La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SEMINARIO RLS 20 GENNAIO 2012 LA SALUTE SUL LAVORO: VECCHI RISCHI NUOVA ATTENZIONE UF Prevenzione Igiene e Sicurezza nei luoghi di Lavoro il materiale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SEMINARIO RLS 20 GENNAIO 2012 LA SALUTE SUL LAVORO: VECCHI RISCHI NUOVA ATTENZIONE UF Prevenzione Igiene e Sicurezza nei luoghi di Lavoro il materiale."— Transcript della presentazione:

1 SEMINARIO RLS 20 GENNAIO 2012 LA SALUTE SUL LAVORO: VECCHI RISCHI NUOVA ATTENZIONE UF Prevenzione Igiene e Sicurezza nei luoghi di Lavoro il materiale presentato sarà disponibile sul sito web al seminario sono stati attribuiti n. 3 crediti ECM per il personale sanitario la cartellina contiene: brouchure questionario di gradimento questionario ECM modello per quesiti ai relatori presentazione del seminario Si ricorda ai fini dellattribuzione degli ECM di compilare il relativo questionario e firmare ingresso e uscita al seminario

2 La polvere nei comparti cartario e cartotecnico : i principali rischi e le possibili soluzioni Dr. Roberto Taddeucci medico del lavoro UF PSLL

3 Origine della polvere di carta Durante la produzione e seconda lavorazione della carta, la polvere origina dallo sfregamento meccanico del film di carta ad elevata velocità con conseguente liberazione delle fibre contenute nella trama. Di conseguenza la produzione di polvere dipende principalmente da: Le dimensioni della fibra e le caratteristiche della carta la carta di riciclato e di cellulosa a fibra corta è più polverosa La velocità della macchina le macchine più veloci producono più polvere

4 Polverosità delle cartiere e cartotecniche tissue Con quale valore limite la confrontiamo? … …il TLV dellACGIH per le polveri inerti … … era 10mg/mc per le polveri totali (inalabili) 3 mg/mc per le polveri respirabili (frazione a granulometria più fine che può raggiungere lapparato respiratorio profondo, quindi più pericolosa specie adsorbendo-veicolando sostanze chimiche, rappresentando in studi nel settore cartario circa 1/3 del totale) … … dal 2004 tale limite non viene più pubblicato e viene sostituito dallappendice B, che precisa che si tratta di valori guida e non di veri TLV, in quanto sono stati male utilizzati nel passato ed applicati a qualsivoglia particella non reperibile negli elenchi… … ritenendo che..anche se biologicamente inerti o poco solubili o insolubili le particelle possono esplicare effetti avversi….

5 Polverosità delle cartiere e cartotecniche tissue LACGIH raccomanda lapplicazione di tale concentrazione solo a particelle che: Non hanno TLV applicabile Sono insolubili o scarsamente solubili in acqua o nei fluidi polmonari Le polveri di carta contengono sostanze volatili Hanno bassa tossicità cioè non sono cito/genotossiche o chimicamente reattive con il polmone, non causano immuno- sensibilizzazione o effetti tossici diversi dallinfiammazione o dal sovraccarico polmonare, non emettono R.I. Alle concentrazioni vicine al livello della raccomandazione hanno effetti cronici sul polmone

6 Polverosità delle cartiere e cartotecniche tissue Con quale valore limite la confrontiamo? Dal punto di vista della salute (risultati degli studi): La funzionalità polmonare è influenzata da esposizioni prolungate a concentrazioni elevate di polvere di carta (nettamente maggiori di 5 mg/mc) Concentrazioni fra 1 e 5 mg/mc danno origine a disturbi delle prime vie aeree (naso chiuso, croste nel naso, irritazione e secchezza della gola, ecc.)

