pronominale (3) aspettuale Toni:H high gidaacasa L lowkunyààvergogna LHrâispirito Ordine:SVO Classi di paroleNomi, verbi e aggettivi Genere:Maschile e femminile (1) lessicale (2) pronominale (3) aspettuale Numero:Singolare e plurale (1) lessicale (2) pronominale (3) aspettuale Toni:H high gidaacasa L lowkunyààvergogna LHrâispirito PROFILO TIPOLOGICO 31

32 EMOZIONI DI BASE: LA PROSPETTIVA PSICOLOGICA Quali sono i criteri per definire un emozione di base? unemozione di base è isolabile; presenta un set fisso di componenti espressi a livello neuronale e corporeo; fixed feeling or motivational component that has been selected for through longstanding interactions with ecologically valid stimuli (Tracy and Randles 2011:398) unemozione di base è primitiva, nel senso che è originata nelle strutture della sub-corteccia (mentre la neo-corteccia si occupa di processare lemozione) è attiva al massimo grado nella sua forma più pura, ovvero con minime regolazioni cognitive e comportamentali; [...] while individual and cultural learning can change the conditions and intensity with which basic emotions are activated and experienced, they cannot create, de novo, a basic emotion that is not already possible via genetically encoded neural structures (Tracy and Randles 2011:398) Quali sono i criteri per definire un emozione di base? unemozione di base è isolabile; presenta un set fisso di componenti espressi a livello neuronale e corporeo; fixed feeling or motivational component that has been selected for through longstanding interactions with ecologically valid stimuli (Tracy and Randles 2011:398) unemozione di base è primitiva, nel senso che è originata nelle strutture della sub-corteccia (mentre la neo-corteccia si occupa di processare lemozione) è attiva al massimo grado nella sua forma più pura, ovvero con minime regolazioni cognitive e comportamentali; [...] while individual and cultural learning can change the conditions and intensity with which basic emotions are activated and experienced, they cannot create, de novo, a basic emotion that is not already possible via genetically encoded neural structures (Tracy and Randles 2011:398) 32

33 Quali sono i criteri per definire unemozione di base? presenza di neuroni dedicati allattivazione dellemozione; generalizzazione tra le diverse specie; se una data emozione è presente solo negli esseri umani, allora dovremmo spiegare come le sfide sociali e ambientali specificamente umane hanno fatto sì che si sviluppasse una serie di nuove strutture neurologiche; Come possiamo distinguere le emozioni di base? unemozione di base è definita da un apposito circuito neuronale;; Stimolazione Magnetica Transcraniale [transcranial magnetic stimulation (TMS)] neo-corteccia; agenti farmacologici atti a bloccare o stimolare determinate emozioni; Qual è la funzione di unemozione di base? Da un punto di vista evolutivo, le emozioni di base hanno potere causale nei confronti di motivazioni e comportamento, ovvero sono evolute come risposta a specifiche sfide sociali e ambientali (Ekman and Cordaro 2011) 33

34 IzardPanksepp & WattLevensonEkman & Cordaro Felicità Tristezza Paura Rabbia [Anger] Disgusto Interesse Disprezzo [Contempt] GIOCO [PLAY] PANICO/DOLORE PAURA RABBIA [RAGE] RICERCA [SEEKING] DESIDERIO [LUST] CURA [CARE] Enjoyment Tristezza Paura Rabbia Disgusto Interesse? Amore? Sollievo? Felicità Tristezza Paura Rabbia Disgusto Disprezzo [Contempt] Sorpresa QUATTRO MODELLI PER LE EMOZIONI DI BASE 34

35 I ZARD P ANKSEPP & W ATT L EVENSON E KMAN & C ORDARO Felicità Tristezza Paura Rabbia Disgusto Interesse GIOCO PANICO/DOLORE PAURA RABBIA RICERCA Enjoyment Tristezza Paura Rabbia Disgusto Interesse? Felicità Tristezza Paura Rabbia Disgusto Disprezzo DESIDERIOAmore? CURASollievo?(Surpresa) Odio Vegogna Preoccupazione ( M. Reh 1998) EMOZIONI TARGET strutturato su Izard; esclusione di DISPREZZO, DISGUSTO inclusione di AMORE (Levenson 2011, cf Reh 1998, Becher 2003) inclusione di SORPRESA (Ekman & Cordaro 2011) inclusione diODIO, VERGOGNA, PREOCCUPAZIONE (Reh 1998) 35

