La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RIFLESSIONE UNA PERSONA DISABILE CHE HA AVUTO UN INCIDENTE MOLTO GRAVE E CHE RIMANE IN OSPEDALE PER MOLTO TEMPO, USCITA, SI SENTE ESCLUSA E DIVERSA. SI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RIFLESSIONE UNA PERSONA DISABILE CHE HA AVUTO UN INCIDENTE MOLTO GRAVE E CHE RIMANE IN OSPEDALE PER MOLTO TEMPO, USCITA, SI SENTE ESCLUSA E DIVERSA. SI."— Transcript della presentazione:

1 RIFLESSIONE UNA PERSONA DISABILE CHE HA AVUTO UN INCIDENTE MOLTO GRAVE E CHE RIMANE IN OSPEDALE PER MOLTO TEMPO, USCITA, SI SENTE ESCLUSA E DIVERSA. SI SENTE COME UN ALBERO, INUTILE E BLOCCATO PER SEMPRE. MA COME UN ALBERO SOPPORTA UN DURO INVERNO E RITORNA A FIORIRE IN PRIMAVERA. UN DISABILE PUO RITORNARE A VIVERE DIVERSAMENTE DA PRIMA CON LA SUA FORZA DI VOLONTA E CON LAIUTO DELLE PERSONE CHE GLI VOGLIONO BENE E GLI STANNO VICINE IN QUALSIASI MOMENTO.

2 La Scintilla Centro diurno per ragazzi (dai 18 ai 65 anni) con disabilità psico-fisiche. Incontro del 10/02/2010 La coop. La Scintilla presenta con alcuni operatori ed ospiti le proprie attività laboratoriali (teatro, informatica, assemblaggio, carta riciclata,motricità,...) ed iniziative. ogni persona se bene accolta può dare molto! Visione del cortometraggio IL CONTROLLO DEL CUORE (di Matteo Maffesanti – interpreti alcuni ragazzi della coop. La Scintilla) Attraverso un linguaggio non verbale gli interpreti con la loro gestualità, mimica, espressività hanno coinvolto lo spettatore in una storia ricca di sentimenti ed emozioni.

3 17 marzo 2010 VISITA ALLA COOPERATIVA La Scintilla Un incontro Scintilla_nte Ultimo momento del progetto ma linizio, si spera, di un nuovo percorso condiviso Coop. La Scintilla IPSAA E. Stefani

4 La moto è simbolo di libertà, voglia di vivere e spensieratezza. La visita alla Scintilla mi ha trasmesso proprio queste sensazioni Osare ma con prudenza come fa un vero motociclista. La tenacia permette di superare ogni limite...fisico dando ampio spazio alla possibilità di viaggiare...anche con la fantasia.

5 RIFLESSIONI Secondo me non bisogna giudicare le persone dall'aspetto ma da quello che hanno dentro perchè tutti soffriamo,ridiamo...allo stesso modo. Noi ragazzi che siamo il futuro dobbiamo essere "diversi" dai nostri antenati. Non dobbiamo vivere con ideali ristretti come al tempo di Sparta ma dovremmo essere come cittadini cosmopoliti aperti e pronti ad imparare cosa succede nel mondo, perchè altrimenti non riusciremo mai a capire gli altri e le persone vicine. E' stata un esperienza positiva avere incontrato persone che lungo il loro cammino hanno sperimentato il dolore e la sofferenza superando con coraggio e determinazione gli ostacoli della vita. The end

6 CLASSE I A – I.I.S. STEFANI-BENTEGODI sede centrale di Isola della Scala Aldà Mirko Artioli Denis Bigi Andrea Bonadiman Marco Borelli Manuel Bosco Fabio Brutti Luca Conti Simone Dibosco Nicole Ferrazzo Alessandro Masotto Davide Ongaro Vanessa Peroni Mattia Pighi Davide Sandrini Andrea Scandola Cinzia Schiavo Denis Tambara Giulio Vertuan Andrea


Scaricare ppt "RIFLESSIONE UNA PERSONA DISABILE CHE HA AVUTO UN INCIDENTE MOLTO GRAVE E CHE RIMANE IN OSPEDALE PER MOLTO TEMPO, USCITA, SI SENTE ESCLUSA E DIVERSA. SI."

Presentazioni simili


Annunci Google