La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Master I livello in Wound Care La valutazione multidimensionale: per descrivere e per comprendere 1 aprile 2008 La valutazione multidimensionale: per descrivere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Master I livello in Wound Care La valutazione multidimensionale: per descrivere e per comprendere 1 aprile 2008 La valutazione multidimensionale: per descrivere."— Transcript della presentazione:

1 Master I livello in Wound Care La valutazione multidimensionale: per descrivere e per comprendere 1 aprile 2008 La valutazione multidimensionale: per descrivere e per comprendere

2 Presupposti Gli anziani tendono a manifestare una maggiore vulnerabilità e una maggiore complessità clinica; lespressione della malattia è spesso atipica e subdola; presentano maggiore incidenza di problemi cognitivi, affettivi e funzionali; sono particolarmente esposti ai danni iatrogeni riduzione età correlata della funzione di numerosi organi quali il cuore, i reni, i polmoni e il sistema immunitario; il sintomo, come elemento di selezione tra il sano e il malato, perde parte del significato che lo caratterizza nel giovane e nelladulto molte espressioni sintomatologiche sono indipendenti dalla malattia; alcuni processi morbosi non producono sintomi, mentre la qualità di questi non è necessariamente predittiva della gravità della patologia.

3 Presupposti Numerose malattie croniche, in questetà percentualmente prevalenti rispetto a quelle acute, sono caratterizzate da un esordio asintomatico. Nei soggetti anziani, inoltre, una condizione patologica può manifestarsi con sintomi o segni non specifici (quali confusione, astenia, perdita di peso). I quadri clinici più frequenti di presentazione delle malattie sono caratterizzati da un numero limitato di sintomi, lo stato confusionale, la depressione, lincontinenza, le cadute e la sincope, indipendentemente dalla patologia sottostante. Un ulteriore aspetto importante è costituito dalla tendenza a sottoriportare i sintomi e a non manifestare i propri disturbi e le proprie difficoltà.

4 La definizione della salute in geriatria Nel tentativo di identificare un corretto approccio allanziano ammalato la ricerca gerontologia ha sviluppato modalità specifiche di studio della salute che prendono in esame i vari aspetti che concorrono a determinarla. Nellindividuo anziano, infatti, la valutazione della condizione clinica non può essere disgiunta da una più ampia valutazione finalizzata a considerare, insieme ai diversi problemi clinici, cognitivi e psico- emozionali, anche le capacità funzionali.

5 La definizione della salute in geriatria Tale valutazione, integrata da informazioni di natura sociale ed economica, permette di definire la necessità di servizi assistenziali con lobiettivo di sviluppare un piano di trattamento e cure. Questa metodologia viene definita assessment geriatrico ed ha dimostrato tutta la sua validità nel miglioramento delle cure dei pazienti anziani (Bull MJ, 2000) e nella possibilità di comprendere e trattare gli elementi che possono contribuire allo sviluppo della fragilità in età avanzata (Stuck AE, 2000)

6 La definizione della salute in geriatria La pratica dellassessment geriatrico è nata in Inghilterra negli scorsi anni trenta e successivamente si è diffusa negli USA e negli altri Paesi. Negli anni ottanta questa modalità di approccio allanziano è stata oggetto di indagini cliniche che hanno consentito di definirla di rilevante efficacia nel migliorare lassistenza allanziano (National Institute of Health, 1988).

7 La definizione della salute in geriatria La valutazione funzionale, laddove per funzione si intenda la capacita' di portare a termine attività concrete (lavarsi, vestirsi, gestire la casa...) e ricoprire ruoli sociali. (Reuben, 1989), è il fulcro dellassessment multidimensionale poiché costituisce una misura più adeguata dello stato di benessere degli anziani rispetto alla valutazione biomedica basata sulla nosologia e la fisiopatologia dei singoli quadri clinici (Trabucchi, 1992).