7 Figura 35. Generalità delle polveri respirabili (senza distinzione tra cartiera e cartotecnica). Campionamenti % dei dati <1mg/m3 media geometrica 0.6mg/m3

8 Figura 36. Generalità delle polveri inalabili (senza distinzione tra cartiera e cartotecnica). Campionamenti % dei dati < 5mg/m3 – media geometrica 1.9 mg/m3

9 Polverosità delle cartiere e cartotecniche tissue Conclusioni delle misure effettuate dalla USL 2 negli aa Polveri totali generalmente al di sotto dei 5 mg/mc (i valori più frequenti sono fra 1 e 3 mg/mc) Range di valori molto ampio : da meno di 1 mg/mc a 28 mg/mc Picchi di esposizione durante operazioni particolari specialmente pulizia con soffiaggio ed interventi allinterno di cabine chiuse Polverosità spesso diffusa nei locali di lavoro

10 Polverosità delle cartiere e cartotecniche tissue E generalmente più polverosa la lavorazione del riciclato a causa della minor dimensione delle fibre La cellulosa a fibra corta dà origine a maggior polverosità rispetto alla cellulosa a fibra lunga Lesposizione a ploveri è generalmete minore per i lavoratori alla macchina continua (che possono utilizzare per parte del turno di lavoro box chiusi) rispetto ai lavoratori in cartotecnica

11 Polverosità delle cartiere e cartotecniche tissue Lindagine sui prodotti chimici presenti nella carta Sono stati analizzati campioni di Cellulose Pulper Prodotto finito Polveri campionate nellambiente di lavoro La ricerca qualitativa (GC-MS) delle sostanze organiche solubili nei campioni ha evidenziato la presenza di oltre 100 prodotti chimici, per la maggior parte non tossici o in quantità minime

12 Polverosità delle cartiere e cartotecniche tissue Lindagine sui prodotti chimici presenti nella carta Necessita di essere completata con: Completamento dellanalisi qualitativa su Prodotti non identificati Prodotti insolubili Analisi quantitativa sui prodotti potenzialmente tossici Caratterizzazione granulometrica delle polveri di carta

13 Effetti sulla salute delle polveri di carta in Lucchesia Conclusioni degli studi effettuati dalla USL 2 negli anni 90(*) e nel terzo millennio(**) (concordanza con i dati di letteratura a fronte di analoghe situazioni espositive) (*)Spirometrie e questionari sui sintomi respiratori non hanno evidenziato danni polmonari ( 225 operai in 9 cartiere). (**)Questionari (in collaborazione con i MC). N. 728 questionari afferenti a 13 ditte tra cartiere e cartotecniche per la rilevazione di sintomi irritativi delle prime vie aeree quali crisi di starnuti, senso di naso chiuso, irritazione della gola, secchezza nasale, ecc, hanno evidenziato una frequenza di tali sintomi del 25-27%(50% tra fumatori ed ex fumatori). Non sono invece sostanzialmente stati rilevati (2.8%) sintomi respiratori più importanti quali dispnea, tosse e catarro abituale, asma, febbre, ecc

14 Le soluzioni Importanti alcuni accorgimenti già applicabili: Aspirazione localizzata più vicino possibile alle zone di produzione della polvere Installazione dei filtri a maniche in locali diversi dai locali di lavoro Pulizia frequente degli impianti e dei locali evitando il soffiaggio, ma per aspirazione Evitare accumuli di polvere di carta che, oltre a far aumentare la polverosità ambientale, rendono più pericolosa (incendi) la loro rimozione per aspirazione Uso di mascherine per operazioni particolari

15 Le soluzioni Le prospettive Migliorare la conoscenza sulla composizione chimica e la granulometria delle polveri di carta, anche al fine di: Migliorare lefficienza degli impianti di aspirazione Migliorare la sicurezza degli impianti di aspirazione ai fini della prevenzione degli incendi Prevedere linstallazione degli impianti di aspirazione già in fase di progettazione delle macchine

16 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "SEMINARIO RLS 20 GENNAIO 2012 LA SALUTE SUL LAVORO: VECCHI RISCHI NUOVA ATTENZIONE UF Prevenzione Igiene e Sicurezza nei luoghi di Lavoro il materiale."

Presentazioni simili


Annunci Google