La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi Francesco Gennai, Marina Buzzi, Laura Abba Francesco Gennai, Marina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi Francesco Gennai, Marina Buzzi, Laura Abba Francesco Gennai, Marina."— Transcript della presentazione:

1 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi Francesco Gennai, Marina Buzzi, Laura Abba Francesco Gennai, Marina Buzzi, Laura Abba Istituto per le Applicazioni Telematiche {Francesco.Gennai, Marina.Buzzi, Bologna, 23 Novembre Il modello centralizzato con delega amministrativa

2 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Contenuti Organizzazione, gestione e controllo di un servizio di rete; Introduzione modello CMDA (centralized management with delegated administration); Esperienza nellutilizzo del modello per lhosting del servizio di PE.

3 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Organizzazione di un servizio di rete installazione/configurazione del sistema –personale altamente specializzato monitoraggio ed operatività del servizio –personale tecnico amministrazione –personale non specializzato

4 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi Modello per lorganizzazione di un servizio di rete

5 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre C Consiglio Nazionale delle Ricerche Centralized management with delegated administration (CMDA) gestione centralizzata del server (maintenance, monitoraggio, etc.) delega dellamministrazione del servizio (alle singole unità dellorganizzazione)

6 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre C Consiglio Nazionale delle Ricerche Vantaggi del CMDA riduce il numero dei server al minimo numero tecnicamente richiesto semplifica il controllo e la gestione del servizio facilità lintroduzione di nuovi servizi (come integrazione con directory) perchè si ha il controllo tecnico del servizio riduce i costi flessibile (max autonomia amministratori locali) minimizza i tempi di risposta (per gli utenti)

7 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre C Consiglio Nazionale delle Ricerche Limitazioni del modello CMDA banda garantita (se si adotta su scala geografica) –Infrastrutture sono affidabili, le distanze sono virtuali (valutare il ritardo nella comunicazione a livello locale); –La comunicazione tra client e server può utilizzare un canale cifrato.

8 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Applicazione del modello nel servizio di Posta elettronica E ampiamente diffuso Continuerà a crescere in termini di volume di traffico (vs fax, surface mail) E uno dei primi servizi di rete a cui si avvicina lutente

9 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre C Consiglio Nazionale delle Ricerche Approccio per limplementazione del CMDA Sviluppo di interfacce web per gli amministratori periferici -> creazione, modifica, cancellazione di mailbox, alias, etc. nel proprio/i dominio/i di PE Sviluppo accurato di CGI che si appoggia sulle API fornite dal prodotto di PE –estensivo controllo degli errori

10 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre C Consiglio Nazionale delle Ricerche Ulteriori vantaggi del modello Riduce gli errori umani Non richiede personale specializzato Organizzazione host dei servizi di PE non gestisce la parte di amministrazione aumento dei domini non aumenta i compiti per lorganizzazione che gestisce e monitorizza il servizio

11 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi La prima esperienza di utilizzo del modello CMDA

12 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Hosting del servizio di PE per luniversità di Pisa 1994/95 Interfaccia a due livelli Il primo livello per gestire i sotto-domini di unipi.it per aggiungere/rimuovere sottodomini dal sistema di Il secondo livello per gestire caselle di posta elettronica e alias per gli utenti

13 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Realizzazione Instradare il traffico di PE delluniversità verso il nostro sistema di -> inserito un MX record nel DNS delluniversità che puntava al nostro server di Per rendere flessibili le configurazioni degli utenti delluniversità (usare nomi di server nel dominio delluniversità) -> definiti CNAME mail.unipi.it -> mail.cnuce.cnr.it pop.unipi.it -> pop.cnuce.cnr.it smtp.unipi.it -> smtp.cnuce.cnr.it trasparenza della configurazione degli utenti (in caso di migrazione del servizio)

14 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi Introduzione del modello allinterno del CNR

15 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Situazione del nostro istituto Da una indagine fatta nel 1997 sono risultati attivi, nel solo CNUCE, 52 smtp server (vecchie versioni, non correttamente configurate, non gestite). Punto di debolezza nella sicurezza dei sistemi. Problema: convincere le persone ad eliminare questi server (la flessibilità dellinterfaccia di amministrazione e la trasparenza nella configurazione del servizio). C Consiglio Nazionale delle Ricerche

16 C DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Introduzione del modello nel CNR Linterfaccia testuale -> web Hosting del servizio di PE per il CNR (area di Pisa) 18 domini Nellarea di Padova è attivo un analogo servizio C Consiglio Nazionale delle Ricerche

17 C DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Affidabilità del servizio SCSI cluster costituito da due sistemi che condividono un RAID disk array ed effettuano load balancing; Questo ci abilita ad effettuare maintenance su un nodo, senza alcuna interruzione del servizio.

18 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Interfacce di amministrazione Schema di naming nel CNR Ogni istituto adotta la propria politica per la definizione della parte locale dellindirizzo ( Le interfacce di amministrazione forzano uno schema di indirizzamento comune. C Consiglio Nazionale delle Ricerche

19 C DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Interfacce di amministrazione Dal nome e cognome automaticamente creano lindirizzo ufficiale e gli alias: iniziale-nome. Gestiscono indirizzi di ruolo C Consiglio Nazionale delle Ricerche

20 C DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi Le statistiche di utilizzo del servizio

21 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Numero msg per dominio

22 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Traffico per dominio in MB

23 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Numero medio di msg/mailbox

24 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Valutazione del servizio Istituti dove non hanno personale tecnico, sono molto interessati allutilizzo di questo servizio Riduzione dei server al minimo numero tecnico Facilita controllo e manutenzione del sistema (monitoring, debugging, software upgrades) diminuendo lo sforzo globale sostenuto dallorganizzazione per la gestione del servizio di Riduce problemi di sicurezza Diminuisce i costi (hw/sw e di risorse umane)

25 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Il carico amministrativo è suddiviso tra tutte le unità Il carico per lorganizzazione che fa lhosting dei servizi non cresce con il numero dei domini. Noi gestiamo 18 domini. Abbiamo ridotto il numero di server da 18 (quelli ufficiali) a 1 mantenendo lo stesso numero di persone per la gestione del servizio (2) Gli amministratori locali hanno mantenuto la loro flessibilità nellamministrazione del servizio Il tempo per soddisfare una richiesta utente dipende dalla sua organizzazione

26 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Utilizzo delle interfacce web user-friendly, non richiede personale con skill tecnico; evita lerrore umano; le operazioni critiche sono effettuate dal sistema (gli amministratori non devono essere utenti privilegiati); automaticamente implementa la policy decisa dallorganizzazione per lindirizzamento (p. es.

27 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Conclusioni Investimenti nellimplementazione del modello CMDA sono velocemente compensati dalla riduzione nei costi

28 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre C Consiglio Nazionale delle Ricerche Ambiente di utilizzo del CMDA Università, Pubblica Amministrazione, medie/grandi aziende, ISP CNR –Istituti con sezioni distribuite sul territorio nazionale Tramite linterfaccia web i vari amministratori possono creare/cancellare mailbox e alias appartenenti allo stesso dominio. Linterfaccia di gestione è accessibile via https.

29 C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi 23 Novembre Sviluppi futuri Applicazione del modello anche per i servizi di DNS in modo da distribuire i compiti amministrativi sulle unità periferiche


Scaricare ppt "C Consiglio Nazionale delle Ricerche DNS e Posta Elettronica: evoluzione dei servizi Francesco Gennai, Marina Buzzi, Laura Abba Francesco Gennai, Marina."

Presentazioni simili


Annunci Google