8 1) attività della vita quotidiana mobilità' ADL, attività fisiche della vita quotidiana; principali attività per la cura della persona (fare il bagno, vestirsi, usare la toilette, mobilità, continenza, alimentazione) IADL, partecipazione attiva alla vita della comunità; capacità di svolgere i lavori domestici (usare il telefono, fare acquisti, preparare il cibo, governo della casa, lavare la biancheria, utilizzare mezzi di trasporto, responsabilità nelluso dei medicinali, maneggiare il denaro) 2) funzione fisica valutazione soggettiva dello stato di salute sintomi fisici e malattie diagnosticate ricorso ai servizi sanitari grado di attività e indicatori di disabilità (es.giorni a letto) 3) funzione mentale capacità cognitiva presenza di sintomi psichiatrici Elementi essenziali della valutazione multidimensionale nell'anziano

9 4) funzione psicosociale o benessere affettivo in un determinato contesto sociale e culturale 5) risorse sociali presenza di familiari ed amici disponibilità delle risorse quando richieste 6) risorse economiche valutazione in base a standard di riferimento (es. livello di povertà) 7) risorse ambientali alloggi adeguati ubicazione idonea rispetto a servizi pubblici, negozi Elementi essenziali della valutazione multidimensionale nell'anziano

10 La valutazione multidimensionale geriatrica Gli strumenti utilizzati nella valutazione multidimensionale definiscono quantitativamente l'entità del deterioramento dei diversi domini considerati permettendo la schematizzazione dei dati clinici e il controllo delle modificazioni nel tempo.

11 La valutazione multidimensionale geriatrica La specificità delle scale di valutazione negli ultimi anni si è sempre più raffinata ma nonostante ciò la maggior parte degli strumenti di valutazione devono essere considerati strumenti di screening e non strettamente diagnostici. Il raggiungimento di un punteggio considerato patologico, infatti, non rappresenta l'equivalente di una diagnosi, ma semplicemente individua con grande affidabilità coloro che sono potenzialmente affetti.

12 Salute somatica STATO FUNZIONALE Situazione sociale Stato mentale Gli strumenti della valutazione multidimensionale geriatrica

13 La valutazione multidimensionale utilizza strumenti di valutazione sia soggettivi sia oggettivi.

14 Gli strumenti della valutazione multidimensionale geriatrica Gli strumenti di valutazione soggettiva si fondano principalmente sull'autovalutazione o sul riferimento dei caregiver: la validità può risultare compromessa per inesattezza o ambiguità delle domande e delle categorie di risposte. Inoltre, può essere problematico giudicare se il soggetto ha una difficoltà lieve, media o severa. D'altra parte non e' sempre chiaro se si fa riferimento ad attività che la persona svolge in quel periodo o alla capacità teorica di svolgere quell'attività basata su un giudizio soggettivo, e può essere difficile valutare accuratamente la capacità fisico funzionale di una persona anziana se esistono problemi cognitivi (Guralnik, 1989).

15 Gli strumenti della valutazione multidimensionale geriatrica Gli strumenti di misura oggettiva o di performance consistono nel chiedere all'individuo di eseguire un compito preciso rilevando, secondo criteri prestabiliti, alcuni parametri oggettivi (es.:quante volte o quanto tempo impiega un soggetto a compiere un'azione).

16 Gli strumenti della valutazione multidimensionale geriatrica Le prove di performance maggiormente studiate sono relative alla performance fisica e permettono di oggettivare le capacità di esecuzione delle funzioni di base e di definire la celerità con cui possono essere svolte. Questo approccio può essere inoltre d'aiuto per identificare il fattore che determina l'incapacità a svolgere una certa attività in ogni singolo soggetto, suggerendo il tipo di intervento necessario. Per esempio, per quanto riguarda il vestirsi, la valutazione delle componenti necessarie per portare a termine questo compito può permettere di identificare più precisamente la sorgente della disabilità.