36 EmozioniCognizioneConcezioneVolizionePercezioneFisico Felicità Tristezza Paura Rabbia Interesse Sorpresa *Amore *Odio *Vergogna *Preoccupazione Conoscenza Comprensione Ricordo Dimenticare Sorpresa Credere Pensare Supporre Dubitare Volere Necessitare Invidiare Piacere Vedere Udire Odorare Dolore Freddo Sudore Fame Malattia Gravidanza EMOZIONI E QUADRO ESPERIENZIALE 36

37 IDEALIZED MODEL Idealized Cognitive Model (ICM, Lakoff 1987) i modelli idealizzati sono anche culturali: sono modelli del mondo dati per scontati, diffusi e condivisi dai membri di una società; hanno un ruolo fondamentale nella comprensione del mondo e nel determinare il nostro comportamento (Quinn and Holland 1987:4). IDEALIZED MODEL Idealized Cognitive Model (ICM, Lakoff 1987) i modelli idealizzati sono anche culturali: sono modelli del mondo dati per scontati, diffusi e condivisi dai membri di una società; hanno un ruolo fondamentale nella comprensione del mondo e nel determinare il nostro comportamento (Quinn and Holland 1987:4). CODIFICA LINGUISTICA COMPORTAMENTO INDIVIDUALE COMPORTAMENTO SOCIALE EMOZIONI E CODIFICA LINGUISTICA 37

38 CODIFICA LINGUISTICA SEGMENTALE (lessico-grammaticale, sintattica, fraseologica, ecc.) SEGMENTALE (lessico-grammaticale, sintattica, fraseologica, ecc.) SOVRA- SEGMENTALE SOVRA- SEGMENTALE CONGRUENZAMETAFORAMETONIMIA SCHEMA- IMMAGINE 38

39 EMOZIONE CONGRUENTE IMMAGINATIVA Label Perifrasi Metafora Metonimia S-Imm Simbolo P. corpo LB LP MR AN MR

40 Distribuzione delle strategie: eventi emozionali, fisici e mentali emozionale + fisico mentale (cognizione, concezione, volizione) 40

41 CONGRUENZA 1/10 FELICITÀ/1.murnàà felicità GIOIA 2.nii mài murnàà nee CSCO IP:1spossessore difelicitàST Io sono felice 3.yanààmurnàrganintà exrexpstim imp:3smfelicitàvedere.O:3f He is happy to see her 4.naayimurnàà exrexd per:1sfaregioia Io sono felice 41

42 CONGRUENZA 2/10 FELICITÀ5.munàà murnàà dà wannàn shaafìì exrstim imp:1plgioiaconquestapagina Siamo felici per questa pagina 6.inààjîn daa ɗ ii imp:1ssentirepiacevolezza Io mi sento felice Causativo: sâ mettere 7.yaasâmumurnàà per:3smmettereO1plfelicità He made us happy Causativo: baadare (più raro) 8.yaabaanìmurnàà per:3smdareO1sgioia (lit. mi ha dato felicità) Mi ha reso/a felice 42

43 CONGRUENZA/METAFORA 3/10 felicità9.yaashaadaa ɗ ii per:3sm berepiacevolezza (lit. egli bevve piacevolezza) Lui è felice 10.yaashaadààriyaa per:3smbereriso/sorriso (lit. egli bevve riso/sorriso) Egli ha riso un sacco sofferenza11.munshaawàhalàà per:1plbereproblema (lit. noi bevemmo il problema/sofferenza) Noi abbiamo sofferto 13.taashaakuukaa per:3sfberepianto Lei ha pianto un sacco 43

