La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corrado Aaron Visaggio 1 Metodologie e Modelli di Progetto Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corrado Aaron Visaggio 1 Metodologie e Modelli di Progetto Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica."— Transcript della presentazione:

1 Corrado Aaron Visaggio 1 Metodologie e Modelli di Progetto Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Basi di Dati Anno Accademico 2011/2012 docente: ing. Corrado Aaron Visaggio ricevimento: mercoledi

2 Corrado Aaron Visaggio 2 La scienza che esita a dimenticare i suoi fondatori è perduta. Alfred North Whitehead Non siamo autorizzati a supporre che esistano leggi fisiche che siano esistite fino ad ora o che continueranno ad esistere in forma analoga nel futuro. Max Planck Lo scienziato non è chi fornisce le risposte vere, ma chi pone le vere domande. Claude Levi Strauss

3 Corrado Aaron Visaggio 3 Ciclo di vita dei Sistemi Informativi Studio di Fattibilità. Stabilire costi e priorità di progettazione. Raccolta e Analisi dei Requisiti. Individuazione e Studio delle proprietà e delle funzionalità del sistema da realizzare. Progettazione. Si compone di progettazione dei dati e delle applicazioni. Implementazione. Realizzazione del sistema. Validazione e collaudo. Verifica la qualità complessiva del sistema informativo. Funzionamento. Il sistema informativo è operativo. Fattibilità Requisiti Progettazione Implementazione Validazione Collaudo Validazione Collaudo Funzionamento

4 Corrado Aaron Visaggio 4 Sul Metodo Methodus, dal latino, methòdos (metà = per, dopo, e hòdos = via, cammino), dal greco, significano procedere indietro per indagare ma anche modo per investigare : Metodo dogmatico (o espositivo) - assolutismo intellettuale Metodo interrogativo (o dialogico) – processo maieutico Fino al XVI secolo vi era una forma di passività: metodo = trasmissione [Scolastica – metafisica - teologia] Col naturalismo rinascimentale (XVI-XVII sec.): metodo = ricerca dellevidenza [Cartesio, Bacone, Galilei, Lutero]. Con il falsificazionismo e la scuola di Vienna (XX sec.): metodo = probabilità che unasserzione sia falsa.

5 Corrado Aaron Visaggio 5 Metodologia di progettazione Il metodo è un insieme di strumenti operativi per risolvere una specifica classe di problemi. es: risoluzione per un sistema di equazioni La metodologia include i metodi da applicare, insieme ad i paradigmi per generare i metodi per la risoluzione di una classe di problemi; si compone di: decomposizione in passi indipendenti tra loro; strategie e criteri modelli di riferimento. Le proprietà di una metodologia sono: la generalità rispetto alle applicazioni la qualità del prodotto (efficienza, correttezza, completezza) la facilità duso di strategie e modelli.

6 Corrado Aaron Visaggio 6 Metodologia nella progettazione di un db Progettazione concettuale. rappresentare le specifiche formali della realtà di interesse in termini di una descrizione formale e completa, ma indipendente dai criteri di rappresentazione dei dati. Si rappresenta il contenuto informativo del db, senza preoccuparsi nè delle modalità di rappresentazione né delle applicazioni che ne faranno uso. Progettazione logica. Traduzione dello schema concettuale nel modello di rappresentazione dei dati adottato dal sistema di gestione di db. Le scelte progettuali si basano su criteri di ottimizzazione delle operazioni da effettuare sui dati [normalizzazione]. Progettazione fisica. Lo schema logico è corredato con la specifica dei parametri fisici di memorizzazione.

7 Corrado Aaron Visaggio 7 La Metodologia Requisiti Progettazione Concettuale Progettazione Concettuale Progettazione Logica Progettazione Logica Progettazione Fisica Progettazione Fisica Diagrammi E-R Diagrammi E-R Tavole DB Indici e Strutture Indici e Strutture

8 Corrado Aaron Visaggio 8 Il Modello Entità Relazione... Il modello Entità Relazione è un modello concettuale di dati; fornisce una serie di strutture, chiamate costrutti. I costrutti sono utilizzati per definire schemi, che descrivono organizzazione ed occorrenze dei dati. Entità. Rappresentano classi di oggetti [proprietà comuni, esistenza autonoma] loccorrenza di una entità ha unesistenza ed una identità indipendente dalle proprietà ad essa associate Nel modello relazionale non possiamo identificare un oggetto senza conoscere le sue proprietà.

9 Corrado Aaron Visaggio 9...Il Modello Entità Relazione... Relazioni. Rappresentano legami logici, significativi per lapplicazione di interesse. Unoccorrenza di relazione è unenupla. Tra due entità possono sussistere due o più relazioni differenti Tra le occorrenze di una relazione del modello E-R non ci possono essere enuple ripetute. Le relazioni possono essere ricorsive. Possono coinvolgere più di due entità. Suona con MusicistaCasa Discografica incisione possiede Concerto Città

10 Corrado Aaron Visaggio 10...Il Modello Entità Relazione... Attributi. Descrivono le proprietà elementari di una entità o relazioni che sono si interesse ai fini dellapplicazione. Un attributo associa a ciascuna occorrenza di entità un valore appartenente al dominio di definizione. MusicistaCasa Discografica incisione Nome Cognome Anno Nascita Anno Nome Città Stato

11 Corrado Aaron Visaggio 11...Il Modello Entità Relazione... Cardinalità della relazione. Sono specificate per ciascuna partecipazione di entità ad una relazione e descrivono il numero minimo e massimo di occorrenze di relazione cui una occorrenza dellentità può partecipare. Cardinalità minima zero (partecipazione opzionale) Cardinalità minima una (partecipazione obbligatoria) cardinalità massima pari ad uno (la relazione è una funzione) cardinalità massima pari ad N (la relazione è una funzione caotica) MusicistaCasa Discografica incisione (0,N) (1,N)

12 Corrado Aaron Visaggio 12...Il Modello Entità Relazione... Un attributo può essere opzionale, obbligatorio, o multivalore. Gli attributi multivalore tipicamente devono essere decomposti in entità a se stanti. Gli identificatori delle entità identificano univocamente ciascuna entità. Gli identificatori interni sono costituiti da uno o più attributi dellentità. Musicista Nome (1,N) Anno Nascita (0, N) Cognome Musicista Nome Anno Nascita Cognome Musicista Nome Anno Nascita Cognome CF

13 Corrado Aaron Visaggio 13...Il Modello Entità Relazione... Alcune entità possono essere identificate da altre entità solo se tali entità sono coinvolte in una relazione in cui E partecipa con cardinalità (1,1). In questo caso si parla di identificatore esterno. StudenteUniversità iscrizione (1,1) (1,N) Matricola AnnoIscrizione Cognome Nome Indirizzo Città

14 Corrado Aaron Visaggio 14...Il Modello Entità Relazione Una entità E è padre e le Entità E 1 ed E 2 sono figlie se: ogni occorrenza di una entità figlia è anche una occorrenza dellentità padre; ogni proprietà dellentità padre è anche una proprietà delle entità figlie. Una generalizzazione è totale se ogni occorrenza della classe padre è almeno una delle entità figlie, altrimenti è parziale. Una generalizzazione è esclusiva se ogni occorrenza dellentità padre è al più una occorrenza dellentità figlie, altrimenti è sovrapposta. Persona Età Cognome CF UomoDonna Situazione Militare Professionista Età Cognome CF Docente U. Ingegnere Partita Iva Disciplina


Scaricare ppt "Corrado Aaron Visaggio 1 Metodologie e Modelli di Progetto Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica."

Presentazioni simili


Annunci Google