17 Gli strumenti della valutazione multidimensionale geriatrica Questo approccio presenta interessanti vantaggi: 1.Essendo la prova oggettiva, non ci sono ambiguità sul tipo di attività a cui si sta facendo riferimento. 2.La misura del tempo necessario per compiere una certa attività fornisce un punto di riferimento per valutare il grado di difficoltà incontrato dal soggetto; 3.Le misure di performance sono verosimilmente poco influenzate da fattori culturali, linguistici e educativi. 4.Poichè è possibile una rigorosa standardizzazione nella somministrazione dei test, la riproducibilità è molto alta e l'influenza del livello mentale è limitata alla sola capacità di comprendere le istruzioni per l'esecuzione di compiti semplici

18 Ma gli strumenti di valutazione sono efficaci? Kravitz et al hanno osservato una coorte di 152 soggetti con 65 o più anni dimessi dall'ospedale con uno o più specifici rischi di perdita dell'autosufficienza: durante la valutazione domiciliare da parte delle infermiere sono stati rilevati nel 99% dei pazienti problemi nuovi o peggiorati, dei quali, 61 richiedevano un intervento urgente. (Kravitz et al 1994).

19 Valutazione multidimensionale e nursing Scopo dell'assistenza in geriatria, secondo la commissione Europea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (De Ridder, 1994), è la promozione dell'autosufficienza, attraverso lo sviluppo di tutte le funzionalità e capacità individuali.

20 In particolare l'adozione da parte dell'équipe infermieristica di questi strumenti ha reso possibile: una maggiore rapidità e precisione nell'individuare i problemi (Kravitz et al 1994); la stima delle capacità perse e delle capacità residue indispensabile per la definizione del successivo piano assistenziale; in particolare gli strumenti oggettivi o di performance, che definiscono gli ambiti in cui il soggetto necessita di assistenza e definiscono l'autosufficienza sia in termini qualitativi sia quantitativi, consentono una più adeguata formulazione degli obiettivi assistenziali (Phillips et al.,1997; Kresevic,Mezey,1997; Zanetti et al 1999); Ma gli strumenti di valutazione sono efficaci?

21 In particolare l'adozione da parte dell'équipe infermieristica di questi strumenti ha reso possibile: il monitoraggio nel tempo delle variazioni dello stato funzionale (Kresevic,Mezey,1997); la verifica dei risultati attesi; un più accurato passaggio di informazioni con i colleghi e con tutta l'équipe (Phillips et al.,1997). Ma gli strumenti di valutazione sono efficaci?

22 Covinksy KE, Palmer RM, Counsell SR, Pine ZM, Walter LC, Chren MM. Functional status before hospitalization in acutely ill older adults: validity and clinical importance of retrospective reports. J Am Geriatr Soc 2000;48(2):

23 Valutazione Multidimensionale L'assessment geriatrico viene applicato in alcune condizioni emblematiche : condizioni di normalità con finalità di tipo preventivo; condizioni di rischio di perdita dell'autonomia, con la finalità di fornire all'anziano i supporti adeguati e di verificarne la permanenza al domicilio; condizioni di scompenso in atto, sia esso scatenato da una malattia oppure da un evento sociale, quale la morte del congiunto o del fornitore di assistenza, con la finalità di offrire risposte mediche o socio-assistenziali tempestive ed intensive; condizione di istituzionalizzazione, al fine di prevenire l'ulteriore perdita di autonomia o di verificare una migliore collocazione assistenziale.

24 "Target" ottimali dell'assessment geriatrico sono: l'anziano a rischio di perdita dell'autonomia; l'anziano non autosufficiente, con l'esclusione dei soggetti terminali e con patologia a carattere progressivo ed irreversibile. Valutazione Multidimensionale

25 Si definisce anziano a rischio di perdita dellautosufficienza : quello che supera i 75 anni è affetto da malattie o menomazioni croniche, è stato ricoverato in ospedale nel corso dell'anno precedente, vive solo, ha perso recentemente il coniuge, vive in un alloggio inadeguato, non fruisce di un pasto caldo almeno una volta al giorno ha cambiato recentemente la propria residenza. Valutazione Multidimensionale


Scaricare ppt "Master I livello in Wound Care La valutazione multidimensionale: per descrivere e per comprendere 1 aprile 2008 La valutazione multidimensionale: per descrivere."

Presentazioni simili


Annunci Google