44 shaa BERE Estensioni metaforiche: soggiacere sopportare soffrire il Soggetto non è lAgente il Soggetto Experiencer (valore ++) Oggetto non è il Paziente Oggetto è lo Stimolo Controllo - shaa BERE Estensioni metaforiche: soggiacere sopportare soffrire il Soggetto non è lAgente il Soggetto Experiencer (valore ++) Oggetto non è il Paziente Oggetto è lo Stimolo Controllo - ci MANGIARE Estensioni metaforiche: riuscire / superare / avere la meglio sconfiggere controllare conquistare dominare Soggetto è lAgente Soggetto è lExperiencer (valore +) Oggetto è il Paziente Oggetto non è lo Stimolo Controllo + ci MANGIARE Estensioni metaforiche: riuscire / superare / avere la meglio sconfiggere controllare conquistare dominare Soggetto è lAgente Soggetto è lExperiencer (valore +) Oggetto è il Paziente Oggetto non è lo Stimolo Controllo + Nella codifica emozionale, lExperiencer sottosta al problema, alla piacevolezza, ecc. Shaa bere non comporta alcuna manipolazione (lo Stimulus non subisce modifiche) e lazione è concettualizzata come evento esteso nel tempo. Ci mangiare comporta manipolazione (il Paziente viene modificato) e levento è puntuale. (Jaggar and Buba 2009:234) 44

45 CONGRUENZA 4/10 pauraLessicale e lessico-perifrastica: 14.tsòòroo paura n. 15.ji tsòòroopaura (lit. sentire paura) 16.mài tsòòroopauroso (lit. possessore di paura) mài tsòòron Allàh timoroso di Dio 17.karkàjitsòòroo imp.neg2smsentirepaura Non avere paura 18.yaaraanààtsòòronàraadù bambiniimp:3plpaura.dituoni I bambini hanno paura dei tuoni 45

46 CONGRUENZA 5/10 pauraVerbale: 19.tsòòratààavere paura di (transitivo) kun tsòòrateeshì per:2plbe afraid ofO3sm You are afraid of him 20.tsòòratàdiventare/essere spaventato (intransitivo) naa tsòòratà per:1sdiventare spaventato Mi sono spaventato Causativo: 21.tsooràtaaspaventare (transitivo) taatsooràtaàbookintà per:3sfspaventareamico.P3sf Lei spaventò il suo amico Causativo perifrastico 22.baa x tsòòroodare paura a q. taabaamùtsòòro per:3sfdareO1plpaura Lei ci spaventò (lit. ci diede paura) 46

47 CONGRUENZA 6/10 rabbialessicale: 23.fushiirabbia, cattivo temperamento, irritabilità hàsalààrabbia (< Ar. a ala) 24.mài fushiirabbia (lit. possessore di rabbia) Perifrastico: 25.yi fushii dàessere arrabbiato con sunyifushiidàshii per:3plfarerabbiaconIP:3sm Si arrabbiarono con lui Label non perifrastico: 26.fùsaatàarrabbiarsi naafàsaatàdàsuu per:1sarrabbiarsiconO:3pl Mi sono arrabbiato con loro 47

48 CONGRUENZA/METAFORA 7/10 rabbia27.hàrzu ƙ àessere (molto) arrabbiato, infuriato hàsalàessere (molto) arrabbiato tùnzuràdiventare arrabbiato (< tunzùraa incitare) naahàsalà per:1sessere arrabbiato Mi arrabbiai molto Label causativo: 28.fusààtaaprovocare rabbia, vessare munfusààta ùbammù per:1plrabbiapadre.P1pl Facemmo arrabbiare nostro padre Perifrastico causativo: 29.sâ fushiifar arrabbiare(lit. mettere rabbia) haalintàyaasâshifushii comportamentoper:3smmettereO3smrabbia Il suo (f) comportamento lo fece arrabbiare 48

49 CONGRUENZA 8/10 surprise30.mààmaakìì sorpresa Label perifrastico: 31.yaa yi mààmaakìì exrexd per:1sfaresorpresa Lui fu sorpreso Causativo perifrastico: 32.yaa baa nì mààmaakìì agentexrexd per:3smdareogg:1sgsorpresa Lui mi sorprese 49

50 CONGRUENZA 9/10 preocc.Lessico label: 33.dààmuwaapreoccupazione n. 34.màtsalààpreoccupazione n. Non-periphrastic: 35.daamèèmescolare, confondere 36.dààmuessere preoccupato naadààmu per:1spreoccuparsi Mi preoccupai Causativo non perifrastico: 37.dààmaapreoccupare taadààmeemù per:3sfpreoccupareO:1pl Lei ci preoccupò Perifrastico causativo: baa dare 38.yaabaanìdààmuwaa per:3smdareO1spreoccupare Lui mi preoccupò 50

51 CONGRUENZA 10/10 vergognaLessico label: 39.kunyààvergogna Perifrastico 40.naajikunyàà per:1ssentireprovare Provai vergogna Causativo non perifrastico 41.kunyàtaacoprire di vergogna q sunkunyataamù per:3plportare vergognaO1pl Essi mi coprirono di vergogna Causativo perifrastico: sâ mettere 42.yaasâmùjînkunyàà per:3smputO1plsentire.divergogna Egli mi fece vergognare 51

52 fastidio43.haushiiyaakaamàshi fastidioper:3smafferrareO3sm (lit. il fastidio lo ha afferrato) È infastidito felicità44.daa ɗ iiyaakaamàshi pleasentnessper:3smafferrareO3sm (lit. la piacevolezza lo ha afferrato) È contento preoccup.45.kullumhankàliinaaàtààsheyakè semprebuonsenso.P1sinalzarsiimp:3sm (lit. sempre i miei sensi si alzano) Io sono sempre preoccupato (sudare)46.gùmiiyaakaryoominì sudareper:3smbucareIO:1s Iniziai a sudare (lit. il sudore mi ha bucato) ANTROPOMORFIZZAZIONE ½ Un particolare caso di metafora: lesperienza è resa con lessemi associati ad azioni o qualità appartenenti al mondo materiale. Negli esempi che seguono lemozione è codificata come Agente e lExperiencer come Oggetto della resa linguistica. LExperiencer non esercita alcun controllo sullemozione. ANTROPOMORFIZZAZIONE ½ Un particolare caso di metafora: lesperienza è resa con lessemi associati ad azioni o qualità appartenenti al mondo materiale. Negli esempi che seguono lemozione è codificata come Agente e lExperiencer come Oggetto della resa linguistica. LExperiencer non esercita alcun controllo sullemozione. 52

53 ANTROPOMORFIZZAZIONE 2/2 preocc.47.hankàliinaayaakwântaa senso.P1sper:3smgiacere (lit. i miei sensi si coricarono) Non ho alcuna preoccupazione 48.hankàliinaayaataashì sensoper:3smalzarsi (lit. il mio senso si alzò) Mi preoccupai 49.lààbaarìnyaataadàhankàlinsà notiziaper:3smsollevòsenso.P3sm (lit. le notizie sollevarono il mio senso) La notizia mi preoccupò 53

54 COSTRUZIONI CON PARTI DEL CORPO A. PREMESSE il corpo umano è un prius logico e cognitivo: per ragioni percettive e psicologiche, è un naturale strumento per la comprensione del mondo; Cognition is what occurs when the body engages the physical, cultural world and must be studied in terms of the dynamical interactions between people and the environment. [...] We must not assume cognition to be purely internal, symbolic, computational, and disembodied, but seek out the gross and detailed ways that language and thought are inextricably shaped by embodied action (Gibbs 2006:9, Sharifian et al. 2008:7) A. PREMESSE il corpo umano è un prius logico e cognitivo: per ragioni percettive e psicologiche, è un naturale strumento per la comprensione del mondo; Cognition is what occurs when the body engages the physical, cultural world and must be studied in terms of the dynamical interactions between people and the environment. [...] We must not assume cognition to be purely internal, symbolic, computational, and disembodied, but seek out the gross and detailed ways that language and thought are inextricably shaped by embodied action (Gibbs 2006:9, Sharifian et al. 2008:7) B. QUESITI Quali parti del corpo sono produttive nella codifica linguistica delle emozioni? Comè impiegato il paradigma corporeo nell codifica delle emozioni? in che tipo di costruzioni/espressioni? Cosa ci dicono le costruzioni/espressioni a base corporea sulla riconcettualizzazione del corpo? B. QUESITI Quali parti del corpo sono produttive nella codifica linguistica delle emozioni? Comè impiegato il paradigma corporeo nell codifica delle emozioni? in che tipo di costruzioni/espressioni? Cosa ci dicono le costruzioni/espressioni a base corporea sulla riconcettualizzazione del corpo? mòòtsin râimovimento di vita/spirito jîn zuucìyaasentire del cuore mòòtsin râimovimento di vita/spirito jîn zuucìyaasentire del cuore emozione

55 PARTI DEL CORPO: GRAMMATICALIZZAZIONE 1. testaspa-qua 2. facciaqua 3. frontespa-tim 4. occiospa-tim 5. nasoqua 6. boccaspa-tim-qua 7. schienaspa-tim 8. cuorespa-qua 9. ombelicospa 10. stomacospa-qua 11. manoqua 12. piedetim-qua (Batic 2006 [2009])

56 IL CORPO ESPERIENZIALE testa > qualità/status mugùn kâi lit. cattiveria della testa perversità, malignità lingua > qualità fisica harshèè yakè lit. è lingua essere prolissi lingua > azione ɗ aukà harshèè lit. tenere la lingua parlare a voce alta fegato > interazione sociale ji ƙ à hantàà lit. immergere fegati essere generoso verso qualcuno

57 IL CORPO EMOZIONALE polmoni > rabbia yi hùùhuu lit. fare polmoni arrabbiarsi ginocchio > soffrire gamà kâi dà gwiiwàà lit. unire la testa con il ginocchio soffrire bocca > sorpresa ri ƙ è bààkii lit. tenere mouth mostrare sorpresa

58 58 Inààfarincikììdàirìndaamardànasààmuu exrstim per:1sbiancostomacocontipo.diopportunitàrelper:1sottenere Sono contento per questa opportunità taayifarincikìì exrexp per:3ffarebiancostomaco Lei è felice FELICITÀ 2 3 farin cikììstomaco bianco1 4cikàà riempire + farin cikìì stomaco bianco naacikààdàmurnààdàfarincikìì exrexd per:1sriempirecongioiaestomacobiqnco Ero riempito di gioia

59 59 5cikèè nutrito, saziato yaacêyanààcikèèdàfarincikìì per:3smdireimp:3smnutrireconstomacobianco Ha detto di essere completamente felice 6causativo con sâ mettere wannànyaasânifarincikììdàmurnàà stimexrexp questoper:3smmettereO:1sbiancostomacocongioia Questo mi rese molto felice 7Causativo con faràntaa sbiancare + râi spirito / zuucìyaa cuore àbindàyafaràntaaminìrâi stimexr cosarelper:3smimbiancareIO1sspirito Ciò mi rese molto felice

60 60 8bààkii har kunne bocca fino allorecchio mungabààkinsàharkunne per:1plvederebocca.P3s m fino aorecchio Vedemmo che era molto felice 9yi dààriyaa ridere, sorridere yaayidààriyaa per:3smfaresorriso Egli sorrise Eventi connessi alla felicità (cf. Pawlak 2009) 10yi dààriyaa ridere, sorridere yaayiminìdààriyaa per:3smfareIO:1ssorriso Mi sorrise

61 61 11causativo, baa dààriyaa far sorridere yaabaanidààriyaa per:3psmdareO:1ssorriso Egli mi fece sorridere TRISTEZZA 12 ba ƙ in cikìì stomaco nero ɓ aacìn râi anima rovinata ɓ aacìn zuucìyaacuore rovinato 13 ba ƙ in ciki stomaco nero shiimài ba ƙ in cikììnee IP:3mposs-nerostomacoST Lui è triste

62 62 14inàà ba ƙ in cikììdàhaalindàmààlàmai... exrexpstim imp:1snerostomacoconopportunitàrelmaestri... Sono triste a causa dellopportunità che i maestri ɓ aacin râi spirito rovinato/danneggiato baayandànasamuwannanlabariinàà ɓ aacin râi stimexr doporelper1sottenereDIMnotiziaimp:1sspirito danneggiato Dopo aver ricevuto questa notizia sono diventato molto triste

63 63 16 TRISTEZZA – causativo con ɓ aatàà rovinare + zuucìyaa cuore àbindàya ɓ aatàà minìzuucìyaa stimexr cosarelper:3smrovinareIO:1scuore Ciò mi ha reso molto triste 17 RABBIA – causativo con ɓ aatàà rovinare + râi spirito àbindàya ɓ aatàà minìrâi stimexr cosarelper:3smrovinareIO:1scuore Ciò mi ha reso molto arrabbiato 18PREOCCUPAZIONE - metafora + râi spirito kulluminààcikinrashìnkwànciyarrâi sempreimp:3sminmancanzagiacere.dispirito Sono sempre preoccupato


Scaricare ppt "CODIFICA DELLE EMOZIONI. 2 Cosa sono le emozioni? Come possiamo distinguerle? Quali sono lo loro più importanti caratteristiche? la natura somatica delle."

Presentazioni simili


Annunci Google